Napoli
3
Torino
1
2. tempo
(3-1)
KREJCIKOVA B. (CZE)
2
BENCIC B. (SUI)
1
fine
(6-7 : 7-6 : 6-2)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
LucHC Lions
1647
2
AmStars
1630
3
numenumeBiel
1588
4
EHL Wolves
1578
5
Futti
1569
6
Bidus
1560
7
Egetswiler Flyers
1559
8
Sparta Becherovka
1558
9
Topshelfers
1557
10
KISS of DEATH
1556
ULTIME NOTIZIE Sport
motociclismo
8 min

Prima pole in MotoGP per Marco Bezzecchi

Tris Ducati in prima fila. Il pilota italiano della VR46 scatterà davanti a Jorge Martìn e Francesco Bagnaia.
Hockey
13 min

Marco Müller (Hcl) fuori fra le due e tre settimane

La decisione dopo gli esami strumentali per valutare l’infortunio riportato nel corso della partita alla Cornèr Arena contro il Kloten
Hockey
6 ore

Ambrì-Piotta in emergenza infortuni: arriva Dario Wüthrich

Il difensore in prestito al club leventinese fino alla fine di dicembre: già a disposizione con la partita contro il Rapperswil
hockey
16 ore

A Lugano tornano le luci spente. ‘Cambiamo registro’

Cornèr Arena espugnata (per la terza volta) anche dal neopromosso Kloten. Herburger: ‘Dopo il derby pensavamo di aver intrapreso la strada giusta’.
HCL
17 ore

A Lugano si chiude tra i fischi. Con la vittoria del Kloten

Dopo le buone impressioni nel derby, i bianconeri cadono di fronte agli Aviatori, che alla Cornèr Arena centrano il loro primo successo stagionale
BOXE
18 ore

Colombia, morire sul ring a venticinque anni

Luis Quiñones non ce l’ha fatta: aveva combattuto sabato per il titolo nazionale dei pesi superleggeri, è morto a causa di un trauma cranico encefalico
Tennis
20 ore

Sofia, Hüsler non si ferma: sfiderà Musetti in semifinale

Numero uno elvetico dopo il ritiro di Federer, il ventiseienne mancino zurighese elimina il polacco Majchrzak dopo aver saputo cancellare due matchpoint
CALCIO
21 ore

Cornaredo, un fortino da tornare a difendere

Il Lugano riprende il cammino in Super League ospitando il Servette, rivelazione di inizio stagione. Assenti, tra gli altri, Bottani e Celar
FORMULA 1
21 ore

La Red Bull sfora il budget cap, a Singapore scoppia la bomba

In regola, invece, Ferrari e Mercedes. Occorrono regole più chiare e semplici. Intanto, Verstappen potrebbe diventare campione del mondo già domenica
RALLY
22 ore

Balerna, con la prova spettacolo s’accendono i fari sul rally

Stasera s’inaugura l’edizione 2022 della Ronde ticinese, che vivrà il momento ‘clou’ domani a Isone. Meno iscritti del solito? ‘È anche colpa dell’euro’
Tennis
23 ore

Belinda è in semifinale a Tallinn: sfiderà Krejcikova

La sangallese in Estonia per la quarta volta in stagione arriva alla fase decisiva di un torneo Wta, sconfiggendo in due set la croata Vekic
MOTOCICLISMO
1 gior

A partire dal 2023 la MotoGp sbarcherà in India

Lo ha annunciato la Dorna che nei giorni scorsi aveva ufficializzato una tappa anche in Kazakistan
05.12.2021 - 18:05

Due reti in otto minuti e game over per l’Ambrì Piotta

Il Davos segna due gol in avvio di confronto, poi controlla il match e mette le mani sul successo, condannando i leventinesi alla resa

due-reti-in-otto-minuti-e-game-over-per-l-ambri-piotta
Sorride agli uomini di Wohlwend la domenica hockeistica (Keystone)
+4

Più che di una seconda domenica dell’Avvento, quella dell’Ambrì Piotta sembra assumere subito i contorni di una domenica della Passione. I biancoblù si presentano infatti sul ghiaccio di Davos senza quell’esplosività che la sera prima aveva permesso di strappare un punto allo Zurigo. E forse, proprio quello sforzo finisce con rappresentare un handicap della sfida contro i grigionesi. Con Ciaccio fra i pali a rilevare l’acciaccato Conz (infortunatosi sul rigore parato il giorno prima), e con il rientrante Kozun (stavolta lo straniero sacrificato è D’Agostini), la formazione di Luca Cereda al 4’10” si ritrova già costretta a inseguire, complice il gol di Wieser al primo vero affondo della compagine di Wohlwend. Che, poi, continua la sua martellante azione. Non riesce a capitalizzare la superiorità numerica generata da uno sgambetto di Grassi, ma colpisce subito dopo, con Knak. A quel punto Cereda corre ai ripari e chiama il timeout, ma il copione del primo periodo non cambia, con i gialloblù che macinano occasioni su occasioni, con i vari Stoop, Simic, Ambühl, Stransky e Dominik Egli. Sull’altro fronte, l’entrata in materia di Aeschlimann è piuttosto soft.

È un Ambrì finalmente più battagliero quello che si rivede in pista dopo la prima pausa. Piano piano, anche gli ospiti iniziano a macinare gioco e occasioni. Come quella che capita a Zaccheo Dotti al 28’38”, la cui cannonata trova però pronta la risposta di Aeschlimann. Poco dopo i biancoblù si ritrovano per quasi tre minuti e mezzo in superiorità numerica (doppia per diciotto secondi), ma non basta loro per schiodarsi dallo zero alla voce gol segnati. Il Davos non smette comunque di pungere con le sue ficcanti azioni, soprattutto con Ambühl, che al 38’54”, dopo un pregevole lavoro preparatorio di Stransky, sbaglia un gol quasi fatto, ripetendosi poi con un rasoghiaccio poco più tardi. Il secondo tempo si chiude però con l’Ambrì Piotta nuovamente all’offensiva, ancora una volta però sterile.

Il tempo passa, ma i biancoblù sembrano non riuscire a cambiare marcia per riaprire in tutto e per tutto il confronto, McMillan, forse uno dei più ispirati nelle file della compagine ospite, ci prova più volte, ma senza peraltro trovare il 2-1 che rimetterebbe in corsa i suoi. A complicare le cose per i leventinesi arriva poi la penalità rimediata da Bürgler a dieci minuti e spiccioli dal sessantesimo. Opportunità che i grigionesi non sfruttano, ma che permette loro di guadagnare prezioso tempo. Stransky, a quattro minuti e mezzo dalla terza sirena si ritrova sul bastone l’occasione per chiudere definitivamente i conti, ma il suo tiro va a spegnersi di poco a lato. Subito dopo Isacco Dotti si fa mandar fuori per uno sgambetto, costringendo Cereda a posticipare l’assalto finale. Che comincia al 57’42” con i biancoblù addirittura a 6 contro 4 per l’espulsione di Stransky. Ma nemmeno questo farà cambiare il risultato finale, con il Davos che si impone così 2-0.

Davos - Ambrì Piotta (2-0 0-0 0-0) 2-0

Reti: 4’10” Wieser (Wellinger) 1-0. 8’00” Knak (Schmutz, Chris Egli) 2-0.

Davos:¬ Aeschlimann; Nygren, Heinen; Dominik Egli, Wellinger; Zgraggen, Jung; Stoop, Barandun; Stransky, Rasmussen, Simic; Wieser, Corvi, Ambühl; Schmutz, Chris Egli, Prassl; Knak, Canova, Ritzmann.

Ambrì Piotta: Ciaccio; Zaccheo Dotti, Isacco Dotti; Hietanen, Burren; Fohrler, Fischer; Hächler, Pezzullo; Kozun, Regin, McMillan; Incir, Kostner, Bianchi; Bürgler, Heim, Kneubuehler; Pestoni, Grassil, Trisconi.

Arbitri: Tscherrig, Stolc (A); Obwegeser, Huguet.

Note: 4’755 spettatori. Penalità: 4 x 2’ contro il Davos; 5 x 2’ contro l’Ambrì Piotta. Tiri in porta: 30-30 (12-4 5-17 13-9). Davos senza Bromé, Frehner, Nussbaumer e Senn (infortunati); Ambrì Piotta privo di Conz, Fora, Zwerger (infortunati), D’Agostini (soprannumero) e Dal Pian (Rockets). All’8’00” timeout Ambrì Piotta. Ambrì Piotta senza portiere dal 57’42” e fino al termine. Premiati quali migliori in pista Simon Knak e Damiano Ciaccio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved