Zugo Academy
GCK Lions
19:00
 
Zugo Academy
GCK Lions
19:00
 
i-precedenti-non-contano-in-un-derby-parlano-le-emozioni
‘Un derby dopo una pausa, o quasi, non può che fare bene a entrambe le squadre’, dice il topscorer biancoblù (Ti-Press/Golay)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
9490
2
Maxim la biere
9472
3
25 Francs trop cher
8877
4
Iselis Punktebuebe
8868
5
Team Gobbi
8826
6
ADTC
8720
7
Wild Hogs
8704
8
BalaBala
8638
9
TrigoAce2
8630
10
Matterhorn1
8629
ULTIME NOTIZIE Sport
L'ANGOLO DELLE BOCCE
1 ora

Buona la prima per Eichenberger-Gianinazzi

Grande inizio di stagione per la coppia dell’Ideal Coldrerio. A Cavergno ha battuto 12-0 Rossi - Lorenzetti (Torchio)
Gallery
Tennis
1 ora

Australian Open, Nadal-Berrettini in semifinale

Rafa ha sconfitto Shapovalov in cinque set, l’azzurro ha fatto lo stesso contro il francese Monfils. Donne, avanti Ashleigh Barty e Madison Keys
sci alpino
3 ore

Sara Hector vince il gigante a Plan de Corones

Male le elvetiche: la rossocrociata meglio piazzata è Andrea Hellenberger, 19esima
tiri liberi
4 ore

3x3 in rampa di lancio. Quali ripercussioni sulle Nazionali?

Nelle selezioni delle squadre 3x3 tanti giocatori nel giro anche della Nazionale maggiore. A quali competizioni dare la priorità?
Nuoto
4 ore

Mondiali di Fukuoka rinviati al 2023

La rassegna iridata avrebbe dovuto svolgersi lo scorso anno, ma venne posticipata per la vicinanza con i Giochi e per l’emerganza sanitaria
calcio
4 ore

Eray Cömert passa dal Basilea al Valencia

Il difensore centrale dei renani e della Nazionale rossocrociata ha firmato un contratto con gli spagnoli fino al 2026
SCI ALPINO
6 ore

Plan de Corones, prima manche: Vlhova avanti, Gisin 11esima

La slovacca ha dato 34 centesimi di distacco alla leader della classifica di specialità, la svedese Sara Hector, terza l’americana Shiffrin
HOCKEY
20 ore

Daniel Carr alle Olimpiadi con la maglia del Canada

L’attaccante del Lugano convocato da Claude Julien assieme a Desharnais (Friborgo), Winnik (Ginevra) e Noreau (Zsc Lions)
CICLISMO
1 gior

Incidente a Egan Bernal durante un allenamento in Colombia

Il vincitore del TdF 2019 è stato trasportato all’ospedale. La prima diagnosi parla di frattura del femore e della rotula. Intervento chirurgico a ore
Hockey
1 gior

‘Per vincere a Zugo serve uno sforzo collettivo’

Dopo il successo ai rigori sul Berna, il Lugano pensa alla prossima sfida. Schlegel: ‘Ogni passo avanti, anche piccolo, è preziosissimo‘
Hockey
1 gior

Sei turni di squalifica per Marc-Antoine Pouliot

Esemplare sanzione per l’attaccante del Ginevra Servette, reo di aver caricato un arbitro nella partita contro il Friborgo
Gallery
Nuoto
1 gior

Noè Ponti in forma nonostante i carichi di lavoro

Parata di stelle al 55esimo Challenge International di Ginevra. Buoni i tempi del ticinese della Nuoto Sport Locarno e di Benjamin Pfeiffer dell’A-Club
FOOTBALL
1 gior

Playoff infuocati, sfida da favola tra Mahomes e Allen

Weekend elettrizzante nella Nfl. Eliminati i grandi vecchi Tom Brady e Aaron Rodgers. Tre partite decise all’ultimo secondo, una all’overtime
Sci
1 gior

Lara Gut-Behrami si prende una pausa per rigenerarsi

La ticinese ha ammesso di sentirsi affaticata ‘sia mentalmente sia fisicamente’ e ha deciso di non partecipare alle ultime prove di Cdm prima dei Giochi
 
18.11.2021 - 16:580
Aggiornamento : 19:24

‘I precedenti non contano: in un derby parlano le emozioni’

Inti Pestoni lancia la quarta sfida stagionale tra Lugano e Ambrì Piotta. ‘La Deutschland Cup? È stata un’esperienza stancante, ma senz’altro anche utile’

«Siamo carichi: a questo quarto derby ci arriviamo con il morale alto». A dirlo è un convinto Inti Pestoni, che prosegue: «La vittoria di martedì ci ha fatto molto bene; è il punto ideale da cui ripartire per andare alla Cornèr Arena a cercare il risultato». Anche se di motivazioni particolari, per affrontare un derby, in verità non ne servono molte... «Questo è vero. Che la partita precedente tu l’abbia vinta o persa in fondo non cambia granché, perché quando vai in pista per una partita come questa, sei sempre carico al massimo. Ciò che stavolta abbiamo in più è però la consapevolezza di aver già ritrovato un certo ritmo nelle gambe, e dunque sotto questo aspetto abbiamo un leggero vantaggio. D’altro canto è pur vero che i giocatori del Lugano arriveranno all’appuntamento più riposati di noi non avendo giocato martedì».

E di tempo per tirare il fiato, il numero 88 dei biancoblù ne ha avuto ancora meno dei suoi compagni, visto che durante la pausa ha preso parte alla Deutschland Cup con la Nazionale. Dove domenica, contro la Russia, ha pure segnato la rete decisiva. «Beh, è stata una settimana molto impegnativa, con tre partite ravvicinate. A livello di energie è stata un’esperienza dispendiosa, ma utile anche per non perdere il ritmo partita. Sul piano personale è pure stata una settimana molto interessante e proficua: mi ha permesso di allenarmi con giocatori che solitamente incroci sulle piste svizzere da avversari. Lavorare con gente e sistemi diversi ti permette di imparare sempre qualcosa di nuovo. Il mio gol contro la Russia? Sì, non posso che essere contento di essere stato io l’autore della rete decisiva, anche se a dire il vero non ho fatto granché: il grosso del lavoro l’hanno fatto i compagni; io mi sono limitato a insaccare un disco a porta praticamente vuota». Di dischi in fondo alla rete, del resto, Inti Pestoni quest’anno ne ha già mandati diversi pure in campionato. Ben nove, che sommati agli altrettanti assist ne fanno il giocatore più prolifico degli uomini di Cereda. Da ben tredici partite, da quello straordinario sabato 2 ottobre in cui con un poker di reti e un assist aveva detronizzato Regin dalla vetta della classifica dei migliori realizzatori della squadra. Un mese e mezzo dopo l’incredibile serata delle Vernets, il topscorer dell’Ambrì Piotta è ancora lui (con Zwerger, il secondo della graduatoria, staccato di tre lunghezze).

Dopo aver finalmente messo il punto finale alla serie negativa dei derby, adesso ce n’è però un’altra a cui porre fine. Ed è quella dei risultati negativi alla Cornèr Arena, dove l’Ambrì non vince più da poco meno di due anni: l’ultima volta era stato il 29 febbraio 2020, prima partita di una lunga serie giocata a porte più o meno chiuse. Mentre l’ultima davanti alla consueta cornice di pubblico risale a esattamente 4 mesi prima (il 29 ottobre 2019), quando i biancoblù espugnarono il fortino bianconero ai rigori (3-4). «Sebbene prima della pausa i bianconeri non abbiano conosciuto uno dei loro migliori momenti dal profilo dei risultati, anche questo quarto derby sarà una battaglia. Una sfida Lugano-Ambrì immediatamente dopo una pausa, o quasi, non può che fare bene a entrambe le squadre, perché è quel genere di partite ad alta intensità che ti permette di ritrovare subito il ritmo ideale della competizione». Quella di domani, per Inti Pestoni, sarà la seconda volta alla Cornèr Arena dal suo ritorno in biancoblù. Ma, appunto, la ‘casa’ del Lugano l’attaccante numero 88 dei leventinesi l’ha già visitata con le altre squadre in cui ha militato (nell’ordine: Zsc Lions, Davos e Berna). «La Cornèr Arena non è mai una pista facile, per nessuna squadra. A casa sua, il Lugano sa vendere molto cara la sua pelle, anche perché dalla sua ha il calore del pubblico. Se per tutti è difficile fare punti su quella pista, lo è ancora di più se sulle spalle porti la maglia dell’Ambrì. Lì sono le emozioni a prevalere, indipendentemente da cosa è successo nei turni precedenti».

Attenendosi unicamente alla classifica, per il quarto derby stagionale i favoriti siete comunque voi... «Vedere il Lugano nelle posizioni medio-basse della graduatoria è sicuramente strano, anche perché ha sicuramente i mezzi e le risorse per puntare molto più in alto. D’altro canto in un campionato così equilibrato si fa svelto a essere risucchiati verso il basso. Al di là della posizione in classifica, il Lugano è una squadra a cui deve essere dato il massimo rispetto, come del resto si deve fare con qualsiasi altra formazione del nostro campionato: fare punti non è mai facile, contro chiunque. Ogni volta, ogni partita è come una battaglia».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved