WAS Capitals
1
SJ Sharks
4
fine
(0-1 : 0-1 : 1-2)
COB Jackets
0
CAL Flames
6
fine
(0-1 : 0-2 : 0-3)
TOR Leafs
4
ANA Ducks
3
fine
(2-1 : 1-1 : 0-1 : 0-0 : 1-0)
Detroit Red Wings
5
CHI Blackhawks
7
3. tempo
(0-4 : 3-0 : 2-3)
COL Avalanche
BOS Bruins
04:00
 
WAS Capitals
1
SJ Sharks
4
fine
(0-1 : 0-1 : 1-2)
COB Jackets
0
CAL Flames
6
fine
(0-1 : 0-2 : 0-3)
TOR Leafs
4
ANA Ducks
3
fine
(2-1 : 1-1 : 0-1 : 0-0 : 1-0)
Detroit Red Wings
5
CHI Blackhawks
7
3. tempo
(0-4 : 3-0 : 2-3)
COL Avalanche
BOS Bruins
04:00
 
siamo-pronti-per-riprendere-il-filo-del-discorso
‘Il mio futuro? Ci penserò durante la pausa olimpica’ (Ti-Press)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
9823
2
Maxim la biere
9587
3
25 Francs trop cher
9120
4
Iselis Punktebuebe
9000
5
Team Gobbi
8973
6
ADTC
8948
7
BalaBala
8887
8
TrigoAce2
8821
9
HC Iron Pam
8811
10
Wild Hogs
8808
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
6 ore

Lugano Tigers sconfitti nella Svizzera centrale

Migliore al tiro sotto tutti gli aspetti, la compagine ticinese ha avuto un passaggio a vuoto nel secondo periodo che le è costata la vittoria
Hockey
7 ore

La sfida vista da Ambrì. ‘Saranno i duelli, la chiave’

Cereda lancia la sesta sfida con il Lugano, ultimo sforzo prima della pausa. ‘Sarà benefica: le scorie post contagio non si sono del tutto dissipate”
HOCKEY
8 ore

‘Il derby? Sarà una battaglia, come sempre’

Julian Walker: ‘Tutte le sfide con l’Ambrì sono state tiratissime, non vedo favoriti. Dovremo fare bene il lavoro sporco, proprio come lo sanno fare loro’
CALCIO
10 ore

Arthur Cabral sul punto di approdare alla Fiorentina

L’attaccante brasiliano del Basilea attende solo gli sviluppi del caso Valhovic. Quest’anno ha segnato 14 reti in 18 partite di Super League
Hockey
10 ore

Lugano, Schlegel si deve fermare. Fino a marzo

Niente derby per il portiere bianconero: lesione agli adduttori della coscia. McSorley dovrà scegliere se puntare sul canadese Irving o su Fatton
CICLISMO
10 ore

Joel Suter secondo alla Challenge Mallorca

Il Spagna il 23enne elvetico della Uae Emirates è stato preceduto dal compagno di squadra McNulty, giunto al traguardo in solitaria
CALCIO
11 ore

Il Lugano riapre la campagna abbonamenti

Chi non avesse già provveduto a inizio stagione, da domani ha la possibilità di assicurarsi a prezzi scontati le nove partite casalinghe del ritorno
MOTOCICLISMO
11 ore

Via libera medico per Marc Marquez

Il pilota spagnolo ha superato i problemi di diplopia e sarà presente dal 5 al 7 febbraio nei primi test stagionali sul circuito di Sepang
CALCIO
12 ore

Infortunio al piede, Mirko Salvi out due mesi

Colpo duro per l’Yverdon, neo-promosso in Challenge League, costretto a fare a meno del suo estremo difensore
Hockey
12 ore

Le ragazze svizzere ai Giochi senza la loro stella. Per ora

Valori limite per entrare in Cina: Alina Müller e Sinjia Leemann incrociano le dita e vanno in isolamento. Weibel: ‘Fiduciosi della strategia adottata’
Tennis
12 ore

Medvedev firma l’impresa a Melbourne: è semifinale

Sotto di due set contro Aguer-Aliassine, il russo ribalta la partita e stacca il biglietto per il penultimo atto degli Australian Open
Hockey
14 ore

Hedlund e il suo staff non si muovono da Rapperswil

Confermata in blocco la guida tecnica dei sangallesi. Che resterà (almeno) fino al termine della stagione 2023/24
Sci
16 ore

Michelle Gisin dice no a Garmisch-Partenkirchen

Terza defezione di lusso, nel clan rossocrociato, per le ultime gare di Coppa del mondo prima della partenza per Pechino
Calcio
17 ore

L’Fc Lugano ha di nuovo un presidente, sarà Philippe Regazzoni

Classe ‘69, Regazzoni è attinente di Balerna ma residente a Küssnacht e da 25 anni è attivo nell’ambito assicurativo.
Calcio
22 ore

Da Lima a Yaoundé, quante tragedie legate al calcio

Disordini tra tifosi, strutture fatiscenti, sicurezza e forze dell’ordine inadeguate, fatalità: il dramma in Camerun è solo l’ultimo di una lunga lista
 
06.01.2022 - 19:240

‘Siamo pronti per riprendere il filo del discorso’

Il Lugano sta completando il protocollo ‘Return to play’. Chiesa: ‘Ciò che sta capitando un po’ dappertutto è successo pure a noi’

Anno nuovo, vita nuova. Guardando in casa dell’Hockey club Lugano, però, questo detto popolare non sembra molto appropriato. La situazione pandemica all’interno del club, infatti, assomiglia purtroppo a quella già vista negli ultimi due anni. Giocatori positivi al tampone, quarantene, allenamenti svolti in piccoli gruppi, chi sul ghiaccio, chi in palestra. Il Covid-19 scandisce nuovamente il ritmo delle giornate. Per fortuna, però, nemmeno l’ultima ondata di contagi ha lasciato segni particolari all’interno dello spogliatoio. Come aveva già riferito il General manager bianconero Hnat Domenichelli ai microfoni di Teleticino, «lunedì prossimo (il 10 gennaio, ndr) tutta la squadra sarà presente sul ghiaccio per allenarsi». Questa battuta d’arresto è arrivata proprio quando il Lugano stava attraversando un ottimo momento di forma. Ciò ha imposto alla squadra di tirare il freno a mano; dopo queste settimane di forzato riposo, ora si tratta di ritrovare la forma migliore, anche perché da inseguire c’è il sesto posto giacché l’attuale settima piazza non le permetterebbe l’accesso diretto ai playoff. Ragion per cui ogni prossima partita sarà fondamentale.

«Al primo test fatto risultavo negativo – racconta l’ex capitano dei bianconeri Alessandro Chiesa, che come tutti i suoi compagni ha dovuto convivere con la dura realtà di doversene restare ‘rinchiuso’ tra le mura di casa propria –. Poi, invece, nella seconda tornata di controlli Pcr, l’esito è stato purtroppo positivo. Oggi sto bene; non ho mai avuto sintomi. Anche l’anno scorso mi era capitata la stessa cosa: inizialmente era tutto ok, ma cinque giorni dopo era arrivata la brutta notizia. Mercoledì ho finalmente potuto ritornare sul ghiaccio. E in questi giorni anche altri stanno riprendendo ad allenarsi: quasi tutti hanno contratto il virus, ma fortunatamente senza sintomi. Eravamo tutti completamente vaccinati con due dosi. Ciò che sta capitando un po’ a tutti nella vita di ogni giorno è purtroppo successo pure a noi. Meglio non pensarci troppo: vediamo cosa decideranno i dottori per quel che concerne il booster. Nel calcio, vedendo ciò che stava capitando, si sono mossi in questi giorni, prima dell’inizio degli allenamenti».

‘Gli stop possono essere una grande sfida per gli staff tecnici’

Non sarebbe il caso, a questo punto, di chinarsi nuovamente sull’eventuale stop temporaneo al campionato? La domanda è d’obbligo vista la grande incertezza. «Ci sono tanti interessi in gioco, come quello economico o quello televisivo, e chiaramente c’è anche l’aspetto della salute – rammenta il 35enne originario di Biasca –. L’obiettivo della Lega è quello di portare a termine il campionato, se possibile giocando tutte le partite. Il campionato si è bloccato in modo naturale. Chiaramente la salute dev’essere comunque salvaguardata e le parecchie squadre fermate per la quarantena sono la chiara prova che questo aspetto non viene sottovalutato. Andare avanti è possibile, ma solo una volta guariti. Di riflesso, la nuova regola che impone un minimo di 15 giocatori arruolabili per poter disputare una partita può colpire alcune squadre più di altre. In questi due anni, il Covid è un fattore di cui bisogna tener conto: a spuntarla sarà il club che meglio riuscirà a gestire questa situazione. Ovviamente in questi casi la programmazione della forma fisica è fondamentale: gli stop possono essere una grande sfida per lo staff tecnico». Potrebbe essere una soluzione attuabile quella di giocare durante la pausa olimpica? «Innanzitutto bisognerà vedere se si giocherà per davvero a Pechino... Ad ogni modo non penso che sarebbe una via praticabile, non da ultimo per questioni di logistica e organizzazione televisiva: la Ssr, che segue i Giochi, non potrebbe coprire anche il nostro campionato qualora si andasse avanti. Inoltre, con le stelle della Nhl che hanno già fatto sapere che a Pechino non andranno, molti club si ritroverebbero senza i loro migliori elementi svizzeri, cosa che rischierebbe di penalizzare eccessivamente alcune squadre. Questo, ad ogni buon conto, è la mia opinione personale».

Soddisfatto dell’attuale stagione (la tua tredicesima con la maglia bianconera)? «Ho avuto la fortuna di giocare tutte le partite e mi sono sempre divertito. Ho un ruolo che mi piace, sto dando il mio apporto alla squadra: posso ritenermi soddisfatto». A fine stagione il contratto che ti lega alla squadra giungerà a scadenza: e poi? «Ho diverse opzioni da valutare: nel prossimo mese, con la dovuta calma, analizzerò bene le proposte che mi sono arrivate. Ma ora come ora non ci penso: lo farò durante la pausa olimpica».

I Lions per ricominciare

La rincorsa al sesto posto, sinonimo di ultimo ticket per l’accesso diretto ai playoff, classifica alla mano, sembra una questione tra Zsc Lions e Lugano, visto che il Bienne (quinto) è già più lontano. «Noi dobbiamo continuare a lavorare come abbiamo fatto nelle ultime settimane. E sperare in qualche passo falso delle nostre antagoniste, esitazioni che poi dovremo essere bravi a sfruttare». E saranno proprio il Lions i prossimi avversari di Chiesa e compagni, visto che il recupero della partita rinviata prima di Natale tra i bianconeri e gli zurighesi è stato riprogrammato per mercoledì sera alla Cornèr Arena.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved