all-ambri-non-basta-uno-straordinario-primo-tempo
Zwerger cerca di portare scompiglio davanti alla porta difesa da Dominic Nyffeler (Keystone)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
9490
2
Maxim la biere
9472
3
25 Francs trop cher
8877
4
Iselis Punktebuebe
8868
5
Team Gobbi
8826
6
ADTC
8720
7
Wild Hogs
8704
8
BalaBala
8638
9
TrigoAce2
8630
10
Matterhorn1
8629
ULTIME NOTIZIE Sport
CICLISMO
31 min

Incidente a Bernal durante un allenamento in Colombia

Il vincitore del Tour de France 2019 è stato trasportato all’ospedale dove permane in osservazione e cosciente
Hockey
1 ora

‘Per vincere a Zugo serve uno sforzo collettivo’

Dopo il successo ai rigori sul Berna, il Lugano pensa alla prossima sfida. Schlegel: ‘Ogni passo avanti, anche piccolo, è preziosissimo‘
Hockey
1 ora

Sei turni di squalifica per Marc-Antoine Pouliot

Esemplare sanzione per l’attaccante del Ginevra Servette, reo di aver caricato un arbitro nella partita contro il Friborgo
Gallery
Nuoto
2 ore

Noè Ponti in forma nonostante i carichi di lavoro

Parata di stelle al 55esimo Challenge International di Ginevra. Buoni i tempi del ticinese della Nuoto Sport Locarno e di Benjamin Pfeiffer dell’A-Club
FOOTBALL
2 ore

Playoff infuocati, sfida da favola tra Mahomes e Allen

Weekend elettrizzante nella Nfl. Eliminati i grandi vecchi Tom Brady e Aaron Rodgers. Tre partite decise all’ultimo secondo, una all’overtime
Sci
3 ore

Lara Gut-Behrami si prende una pausa per rigenerarsi

La ticinese ha ammesso di sentirsi affaticata ‘sia mentalmente sia fisicamente’ e ha deciso di non partecipare alle ultime prove di Cdm prima dei Giochi
tennis
3 ore

Melbourne, nei quarti Tsitsipas contro Sinner

Il greco ha domato non senza fatica e in cinque set l’americano Taylor Fritz. L’italiano ha battuto De Minaur in tre set
Pechino 2022
4 ore

168 atleti per ripetere Pyeongchang: obiettivo 15 medaglie

Il capomissione elvetico Ralph Stöckli, già arrivato a Pechino, fissa il traguardo auspicato da Swiss Olympic
Unihockey
6 ore

Verbano e Ticino agguantano i playoff

Il Vuh si è imposto 6-3 in rimonta sul campo del Grünenmatt, il Tiuh ha piegato 4-3 il Basilea secondo in classifica
tennis
6 ore

Daniil Medvedev passa ma qualcosa concede

Il russo ha sconfitto in quattro set lo specialista del “serve and volley” franco-americano Maxime Cressy. Cornet per la prima volta ai quarti a 32 anni
Sci alpino
7 ore

Ticinesi in evidenza sulle nevi grigionesi e italiane

Massimiliano Gusmini ha vinto il bronzo ai Campionati svizzeri junior a Davos, Ginevra Ostini ha firmato un doppio successo nelle prove Fis a Courmayeur
Sci
23 ore

Lesione parziale al legamento del ginocchio, ma Goggia non molla

La bergamasca nella caduta a Cortina ha subìto pure una piccola frattura del perone ma assicura che proverà a difendere il titolo olimpico di discesa
BASKET
23 ore

Come da copione, vince la Sam, perde il Lugano

La Spinelli passa senza grossi problemi a Boncourt, mentre i Tigers sono costretti a cedere di fronte alla prima forza del campionato
CALCIO
1 gior

‘Siamo pronti per affrontare i campioni svizzeri’

Mattia Croci-Torti soddisfatto della vittoria in amichevole contro il Chiasso, nonostante qualche assenza: ‘Lunedì rientra Amoura dalla Coppa d’Africa’
RALLY
1 gior

Loeb trionfa a Montecarlo. Mai nessuno come lui

A quasi 48 anni il campione alsaziano diventa il pilota più vecchio ad aver vinto nel Wrc, cogliendo nel Principato il suo ottantesimo trionfo
PALLANUOTO
1 gior

Buon punto per gli Sharks a Ginevra

La compagine luganese costringe al pareggio il Carouge (11-11). Esordio positivo per coach Argentiero
07.01.2022 - 22:020

All’Ambrì non basta uno straordinario primo tempo

Energia, grinta e tre reti mettono il Ginevra alle corde. Alla fine, però, saranno gli uomini di Cadieux a imporsi, con gol partita di Jooris al 52‘54’’

a cura de laRegione

L’Ambrì inaugura il nuovo anno con una sconfitta, in quella che era la sua prima uscita dopo praticamente un mese senza giocare. Il giorno dopo l’annuncio del colpo di mercato Filip Chlapik, nella sera dei ritorni in pista di Dominic Zwerger e di quel Michael Fora che aveva messo piede in pista l’ultima volta a fine ottobre, quando s’era infortunato alla spalla nella sfida casalinga contro l’Ajoie. E sarà proprio il capitano biancoblù a mostrare la via ai compagni, in un primo tempo che, però, per i ticinesi parte davvero malissimo, con il Servette che sembra voler mettere subito le tende nel terzo difensivo ospite, e dopo aver nascosto il disco al primo blocco avversario segna subito l’1-0, al 49esimo secondo, al primo tiro in porta.

La verve ginevrina, però, praticamente si consuma lì. O almeno si spegne del tutto due minuti dopo, quando Le Coultre spedisce maldestramente il disco in tribuna, regalando due minuti all’Ambrì Piotta. Due minuti che i biancoblù sfruttano nel migliore dei modi: errore del finlandese Vatanen nel terzo, Pestoni ci prova senza successo, e sugli sviluppi dell’azione Michael Fora con una conclusione dalla distanza trova il modo di battere Dominic Nyffeler, sfruttando un velo di McMillan (che, forse, addirittura tocca). Da quel momento in poi, in pista ci sono soltanto gli uomini di Luca Cereda. Che in tutto il primo tempo si creano sei, sette buone occasioni per segnare, e la metà buona le mette in rete. Sfruttando tutta la loro energia, ma pure le difficoltà di un Servette che non riesce mai ad avere il controllo dello slot, e che al 6’10’’ subisce il 2-1 ospite di Pestoni (di nuovo su controllo sbagliato di Vatanen, stavolta con il piede) e poi al 13’23’’ il 3-1 di Isacco Dotti, che è il più lesto ad avventarsi su un puck dimenticato da tutti davanti al povero Nyffeler, alla sua seconda titolarizzazione tra i pali della gabbia granata, dov’è arrivato in prestito sino a fine mese per sopperire all’assenza di Descloux. E per dirla tutta, le due reti di vantaggio al ventesimo sono un risultato che va ancora stretto agli ospiti. Del resto, i numeri parlano da soli: sei contro diciotto (!) le conclusioni nel primo periodo.

Ben diverse, invece, le cose nel periodo centrale. Dove nei primi dieci minuti Nyffeler non deve compiere alcuna parata, anche perché i tentativi dei ticinesi trovano sempre qualche avversario sulla strada che porta alla gabbia. Quella che, invece, riescono a indovinare gli uomini di Jan Cadieux al 34‘28’’, alla seconda penalità quasi consecutiva sul conto dell’Ambrì, prima per un crosscheck di Bianchi, poi per un bastone alto di Trisconi: ed è proprio in quell’occasione che i ginevrini riducono lo scarto, con un gran tiro dalla linea blu del solito Tömmernes che viene sporcato in maniera imparabile davanti all’incolpevole Damiano Ciaccio. Ciaccio che due minuti dopo nulla può neppure sulla prorompente iniziativa dello scatenato Tömmernes, che s’infila in mezzo allo slot e dopo aver fintato la conclusione scarica il disco al liberissimo Jooris, il quale sul secondo palo deve solo appoggiare nella porta vuota. Un colpo durissimo per i biancoblù, anche pensando che qualche istante prima del pareggio ginevrino, Kostner era riuscito a sfuggire a Vatanen (ancora lui...) ma, una volta arrivato solo soletto davanti a Nyffeler, si era fatto chiudere la porta in faccia dal fratello maggiore del ben più famoso Melvin.

Così, quando le due squadre tornano sul ghiaccio all’inizio del terzo conclusivo, alle Vernets in pratica si deve ricominciare tutto da capo. Un terzo tempo in cui i ginevrini provano a insistere, ma le occasioni si fanno più rare, anche perché c’è sempre meno spazio a disposizione sul ghiaccio. Il Servette, però, è squadra a cui basta poco per fare la differenza. Un esempio di ciò lo si ha a sette minuti dal termine: disco basso sulla porta di Le Coultre, su cui Tyler Moy si getta come un falco, mettendo fine a una lunga serie di dieci partite senza il benché minimo punto personale. Per la seconda volta da inizio partita, insomma, i biancoblù sono costretti a inseguire. I padroni di casa, però, non sono più quelli caotici del primo tempo, e riescono così a traghettare in porto un importantissimo (e forse anche insperato, viste le premesse iniziali) successo.

Ginevra Servette - Ambrì Piotta (1-3 2-0 1-0) 4-3
Reti: 0’49’’ Richard (Vermin) 1-0. 3’59’’ McMillan (Fora, Heim) 1-1. 6’10’’ Pestoni (Regin, Zwerger) 2-1. 13’23’’ Isacco Dotti (Bürgler) 3-1. 34’28’’ Winnik (Tömmernes, Filppula/esp. Trisconi) 3-2. 36’34’’ Jooris (Tömmernes, Winnik) 3-3. 52’54’’ Moy (Le Coultre) 4-3.
Ginevra Servette: Dominic Nyffeler; Völlmin, Tömmernes; Vatanen, Maurer; Smons, Le Coultre; Mercier; Jooris, Filppula, Winnik; Smirnovs, Richard, Vermin; Moy, Pouliot, Miranda; Antonietti, Berthon, Vouillamoz; Arnaud Riat.
Ambrì Piotta: Ciaccio; Fora, Isacco Dotti; Burren, Hietanen; Fohrler, Zaccheo Dotti; Fischer; Incir, Grassi, Bianchi; Pestoni, Regin, Zwerger; Bürgler, Heim, Kneubuehler; D’Agostini, Kostner, McMillan; Trisconi.
Arbitri: Piechaczek (Ger), Dipietro; Obwegeser, Meusy.
Note: 3’592 spettatori. Penalità: 2 x 2’ contro il Ginevra Servette; 3 x 2’ contro l’Ambrì Piotta. Tiri in porta: 29-30 (7-18, 17-6, 5-6). Servette privo di Jacquemet (ammalato), Karrer, Descloux, Charlin, Tanner e Patry (infortunati); Ambrì senza Conz (ammalato), Hächler, Dal Pian, Cajka e Neuenschwander (in soprannumero). Ambrì senza portiere dal 59’18’’ e fino al termine. Premiati a fine partita, quali migliori giocatori in pista, Henrik Tömmernes e Inti Pestoni.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved