BENCIC B. (SUI)
0
ANISIMOVA A. (USA)
1
2 set
(2-6 : 3-4)
BENCIC B. (SUI)
0
ANISIMOVA A. (USA)
1
2 set
(2-6 : 3-4)
due-reti-in-otto-minuti-e-game-over-per-l-ambri-piotta
Sorride agli uomini di Wohlwend la domenica hockeistica (Keystone)
+4
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
8798
2
Maxim la biere
8736
3
25 Francs trop cher
8319
4
Iselis Punktebuebe
8127
5
TrigoAce2
8117
6
BalaBala
8036
7
Wild Hogs
7977
8
BLACKHAWKS-MAF_miguelpiccand
7950
9
ADTC
7880
10
HC Aspi Capitals
7876
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
8 min

Jil Teichmann si inchina a Victoria Azarenka

La svizzera ha perso 6–1 6–2 contro la ex numero uno al mondo
Hockey
10 ore

Non è un martedì facile, ma il Lugano torna a sorridere

Traber e Bertaggia spianano la strada, ma poi i bianconeri debbono fare i conti con il ritorno dell’Ajoie, prima di centrare la prima vittoria del 2022
Podismo
15 ore

Lukas Oehen e Giulia Salvadé vincono il cross di Bellinzona

Gab protagonista con cinque vittorie nella quinta prova di Coppa Ticino Ftal Aet che ha lanciato l’annata 2022. In evidenza anche Rcb e Sab.
Bob
15 ore

Follador chiude la stagione tra i migliori d’Europa

Grazie anche alle prestazioni del pilota del Bcsi (con il frenatore Nicola Mariani), la Svizzera ritorna tra le prime quattro nazioni al mondo
L’angolo delle bocce
15 ore

Si riprende a giocare da Cavergno con una gara a coppie

Stagione 2022 al via domenica con una sfida regionale proposta dalle bocciofile Stella di Locarno e Verzaschesi di Gordola
NUOTO
16 ore

Dominio azzurro nel Meeting del Ceresio

Solo 12 delle 78 medaglie in palio sono andate ai ticinesi. Tra gli atleti di casa, in evidenza Tamas Terner ed Emanuele Brivio
Unihockey
16 ore

Weekend da 6 punti, playoff più vicini per il Ticino

La squadra di Tomatis ha battuto Grünenmatt (9-7 in trasferta) e Sarganserland (8-3 all’Arti&Mestieri) ed è quarta in classifica
Hockey
16 ore

Alatalo, Loeffel, Müller, Fora e Simion voleranno a Pechino

Resi noti i 25 ‘eletti’ che Patrick Fischer porterà alle Olimpiadi. Obiettivo dichiarato della Svizzera: le semifinali
Sci nordico
17 ore

Ai Campionati nazionali l’oro va a Fähndrich e Steiner

Nello sprint vittorie di Van der Graaf e Riebli. Progressi per il ticinese Alessandro Vanzetti, dodicesimo e diciannovesimo
Tennis
17 ore

Murray l’inossidabile batte Basilashvili in cinque set

Il britannico è di ritorno a Melbourne a tre anni di distanza da quella che avrebbe dovuto essere l’ultima partita della carriera
Basket
17 ore

Senza alcun senso la formula della Coppa

Il sorteggio libero è anacronistico e sfavorisce troppo le squadre di categoria inferiore. Domani in campionato torna in campo (a Monthey) la Sam Massagno
Tennis
1 gior

Niente impresa per Henri Laaksonen, battuto da Medvedev

Il russo, numero 2 al mondo, mette fine ai sogni di gloria dello sciaffusano agli Australian Open. Eliminate anche Vögele e Golubic
05.12.2021 - 18:050

Due reti in otto minuti e game over per l’Ambrì Piotta

Il Davos segna due gol in avvio di confronto, poi controlla il match e mette le mani sul successo, condannando i leventinesi alla resa

Più che di una seconda domenica dell’Avvento, quella dell’Ambrì Piotta sembra assumere subito i contorni di una domenica della Passione. I biancoblù si presentano infatti sul ghiaccio di Davos senza quell’esplosività che la sera prima aveva permesso di strappare un punto allo Zurigo. E forse, proprio quello sforzo finisce con rappresentare un handicap della sfida contro i grigionesi. Con Ciaccio fra i pali a rilevare l’acciaccato Conz (infortunatosi sul rigore parato il giorno prima), e con il rientrante Kozun (stavolta lo straniero sacrificato è D’Agostini), la formazione di Luca Cereda al 4’10” si ritrova già costretta a inseguire, complice il gol di Wieser al primo vero affondo della compagine di Wohlwend. Che, poi, continua la sua martellante azione. Non riesce a capitalizzare la superiorità numerica generata da uno sgambetto di Grassi, ma colpisce subito dopo, con Knak. A quel punto Cereda corre ai ripari e chiama il timeout, ma il copione del primo periodo non cambia, con i gialloblù che macinano occasioni su occasioni, con i vari Stoop, Simic, Ambühl, Stransky e Dominik Egli. Sull’altro fronte, l’entrata in materia di Aeschlimann è piuttosto soft.

È un Ambrì finalmente più battagliero quello che si rivede in pista dopo la prima pausa. Piano piano, anche gli ospiti iniziano a macinare gioco e occasioni. Come quella che capita a Zaccheo Dotti al 28’38”, la cui cannonata trova però pronta la risposta di Aeschlimann. Poco dopo i biancoblù si ritrovano per quasi tre minuti e mezzo in superiorità numerica (doppia per diciotto secondi), ma non basta loro per schiodarsi dallo zero alla voce gol segnati. Il Davos non smette comunque di pungere con le sue ficcanti azioni, soprattutto con Ambühl, che al 38’54”, dopo un pregevole lavoro preparatorio di Stransky, sbaglia un gol quasi fatto, ripetendosi poi con un rasoghiaccio poco più tardi. Il secondo tempo si chiude però con l’Ambrì Piotta nuovamente all’offensiva, ancora una volta però sterile.

Il tempo passa, ma i biancoblù sembrano non riuscire a cambiare marcia per riaprire in tutto e per tutto il confronto, McMillan, forse uno dei più ispirati nelle file della compagine ospite, ci prova più volte, ma senza peraltro trovare il 2-1 che rimetterebbe in corsa i suoi. A complicare le cose per i leventinesi arriva poi la penalità rimediata da Bürgler a dieci minuti e spiccioli dal sessantesimo. Opportunità che i grigionesi non sfruttano, ma che permette loro di guadagnare prezioso tempo. Stransky, a quattro minuti e mezzo dalla terza sirena si ritrova sul bastone l’occasione per chiudere definitivamente i conti, ma il suo tiro va a spegnersi di poco a lato. Subito dopo Isacco Dotti si fa mandar fuori per uno sgambetto, costringendo Cereda a posticipare l’assalto finale. Che comincia al 57’42” con i biancoblù addirittura a 6 contro 4 per l’espulsione di Stransky. Ma nemmeno questo farà cambiare il risultato finale, con il Davos che si impone così 2-0.

Davos - Ambrì Piotta (2-0 0-0 0-0) 2-0

Reti: 4’10” Wieser (Wellinger) 1-0. 8’00” Knak (Schmutz, Chris Egli) 2-0.

Davos:¬ Aeschlimann; Nygren, Heinen; Dominik Egli, Wellinger; Zgraggen, Jung; Stoop, Barandun; Stransky, Rasmussen, Simic; Wieser, Corvi, Ambühl; Schmutz, Chris Egli, Prassl; Knak, Canova, Ritzmann.

Ambrì Piotta: Ciaccio; Zaccheo Dotti, Isacco Dotti; Hietanen, Burren; Fohrler, Fischer; Hächler, Pezzullo; Kozun, Regin, McMillan; Incir, Kostner, Bianchi; Bürgler, Heim, Kneubuehler; Pestoni, Grassil, Trisconi.

Arbitri: Tscherrig, Stolc (A); Obwegeser, Huguet.

Note: 4’755 spettatori. Penalità: 4 x 2’ contro il Davos; 5 x 2’ contro l’Ambrì Piotta. Tiri in porta: 30-30 (12-4 5-17 13-9). Davos senza Bromé, Frehner, Nussbaumer e Senn (infortunati); Ambrì Piotta privo di Conz, Fora, Zwerger (infortunati), D’Agostini (soprannumero) e Dal Pian (Rockets). All’8’00” timeout Ambrì Piotta. Ambrì Piotta senza portiere dal 57’42” e fino al termine. Premiati quali migliori in pista Simon Knak e Damiano Ciaccio.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved