Servette
0
Basilea
0
fine
(0-0)
Lucerna
2
Young Boys
2
fine
(1-2)
Lugano
2
Zurigo
1
fine
(2-1)
Losanna
1
Sion
2
fine
(0-1)
Grasshopper
3
S.Gallo
2
fine
(2-0)
Canada
6
Kazakistan
3
fine
(3-2 : 1-0 : 2-1)
a-langnau-quasi-tutto-facile-per-il-lugano
Dopo Fatton nel derby, stavolta c’è spazio per il canadese Irving (Keystone)
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
1 ora

Lugano vittorioso sui campioni nella serata degli addii

Nell’ultima della stagione a Cornaredo (2-1 contro lo Zurigo) salutano il club Lovric, Lavanchy, Custodio, Baumann e Yuri. Maric si ritira ma forse resta
Calcio
3 ore

Maric dice basta, Lovric, Custodio e Lavanchy salutano Lugano

Nel pre-partita dell’ultima sfida casalinga della stagione ringraziati il difensore 38 e i partenti, tra cui il portiere Baumann e il brasiliano Yuri
TENNIS
4 ore

Il francese Moutet sulla strada di Stan Wawrinka

Il vodese affronterà il 23enne mancino al primo turno del Roland-Garros. In caso di vittoria potrebbe incontrare subito Rafael Nadal
Hockey
4 ore

La ‘maratona di Helsinki’ alla Germania

Basta un gol ai tedeschi per superare la Danimarca. Vittoria Usa alla distanza contro la Gran Bretagna
Hockey
5 ore

L’Ambrì lancia la campagna abbonamenti

Le tessere saranno valide per tutte le partite di campionato, post season e amichevoli. Introdotto anche il club sale
PALLANUOTO
5 ore

Gli Sharks vogliono addentare la Coppa Svizzera

Sabato nella cornice del Lido di Lugano, è in programma la finalissima tra i padroni di casa e il Kreuzlingen
CICLISMO
6 ore

La prima di Oldani da prof, Lopez sempre in rosa

Seconda vittoria azzurra consecutiva sul traguardo di Genova, dove la carovana ha attraversato il nuovo ponte San Giorgio
CALCIO
6 ore

Sei donne selezionate tra gli arbitri di Qatar 22

La più conosciuta, la francese Stéphanie Frappart, ha già diretto in Champions League maschile. Nessuno svizzero tra i 105 convocati
hockey
7 ore

Greg Ireland a ruota libera

L’Italia, il suo passato, il suo futuro e i suoi pensieri. Lunga intervista con l’ex tecnico del Lugano
BASKET
7 ore

Delusione Spinelli per una stagione senza titoli

Coach Gubitosa: ‘Abbiamo pagato cara la sconfitta nella finale di Sb Cup, ma è mancata pure la disciplina. Senza dimenticare infortuni e Covid’
CALCIO
7 ore

Meno interesse di così si muore, ben vengano i playoff

Domani l’assemblea della Swiss Football League è chiamata a esprimersi sulla riforma della Super League: 12 squadre invece di 10 e formula innovativa
Altri sport
8 ore

Nathan Oberti veloce anche senza ostacoli

Nono rango cantonale di sempre sui 100 metri per il bellinzonese; sabato a Locarno i Campionati ticinesi dei 3’000 m donne e 5’000 m uomini
28.01.2022 - 22:20

A Langnau (quasi) tutto facile per il Lugano

Dopo il derby i bianconeri vincono anche alla Ilfis in una partita piuttosto pazza, finita 7-4. Per i bernesi è la tredicesima sconfitta di fila

Dopo il successo nel derby, il Lugano vince alla Ilfis e va in pausa cogliendo il suo diciassettesimo successo pieno, in un venerdì sera in cui si presenta in pista con Irving in porta: a fargli posto tocca a Boedker, mentre Werder è il tredicesimo attaccante. I bernesi invece, sempre decimatissimi, ritrovano Schilt e festeggiano il debutto di Rohrbach, giunto dall’Ajoie.

I bianconeri partono subito alla grande: dopo nemmeno 3’ in powerplay Carr apre le danze. Poco dopo Fazzini parte in break ma il palo gli nega la gioia della rete. La scena si ripete al 7’, stavolta è Josephs a fallire. Un po’ dal nulla, dopo una fase di stasi, al 14’ arriva il pareggio di Pesonen, in sostanza alla prima vera occasione bernese. Sullo slancio Sturny spreca il possibile sorpasso. I ticinesi tentano una reazione, ma Carr al 17’ da buona posizione non riesce a infilare Mayer. La gioa del gol è però solo rinviata di poco, al termina di una bella combinazione, Loeffel può esultare. Ancora prima della pausa arriva anche il 3-1, ottenuto da Herburger con una bella deviazione. Sul finale nuovi brividi per Mayer, con Riva e Thürkauf che dalla corta distanza vanno vicini al quarto punto.

In entrata di periodo centrale Pesonen si guadagna un rigore, ma Irving vince il duello contro il finlandese. Il canadese si ripete al 23’, abile a fermare una conclusione di Petrini. Il portiere bianconero nulla può però al 23’, quando Pesonen in powerplay realizza il secondo punto della serata per i padroni di casa. Nemmeno il tempo di gioire ed ecco la pronta replica luganese: Vedova sottoporta riporta a 2 le lunghezze di vantaggio. Non c’è tregua in questa pazza partita, e poco dopo metà contesa Blaser riporta sotto nuovamente i suoi. La storia si ripete: nemmeno 1’ dopo ecco il 5-3 di Thürkauf. Insomma, le sue squadre sembrano giocare al gatto e al topo, in un match senza acume difensivo e pieno di leggerezze. Una gara che sicuramente piacerà agli spettatori, molto meno ai due tecnici. Sul finire di frazione cade anche la rete del 6-3, di nuovo a opera di Vedova che centra la doppietta.

L’ultimo tempo si apre con un palo di Müller, e sulla ripartenza dei padroni di casa arriva il 4-6 di Pesonen (tripletta per lui). La gara paradossalmente si chiude con quell’episodio. Solo nel finale i Tigers provano a spingere e tolgono pure il portiere, ma Arcobello sfrutta la situazione e segna il punto del definitivo 7-4, per un Lugano che finisce dunque in bellezza prima della lunga pausa olimpica, mentre i bernesi incassano la loro tredicesima sconfitta consecutiva.

Langnau - Lugano (1-3 2-3 1-1) 4-7
Reti:
2’27’’ Carr (Thürkau, Loeffel/esp. Schmutz) 0-1. 13’13’’ Pesonen (Blaser, Petrini) 1-1. 17’49’’ Loeffel (Fazzini, Müller) 1-2. 18’49’’ Herburger (Alatalo, Vedova) 1-3. 22’44’’ Pesonen (Blaser, Greinier/esp. Vedova) 2-3. 23’54’’ Vedova ((Guerra) 2-4. 31’08’’ Blaser (Rohrbach/penalità differita) 3-4. 32’00’’ Thürkauf 3-5. 38’30’’ Vedova (Bertaggia) 3-6. 40’50’’ Pesonen (Grenier) 4-6. 59’46’’ Arcobello (Müller/porta vuota) 4-7.
Langnau: Mayer; Blaser, Grossniklaus; Diem, Schilt; Aeschbach, Leeger; Trachsel; Rohrbach, Grenier, Weibel; Petrini, Schmutz, Pesonen; Lapinskis, Berger, Sturny; Naber, Melnalksnis, Liechti.
Lugano: Irving; Loeffel, Müller; Alatalo, Riva; Chiesa, Guerra; Wolf; Fazzini, Arcobello, Morini; Carr, Thürkauf, Josephs; Vedova, Herburger, Bertaggia; Traber, Walker, Stoffel; Werder.
Arbitri: Lemelin (Can), Fluri; Stalder, Huguet.
Note: 4’577 spettatori. Penalità: Langnau 3 x 2’. Lugano 2 x 2’’. Tiri: 24-37 (7-15, 7-13, 10-9). Langnau senza Elsener, Saarela, Huguenin, Stettler, Zryd, Zaetta, Punnenovs, Erni, Langeneeger (infortunati), Salzgeber, Loosli, Olofsson e Guggenheim (malati). Lugano privo di Herren, Schlegel, Fadani (infortunati) e Boedker (straniero in soprannumero). Al 4’58’’ palo di Fazzini. Al 21’ rigore sbagliato da Pesonen. Langnau dal 55’36’’ al 59’56’’ senza portiere. Al 57’25’’ timeout Lugano, al 58’13’’ timeout Langnau. Premiati come migliori in pista Pesonen e Loeffel.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chris mcsorley hc lugano hcl ilfishalle langnau lugano national league scl tigers

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved