Olanda
0
Argentina
1
2. tempo
(0-1)
Langnau
2
Bienne
0
2. tempo
(0-0 : 2-0)
Ajoie
2
Lugano
2
2. tempo
(0-2 : 2-0)
Zurigo
2
Kloten
1
2. tempo
(1-1 : 1-0)
Lakers
4
Losanna
2
2. tempo
(1-2 : 3-0)
Ginevra
4
Ambrì
1
2. tempo
(1-1 : 3-0)
Berna
5
Zugo
2
2. tempo
(2-0 : 3-2)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
6276
2
HC Aspi Capitals
6155
3
HC Kaski Male
6145
4
GregBeaud
6058
5
LucHC Lions
6037
6
Team Belozoglu
6022
7
Chop
5931
8
TrigoAce1
5924
9
HC TUT-TUT
5884
10
SV Rokaner
5882
ULTIME NOTIZIE Sport
QATAR 2022
2 ore

I rigori premiano la Croazia, il Brasile fa le valigie

In vantaggio al 105’ con Neymar, i sudamericani si fanno rimontare a pochi minuti dal traguardo e dal dischetto pagano gli errori di Rodrygo e Marquinhos
Tennis
2 ore

Wawrinka sconfitto da Medvedev

L’avventura dello svizzero nel torneo d’esibizione in Arabia Saudita si conclude in semifinale, con il doppio 6-4 in favore del russo
Basket
4 ore

Lugano-Olympic, all’Elvetico arriva un po’ d’Europa

Mentre la Sam stasera va in campo per ricevere lo Swiss Central, i Tigers si preparano a sfidare l’eterno nemico, il club meglio gestito di tutto il Paese
QATAR 2022
5 ore

L’Africa chiede al Marocco di scrivere la storia

La selezione magrebina potrebbe essere la prima del Continente nero a raggiungere le semifinali di un Mondiale
SCI NORDICO
6 ore

Nadine Fähndrich trionfa nello sprint classico a Beitostölen

In Norvegia la 27enne lucernese ha colto il terzo successo in Coppa del mondo, precedendo la norvegese Weng e la finlandese Matintalo
roller hockey
7 ore

Il Biasca asfalta il Wimmis e accede ai quarti di Coppa

La partita finisce su un perentorio 9-3, grazie al poker di Gregorio Boll e alla tripletta di ‘Timo’ Devittori
Atletica
8 ore

A Biasca poker per Sam Massagno e Sab Bellinzona

Alle finali regionali dell’Ubs Kids Cup Team ci saranno anche Virtus Locarno e Sfg Biasca
Tennis
13 ore

Bollettieri, il fabbricatore di campioni

Vita, metodi, successi e segreti del più celebre allenatore della storia del tennis, scomparso pochi giorni fa a 91 anni
gallery
sci freestyle
15 ore

L’addio di Nicole Gasparini alle gobbe: ‘Non ne avevo più’

La 25enne ticinese si ritira: ‘Un po’ di paura del cambiamento c’è, ma ora mi accorgo di aver vissuto moltissime esperienze’
I mondiali dal divano
15 ore

Siamo tutti marocchini (almeno una volta nella vita)

La vittoria del Marocco contro la Spagna può anche essere vissuta come una sorta di rivalsa dei migranti contro i padroni di casa
Volley
22 ore

Alla Riveraine il Lugano sfiora uno storico successo

Grande reazione delle ragazze di Apostolos Oikonomou sul campo del capolista Neuchâtel, che (a fatica) riesce a spuntarla soltanto al tiebreak
Qatar 2022
1 gior

Messi: ‘I tifosi ci danno la carica’

La Pulce ricorda l’importanza dei supporter alla vigilia del quarto di finale contro l’Olanda
unihockey
1 gior

Solo il Ticino di Tomatis festeggia il successo

I rossoblù sconfiggono il Langenthal Aarwangen, ma poi si arrendono all’Eggiwil. Verbano battuto da Thun e Grünenmatt.
Qatar 2022
1 gior

Brasile-Croazia, classe contro compattezza

Nel primo quarto di finale, i balcanici affrontano i lanciatissimi sudamericani
laR
 
29.12.2021 - 17:48
Aggiornamento: 18:04

‘Aspettiamo il 29 gennaio incrociando le dita’

Tre settimane di tempo per preparare il rush finale dei Gdt di Nicola Pini. ‘Se mai il campionato di Prima Lega ripartirà per davvero’

aspettiamo-il-29-gennaio-incrociando-le-dita
Ti-Press
‘Col senno di poi, quella di sospendere il torneo è stata una decisione opportuna’

È un regalo di Natale di cui Nicola Pini e i suoi Gdt Bellinzona (e di certo non solo loro) avrebbero volentieri fatto a meno. E invece, il 20 dicembre, alla vigilia del loro ultimo impegno prenatalizio, è arrivato lo stop (generale) alle competizioni. Per un campionato di Prima Lega che per il terzo anno consecutivo deve così fare duramente i conti con il coronavirus.

Il sipario sulla stagione 2019/20 era calato dopo gara 3 della finale tra Wetzikon e Frauenfeld (con gli zurighesi avanti 2-1 nella serie). Era la sera del 10 marzo, con i Gdt già in vacanza dal 27 febbraio dopo essere stati estromessi, in tre partite, dal citato Wetzikon in semifinale. Ed è andata ancora peggio l’anno scorso, con un campionato durato unicamente lo spazio di quattro giornate (archiviate con tre vittorie dei Gdt): complice l’aggravarsi della situazione pandemica, la stagione è infatti stata interrotta (e poi definitivamente cancellata) il 3 ottobre. Adesso ci risiamo: il 20 dicembre ecco un nuovo stop (l’ennesimo) alle competizioni per il campionato di Prima Lega (così come per quelli di Seconda, Terza e Quarta Lega). Stavolta però, è bene precisarlo, si parla solo di un ‘congelamento’ del torneo, con la prospettiva di riprenderlo (nella migliore delle ipotesi) a fine gennaio. «Ammetto che in un primo momento siamo rimasti un po’ sorpresi da questa decisione – sottolinea l’allenatore dei biancorossi Nicola Pini –. L’impressione era che malgrado la situazione pandemica si stesse deteriorando, il quadro generale non fosse ancora compromesso al punto da dover imporre una misura così drastica. Col senno di poi, però, quella è stata una decisione opportuna: quanto sta capitando negli ultimi giorni sta dimostrando che quello è stato un provvedimento tempestivo e pure necessario». Con la speranza che il torneo possa ricominciare per davvero a fine gennaio… «La speranza è effettivamente quella, anche se non è scontato. Anzi, guardando alla situazione attuale, è facile pensare che il termine del 27 gennaio (con le prime partite di Prima Lega in programma sabato 29 gennaio) sarà ulteriormente spostato più in là nel tempo. Sappiamo comunque già sin d’ora che con la stagione regolare non potremo andare oltre il 9 febbraio, data in cui, da programma originale, si giocherà gara 1 dei quarti di finale dei playoff. E qualora non si riuscisse a rispettare la tempistica, le probabilità che anche questa stagione debba essere annullata sono parecchie».

Vista l’impossibilità di recuperare le partite annullate dal 20 dicembre in poi, i responsabili della Regio League una prima decisione l’hanno comunque già presa: «I match annullati non verranno recuperati: alla ripresa si disputeranno unicamente quelli ancora previsti dal calendario originale (turni residui che per i Gdt Bellinzona prevedono dapprima la sfida contro il Burgdorf e poi quella contro l’Argovia, ndr). Di conseguenza, per designare la classifica finale anche quest’anno si dovrà far riferimento al coefficiente di punti a partita». Classifica alla mano, i Gdt occupano ora l’ottavo posto con 20 punti in 14 partite, piazzamento confermato pure dalla media di punti a partita, con Herisau, sesto, e Burgdorf, settimo, ampiamente alla loro portata, ragion per cui la sfida con i bernesi subito alla ripresa della competizione sarà di quelle che valgono doppio per i biancorossi di Nicola Pini.

Come l’avete presa la decisione di fermare il torneo per qualche settimana? «Ovviamente un po’ di rammarico c’è: lo stop è arrivato in un momento in cui stavamo iniziando a ingranare per davvero». Reduci da sei successi nelle ultime otto partite, e addirittura cinque nelle ultime sei, i biancorossi stavano infatti prendendo gradualmente quota. «In più, davanti a noi si profilavano diverse sfide importanti per la classifica. Ma l’abbiamo comunque presa con filosofia. Anzi, senza partite all’orizzonte, ne ho approfittato per concedere qualche giorno extra di libero ai ragazzi. Anche perché, considerando che cenoni e aperitivi in gruppo sono all’ordine del giorno in questo periodo di festività, continuare ad allenarci sarebbe stato un inutile rischio. Ricominceremo con il lavoro settimana prossima: di tempo per trovare la forma ideale ne abbiamo comunque ancora a sufficienza visto che le competizioni riprenderanno tre settimane più tardi. Per allora praticamente tutti i miei giocatori saranno in regola con le nuove disposizioni in materia di lotta al coronavirus: chi perché guarito, chi perché già fattosi inoculare il booster. Sulla carta dovremmo pertanto avere una squadra competitiva. L’avevo già detto prima e lo ribadisco ora: potenzialmente abbiamo una formazione che può ambire a vincere il campionato».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved