Ticino Rockets
1
Turgovia
3
2. tempo
(1-2 : 0-1)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Bidus
1512
2
KISS of DEATH
1505
3
Futti
1497
4
AmStars
1495
5
Sparta Becherovka
1492
6
LucHC Lions
1471
7
Furrioso
1447
8
Topshelfers
1445
9
HC Frauenkirch
1415
10
Whity Selection
1414
ULTIME NOTIZIE Sport
Formula 1
2 ore

Il digiuno non spaventa Lewis. ‘Se non vinco non casca il mondo’

Domenica si torna in pista a Singapore e il sei volte campione del mondo spera di non restare per la prima volta a secco. ‘Ho sei occasioni per provarci’
CALCIO
4 ore

Urs Fischer prolunga il contratto con l’Union Berlin

Il tecnico zurighese era giunto nella capitale tedesca nel 2018 e l’anno successivo aveva festeggiato la promozione nella Prima Bundesliga
TENNIS
5 ore

Bencic nei quarti di finale, Golubic eliminata

A Tallin la sangallese ha superato con qualche difficoltà la britannica Boulter, mentre la zurighese è stata sconfitta dalla ceca Muchova
CALCIO
6 ore

A due mesi dai Mondiali c’è chi sogna e chi ha gli incubi

Brasile e Argentina sembrano le selezioni più pronte. In Europa bene Spagna e Olanda, mentre per Francia e Inghilterra sono più i dubbi delle certezze
BMX FREESTYLE
8 ore

Il Park di Cadenazzo ospita i Campionati svizzeri

Sabato 1° ottobre (o domenica in caso di brutto tempo) al via una cinquantina di atleti, tra i quali la medaglia olimpica Nikita Ducarroz
Calcio
12 ore

Svizzera - Cechia: le pagelle

Sommer migliore in campo. Bene anche Widmer e Sow. Troppe imprecisioni e prestazione non perfetta per Elvedi
HOCKEY
21 ore

Il primo derby fa bello il Lugano. Bürgler: ‘Troppo impazienti’

I biancoblù iniziano bene, i bianconeri proseguono meglio. McSorley: ‘Col nostro gioco li abbiamo messi in difficoltà. Meritiamo di stare più in alto’
Calcio
21 ore

La Spagna espugna Braga e va alle Final-four

Nations League, il Portogallo è stato sconfitto in casa dagli iberici 1-0
CALCIO
22 ore

Una Svizzera poco brillante batte la Cechia e si salva

Nations League, i rossocrociati faticano ma alla fine si impongono con le reti di Freuler ed Embolo. Decisivo Sommer che para un rigore
hockey
22 ore

Il primo derby è tutto del Lugano

I bianconeri si impongono con autorità alla Gottardo Arena, grazie alla doppietta di Thürkauf e alle reti di Granlund e Andersson
laR
 
08.12.2021 - 19:11
Aggiornamento: 20:55

‘Proviamo un po’ di rabbia e frustrazione’

Giacomo Dal Pian commenta così la sconfitta rimediata dall’Ambrì Piotta contro il Langnau. ‘Cercheremo di portare questa rabbia nel derby’

proviamo-un-po-di-rabbia-e-frustrazione
Ti-Press
Heim impegna Mayer

Un punto in tre partite. Si chiude così il filotto di impegni ravvicinati che ha visto l’Ambrì Piotta affrontare Zurigo, Davos e Langnau nel breve spazio di quattro giorni. Dopo le due battute d’arresto del weekend, ieri alla Gottardo Arena è arrivata infatti la terza sconfitta consecutiva, patita per mano dei tigrotti. «A livello di sensazioni, come squadra, proviamo un po’ di rabbia e di frustrazione» racconta Giacomo Dal Pian. «Abbiamo trovato una bella reazione sul ghiaccio nei minuti finali, ma non è bastata. Avessimo avuto la stessa energia dell’ultima frazione per tutta la partita, probabilmente avremmo vinto. Non possiamo permetterci di incassare cinque gol in un tempo: dobbiamo lavorare duramente per concedere meno reti ai nostri avversari. Sembra una frase fatta, ma è così». Per i leventinesi è ora tempo di derby, il quinto stagionale, da disputare in casa. «È una partita a sé, molto speciale, nella quale non ci sono né favoriti né sfavoriti. Credo che ci possa aiutare a sfogare un po’ di rabbia accumulata nelle recenti sfide, mettendola in pista. Non partiamo sicuramente svantaggiati, anche se siamo in un periodo in cui non otteniamo molti punti». In ogni caso «abbiamo due incontri prima della sosta e dobbiamo dare tutto per cercare di vincerli entrambi».

Autore martedì della sua prima rete stagionale, Dal Pian può ora guardare al futuro con fiducia, dopo un avvio di stagione non semplice. «A inizio campionato ho subìto una commozione cerebrale, che mi ha costretto a stare fuori un mese e mezzo. Una volta rientrato, dopo aver disputato pochi match, mi sono strappato un adduttore. È stato difficile a livello personale: altri due mesi di stop, tante partite perse...». Poi, a Biasca, «ho potuto recuperare un po’ di ritmo. Ora mi sento bene, sono a disposizione della squadra e pronto ad aiutare il gruppo e a dare il mio contributo» conclude il numero 14.

Per l’Ambrì è ora imperativo ripartire da quanto di buono fatto nel terzo tempo con il Langnau, in modo da preparare al meglio il doppio impegno del fine settimana. «Abbiamo già iniziato a lavorare in funzione del derby e vedremo di farci trovare pronti per il weekend. Si tratta dell’ultimo sforzo, dato che poi ci attenderà un periodo di pausa lungo dodici giorni» spiega l’allenatore dei biancoblù Luca Cereda. «Quella con i Tigers è stata un po’ la partita della paura, per tutti, e lo si è percepito chiaramente dopo il loro primo gol, quando si è visto che stavano rientrando in partita. È una lezione che può rappresentare la nostra stagione: ci sono dei momenti in cui giochiamo bene, anche molto bene, e altri in cui invece scappiamo via dai valori del nostro club. Quando si mettono sul ghiaccio quei valori, si può avere successo. Ora dobbiamo compiere questo passo tutti assieme, come gruppo». Il rilancio deve quindi passare dal collettivo. «Nei momenti difficili si deve rimanere uniti e andare avanti. Se guardiamo alle caratteristiche di questa valle, è una regione di contadini. Il contadino, dopo una giornata dura, si alza alle cinque del mattino e va a lavorare, indipendentemente dalle condizioni atmosferiche e da quello che è successo la sera prima. Ed è esattamente quello che faremo noi», termina Cereda.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved