moses-segnare-da-la-sensazione-di-essere-tornato-al-lavoro
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Serie A
2 min

Tra Leao e Brozovic, due stili per uno Scudetto

Il milanista è esploso mostrando doti atletiche e tecniche da potenziale campione, il croato dell’Inter si è rivelato insostituibile. Chi la spunterà?
Calcio
7 ore

Lugano vittorioso sui campioni nella serata degli addii

Nell’ultima della stagione a Cornaredo (2-1 contro lo Zurigo) salutano il club Lovric, Lavanchy, Custodio, Baumann e Yuri. Maric si ritira ma forse resta
Calcio
9 ore

Maric dice basta, Lovric, Custodio e Lavanchy salutano Lugano

Nel pre-partita dell’ultima sfida casalinga della stagione ringraziati il difensore 38 e i partenti, tra cui il portiere Baumann e il brasiliano Yuri
TENNIS
9 ore

Il francese Moutet sulla strada di Stan Wawrinka

Il vodese affronterà il 23enne mancino al primo turno del Roland-Garros. In caso di vittoria potrebbe incontrare subito Rafael Nadal
Hockey
10 ore

La ‘maratona di Helsinki’ alla Germania

Basta un gol ai tedeschi per superare la Danimarca. Vittoria Usa alla distanza contro la Gran Bretagna
Hockey
11 ore

L’Ambrì lancia la campagna abbonamenti

Le tessere saranno valide per tutte le partite di campionato, post season e amichevoli. Introdotto anche il club sale
PALLANUOTO
11 ore

Gli Sharks vogliono addentare la Coppa Svizzera

Sabato nella cornice del Lido di Lugano, è in programma la finalissima tra i padroni di casa e il Kreuzlingen
CICLISMO
12 ore

La prima di Oldani da prof, Lopez sempre in rosa

Seconda vittoria azzurra consecutiva sul traguardo di Genova, dove la carovana ha attraversato il nuovo ponte San Giorgio
CALCIO
12 ore

Sei donne selezionate tra gli arbitri di Qatar 22

La più conosciuta, la francese Stéphanie Frappart, ha già diretto in Champions League maschile. Nessuno svizzero tra i 105 convocati
hockey
13 ore

Greg Ireland a ruota libera

L’Italia, il suo passato, il suo futuro e i suoi pensieri. Lunga intervista con l’ex tecnico del Lugano
BASKET
13 ore

Delusione Spinelli per una stagione senza titoli

Coach Gubitosa: ‘Abbiamo pagato cara la sconfitta nella finale di Sb Cup, ma è mancata pure la disciplina. Senza dimenticare infortuni e Covid’
CALCIO
13 ore

Meno interesse di così si muore, ben vengano i playoff

Domani l’assemblea della Swiss Football League è chiamata a esprimersi sulla riforma della Super League: 12 squadre invece di 10 e formula innovativa
Altri sport
14 ore

Nathan Oberti veloce anche senza ostacoli

Nono rango cantonale di sempre sui 100 metri per il bellinzonese; sabato a Locarno i Campionati ticinesi dei 3’000 m donne e 5’000 m uomini
Hockey
laR
 
16.01.2022 - 20:31
Aggiornamento : 21:19

Moses: ‘Segnare dà la sensazione di essere tornato al lavoro‘

Bella prova dello statunitense. Cereda: ‘Contenti di lui. Siamo vivi, continuiamo a lottare’ 

di Marco Maffioletti
Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Già autore di una prova incoraggiante al debutto, Steve Moses si ripete contro il Losanna, tornando addirittura ad assaporare il sapore della rete. «Sono fiero del mio ritorno sul ghiaccio dopo l’infortunio patito. Sto lavorando duramente e segnare un gol mi dà quel feeling di essere davvero tornato a fare il mio lavoro, anche se ovviamente prevale la delusione per la sconfitta”, afferma lo statunitense a fine gara. Attivissimo, Moses ha scagliato ben sette tiri nello specchio della gabbia di Stephan. «Avrei dovuto segnare qualche rete in più, ho avuto diverse opportunità, ma non è evidente riadattarsi alla velocità e a determinate situazioni di gioco dopo una lunga pausa forzata. Giocare contro gente che ha nelle gambe una quarantina di partite, incluso le amichevoli, è difficile. Comunque rispetto alla prima uscita stagionale mi sento già meglio e sono contento del mio inizio in biancoblù, ora si tratta di migliorare costantemente, è quello che mi attendo da me stesso».

L’Ambrì tornerà sul ghiaccio solamente venerdi. «Ovviamente avrei preferito giocare già prima, ho bisogno delle partite per ritrovare il ritmo e le sensazioni giuste. D’altro canto però questa mini pausa mi permetterà di comprendere ancora meglio lo stile di gioco e di conoscere più a fondo la nuova realtà in cui mi trovo», conclude il 32enne.

Luca Cereda si rammarica per l’occasione persa. «Il primo tempo insufficiente c’è costato la partita, non sono bastati un buon secondo tempo e un ottimo terzo - esordisce il coach -. In entrata abbiamo perso troppi duelli. La sostituzione di Ciaccio? Volevo scuotere la squadra, il portiere ha pagato per tutti, per lui è sicuramente un colpo duro». Come ci si comporta in questi casi nel gestire la delicata sostituzione? «Sono quelle situazioni e scelte che si discutono a bocce ferme e non ad esempio alla prima pausa. Parleremo con Damiano nelle prossime ore”. Tra le note egregie c’è appunto Moses. «Siamo soddisfatti, ha avuto un buon primo impatto, per lui è difficile arrivare così a freddo dopo tanta inattività, sta portando energia e coraggio». Ultimamente criticato, buona la prestazione del quarto blocco di Trisconi, Bianchi e Kostner. «Rimaniamo in un periodo non ideale a livello mentale e fisico, ciò vale anche per loro tre, ma continuano a spingere e lavorare e in questo senso hanno fatto un passo in avanti anche a livello offensivo, guadagnando pure delle penalità».

L’Ambrì sconfitta a parte, ha dimostrato di non volere mollare. «Certo, siamo vivi, a tre punti dal decimo posto, seppure con qualche partita in più disputata, ma restano 14 gare da giocare, più di 40 punti sono in palio, siamo in lotta per raggiungere uno dei nostri obiettivi stagionali e continuiamo a lottare anche nei momenti più difficili, questa è una delle grandi forze del nostro club». Cereda svela i piani dei prossimi giorni senza match. «Non metteremo il focus su qualcosa di particolare, lavoreremo su tutte le situazioni sul ghiaccio al fine di migliorare e trovare maggiore costanza».

Maledetta entrata in materia

Inizia come peggio non potrebbe l’avventura leventinese a Losanna. Dopo appena 6’ Sekac con una bella deviazione apre le marcature. Nemmeno il tempo di rifiatare e poco dopo ecco l’autorete di Fohrler. Il difensore tedesco devia beffardamente nella propria porta un centro di Maillard. La partita dell’incolpevole Ciaccio finisce dunque già al 7’19’’. Cereda per dare una scossa lo rimpiazza con Conz. Passato lo choc, l’Ambrì comincia a prendere coraggio, ma le occasioni grandi mancano. L’unica è sul bastone di Moses, ma Stephan risponde presente. La musica cambia nel periodo centrale. Gli ospiti sono più produttivi e tonici, al 27’ arriva il gol di Zwerger, favorito dallo splendido assist di Pestoni. Proprio sul più bello, dopo aver superato egregiamente due inferiorità numeriche quasi filate, arriva un’altra mazzata per Fora e soci. Baumgartner al 34’ dimenticato dalla difesa sopracenerina si presenta a tu per tu con Conz e infila il punto del 3 a 1. Tutto finito? Ebbene no. Nei restanti 26’ di contesa i biancoblù salgono in cattedra e in sostanza dominano al cospetto di un complesso casalingo passivo oltremisura. Tante le opportunità da rete e le scene di panico davanti alla gabbia vodese. L’unica segnatura però è quella di Moses al 51’ per il 3 a 2 finale. E così l’Ambrì esce immeritatamente a mani vuota dalla Vaudoise Arena e con tanti rimpianti pensando a quell’inizio di partita davvero maledetto.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ambrì-piotta luca cereda national league steve moses

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved