KOLAR Z. (CZE)
1
TSITSIPAS S. (GRE)
3
fine
(3-6 : 6-7 : 7-6 : 6-7)
finche-il-campionato-va-e-giocare-il-nostro-obiettivo
Intanto, dopo l’Ambrì anche il Lugano si prepara alla fine della quarantena. ‘Obiettivo primo allenamento lunedì’ (Ti-Press)
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
1 ora

Giovedì nero in salsa rossocrociata: si torna a casa

Dopo sette vittorie, al Mondiale in Finlandia la Nazionale di Fischer incassa la sua prima sconfitta. Ma è decisiva: in semifinale vanno gli Stati Uniti
Ciclismo
4 ore

Il belga De Bondt beffa gli sprinter a Treviso

Nell’ultima tappa (la 18ª) piatta del Giro d’Italia 2022 il corridore dell’Apecin ha battuto allo sprint i tre compagni di fuga. Carapaz sempre in rosa
calcio
4 ore

‘È stato un lungo percorso, ora mi godo ogni momento’

Mattia Bottani è arrivato al ritiro della Nazionale, dove ha già ricevuto le lodi di Pier Tami: ‘Ha fatto un grosso passo in avanti di personalità’
Hockey
5 ore

Ai Mondiali sono canadesi e cechi i primi semifinalisti

In Finlandia cadono i primi due verdetti: Svezia e Germania debbono fare le valigie. Mentre alle 19.20 la Nazionale di ‘Fischi’ si gioca tutto con gli Usa
Calcio
5 ore

Valon Behrami ha detto addio al calcio giocato

A svelarlo un post di un suo compagno al Brescia, eliminato domenica dai playoff di Serie B. Il 37enne ha vestito 83 volte la maglia della Svizzera
Formula 1
6 ore

Ecclestone fermato: in volo per la Svizzera con una pistola

Il novantunenne ex patron della Formula 1 arrestato all’aeroporto di San Paolo dopo essere stato trovato in possesso di una LW Seecamp 32
tennis
9 ore

Henri Laaksonen saluta il Roland Garros

Nulla da fare per l’elvetico contro il danese Rune nel secondo turno dello Slam di Parigi
CALCIO
1 gior

‘La Coppa Svizzera deve essere soltanto l’antipasto’

Joe Mansueto per la prima volta in Ticino: ‘Il nostro è un impegno a lungo termine, il trofeo è uno stimolo in più. Lugano e Chicago sullo stesso piano’
Motociclismo
1 gior

Ritardi al KymiRing, e salta il Gp della Finlandia

Il protrarsi di lavori e pratiche per l’omologazione fanno slittare al 2023 il ritorno finnico del Motomondiale
Tennis
1 gior

Jil Teichmann avanza sul rosso di Parigi

Battuta in due set la sera Danilovic, l’elvetica stacca il biglietto per i sedicesimi del Roland Garros. Dove sfiderà la bielorussa Azarenka
Hockey
1 gior

Per il Lugano di McSorley c’è Oliwer Kaski

Il 26enne difensore, iridato con la maglia della Finlandia, vestirà la maglia bianconera per le prossime due stagioni
Hockey
1 gior

Lars Weibel: ‘La via tracciata è quella giusta’

Il direttore delle squadre nazionali è soddisfatto di quanto mostrato finora dalla Svizzera in Finlandia. ‘Hischier? Classe mondiale’
Hockey
2 gior

Filip Pesan nuovo tecnico del Losanna?

Il 44enne ex selezionatore della Repubblica Ceca avrebbe raggiunto un accordo valido per le prossime due stagioni con la società vodese
Hockey
2 gior

Scherwey lascia la Nazionale. ‘Lo devo al mio corpo’

Il club gli avrebbe concesso di restare, ma l’attaccante del Berna decide di tornare a casa per operarsi. ‘A un certo punto non sentivo più il piede’
HOCKEY
laR
 
30.12.2021 - 21:18
Aggiornamento : 22:04

Finché il campionato va. ‘È giocare, il nostro obiettivo’

In National League cambiano soltanto la classifica e il numero minimo di giocatori in pista. Marco Werder: ‘È la logica conseguenza di un’incertezza’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

The Show must go on. Non si può fare altrimenti. Ma neppure lo si vuole. Questo, in sostanza, ciò che hanno deciso i club di National League riuniti in teleconferenza anche per discutere eventualmente della remota, per non dire impraticabile ipotesi di una tregua, visti i ritmi di crescita dei contagi. Tuttavia, schiacciato com’è tra i Giochi di Pechino (a febbraio) e i Mondiali in Finlandia (a maggio), di ulteriori date per il campionato non ce ne sono. Ma non è certo quella l’unica ragione. «Intanto diciamo che il nostro obiettivo è giocare» spiega Marco Werder, Ceo di un Lugano la cui prima squadra è attualmente in quarantena, lista da cui invece è stato depennato l’Ambrì, i cui giocatori, a scaglioni, hanno ripreso a lavorare in pista. «Noi, di conseguenza, andiamo avanti in quella direzione – continua Werder –. Poi, se le autorità ci diranno che non potremo più farlo a causa della pandemia ci toccherà adeguarci, come abbiamo fatto in passato. Ma la nostra natura è quella di un club sportivo che ha nell’hockey il suo ‘core business’, quindi mi sembra ovvio che vogliamo andare avanti».

Ciò non toglie che le incertezze non manchino, tanto che assieme agli altri club di National League avete deciso di cautelarvi, optando già sin d’ora per una classifica stilata sulla base dei punti a partita, non più dei punti totali. «È la logica conseguenza di un’incertezza, siccome non sappiamo se tutte e tredici le squadre arriveranno a portare a termine le 52 partite previste. In questo senso è una precauzione».

Ce ne sono altre possibili, pensando ad esempio ai playoff? «Se c’è una cosa che ci ha insegnato questa pandemia, è che l’unica certezza è che di certezze non ve ne sono... Facciamo un passo alla volta. Guardare tanto in là non avrebbe senso: tra club ci riuniamo regolarmente, e andremo avanti a reagire alla pandemia così come abbiamo fatto negli ultimi due anni».

Intanto avete deciso di portare da 12 giocatori+1 portiere a 15+1 il numero minimo di elementi da mandare in pista per disputare le partite. Del resto, era impensabile a livello professionistico giocare delle partite con sole due linee di difesa e due e mezzo all’attacco... «La regola del ‘12+1’ era nata prima della prima stagione in pandemia, quando non avevamo la minima idea di ciò che ci avrebbe aspettato. Ecco il perché della decisione di arrivare a un minimo di giocatori, ma effettivamente era un numero risicato all’osso».

Tuttavia, e per fortuna, tale misura non è mai stata applicata. «La verità è che ti ritrovi a fare previsioni su scenari catastrofici, sperando che mai accadano. Perlomeno, se la pandemia dovesse davvero colpirci in maniera tanto dura, il fatto di poter giocare partite con un numero di quindici, sedici giocatori permetterebbe di evitare dei forfait. È quello il ragionamento che sta alla base di tale regola. Prima, in un mondo normale con otto giocatori ammalati avresti potuto chiedere il rinvio di una partita, mentre ora vogliamo evitare che qualcuno possa magari pensare di abusare del fatto che c’è una pandemia per non giocare alcune sfide».

Attualmente, in National League ci sono cinque squadre in quarantena, e una appunto è la vostra: a quei dieci giorni in isolamento se ne aggiungeranno tuttavia altri 5, definiti dal protocollo per il ritorno alle competizioni post-Covid dalla task force medica della Lega. La scadenza, quindi, qual è? «Quella del 2 gennaio, quando la prima ‘tranche’ di giocatori potrà uscire dalla quarantena. Di conseguenza abbiamo programmato il primo allenamento per il 3: dovrebbe bastare per arrivare pronti alla prima partita, sabato 8 contro lo Zurigo».

Stando alle prime informazioni si parlava di sei casi tra giocatori e staff: nel frattempo quel numero è cresciuto? «Diciamo che i giorni passano e naturalmente qualcosa si aggiunge, però il numero cospicuo è quello. Ed è per questo che l’obiettivo è un primo allenamento il 3 gennaio».

L’essere già stati infettati una volta potrebbe non essere una garanzia, se è vero ciò che si dice di Omicron. «Per dire il vero, parlando con lo staff medico abbiamo capito che quest’aspetto di Omicron non sia ancora stato definito al 100%: servono più risultati per capire come si reagisca alle infezioni. In teoria, se hai da poco contratto il virus per qualche tempo dovresti esserne immune. Comunque, a Lugano abbiamo attivato il processo per il ‘booster’ ai giocatori, che dovrebbe garantirci un po’ più di autonomia pensando alle quarantene: a oggi infatti, pur se poi le cose cambiano rapidamente, coloro che hanno ricevuto la terza dose di vaccino non hanno obbligo d’isolamento, di conseguenza se dovessero esserci nuove infezioni nello spogliatoio perlomeno chi è stato rivaccinato potrebbe continuare a giocare».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved