HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
10265
2
LucHC Lions
10118
3
Sparta Becherovka
9862
4
FHM2223
9769
5
TrigoAce1
9727
6
Team Belozoglu
9686
7
thibault_gav
9678
8
HC Kaski Male
9654
9
Team7
9603
10
Chop
9481
ULTIME NOTIZIE Sport
IL DOPOPARTITA
52 min

‘Volevamo questa reazione’. E il Lugano torna decimo

I bianconeri battono lo Zugo per la quarta volta (su quattro) e si riscattano dopo la partitaccia con il Friborgo. Guerra: ‘Ma non è ancora finita’
IL DOPOPARTITA
56 min

Ambrì ancora beffato. ‘Sono tre punti buttati’

I biancoblù pagano il 2-0 e vengono sconfitti dall’Ajoie nonostante un largo dominio. Chlapik: ‘Usiamo la rabbia per reagire a Zurigo’.
Tennis
1 ora

Davis, dopo il venerdì Svizzera e Germania sull’1-1

Il successo di Hüsler non basta: nulla da fare per Stan Wawrinka nel duello con il numero uno tedesco Alexander Zverev
Hockey
2 ore

Ambrì, una sconfitta che non ci voleva

La compagine biancoblù si è inchinata all’Ajoie davanti ai propri tifosi: all’overtime decide tutto un gol di Frossard.
Hockey
2 ore

Il Lugano rialza la testa a Zugo e torna a casa con tre punti

Gli uomini di Luca Gianinazzi riescono nuovamente a prevalere sui campioni svizzeri: 4-1 il risultato finale alla BossardArena
CALCIO
6 ore

Il nuovo ‘Nacho’ ha sete di riscatto

Dopo un anno difficile sul piano personale e deludente in campo, Ignacio Aliseda è tornato sereno: ‘Voglio mostrare al Lugano tutte le mie qualità’
Formula 1
7 ore

La Ford torna in Formula 1 con la Red Bull

Il costruttore automobilistico statunitense fra tre anni farà ritorno nel Circus che aveva abbandonato nel 2004
sci nordico
7 ore

A Dobbiaco cade Nadine Fähndrich

La lucernese fuori in semifinale (come Valerio Grond tra gli uomini) e perde la testa della Coppa del mondo di sprint
ATLETICA
8 ore

Sepulveda Moreira e Tahou brillano nei 60 metri

Ai campionati ticinesi di sprint e ostacoli che a Locarno hanno chiuso la stagione indoor
Basket
8 ore

Domenica di festa per la Sam, per il Lugano invece cerotti

A Nosedo arriva il Monthey, nel pomeriggio in cui verrà celebrato il trionfo in Coppa. I Tigers, invece, vanno a Nyon. ‘Siamo in emergenza’
unihockey
15 ore

Il Ticino è ai playoff ‘e non era evidente’

I rossoblù di capitan Monighetti hanno chiuso settimi la regular season, ora nei quarti c’è l’Obvaldo: ‘Avversario giocabile, ciò che viene, viene’
HOCKEY
02.03.2022 - 21:53

Shane Prince, il bielorusso. ‘L’ho fatto soltanto per sport’

Nato e cresciuto in America, il nuovo attaccante del Lugano aveva ricevuto la cittadinanza tre anni fa quando giocava a Minsk. ‘Non potevo prevedere’.

di Daniele Neri
shane-prince-il-bielorusso-l-ho-fatto-soltanto-per-sport
Ti-Press/Golay
Il ventinovenne nativo di New York è pronto a sfruttare la sua occasione

A volte ritornano. Perché l’hockey svizzero piace. Anche a Shane Prince, trentenne attaccante newyorkese arrivato a Lugano nelle ultimissime ore del mercato, con l’ultima licenza di straniero a disposizione del club bianconero, e che ieri mattina ha potuto svolgere il suo primo allenamento con i suoi nuovi compagni sul ghiaccio della Cornèr Arena. E a nessuno, naturalmente, è sfuggito che oltre al passaporto a Stelle e strisce, Prince disponga anche della cittadinanza bielorussa. Tanto da aver già vestito a quindici riprese la maglia della nazionale. «Sono diventato cittadino bielorusso solo per questione sportive – dice, visibilmente imbarazzato, l’ala nata il 16 novembre del 1992 a Rochester, nello Stato di New York –. Me l’avevano chiesto tre anni fa, quando giocavo a Minsk (nella Dynamo, squadra iscritta alla Khl russa, ndr), e ho accettato sapendo che così avrei potuto giocare ai Campionati del mondo».

A chi gli chiede se in futuro vestira ancora quella maglia, Prince risponde così: «Sinceramente non lo so, ma non ho preso una decisione. Io non sopporto la violenza, e di sicuro quand’ho ricevuto la cittadinanza bielorussa non potevo prevedere quanto sarebbe successo in Ucraina. Questo – aggiunge – è un davvero un brutto momento, e lo è per tutto il mondo».

Nella sua testa, però, adesso c’è solo il Lugano. Di cui ha potuto sapere qualcosa parlando con quel Ryan Spooner che due anni or sono ebbe una breve apparizione alla Cornèr Arena e con cui ha giocato in Khl sia a Minsk, sia a Ekaterinburg. «Sì, me n’ha parlato, e ha aveva un ottimo ricordo del club e della città. Mi lascerò sorprendere».

Al contrario, non rimarrà sorpreso da un livello che già conosce, avendo giocato sedici partite nel Davos (3 gol e 3 assist) durante la stagione 2018/2019. « Sono sincero, nei miei pensieri c’è sempre stato il desiderio di tornare in Svizzera – spiega –. Per questo ho subito accettato l’offerta che mi ha fatto il Lugano, e gli sono grato per avermi concesso l’opportunità di fare una nuova esperienza sportiva in una Lega che mi piace, un campionato molto duro dove si gioca un ottimo hockey».

Dopo la sua parentesi svizzera, il focus di Shane Prince era rivolto nuovamente al Nordamerica, invece il destino l’ha portato a trascorrere gli ultimi 4 anni nella Khl russa, con Avtomobilist Ekterinburg e Dinamo Minsk, appunto, oltre che con il Sibir di Novosibirsk. «È stata bella avventura: mi sono divertito, ho potuto conoscere posti e persone nuove. Sono anche cresciuto sul piano sportivo. Che tipo di giocatore sono? Porto energia, sono un attaccante offensivo con un buon pattinaggio e mani veloci. Vorrei assolutamente vincere qualcosa in carriera, e sento di aver ancora tanto da dare».

Accettando la proposta del Lugano, sapeva bene che sotto contratto i giocatori stranieri sono sei ma solo quattro possono scendere in pista. «Sì, quando mi hanno sottoposto il contratto mi hanno spiegato la situazione: conosco il rischio, ma le cose nello sport viaggiano veloci e tutto è possibile. L’importante, adesso, è arrivare a qualificarsi per i playoff: se giocherò darò il massimo, e non vedo l’ora di poterlo fare. Infatti l’ultima partita l’ho giocata a metà gennaio, poi a causa delle Olimpiadi il campionato è stato interrotto. Tuttavia ci siamo sempre allenati, sono stati organizzati dei campi d’allenamento. Ora che sono qui, e che con me c’è pure la mia famiglia, spero di fare un lungo cammino in campionato».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved