EDM Oilers
0
FLO Panthers
6
fine
(0-0 : 0-2 : 0-4)
LA Kings
1
COL Avalanche
3
3. tempo
(0-1 : 1-1 : 0-1)
Seattle Kraken
2
SJ Sharks
1
2. tempo
(0-1 : 2-0)
VEGAS Knights
2
MON Canadiens
2
2. tempo
(1-1 : 1-1)
EDM Oilers
0
FLO Panthers
6
fine
(0-0 : 0-2 : 0-4)
LA Kings
1
COL Avalanche
3
3. tempo
(0-1 : 1-1 : 0-1)
Seattle Kraken
2
SJ Sharks
1
2. tempo
(0-1 : 2-0)
VEGAS Knights
2
MON Canadiens
2
2. tempo
(1-1 : 1-1)
melvin-nyffeler-ambri-finora-mal-ripagato-meriterebbe-di-piu
Keystone
Melvin Nyffeler in azione
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Maxim la biere
9121
2
TrigoAce1
9029
3
25 Francs trop cher
8535
4
Iselis Punktebuebe
8520
5
Wild Hogs
8335
6
BalaBala
8324
7
Team Gobbi
8263
8
TrigoAce2
8260
9
ADTC
8231
10
Gep Flyers II
8229
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
9 ore

È la fine del Sonderfall Ticino. ‘Siamo stati ascoltati’

Lugano e Ambrì non sono più un’eccezione nel panorama nazionale. Marco Werder: ‘C’è felicità per una decisione che ricrea equilibrio con gli altri club’
Hockey
11 ore

Ad Ambrì senza limitazioni per l’anniversario di Coppa

In una pista di nuovo piena e gli spalti aperti, sabato contro il Davos i biancoblù celebreranno lo storico successo ottenuto nel gennaio 1962 sul Villars
Hockey
11 ore

‘Niente è scontato finché non hai la conferma in tasca’

Dodici anni dopo Sannitz, con Fora (e Simion) il Ticino torna a calcare la ribalta del torneo olimpico maschile di hockey
CALCIO
14 ore

Campana fa le valigie e torna al Wolverhampton

Il giovane ecuadoriano lascia il Grasshopper deluso dal poco tempo di gioco trovato in maglia biancoblù. Per lui, 15 presenze e tre reti
HOCKEY
14 ore

Recuperi: il Lugano in febbraio, l’Ambrì in marzo

Fissate le date di sei incontri. Bianconeri a Rapperswil il 23, biancoblù in casa con il Friborgo l’8 e a Berna il 9
CALCIO
15 ore

Giro di vite della Fifa contro i prestiti di giocatori

A partire dal primo luglio entrerà in vigore un nuovo regolamento che limiterà il numero di calciatori che ogni anno posono essere girati a un altro club
TENNIS
15 ore

La calma olimpica di Daniil Medvedev

Agli Australian Open, il russo riesce a spegnere il fuoco appiccato nel terzo set da Nick Kyrgios. Fuori i britannici Murray e Raducanu
SCI ALPINO
15 ore

Nils Hintermann in evidenza sulla Streif

Lo zurighese ha chiuso la seconda discesa di prova al terzo posto. In campo femminile Lara Gut-Behrami quinta nel primo allenamento a Cortina
Tennis
17 ore

Djokovic, espulsione legittima: rischio emulazione per i no-vax

La Corte federale australiana ha pubblicato le motivazioni della decisione. Per i giudici, con la sua notorietà poteva indurre i fan a non vaccinarsi
Hockey
19 ore

Steve Moses resta ad Ambrì, Cajka va a Rapperswil

Ridiscussi i termini del prestito dell’attaccante americano. Il club segnala l’infortunio al ginocchio a Cédric Hächler
Olimpiadi
1 gior

Boicottaggi e sport ai Giochi e non solo

Olimpiadi e politica, una storia senza fine. A Pechino 22 la ritorsione sarà solo diplomatica
Sci
1 gior

La sua Vlhova fa faville, ‘ma la Fis rispetti di più le atlete’

Mauro Pini: ‘Il circuito femminile sembra la ruota di scorta. La coppa di slalom? Contenti, non appagati’. E poi Olimpiadi, pandemia e Marco Odermatt.
Calcio
1 gior

Confermati i nove anni inflitti a Robinho

La Cassazione giudica inammissibile l’istanza avanzata dai legali del calciatore brasiliano. Fu stupro di gruppo
Gallery
Pallanuoto
1 gior

Sharks in vasca con umiltà e grinta

I luganesi ai blocchi di partenza del campionato con alcune novità. Argentiero: ‘Non siamo tra i favoriti, ma vogliamo rendere la vita difficile a tutti’
SCI ALPINO
1 gior

Cambio di programma a Kitzbühel, la libera spostata a domenica

Le forti precipitazioni nevose hanno costretto ad anticipare a sabato lo slalom. Rimane in calendario la prima discesa di venerdì
CALCIO
1 gior

Marchesano tra i candidati della Swiss Football Night

Il ticinese dello Zurigo tra i finalisti per il titolo di miglior giocatore della Super League. Il 27 gennaio la cerimonia di premiazione
 
13.01.2022 - 20:310

Melvin Nyffeler: ‘Ambrì finora mal ripagato, meriterebbe di più’

Domani i leventinesi ospiti a Rapperswil. Il portiere dei Lakers: ‘Noi squadra rivelazione? Lavoriamo tanto, ora non sono sorpreso della nostra posizione’

«Sorpreso? A inizio stagione se qualcuno mi avesse detto che saremmo stati in questa posizione, non avrei scommesso soldi». Esordisce così Melvin Nyffeler. Il suo Rapperswil sta letteralmente volando ed è la grande sensazione di questa stagione. I sangallesi sono costantemente tra i primi quattro della classifica. «Con il passare delle settimane non sono però stupito della posizione attuale. Vedo come lavoriamo duro quotidianamente, osservo i giovani, fanno grandi progressi e capto una grande coesione all’interno del gruppo grazie anche a una direzione tecnica eccellente».

Il nuovo corso e la partenza dell’amico

Già, il tecnico svedese Stefan Hedlund si sta facendo apprezzare. «È una persona molto comunicativa, prova sempre a creare un bell’ambiente e tratta tutti i giocatori allo stesso modo. È un coach moderno, mette l’accento sulla formazione e ha un grande know-how. Ma non è solo merito suo: è tutto lo staff tecnico a far la differenza. Il suo assistente Bert Robertson è abilissimo nell’impostare la zona difensiva e il boxplay e anche Sven Berger è prezioso con i suoi imput».

Insomma, la separazione da Tomlinson, dopo sei anni di successi, non è stata traumatica. “Jeff per me era più che un allenatore: era ed è tuttora un vero amico. Dopo aver raggiunto la semifinale nello scorso campionato, avevo qualche dubbio in merito alla sua sostituzione. Ho comunque un buon rapporto con il nostro ds Steinmann, mi aveva parlato molto di Hedlund e mi aveva assicurato che sarebbe stato un’ottima scelta. Ho deciso di affrontare questo cambiamento senza pregiudizi, evitando paragoni tra i due, anche perché sono persone decisamente differenti e quindi non avrebbe avuto senso. Ora posso tranquillamente dirlo: pure con Hedlund ho un ottimo rapporto, anche se logicamente non è come quello con Tomlinson; ma è normale. Ci vogliono anni di frequentazione per raggiungere determinati legami e fiducia».

A livello di prestazioni il 27enne è diventato ancora più costante. «I motivi? Lavoro ancora più duro, il nuovo sistema di gioco mi aiuta e abbiamo una squadra con un po’ più di qualità rispetto a quelle precedenti. Inoltre i playoff disputati e la partecipazione ai mondiali, sono state esperienze che mi hanno arricchito e aiutato a progredire».

La targhetta ricordo, il fratello ‘esordiente’ e l’addio di Flüeler

Venerdì i Lakers ospitano l’Ambrì. «L’anno scorso i biancoblù ci hanno sfidati sino alla fine. Quest’anno, a mio avviso, vengono spesso mal ripagati e meriterebbero qualcosa in più. Pattinano molto e dispongono di due eccellenti portieri. Penso sia solo una questione di tempo, prima che raccolgano frutti».

Nyffeler ha messo a segno il primo shutout della storia, proprio nel nuovo impianto leventinese. «L’ho scoperto perché me lo dicesti tu, io non faccio troppo caso a queste cose, ma è sicuramente piacevole. Chissà, magari un giorno mi regaleranno una targa ricordo per commemorare l’evento», dice con un sorriso il figlio d’arte (il padre militò in Nlb a Dübendorf e nei Gck a cavallo degli anni ‘80).

Da qualche settimana “Mel” non è più l’unico della famiglia a giocare nella massima lega. Suo fratello maggiore, attualmente in prestito dal Kloten al Ginevra, sta muovendo i primi passi in Nl. «Per me è sempre stato chiaro che Dominic avesse il livello e ora lo sta dimostrando con le sue prestazioni. Peccato che in passato nessuno se ne sia accorto. Sono fierissimo del suo percorso e seguo le sue partite con i ginevrini in fibrillazione».

Da un portiere in ascesa, a uno che a fine anno smetterà ad appena 33 anni, ovvero Flüeler. «Quando avevo esordito giovanissimo nello Zsc, lui era il numero uno. È stato una specie di mentore per me. Smette presto, troppo presto; potrebbe tranquillamente continuare per diversi anni con le sue capacità, ma non sono sorpreso. Durante la sua carriera Lukas ha sempre studiato e lavorato».

Tra Olimpiadi e futuro

Tra qualche giorno Fischer renderà noto i nomi di coloro che rappresenteranno la Svizzera alle Olimpiadi. Il nativo di Volketswil è tra i papabili. Ma - gli chiediamo - ha senso disputarle con la situazione attuale? «Se dovessi essere convocato, io naturalmente andrei. La Nazionale ha sempre la priorità ed è un onore indossare la maglia rossocrociata. Non penso alla pandemia, ho fiducia nelle autorità competenti».

E se il futuro a breve termine è incerto, per Nyffeler quello a lungo termine è chiaro: il 27enne ha rinnovato il contratto con il Rapperswil per ben altri quattro stagioni. «Molti giocatori ora sottoscrivono accordi lunghi. Oltreoceano è una prassi già in uso da tempo; là, le squadre legano i propri elementi importanti a lunga gittata. Per quanto mi riguarda, i soldi non sono stati decisivi. Sono alla mia settima stagione col ‘Rappi’, dalla retrocessione. È stato un lungo percorso, fatto di costanti miglioramenti; voglio continuare il processo di progressione con questi colori e dare il mio contributo. La mia famiglia e io ci troviamo benissimo, i miei cari abitano qui in zona, amo questo club. Inoltre ho voluto dare un segnale ad altri colleghi, per magari spingerli a trasferirsi da noi e mostrare che qui non è solamente una zona di transito. Chi mi conosce lo sa: io resto affamato, non è una questione di non uscire dalla zona comfort. Anzi: io voglio sempre migliorare e nei prossimi anni vorrei ricoprire un ruolo importante in Nazionale».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved