HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Bidus
1512
2
KISS of DEATH
1505
3
Futti
1497
4
AmStars
1495
5
Sparta Becherovka
1492
6
LucHC Lions
1471
7
Furrioso
1447
8
Topshelfers
1445
9
HC Frauenkirch
1415
10
Whity Selection
1414
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
23 min

Anbrì-Piotta in emergenza infortuni: arriva Dario Wüthrich

Il difensore in prestito al club leventinese fino alla fine di dicembre: già a disposizione con la partita contro il Rapperswil
hockey
10 ore

A Lugano tornano le luci spente. ‘Cambiamo registro’

Cornèr Arena espugnata (per la terza volta) anche dal neopromosso Kloten. Herburger: ‘Dopo il derby pensavamo di aver intrapreso la strada giusta’.
HCL
11 ore

A Lugano si chiude tra i fischi. Con la vittoria del Kloten

Dopo le buone impressioni nel derby, i bianconeri cadono di fronte agli Aviatori, che alla Cornèr Arena centrano il loro primo successo stagionale
BOXE
12 ore

Colombia, morire sul ring a venticinque anni

Luis Quiñones non ce l’ha fatta: aveva combattuto sabato per il titolo nazionale dei pesi superleggeri, è morto a causa di un trauma cranico encefalico
Tennis
14 ore

Sofia, Hüsler non si ferma: sfiderà Musetti in semifinale

Numero uno elvetico dopo il ritiro di Federer, il ventiseienne mancino zurighese elimina il polacco Majchrzak dopo aver saputo cancellare due matchpoint
CALCIO
15 ore

Cornaredo, un fortino da tornare a difendere

Il Lugano riprende il cammino in Super League ospitando il Servette, rivelazione di inizio stagione. Assenti, tra gli altri, Bottani e Celar
FORMULA 1
15 ore

La Red Bull sfora il budget cap, a Singapore scoppia la bomba

In regola, invece, Ferrari e Mercedes. Occorrono regole più chiare e semplici. Intanto, Verstappen potrebbe diventare campione del mondo già domenica
RALLY
16 ore

Balerna, con la prova spettacolo s’accendono i fari sul rally

Stasera s’inaugura l’edizione 2022 della Ronde ticinese, che vivrà il momento ‘clou’ domani a Isone. Meno iscritti del solito? ‘È anche colpa dell’euro’
Tennis
17 ore

Belinda è in semifinale a Tallinn: sfiderà Krejcikova

La sangallese in Estonia per la quarta volta in stagione arriva alla fase decisiva di un torneo Wta, sconfiggendo in due set la croata Vekic
MOTOCICLISMO
22 ore

A partire dal 2023 la MotoGp sbarcherà in India

Lo ha annunciato la Dorna che nei giorni scorsi aveva ufficializzato una tappa anche in Kazakistan
BASKET
22 ore

Molti volti nuovi per il derby tra Tigers e Spinelli

Le due ticinesi in campo domani all’Elvetico nella prima giornata di un campionato che vede l’Olympic Friborgo quale grande favorito
Calcio
1 gior

Rabbia Mihajlovic, gioia Pollero

Sentimenti contrastanti a Bellinzona, con l’uruguagio che diventerà papà di una bimba e il ticinese che vorrebbe disporre di strutture migliori
laR
 
28.11.2021 - 18:10
Aggiornamento: 19:13

‘È un’altra bastonata. Non tutta meritata, ma in parte sì’

Daniele Grassi torna sulla rocambolesca sconfitta contro lo Zugo. ‘Sull’arco di tutto l’incontro abbiamo commesso tanti errori evitabili’

e-un-altra-bastonata-non-tutta-meritata-ma-in-parte-si
Kostner prova a liberarsi di Kovar (Ti-Press)

Altro che Black Friday. Quello che si è appena lasciato alle spalle l’Ambrì Piotta è un autentico Black Weekend. Perché dopo il boccone amaro che gli uomini di Luca Cereda avevano dovuto masticare venerdì a Bienne, ne ha fatto seguito uno se possibile ancora più indigesto ventiquattr’ore più tardi allo Stadio Multifunzionale, dove lo Zugo ha saputo ribaltare una partita che dopo otto minuti di gioco lo vedeva addirittura sotto di quattro gol. E così il fine settimana di fuoco dei leventinesi si chiude senza punti, ma, soprattutto, con tanto rammarico. «Sì, la sconfitta contro lo Zugo fa male, e parecchio, soprattutto pensando a come si era messa la partita nei primi minuti – ammette senza tanti giri di parole il capitano dei biancoblù Daniele Grassi –. A far male sono in particolare i gol incassati: sei sono tanti... Non puoi sperare di vincere una partita subendo così tante reti. Questa è indubbiamente un’altra bastonata; forse non ce la meritiamo tutta, ma un po’, a onor del vero, sì: sull’arco di tutto l’incontro abbiamo commesso diversi errori evitabili... Non è facile voltar pagina, ma dobbiamo cercare di relativizzare un po’ il tutto. D’accordo, quella di sabato era la nostra quarta sconfitta in serie, ma non dobbiamo abbatterci. Anzi, adesso è il momento in cui la squadra deve unirsi, unire le forze per dare quel qualcosa in più. Ognuno lo deve fare. Quando le cose vanno così, non possiamo che abbassare la testa e lavorare ancora più sodo; ciò che possiamo fare ora è prendere questa delusione e trasformarla in rabbia, per andare a Zugo già martedì per cercare di vendicare questo sgarbo». Ti sei dato una spiegazione di come sia stato possibile il come-back dei campioni svizzeri? C’è forse stata un po’ troppa supponenza da parte vostra dopo esservi portati sul 4-0? «No, non penso che abbiamo mollato la presa dopo aver segnato il quarto gol. Penso piuttosto che siamo stati colpevolmente troppo poco attenti in diverse situazioni di gioco, e ancora una volta siamo stati puniti duramente». Un po’ lo stesso copione che si era verificato il giorno prima a Bienne e in diverse altre partite... «Già... Il bilancio del weekend non può dunque che essere negativo. Volevamo riscattarci dal fine settimana precedente, chiuso a mani vuote, e invece agli archivi ne consegniamo uno con un bilancio analogo. Puntavamo a fare dei passi avanti, ma a bocce ferme direi che solo in parte siamo riusciti a farne».

Un passo avanti che la squadra dovrebbe fare, alla luce di quanto capitato sabato, sembra essere quello della gestione del vantaggio: «Sabato è stata una partita per certi versi anomala. Non capita tutti i giorni che dopo otto minuti ti ritrovi già sul 4-0. Sicuramente queste situazioni dobbiamo imparare a gestirle molto meglio; perché perdere così fa male, e in più si sprecano punti ed energie per nulla. Sotto questo punto di vista dobbiamo sicuramente crescere e maturare». Può essere che proprio il fatto che siate riusciti a piazzare un poker così velocemente abbia in un certo senso influito negativamente sull’atteggiamento con cui avete affrontato il resto della partita? «Volevamo iniziare subito forte la partita, e ci eravamo anche riusciti. Non penso che il fatto di aver trovato così velocemente il quadruplo vantaggio ci abbia condizionati, ma come purtroppo spesso è accaduto in stagione, anche sabato abbiamo peccato di continuità sull’arco dei sessanta minuti. Venerdì questo calo nel rendimento l’avevamo accusato nel primo tempo, contro lo Zugo, invece, è stato nel periodo centrale e parte del terzo».

Quanto pesa l’assenza di un giocatore come Fora, elemento capace di dare stabilità a tutto il reparto arretrato, oltre che di fornire impulsi pure importanti in attacco? «Mike è un giocatore importantissimo sul nostro scacchiere, capace di dare una bella sicurezza in difesa: la sua assenza si fa indubbiamente sentire. D’altro canto gli infortuni fanno parte dell’ordine delle cose in una stagione; è l’occasione per altri di avere più spazio, ma anche di farsi carico di maggiori responsabilità per alzare il livello della squadra».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved