HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
LucHC Lions
1892
2
Faerjestad TS
1866
3
Drinkteam
1860
4
EHL Wolves
1838
5
KISS of DEATH
1801
6
HC KWAY
1787
7
AmStars
1786
8
Bidus
1786
9
H C LUPPOLO
1781
10
Rapid Mutzel 2
1780
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
4 ore

In Champions vincono Zugo, Rapperswil e Friborgo

Serata da incorniciare per le squadre svizzere sul palcoscenico d’Europa: Zugo e Friborgo agli ottavi da primi della classe, sangallesi fuori con onore
Calcio
4 ore

Con due gol di Rabiot la Juventus stende il Maccabi

Nel mercoledì di Champions League nulla da fare invece per il Milan, sconfitto 3-0 dal Chelsea allo Stamford Bridge di Londra
Formula 1
6 ore

La Fia rinvia il verdetto sul budget cap. Verso sanzioni lievi?

Da Parigi nessuna novità: la conclusione dell’analisi il 10 ottobre. Intanto, però, Sky lancia l’indiscrezione: il tetto sarebbe stato sforato, ma di poco
Calcio
8 ore

Seoane silurato, arriva Xabi Alonso

Il Bayer Leverkusen licenzia il tecnico elvetico, sostituito dall’ex centrocampista spagnolo
Calcio
8 ore

Si è spento Jürgen Sundermann

82enne, aveva giocato e allenato in molti Paesi, fra cui Germania e Svizzera
Calcio
8 ore

Europa, lo Zurigo cerca punti per il morale

Il Basilea vuole invece ipotecare il passaggio del turno
ginnastica artistica
10 ore

‘Vogliamo offrire una serata di grande ginnastica’

Il nuovo presidente del comitato organizzatore Alberto Mogliazzi, si sta preparando per il 39esimo Memorial Gander, in programma a Chiasso il 23 novembre
calcio
12 ore

Ucraina con Spagna e Portogallo per i Mondiali 2030

Lo hanno annunciato i presidenti delle tre federazioni nazionali
inline hockey
15 ore

Hockey inline, Sayaluca e Malcantone, buona la prima

Le ticinesi si impongono in gara 1 dei quarti di finale in Lna
CALCIO
15 ore

Quel gol divorato al Maracanà, pesante come un macigno

Higuain sarà per sempre ricordato soprattutto per l’errore nella finale mondiale del 2014 fra Argentina e Germania
l'angolo delle bocce
16 ore

Agli italiani Paone-Andreani il Gp della Vendemmia 2022

Battuti a zero in finale Roberto Antonini e Paolo Brambilla
Tennis
16 ore

Astana, Hüsler fuori al primo turno

Lo zurighese nettamente battuto dal numero 53 Ruusuvuori
Calcio
21 ore

‘Il sindacato calciatori ci ha messo in difficoltà’

Il capitano del Chiasso esclude il boicottaggio delle partite
Hockey
1 gior

Rockets di nuovo battuti

Il Basilea a Biasca si impone 7-2
Hockey
1 gior

Champions, 4 svizzere agli ottavi di finale

Il Davos, vincitore contro l’Ocelari, e lo Zurigo, pur se sconfitto in Svezia, raggiungono agli ottavi di finale Zugo e Friborgo
Calcio
1 gior

Champions, vincono Napoli e Inter

Ad Amsterdam dilagano i partenopei, l’Inter soffrendo batte il Barça
07.01.2022 - 22:02

All’Ambrì non basta uno straordinario primo tempo

Energia, grinta e tre reti mettono il Ginevra alle corde. Alla fine, però, saranno gli uomini di Cadieux a imporsi, con gol partita di Jooris al 52‘54’’

all-ambri-non-basta-uno-straordinario-primo-tempo
Zwerger cerca di portare scompiglio davanti alla porta difesa da Dominic Nyffeler (Keystone)

L’Ambrì inaugura il nuovo anno con una sconfitta, in quella che era la sua prima uscita dopo praticamente un mese senza giocare. Il giorno dopo l’annuncio del colpo di mercato Filip Chlapik, nella sera dei ritorni in pista di Dominic Zwerger e di quel Michael Fora che aveva messo piede in pista l’ultima volta a fine ottobre, quando s’era infortunato alla spalla nella sfida casalinga contro l’Ajoie. E sarà proprio il capitano biancoblù a mostrare la via ai compagni, in un primo tempo che, però, per i ticinesi parte davvero malissimo, con il Servette che sembra voler mettere subito le tende nel terzo difensivo ospite, e dopo aver nascosto il disco al primo blocco avversario segna subito l’1-0, al 49esimo secondo, al primo tiro in porta.

La verve ginevrina, però, praticamente si consuma lì. O almeno si spegne del tutto due minuti dopo, quando Le Coultre spedisce maldestramente il disco in tribuna, regalando due minuti all’Ambrì Piotta. Due minuti che i biancoblù sfruttano nel migliore dei modi: errore del finlandese Vatanen nel terzo, Pestoni ci prova senza successo, e sugli sviluppi dell’azione Michael Fora con una conclusione dalla distanza trova il modo di battere Dominic Nyffeler, sfruttando un velo di McMillan (che, forse, addirittura tocca). Da quel momento in poi, in pista ci sono soltanto gli uomini di Luca Cereda. Che in tutto il primo tempo si creano sei, sette buone occasioni per segnare, e la metà buona le mette in rete. Sfruttando tutta la loro energia, ma pure le difficoltà di un Servette che non riesce mai ad avere il controllo dello slot, e che al 6’10’’ subisce il 2-1 ospite di Pestoni (di nuovo su controllo sbagliato di Vatanen, stavolta con il piede) e poi al 13’23’’ il 3-1 di Isacco Dotti, che è il più lesto ad avventarsi su un puck dimenticato da tutti davanti al povero Nyffeler, alla sua seconda titolarizzazione tra i pali della gabbia granata, dov’è arrivato in prestito sino a fine mese per sopperire all’assenza di Descloux. E per dirla tutta, le due reti di vantaggio al ventesimo sono un risultato che va ancora stretto agli ospiti. Del resto, i numeri parlano da soli: sei contro diciotto (!) le conclusioni nel primo periodo.

Ben diverse, invece, le cose nel periodo centrale. Dove nei primi dieci minuti Nyffeler non deve compiere alcuna parata, anche perché i tentativi dei ticinesi trovano sempre qualche avversario sulla strada che porta alla gabbia. Quella che, invece, riescono a indovinare gli uomini di Jan Cadieux al 34‘28’’, alla seconda penalità quasi consecutiva sul conto dell’Ambrì, prima per un crosscheck di Bianchi, poi per un bastone alto di Trisconi: ed è proprio in quell’occasione che i ginevrini riducono lo scarto, con un gran tiro dalla linea blu del solito Tömmernes che viene sporcato in maniera imparabile davanti all’incolpevole Damiano Ciaccio. Ciaccio che due minuti dopo nulla può neppure sulla prorompente iniziativa dello scatenato Tömmernes, che s’infila in mezzo allo slot e dopo aver fintato la conclusione scarica il disco al liberissimo Jooris, il quale sul secondo palo deve solo appoggiare nella porta vuota. Un colpo durissimo per i biancoblù, anche pensando che qualche istante prima del pareggio ginevrino, Kostner era riuscito a sfuggire a Vatanen (ancora lui...) ma, una volta arrivato solo soletto davanti a Nyffeler, si era fatto chiudere la porta in faccia dal fratello maggiore del ben più famoso Melvin.

Così, quando le due squadre tornano sul ghiaccio all’inizio del terzo conclusivo, alle Vernets in pratica si deve ricominciare tutto da capo. Un terzo tempo in cui i ginevrini provano a insistere, ma le occasioni si fanno più rare, anche perché c’è sempre meno spazio a disposizione sul ghiaccio. Il Servette, però, è squadra a cui basta poco per fare la differenza. Un esempio di ciò lo si ha a sette minuti dal termine: disco basso sulla porta di Le Coultre, su cui Tyler Moy si getta come un falco, mettendo fine a una lunga serie di dieci partite senza il benché minimo punto personale. Per la seconda volta da inizio partita, insomma, i biancoblù sono costretti a inseguire. I padroni di casa, però, non sono più quelli caotici del primo tempo, e riescono così a traghettare in porto un importantissimo (e forse anche insperato, viste le premesse iniziali) successo.

Ginevra Servette - Ambrì Piotta (1-3 2-0 1-0) 4-3
Reti: 0’49’’ Richard (Vermin) 1-0. 3’59’’ McMillan (Fora, Heim) 1-1. 6’10’’ Pestoni (Regin, Zwerger) 2-1. 13’23’’ Isacco Dotti (Bürgler) 3-1. 34’28’’ Winnik (Tömmernes, Filppula/esp. Trisconi) 3-2. 36’34’’ Jooris (Tömmernes, Winnik) 3-3. 52’54’’ Moy (Le Coultre) 4-3.
Ginevra Servette: Dominic Nyffeler; Völlmin, Tömmernes; Vatanen, Maurer; Smons, Le Coultre; Mercier; Jooris, Filppula, Winnik; Smirnovs, Richard, Vermin; Moy, Pouliot, Miranda; Antonietti, Berthon, Vouillamoz; Arnaud Riat.
Ambrì Piotta: Ciaccio; Fora, Isacco Dotti; Burren, Hietanen; Fohrler, Zaccheo Dotti; Fischer; Incir, Grassi, Bianchi; Pestoni, Regin, Zwerger; Bürgler, Heim, Kneubuehler; D’Agostini, Kostner, McMillan; Trisconi.
Arbitri: Piechaczek (Ger), Dipietro; Obwegeser, Meusy.
Note: 3’592 spettatori. Penalità: 2 x 2’ contro il Ginevra Servette; 3 x 2’ contro l’Ambrì Piotta. Tiri in porta: 29-30 (7-18, 17-6, 5-6). Servette privo di Jacquemet (ammalato), Karrer, Descloux, Charlin, Tanner e Patry (infortunati); Ambrì senza Conz (ammalato), Hächler, Dal Pian, Cajka e Neuenschwander (in soprannumero). Ambrì senza portiere dal 59’18’’ e fino al termine. Premiati a fine partita, quali migliori giocatori in pista, Henrik Tömmernes e Inti Pestoni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved