Inghilterra
3
Senegal
0
fine
(2-0)
Ajoie
1
Ginevra
4
3. tempo
(0-1 : 1-1 : 0-2)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
6035
2
HC Kaski Male
5997
3
HC Aspi Capitals
5954
4
GregBeaud
5812
5
LucHC Lions
5782
6
SV Rokaner
5779
7
ASIA TEAM
5766
8
Team Belozoglu
5734
9
Chop
5720
10
HC TUT-TUT
5709
ULTIME NOTIZIE Sport
Qatar 2022
26 min

Tre gol al Senegal, l’Inghilterra brinda ai quarti

Dopo mezz’ora di difficoltà, la selezoine dei Tre Leoni sblocca la partita e poi tira dritta per la propria strada, mentre gli africani sparicono di scena
Sci
2 ore

La domenica incorona Corine Suter. Per due centesimi

Terza gara nel weekend canadese, terzo podio per la ventottenne svittese. Poca fortuna invece per Lara, fuori dai giochi proprio mentre stava spingendo
Sci
3 ore

Il duello Kilde-Odermatt va di nuovo al norvegese

Nel SuperG di Beaver Creek i due sono separati da 20 centesimi. Terzo a 30 centesimi Pinturault, buon quarto Gino Caviezel.
Basket
3 ore

La Sam e un weekend che è un bell’affare

Spinelli sempre più leader, con quattro punti di margine grazie alla sconfitta del Vevey a opera del Boncourt. Il Lugano, invece, s’arrende a Ginevra
QATAR 2020
3 ore

Mbappé incontenibile, la Francia annienta la Polonia

Doppietta per il fenomeno del Psg, ma la selezione di Deschamps concede troppe occasioni a una Polonia finalmente propositiva
QATAR 2022
4 ore

Negli ottavi la Svizzera si gioca quattro milioni di dollari

L’Asf ha intascato 13 milioni per il superamento della fase a gironi. La Nazionale campione del mondo intascherà 42 milioni
Volley
4 ore

Düdingen troppo forte, luganesi costrette alla resa

Dopo sette vittorie filate le bianconere cadono in casa propria, con le friborghesi che chiudono il match vincendo tutti e tre i set
Ciclismo
4 ore

Ciclocross, ad Anversa domina Van der Poel

All’esordio in Coppa del mondo l’attesissimo belga Wout van Aert si deve arrendere allo strapotere dell’olandese
QATAR 2022
5 ore

La Seleçao verso la sesta stella trascinata da Pelé

I problemi di salute dell’82enne O’Rei inducono Neymar e compagni a giocare anche per colui che della maglia verdeoro è il simbolo
Formula 1
6 ore

Il Circus piange la morte di Patrick Tambay

Ex pilota parigino di Ferrari, McLaren e Renault soffriva da tempo del morbo di Parkinson. Nel 1982 vinse il suo primo Gp, dedicandolo a Gilles Villeneuve
QATAR 2022
6 ore

L’Asf e la grana di un capitano incapace di gestire le emozioni

La federazione svizzera ancora una volta nel mirino della critica dopo i nuovi eccessi di Granit Xhaka
QATAR 2022
8 ore

Una Svizzera che cresce di pari passo con l’ambizione

A 48 ore dall’ottavo di finale, nel clan rossocrociato tutti sono convinti che quella con il Portogallo rimane una sfida in bilico
Hockey
9 ore

Coppa Spengler, per l’Ambrì c’è Vili Saarijärvi

Per il torneo di Davos, Luca Cereda potrà contare sull’innesto del difensore finlandese classe 1997 del Langnau. Saarela, Michaelis e Rowe col Davos
HOCKEY
23 ore

Uno sterile Lugano cade a Bienne

Alla Tissot Arena i bianconeri dominano il primo tempo ma non pungono. Alla distanza escono i bernesi, capaci di sfruttare le occasioni e poi amministrare
SCI ALPINO
1 gior

A Lake Louise Sofia Goggia concede il bis

Dopo la vittoria di venerdì, l’italiana si è ripetuta. Terzo posto per Corinne Suter a 37 centesimi dalla vincitrice. Tredicesima Lara Gut-Behrami
QATAR 2022
1 gior

L’Argentina scherza con il fuoco, ma alla fine sorride

Messi e compagni fanno poco per superare l’Australia e all’ultimo secondo Kuol potrebbe mandare tutti ai supplementari
hockey
1 gior

Con gli uomini contati, ma con il cuore l’Ambrì vince

I leventinesi interrompono contro il Rapperswil la striscia negativa, cambiando marcia dopo un primo tempo disastroso
22.01.2022 - 22:06
Aggiornamento: 23.01.2022 - 16:10

Dario Bürgler offre all’Ambrì tre punti molto preziosi

L’uno-due tra lo svittese e André Heim mette in ginocchio il Davos nella sera della cerimonia per 60esimo del trionfo in Coppa. E di un altro gol di Moses

dario-b-rgler-offre-all-ambri-tre-punti-molto-preziosi
Tutta la gioia di Dario Bürgler (Ti-Press/Golay)

Il ritorno del pubblico sugli spalti e altri tre preziossimi punti in classifica, nella seconda uscita casalinga del nuovo anno che per l’Ambrì si apre con una celebrazione storica, quella del successo in Coppa Svizzera contro il Villars, il 28 gennaio del 1962, sul ghiaccio della vecchia Valascia. In rappresentanza di quella formazione, per il simbolico ingaggio d’inizio sotto gli applausi della Gottardo Arena si presentano sul ghiaccio gli ex Franco Panzera, Cipriano Celio e Arturino Baldi, i quali ricevono dalle mani del presidente Filippo Lombardi una replica della maglia dei tempi che furono (replica per modo di dire, siccome sessantanni fa gli sponsor ovviamente non c’erano) e che verrà indossata per l’occasione anche dai biancoblù per l’importantissimo scontro di campionato con il Davos.

Pronti, via ed è subito Ambrì. Infatti, la prima grossa occasione sul conto degli uomini di Luca Cereda capita già al terzo minuto, quando André Heim riesce a farsi largo addirittura tra tre avversari, ma al momento di concludere non riesce ad alzare il disco sopra un Sandro Aeschlimann già disteso sul ghiaccio. Poi, poco dopo McMillan e Regin provano a dialogare nel terzo, ma non si capiscono, così il canadese prova a fare da solo, ma il portiere grigionese chiude il buco sul primo palo. Poi a provarci è il turno di Bürgler e poi di Pestoni, in un avvio di partita in cui sono i biancoblù a monopolizzare praticamente il disco. Finché, da un appoggio mancato in uscita di terzo da Dominik Egli nasce il meritatissimo vantaggio ticinese: Zwerger recupera il puck a metà pista, e dopo essere entrato nella zona difensiva avversaria serve intelligentemente Pestoni, il cui tocco morbido non lascia scampo a Aeschlimann. Al Davos, che fino a quel momento offensivamente aveva poco per non dire niente, basta poco per tornare in partita: Fora perde il controllo del disco dietro la porta di Conz, e il Davos gestisce la situazione con intelligenza, e l‘astuto Matej Stransky mette il disco in rete: è l’1-1 al tredicesimo minuto spaccato. Lo slancio biancoblù, però, non si esaurisce lì: un disco lungo di Regin sporcato da Marc Wieser si trasforma in un assist perfetto per McMillan, il quale si fa sì sbarrare la strada da Aeschlimann, ma il disco rimane comunque pericolosamente attivo davanti alla linea di porta, e l’opportunista Steve Moses (già alla terza rete da quand’è arrivato in Leventina) non manca il bersaglio: 2-1 al 17’11’’. E l’Ambrì a una manciata di secondi dalla pausa va pure vicino al terzo gol, ma Michael Fora non trova il modo di bucare il portiere ospite.

Nel secondo tempo, però, la musica cambia. Il Davos infatti aumenta l‘intensità e comincia a farsi vedere decisamente con più frequenza dalle parti di Conz, che però risponde presente. Al 27’25’’, però, il trentenne portiere giurassiano dell’Ambrì nulla può, sulla conclusione del solito Stransk, il quale sfrutta l’involontario velo di Isacco Dotti prima di armare un tiro che più angolato non potrebbe essere. Le penalità inflitte allo stesso Stransky (al 29‘29’’ per aggancio) e poi a Zgraggen (al 33’38’’ per colpo di bastone) non bastano ai biancoblù per riprendere il vantaggio: anzi, l’occasione più netta è sul conto del Davos, con Benjamin Conz che è costretto ad atterrare Corvi con un fallo d’emergenza al 33’55’’. Ambrì che nel finale è poi anche sfortunatissimo, quando Zwerger con un tocco in mezzo riesce a pescare il liberissimo Burren, la cui conclusione sotto l’asta parte proprio nel preciso momento in cui squilla la sirena che manda le due squadre alla seconda pausa...

Non appena riprende la partita, i ticinesi si mettono subito a premere, con Kostner e Heim che si creano subito due buone opportunità. Una penalità per cambio scorretto, però, spezza il ritmo a Pestoni e compagni, con il Davos che però non riesce a pungere. In un terzo tempo combattuto e interessante, la situazione rimane più che mai aperta e avvincente. Poi, al 48‘36’’, dopo uno sgambetto in attacco di Grassi ai danni di Wellinger, i biancoblù sono nuovamente costretti a stringere i denti, ma anche in quell’occasione il box play ticinese dà prova di grande solidità. E lo stesso vale per Benjamin Conz, che al 52’ salva d’istinto con la spalla sulla deviazione di Wieser da due passi. E mentre il Davos ci prova, l’Ambrì segna: al 52’43’’, con una bellissima combinazione nel terzo grigionese tra Heim e Bürgler, dopo un puck recuperato da Kneubuehler, con il raffinato tocco dell’attaccante svittese che fa balzare in piedi la Gottardo Arena. Per un Ambrì che conquista altri tre preziosissimi punti, nell’accesa lotta per un posto ai pre-playoff.

Ambrì Piotta - Davos (2-1 0-1 1-0) 3-2
Reti:
10’13’’ Pestoni (Zwerger) 1-0. 13’00’’ Stransky (Rasmussen) 1-1. 17’11’’ Moses (McMillan) 2-1. 27’05’’ Stransky (Dominik Egli, Jung) 2-2. 52’43’’ Bürgler (Heim, Kneubuehler) 3-2.
Ambrì Piotta: Conz; Fora, Isacco Dotti; Hietanen, Burren; Fohrler, Zaccheo Dotti; Fischer, Pezzullo; Moses, Regin, McMillan; Trisconi, Kostner, Bianchi; Kneubuehler, Heim, Bürgler; Pestoni, Grassi, Zwerger.
Davos: Aeschlimann; Jung, Dominik Egli; Wellinger, Nygren; Barandun, Zgraggen; Heinen, Stoop; Bromé, Rasmussen, Stransky; Prassl, Corvi, Wieser; Schmutz, Chris Egli, Frehner; Simic, Canova, Knak.
Arbitri: Stricker, Hürlimann; Obwegeser, Meusy
Note: 5’717 spettatori. Penalità: 6 x 2’ contro l’Ambrì Piotta; 4 x 2’ contro il Davos. Tiri in porta: 39-25 (12-6, 19-12, 8-7). Ambrì Piotta senza Hächler (infortunato), D’Agostini (straniero in soprannumero) e Incir (in soprannumero); Davos privo di Nussbaumer (infortunato), Ambühl (squalificato) e Pospisil (in soprannumero). Davos senza portiere, per fare spazio a un sesto giocatore di movimento, dal 58’15’’ e fino al termine. Al 59’48’’ timeout chiesto dal Davos. Premiati a fine partita, quali migliori giocatori in pista, Benjamin Conz e Matej Stransky.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved