i-gdt-alzano-il-tiro-stavolta-miriamo-alla-finale
Ti-Press/Golay
Il tecnico biancorosso indica ai suoi ragazzi la via da seguire
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
L’ANGOLO DELLE BOCCE
43 min

Pallino d’oro, Bianchi e Gianinazzi subito eliminati

È finita al primo turno l’avventura dei due ticinesi nella gara di Budrione, alla quale hanno preso parte atleti di Italia, San Marino, Austria e Svizzera
ATLETICA
47 min

Aggressioni sessuali, coach britannico radiato

Toni Minichiello squalificato a vita dalla Federazione britannica di atletica
Tennis
1 ora

Serena Williams sulla via del ritiro

‘Il conto alla rovescia è cominciato’, dice l’americana, che vuole concentrarsi sul suo ruolo di mamma
TRIATHLON
3 ore

Successi per il TriUnion ai Campionati svizzeri

Bronzo per Sasha Caterina (U23) e oro per Tiziana Rosamilia (U16)
CALCIO
4 ore

Sarà Netanya la sede della sfida tra Beer Sheva e Lugano

La partita, in programma giovedì e valida quale ritorno del terzo turno preliminare di Conference League, non si giocherà vicino alla Striscia di Gaza
Calcio
5 ore

Domani c’è la Supercoppa, Real Madrid favorito

A Helsinki (ore 21) le merengues affronteranno l’Eintracht Francoforte
CICLISMO
6 ore

Benoot si fa male in allenamento, Lampaert ancora malato

Piccola frattura cervicale per il belga della Jumbo-Visma, convalescente il suo connazionale della Quick Step
MOUNTAIN BIKE
6 ore

Europei, ci sarà anche Flückiger

Il vicecampione olimpico – ormai rimessosi dal Covid – ha cambiato idea
Calcio
6 ore

Thiago Alcantara fuori per alcune settimane

Infortunio alla coscia per lo spagnolo del Liverpool
Calcio
6 ore

Mertens firma col Galatasaray

Il belga lascia il Napoli dopo 9 stagioni
hockey
10 ore

‘Vado a Spokane per inseguire il sogno dell’Nhl’

Dopo cinque anni nelle giovanili dell’Ambrì e il debutto in National League (‘sotto la curva un sogno’), Tommaso De Luca tenta l’avventura nordamericana
STORIE MONDIALI
13 ore

La rivelazione Portogallo e le sue stelle africane

Alla Coppa Rimet del 1966, organizzati e vinti dall’Inghilterra, il mondo scoprì il multietnico calcio lusitano
tennis
18 ore

Stan Wawrinka subito eliminato a Montreal

Il vodese si arrende in tre set 3-6 6-3 3-6 al finlandese Ruusuvuori nel primo turno del torneo canadese
atletica
22 ore

Due podi in Ungheria per Mujinga Kambundji

La svizzera è in forma per gli Europei, come dimostrano il terzo posto sui 100 m e il secondo sui 200 m a Szekesfehervar
Hockey
24.11.2021 - 19:34
Aggiornamento: 19:52

I Gdt alzano il tiro: ‘Stavolta miriamo alla finale’

Dopo settimane a dir poco difficili, a Bellinzona si guarda con ottimismo al futuro. Nicola Pini: ‘Mai stato inquieto, nonostante 6 sconfitte in avvio’

Dice di non essersi mai davvero preoccupato, Nicola Pini. Neppure quando, tra fine settembre e inizio ottobre, i suoi Gdt Bellinzona hanno perso ben sei partite su sette dopo il confortante debutto stagionale nel gruppo Est di Prima Lega, il 18 settembre, contro l’Herisau. «È vero, abbiamo cominciato malamente la stagione, con diverse sconfitte che oserei anche definire meritate – spiega il quarantaseienne tecnico dei biancorossi –, ma la mia preoccupazione principale era solo legata al fatto che la regular season in Prima è molto corta, parliamo di sole 22 partite, e quando vedi che perdi così tanto sai che il rischio è di non avere poi abbastanza punti al tirare delle somme. Adesso però, e si vede, siamo in netta crescita. Alcuni giocatori si sono sbloccati, penso a Spinedi, Mazzolini, Guidotti e a un Lakhmatov che sta ritrovando la miglior forma. Infatti siamo reduci da due vittorie, e contro il capolista Lucerna abbiamo sì perso di misura ma dopo aver dominato in lungo e in largo, incassando il gol decisivo (a poco più di due minuti dalla fine, ndr) sul loro terzo tiro in porta di tutto il terzo tempo. Detto questo, senz’altro sappiamo di dover crescere ancora nella finalizzazione, evitando però anche quegli errori difensivi dovuti a una certa leggerezza e che ci penalizzano oltre misura, vista la nostra abituale mole di gioco».

Resta il fatto che un 1,10 punti a partita sono un po’ pochini, per una squadra dalle ambizioni dei Gdt. «Sì, è vero, è un po’ poco. Quindi ora dobbiamo vincere, e di partite dovremo vincerne parecchie. Tuttavia io sono fiducioso: perché al di là di tutto riusciamo a dominare i nostri avversari, ma pure perché vedo che questo gruppo ha un grande potenziale. Sappiamo di poter arrivare ai playoff, tranquillamente, e giocare un ruolo importante anche a fine stagione. Rispetto agli altri anni, nel nostro girone ci sono un paio di squadre che si sono rinforzate, a cominciar dal Lucerna. Eppure, nonostante ci abbiano battuti alla prima partita contro di loro, dieci giorni fa, quella sfida l’avevamo stradominata, basti pensare al fatto che in sessanta minuti abbiamo concluso in porta a 45 riprese... Quindi sì, sono molto fiducioso. E aggiungerei che questa squadra ha i numeri per fare una stagione da protagonista».

Intanto, però, in testa c’è un Lucerna davvero sorprendente. «Sì, effettivamente direi che è la sorpresa di questa stagione. È cresciuto parecchio grazie a diversi giocatori tecnicamente molto validi in arrivo dalla B, e a un nuovo allenatore (il quarantenne Raphael Zahner, ndr) che ha saputo dare velocità alla squadra. Tolto il Lucerna, e un Oberthurgau che se è lì lo deve al suo portiere, quel Michal Chmel che in passato ha giocato anche da noi (e ad Ambrì, ndr) e che ora è semplicemente il migliore della Lega, dietro ci sono i soliti ambiziosi e quotati Frauenfeld e Wetzikon, ma da lì in giù gli avversari più o meno si equivalgono. Parliamo di squadre infarcite di giovani, che pattinano molto e giocano con grande combattività, ma dalla qualità tecnica non molto alta. Tuttavia, sappiamo benissimo dove ti possono portare l’agonismo e la determinazione. E credo che sono state proprio queste due cose ad averci sorpresi a inizio stagione, quando abbiamo affrontato Rheintal, Prettigovia oppure Reinach. Se riusciremo a elevare il nostro livello agonistico, a giocare con più energia e spirito di sacrificio rispetto a settembre, con il nostro tasso tecnico dovremmo riuscire a imporci».

Dell’obiettivo MySportsLeague a Bellinzona si parla da quando è nata, nel 2017: non è che, siccome i Gdt si trovano ancor oggi in una realtà un po’ stagnante, mentalmente ciò possa avere qualche influsso? «Certo, può anche darsi. Di sicuro – conclude Pini – noi come società abbiamo l’ambizione di fare il grande passo, per approdare a una Lega che credo sia il campionato giusto, pensando a un movimento giovanile come il nostro. Sarebbe utile anche alla collaborazione con i Ticino Rockets, perché la contiguità tra i due campionati permetterebbe di fare più movimenti ‘two ways’ tra Bellinzona e Biasca, ma credo che sarebbe bello anche per il nostro cantone in generale, avere una squadra nella terza categoria hockeistica nazionale. Però sono già quattro o cinque anni che ci proviamo, e sono quattro o cinque anni che ci fermiamo in semifinale. Magari, quindi, è possibile che nel frattempo qualcuno si sia un po’ assestato. Però ricordiamoci che in questo gruppo ci sono sì alcuni elementi d’esperienza, ma ci sono pure tantissimi giovani, che sono molto motivati e che adesso si stanno allenando davvero molto bene, con l’obiettivo di raggiungere qualcosa di bello. Non giochiamo tanto per passare il tempo e poi vediamo dove si arriverà: per i ragazzi, per la società, per tutto l’ambiente desideriamo vivere un’esperienza sportiva importante, quindi dopo esserci sempre dovuti arrendere in precedenza, direi che quest’anno vogliamo veramente cercare di arrivare in finale».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
elia mazzolini gdt gdt bellinzona nicola pini samuele guidotti vitaly lakhmatov
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved