Seattle Kraken
2
NAS Predators
4
fine
(1-1 : 1-2 : 0-1)
VAN Canucks
2
EDM Oilers
3
fine
(0-0 : 2-0 : 0-2 : 0-1)
Seattle Kraken
2
NAS Predators
4
fine
(1-1 : 1-2 : 0-1)
VAN Canucks
2
EDM Oilers
3
fine
(0-0 : 2-0 : 0-2 : 0-1)
contro-il-davos-ci-e-mancato-un-po-di-tutto
Festeggiano i gialloblù (Keystone)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
9490
2
Maxim la biere
9472
3
25 Francs trop cher
8877
4
Iselis Punktebuebe
8868
5
Team Gobbi
8826
6
ADTC
8720
7
Wild Hogs
8704
8
BalaBala
8638
9
TrigoAce2
8630
10
Matterhorn1
8629
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
1 ora

Da Lima a Yaoundé, quante tragedie legate al calcio

Disordini tra tifosi, strutture fatiscenti, sicurezza e forze dell’ordine inadeguate, fatalità: il dramma in Camerun è solo l’ultimo di una lunga lista
Hockey
8 ore

Ambrì sconfitto a Zurigo con onore e ripreso dal Berna

I Lions fanno la differenza nell’ultimo periodo dopo l’1-1 al termine dei primi due tempi. In classifica i leventinesi cedono agli Orsi il decimo posto.
Hockey
8 ore

A Zugo un martedì pazzo, che al Lugano frutta un punto

Serata incredibile alla BossardArena, in cui succede di tutto, decisa da Hansson al supplementare. Con i bianconeri che, però, perdono Schlegel
Sci
8 ore

A Schladming 7 elvetici a punti, ma lontani da Linus Strasser

Il tedesco si impone nello slalom sulla Planai precedendo il norvegese McGrath e l’austriaco Feller. Tanguy Nef (decimo) miglior rossocrociato.
Calcio
8 ore

Roy Hodgson ci ripensa: dovrà salvare il Watford

A 74 anni e 188 giorni l’ex selezionatore della Svizzera prende il posto dell’esonerato Claudio Raineri e diventa il più anziano allenatore della Premier.
L'ANGOLO DELLE BOCCE
13 ore

Buona la prima per Eichenberger-Gianinazzi

Grande inizio di stagione per la coppia dell’Ideal Coldrerio. A Cavergno ha battuto 12-0 Rossi - Lorenzetti (Torchio)
Gallery
Tennis
14 ore

Australian Open, Nadal-Berrettini in semifinale

Rafa ha sconfitto Shapovalov in cinque set, l’azzurro ha fatto lo stesso contro il francese Monfils. Donne, avanti Ashleigh Barty e Madison Keys
sci alpino
16 ore

Sara Hector vince il gigante a Plan de Corones

Male le elvetiche: la rossocrociata meglio piazzata è Andrea Hellenberger, 19esima
tiri liberi
16 ore

3x3 in rampa di lancio. Quali ripercussioni sulle Nazionali?

Nelle selezioni delle squadre 3x3 tanti giocatori nel giro anche della Nazionale maggiore. A quali competizioni dare la priorità?
Hockey
 
05.12.2021 - 22:310

‘Contro il Davos ci è mancato un po’ di tutto’

Kneubuehler torna sulla sconfitta dell’Ambrì in casa dei grigionesi. ‘Stanchi dal giorno prima? No, è più mentalmente che non eravamo pronti”

Davos – Rispetto allo scorso weekend, è un passo avanti. Almeno sul piano qualitativo, l’Ambrì Piotta ha fatto meglio. Ma non abbastanza per raccogliere più di quel punto agguantato sabato contro lo Zurigo. Perché dalla trasferta domenicale di Davos i leventinesi tornano a mani vuote, condannati da un’entrata in materia complicata, che li vede incassare due reti nei primi otto minuti del confronto. Un gap che, malgrado una prova in crescendo per il resto della partita, gli uomini di Luca Cereda non riusciranno più a recuperare. «Se abbiamo qualcosa da recriminare sulle nostre prestazioni del fine settimana, questo a mio modo di vedere riguarda più la nostra prova qui a Davos piuttosto che quella contro i Lions – analizza Johnny Kneubuehler –. Contro lo Zurigo abbiamo giocato meglio, al punto che meritavamo anche più di quel punto che ci è rimasto in mano al termine del confronto. Oggi, invece, avremmo sicuramente dovuto fare di più. È frustrante perdere così, perché avremmo voluto e potuto fare meglio...».

Fatali, a Davos, sono stati i primi otto minuti di gioco, quelli che, come detto, hanno permesso agli uomini di Wohlwend di scavare quel divario che poi si è rivelato incolmabile malgrado i generosi sforzi di Kneubuehler e compagni. C’era forse nelle gambe qualche tossina non del tutto smaltita dopo la partita del giorno prima? «Mah, non credo. Sarebbe troppo facile aggrapparci a questa scusa per trovare un alibi per la nostra prestazione. Non è perché eravamo reduci da una partita il giorno prima, mentre i nostri avversari hanno riposato, o per la trasferta in quota che abbiamo perso, ma piuttosto perché all’inizio del confronto non eravamo sufficientemente pronti dal profilo mentale. È lì che avremmo dovuto fare il ‘click’ giusto».

Il numero 11 dei leventinesi traccia poi un bilancio complessivo del weekend: «Sabato abbiamo giocato bene, a tratti anche meglio dello Zurigo. A bocce ferme, quel punto frutto della sconfitta all’overtime ci sta anche stretto. Oggi, invece, non possiamo essere contenti di come siano andate le cose». L’impressione, da fuori, è che a Davos sia mancata in particolare quell’esplosività che vi aveva permesso di mettere alle strette lo Zurigo meno di 24 ore prima. «È mancato quello, ma diverse altre cose; un po’ di tutto quasi. Abbiamo messo anche meno intensità nelle nostre giocate, siamo stati meno duri sui check e abbiamo tirato troppo poco. Questo senza nulla voler togliere ai nostri avversari, molto bravi e veloci». Tolta la prima parte del periodo iniziale, la partita si è comunque fatta sensibilmente più equilibrata: «Sì, se facciamo astrazione dall’inizio tutto in salita, questo confronto lo potevamo vincere anche noi. Nello spogliatoio, alla prima pausa, ci siamo detti che questa partita la potevamo ancora girare, e ci abbiamo appunto provato. Ed è proprio per il fatto che una certa reazione ci sia stata che fa ancora più male una sconfitta così».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved