NJ Devils
2
LA Kings
3
fine
(2-1 : 0-1 : 0-1)
Seattle Kraken
0
FLO Panthers
1
1. tempo
(0-1)
VAN Canucks
STL Blues
04:00
 
NJ Devils
2
LA Kings
3
fine
(2-1 : 0-1 : 0-1)
Seattle Kraken
0
FLO Panthers
1
1. tempo
(0-1)
VAN Canucks
STL Blues
04:00
 
l-amarezza-di-boedker-potevamo-e-dovevamo-vincere
Esulta Marchon: il Friborgo capolista passa anche alla Cornèr Arena (Ti-Press)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Maxim la biere
9472
2
TrigoAce1
9448
3
Iselis Punktebuebe
8868
4
25 Francs trop cher
8833
5
Team Gobbi
8782
6
ADTC
8669
7
Wild Hogs
8660
8
BalaBala
8597
9
Matterhorn1
8595
10
TrigoAce2
8588
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci
8 ore

Lesione parziale al legamento del ginocchio, ma Goggia non molla

La bergamasca nella caduta a Cortina ha subìto pure una piccola frattura del perone ma assicura che proverà a difendere il titolo olimpico di discesa
BASKET
8 ore

Come da copione, vince la Sam, perde il Lugano

La Spinelli passa senza grossi problemi a Boncourt, mentre i Tigers sono costretti a cedere di fronte alla prima forza del campionato
CALCIO
10 ore

‘Siamo pronti per affrontare i campioni svizzeri’

Mattia Croci-Torti soddisfatto della vittoria in amichevole contro il Chiasso, nonostante qualche assenza: ‘Lunedì rientra Amoura dalla Coppa d’Africa’
RALLY
11 ore

Loeb trionfa a Montecarlo. Mai nessuno come lui

A quasi 48 anni il campione alsaziano diventa il pilota più vecchio ad aver vinto nel Wrc, cogliendo nel Principato il suo ottantesimo trionfo
PALLANUOTO
11 ore

Buon punto per gli Sharks a Ginevra

La compagine luganese costringe al pareggio il Carouge (11-11). Esordio positivo per coach Argentiero
BIATHLON
12 ore

Anche senza Weger, settimo posto per la staffetta

Ad Anterselva, pur in assenza del suo leader la Svizzera ottiene il miglior risultato stagionale a soli 44” dal podio
Sci
12 ore

La Streif è rossocrociata, Feuz trionfa davanti a Odermatt!

Gli elvetici dominano la discesa di Kitzbühel: per il bernese è il terzo successo sull’Hahnenkamm, per il nidvaldese il primo podio nella prova regina
SKICROSS
12 ore

Doppietta per Ryan Regez a Idre Fjäll

Nella tappa svedese di Coppa del mondo, il bernese si è imposto in entrambe le prove disputate. Assente Smith, la migliore elvetica è stata Sanna Lüdi
Sci
14 ore

A Cortina podio di Gisin, male Gut-Behrami, malissimo Goggia

La ticinese lontana (13esima) anche nel superG vinto dall’italiana Curtoni, con l’obvaldese ottima terza. Caduta e Olimpiadi a rischio per la bergamasca
FREESTYLE
14 ore

Ragettli ad Aspen si mette l’oro al collo

Solo settimo nel Big Air, il grigionese dimentica subito la delusione centrando il successo nello slopestyle agli X-Games in Colorado
TENNIS
15 ore

Nadal non si ferma, nuova delusione per Zverev

L’iberico approda ai quarti di finale degli Australian Open grazie alla vittoria sul francese Mannarino. Il tedesco spedito a casa dal canadese Shapovalov
Hockey
1 gior

Steso il Berna in rimonta: il Lugano torna in corsa

Sotto di due reti, i bianconeri rifanno superficie e grazie alle trasformazioni di Arcobello e Loeffel trovano il sucesso ai rigori
GALLERY
Hockey
1 gior

Dario Bürgler offre all’Ambrì tre punti molto preziosi

L’uno-due tra lo svittese e André Heim mette in ginocchio il Davos nella sera della cerimonia per 60esimo del trionfo in Coppa. E di un altro gol di Moses
 
27.11.2021 - 00:050

L’amarezza di Boedker: ‘Potevamo e dovevamo vincere’

Sotto di tre reti alla prima pausa, il Lugano di McSorley riesce a riprendere il Friborgo. Che però trova la stoccata decisiva nel prolungamento

Lugano – Il finale è un boccone amaro da digerire. Perché questo è un Black Friday che va di traverso agli uomini di McSorley, costretti a cedere il passo al Friborgo dopo una caparbia rimonta. Ma lo fanno solo in un supplementare che, beffa tra le beffe, i padroni di casa potrebbero anche risolvere in loro favore, visto che al 62’33” gli uomini di Dubé si fanno pescare in troppi sul ghiaccio contemporaneamente. McSorley intuisce che quello è il momento chiave, e chiama all’appello i suoi uomini; i tre friborghesi in pista hanno però tempo per rifiatare, e trovare pure il modo per risolvere in loro favore la partita. È il 63’34”, il punto finale di una serata in cui succede di tutto e di più.

Per come si mettono le cose dopo venti minuti, il punto messo in classifica dal rientrante Carr e dai suoi compagni è tanto di guadagnato, se però si prende in considerazione lo sviluppo dell’intero incontro, ciò che resta nelle mani dei bianconeri è un bottino che va tremendamente stretto alla truppa di McSorley. Che si ritrova sì sotto di tre reti alla prima pausa, ma poi, con ordine, pazienza e tanta abnegazione, riesce a raddrizzare l’incontro. E lo potrebbe anche ribaltare in suo favore, per giunta ancora nei tempi regolamentari, se solo dall’altra parte non ci fosse un Berra capace di abbassare la saracinesca nei momenti decisivi.

Quello che va in scena alla Cornèr Arena infatti è un match con due volti ben distinti. Con una prima parte, durata il periodo iniziale, che vede la formazione ospite colpire con grande cinismo per tre volte approfittando di altrettante leggerezze dei padroni di casa. Una prima già dopo poco più di tre minuti di gioco, con Jecker (con la difesa del Lugano che non riesce a spazzare il terzo dopo una respinta del portiere) e poi in rapida successione con Brodin smarcato da DiDomenico (che taglia fuori Alatalo) e Jörg (tiro non irresistibile che batte comunque Schlegel).

Poi, però, inizia appunto tutta un’altra partita. Ed è una partita in cui il Lugano prende gradatamente quota. Accorcia il passivo nel tempo di mezzo con le segnature di Loeffel, su invito illuminante di Boedker, e Arcobello, che corregge un disco scagliato da Alatalo (pochi istanti dopo un palo colpito dallo stesso numero 22). Sullo slancio, i bianconeri provano anche a colmare il passivo, ma per vedere i loro sforzi finalmente premiati occorrerà attendere il terzo tempo. E più precisamente il minuto numero 45 spaccato. Quando esattamente sessanta secondi dopo la penalità rimediata dall’ex di turno Haussener (la seconda della serata sul suo conto), Fazzini con un velenoso tiro in corsa sorprende Berra dalla media distanza: 3-3. A quel punto il Lugano sembra nuovamente avere nelle sue corde pure il colpo del k.o., ma ancora una volta il colpo di reni non arriva, rendendo così inevitabile l’appendice del supplementare, col finale citato poc’anzi. Peccato, perché stavolta il Lugano è arrivato davvero a un niente dal fare lo sgambetto alla capolista.

‘Nel primo tempo non c’eravamo...’

A fine partita, il rammarico per questa partita persa, in modo un po’ rocambolesco, lo si legge tutto sul volto di Mikkel Boedker: «È un vero peccato –sottolinea amareggiato il danese –. Abbiamo iniziato male la partita, ma nel secondo e nel terzo tempo siamo stati capaci di rientrare mostrando carattere e giocando con tanta energia, mettendo pure in difficoltà l’avversario. Potevamo e dovevamo chiaramente vincere questa sfida: l’occasione era davvero ghiotta. Soprattutto perché nel supplementare ci siamo ritrovati pure a 4 contro 3. E invece... È andata male; purtroppo tante volte è così che va nello sport. Oggi abbiamo faticato a trovare il nostro ritmo; non vuol essere una scusa, ma nel primo tempo non c’eravamo. Sappiamo che possiamo giocare bene, lo abbiamo dimostrato anche oggi, ma non è bastato per vincere. Dobbiamo imparare dai nostri errori».

Nemmeno McSorley riesce a nascondere la sua delusione: «Quaranta minuti di bel gioco, preceduti però da un primo tempo da dimenticare. Poi, nell’overtime, la fortuna non ci ha aiutato. Un rimbalzo a loro favore ha deciso la partita. Bisogna accettare questa sconfitta, anche se fa molto male. Abbiamo dimostrato che possiamo competere con qualsiasi squadra in questo campionato: questa rimonta ne è una prova tangibile. Anzi, in certi momenti siamo stati superiori al Friborgo, che non dimentichiamo è capolista del torneo. Dobbiamo continuare su questa strada, senza dimenticare che le partite durano (almeno) 60’, e bisogna tenere alto il livello per tutto il tempo».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved