KHACHANOV K. (RUS)
0
DJOKOVIC N. (SRB)
0
1 set
(3-3)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
LucHC Lions
1892
2
Faerjestad TS
1866
3
Drinkteam
1860
4
EHL Wolves
1838
5
KISS of DEATH
1801
6
HC KWAY
1787
7
AmStars
1786
8
Bidus
1786
9
H C LUPPOLO
1781
10
Rapid Mutzel 2
1780
ULTIME NOTIZIE Sport
CICLISMO
28 min

Giro di Lombardia, l’ultima passerella di Nibali e Valverde

Sabato pomeriggio a Como l’italiano e lo spagnolo metteranno fine a una carriera durata un ventennio. Pogacar alla caccia del bis
CALCIO
2 ore

Il Fc Chiasso prende posizione sulla sentenza del Tas

Il club sottocenerino precisa i termini della vicenda, la quale non avrà ripercussione sull’attuale gestione essendo di pertinenza della vecchia dirigenza
TRIATHLON
3 ore

Daniela Ryf cede il titolo mondiale dell’Ironman

Alle Hawaii la solettese ha chiuso all’ottavo posto, a 28’ dalla vincitrice, la statunitense Chelsea Sodaro
CALCIO
3 ore

Un morto negli scontri tra Gimnasia e Boca Juniors

A La Plata una persona è deceduta per infarto nel corso degli incidenti avvenuti sia all’esterno, sia all’interno dello stadio
calcio
9 ore

Haaland, il centravanti che polverizza i record

Ha segnato 14 reti (e tre triplette) in 8 partite di Premier League e 28 in 22 gare di Champions. Non ci si chiede più se batterà ogni primato, ma quando
calcio
15 ore

Giovedì europeo amaro per le svizzere

Zurigo demolito dal Psv Eindhoven, Basilea sorpreso dallo Slovan Bratislava
Hockey
18 ore

A Praga s’accendono i fari sulla Nhl. Con i russi in pista

Josi, Niederreiter e compagni pronti a dare spettacolo nell’avvio di stagione in Europa. A Denver si ricandidano per la Stanley, ma non sarà tanto facile
calcio
20 ore

Sei accuse per la tragedia allo stadio

Fra di loro tre poliziotti e il capo del comitato organizzatore della partita
hockey
21 ore

‘Ogni sera è una sfida, così è divertente’

Nick Shore si gode il buon inizio dell’Ambrì e l’alto livello del campionato. ‘Contro Kloten e Langnau bisognerà comunque dare il massimo’
CALCIO
22 ore

Il Chiasso perde la causa e non riceverà mezzo milione di euro

Lo ha deciso il Tas di Losanna nel contenzioso che opponeva la società rossoblù al Frosinone, per il trasferimento dell’olandese Rai Vloet
TENNIS
23 ore

Forfait di Belinda Bencic a Ostrava

La sangallese non disputerà l’ottavo di finale contro la ceca Krejcikova. Alla base della rinuncia, un infortunio al piede sinistro
CICLISMO
23 ore

Van Vleuten stella del primo Tour de Romandie femminile

Il meglio del parterre mondiale al via domani da Losanna per una corsa che si concluderà domenica a Ginevra
CORSA D'ORIENTAMENTO
1 gior

Il Ticino cerca la conferma nel Trofeo Arge Alp

Sabato e domenica in alta Val Carvina gareggeranno ben 600 atleti. La selezione rossoblù dovrà difendersi da Baviera, San Gallo, Trentino e Grigioni
20.12.2021 - 22:11

Quaranta minuti a trazione anteriore stendono il Davos

Sotto di due reti alla prima pausa, dal ventesimo il Lugano innesta la marcia superiore e centra il quinto successo consecutivo

quaranta-minuti-a-trazione-anteriore-stendono-il-davos
I bianconeri esultano: è il quinto successo consecutivo (Ti-Press)

È una partenza ad handicap quella che accusa il Lugano contro il Davos, che alla prima pausa ci arriva in ritardo di due reti. E che già dopo trentasei secondi è costretto a inseguire gli uomini di Wohlwend, passati a condurre le danze alla Cornèr Arena grazie a un zig-zag di Stransky tra le maglie della difesa bianconera concluso con un tiro sott’asta. L’azione è talmente fulminea che gli arbitri non se ne avvedono subito, lasciando proseguire l’azione per un altro paio di minuti. È solo allora che il gioco si interrompe, e dopo aver rivisto l’azione al video i gialloblù possono esultare. La rincorsa però dura mezzo minuto e spiccioli, perché all’1’06" Boedker in aggiramento della porta difesa da Sandro Aeschlimann pesca l’accorrente Morini che fa centro: 1-1. Negli istanti che seguono il gioco del Lugano si fa più concreto, al punto che gli uomini di McSorley sembrano in grado di prendere in mano le redini della partita. Colpiscono anche un palo con Riva, ma niente reti su quel fronte. Ne arrivano invece due su quello opposto: la prima la firma Pospisil, che insacca un disco buttato sullo slot a ritroso da Hammerer, e l’altra è a cura di Corvi a fil di sirena, con la complicità di un erroraccio di Fazzini in uscita dal terzo.

Partita ribaltata nel periodo centrale

Ciò che il Lugano non era riuscito a fare nei primi venti minuti, lo concretizza nel tempo di mezzo. In cui il momentum passa decisamente nelle mani dei pupilli di Chris McSorley. Al 26’20" Thürkauf dà ufficialmente avvio alla rinascita dei bianconeri, accorciando le distanze doo una verticalizzazione di Bertaggia, abile a impossessarsi di un disco all’altezza della linea blu. Il pareggio è cosa fatta poco dopo il giro di boa di metà partita: Arcobello vince l’ingaggio e serve il puck a Carr, il cui diagonale non lascia scampo ad Aeschlimann. Subito dopo i bianconeri vivono il loro momento più delicato del secondo tempo: tra il 32’57" e il 35’27" si ritrovano infatti in doppia inferiorità numerica. Centocinquanta interminabili secondo in cui il Davos piazza un assedio asfissiante, cozzando però ripetutamente contro la muraglia alzata da Schlegel. E al 38’19" arriva anche il sorpasso con un’entrata di Josephs dalla sinistra del portiere del Davos che viene battuto in velocità: 4-3, risultato con cui le due squadre riguadagnano lo spogliatoio per la seconda pausa.

Ed è ancora il numero 19 dei bianconeri a trovare il guizzo che al 42’42" permette al Lugano di andare in doppio vantaggio, mettendo in discesa i binari del confronto. Il Davos non vuol comunque saperne di mollare la presa, e allora ci pensa ancora una volta Schlegel a blindare la sua gabbia. Il 6-3 di Carr, al termine di un brillante due contro uno condotto da un Jospehs in formato extralusso mette la parola fine con largo anticipo al match: il Davos accorcia sì le distanze a 6’22" dal sessantesimo con Simic, ma da quel 6-4 non si schioderà infatti più.

Lugano - Davos (1-3 3-0 2-1) 6-4

Reti: 33" Stransky 0-1. 1’06" Morini (Boedker) 1-1. 9’55" Pospisil (Hammerer) 1-2. 18’50" Corvi (esp. Riva, Rasmussen) 1-3. 26’20" Thürkauf (Bertaggia) 2-3. 30’47" Carr (Arcobello/esp. Jung) 3-3. 38’19" Josephs (Arcobello) 4-3. 42’42" Josephs 5-3. 51’17" Carr (Josephs) 6-3. 53’38" Simic (Rasmussen) 6-4.

Lugano: Schlegel; Loeffel, Müller; Riva, Alatalo; Chiesa, Guerra; Wolf; Boedker, Herburger, Morini; Fazzini, Arcobello, Carr; Bertaggia, Thürkauf, Josephs; Vedova, Walker, Stoffel; Traber.

Davos: Aeschlimann; Stoop, Zgraggen; Nygren, Jung; Dominik Egli, Wellinger; Barandun; Schmutz, Chris Egli, Canova; Stransky, Rasmussen, Simic; Wieser, Corvi, Ambühl; Hammerer, Prassl, Pospisil.

Arbitri: Dipietro, Kaukokari (Fin); Wolf, Kehrli.

Note: 4’634 spettatori. Penalità: 9 x 2’ contro il Lugano; 6 x 2’ contro il Davos. Tiri in porta: 31-32 (5-12, 16-7, 10-13). Lugano senza Herren (infortunato), Hudacek, Irving, Nodari (soprannumero); Davos privo di Bromé, Frehner, Nussbaumer (infortunati), Heinen (ammalato), Knak, Parrée e Ritzmann (soprannumero). Pali: 1’31" Riva, 51’52" Boedker. Davos senza portiere dal 58’12" al 58’58”. Premiati quali migliori in pista Troy Josephs e Matej Stransky.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved