KHACHANOV K. (RUS)
0
NADAL R. (ESP)
2
3 set
(3-6 : 2-6 : 3-1)
KHACHANOV K. (RUS)
0
NADAL R. (ESP)
2
3 set
(3-6 : 2-6 : 3-1)
la-serenita-dei-tre-punti-e-una-vittoria-solida-la-nostra
Ti-Press/Crinari
‘Poi, naturalmente ci sono anche alti e bassi, e bisogna accettarli. Vale anche per i nostri stranieri’
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Maxim la biere
9121
2
TrigoAce1
9029
3
25 Francs trop cher
8535
4
Iselis Punktebuebe
8520
5
Wild Hogs
8335
6
BalaBala
8324
7
Team Gobbi
8263
8
TrigoAce2
8260
9
ADTC
8231
10
Gep Flyers II
8229
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci
19 min

Marco Odermatt sfiora il podio a Kitzbühel

Sulla Streif vince il norvegese Aleksander Kilde davanti al 41enne francese Johan Clarey, terzo l’austriaco Mayer. Settimo Beat Feuz
Sci freestyle
4 ore

Forse non c’è più, il sogno a testa in giù di Nicole Gasparini

La mancata qualifica per Giochi di Pechino è un brutto colpo per la 24enne di Cadro, troppo spesso colpita dagli infortuni nella sua carriera sulle gobbe.
SCI ALPINO
5 ore

Per Kryenbühl il cerchio si è finalmente chiuso

A un anno esatto dalla terribile caduta sul salto finale, lo svittese è tornato sulla Streif di Kitzbühel. Non senza una buona dose di ansia
Hockey
17 ore

È la fine del Sonderfall Ticino. ‘Siamo stati ascoltati’

Lugano e Ambrì non sono più un’eccezione nel panorama nazionale. Marco Werder: ‘C’è felicità per una decisione che ricrea equilibrio con gli altri club’
Hockey
18 ore

Ad Ambrì senza limitazioni per l’anniversario di Coppa

In una pista di nuovo piena e gli spalti aperti, sabato contro il Davos i biancoblù celebreranno lo storico successo ottenuto nel gennaio 1962 sul Villars
Hockey
18 ore

‘Niente è scontato finché non hai la conferma in tasca’

Dodici anni dopo Sannitz, con Fora (e Simion) il Ticino torna a calcare la ribalta del torneo olimpico maschile di hockey
CALCIO
21 ore

Campana fa le valigie e torna al Wolverhampton

Il giovane ecuadoriano lascia il Grasshopper deluso dal poco tempo di gioco trovato in maglia biancoblù. Per lui, 15 presenze e tre reti
HOCKEY
22 ore

Recuperi: il Lugano in febbraio, l’Ambrì in marzo

Fissate le date di sei incontri. Bianconeri a Rapperswil il 23, biancoblù in casa con il Friborgo l’8 e a Berna il 9
CALCIO
22 ore

Giro di vite della Fifa contro i prestiti di giocatori

A partire dal primo luglio entrerà in vigore un nuovo regolamento che limiterà il numero di calciatori che ogni anno posono essere girati a un altro club
TENNIS
22 ore

La calma olimpica di Daniil Medvedev

Agli Australian Open, il russo riesce a spegnere il fuoco appiccato nel terzo set da Nick Kyrgios. Fuori i britannici Murray e Raducanu
SCI ALPINO
23 ore

Nils Hintermann in evidenza sulla Streif

Lo zurighese ha chiuso la seconda discesa di prova al terzo posto. In campo femminile Lara Gut-Behrami quinta nel primo allenamento a Cortina
Tennis
1 gior

Djokovic, espulsione legittima: rischio emulazione per i no-vax

La Corte federale australiana ha pubblicato le motivazioni della decisione. Per i giudici, con la sua notorietà poteva indurre i fan a non vaccinarsi
 
17.11.2021 - 00:050
Aggiornamento : 17:23

La serenità dei tre punti. ‘È una vittoria solida, la nostra’

L’Ajoie stavolta nulla può: Luca Cereda e l’Ambrì hanno di che festeggiare. ‘Ma nel powerplay la chiave è l’intensità, e in futuro dovremo metterne di più’

Ambrì – La prima pausa dedicata alla Nazionale porta in dote tre punti tondi tondi. Oltre a un Inti Pestoni davvero piuttosto pimpante, al termine di qualche giorno in rossocrociato sul ghiaccio tedesco di Krefeld. Tuttavia, non sarà il trentenne topscorer biancoblù, autore di nove gol nei primi due mesi di campionato, a decidere la partita contro un Ajoie che, se non proprio non una bestia nera, cominciava a diventare una specie di mezzo tabù, ricordando che dei sei punti in palio nelle due prime uscite con i neopromossi i ragazzi di Luca Cereda ne avevano totalizzati appena due.

Stavolta, invece, finisce come doveva finire. Cioè con un successo che non fa una piega, pur in una serata condita da appena due segnature, oltretutto con emozioni distribuite col contagocce. Al termine di sessanta minuti in cui, oltre allo shutout di Damiano Ciaccio (il primo della stagione, alla sua decima titolarizzazione dal primo minuto) spiccano il gol e l’assist collezionati da un Dario Bürgler che con le sue otto segnature in ventitré partite adesso insidia seriamente quella che pareva essere l’incontrastata leadership offensiva del suo topscorer. La trentatreenne scafata (e scaltra) ala destra svittese dapprima concretizza il velocissimo uno-due con l’ispirato Johnny Kneubuehler al 19’07”, sfruttando un disgraziato appoggio di Rouiller in uscita dal terzo giurassiano che viene addomesticato da Isacco Dotti; poi, in powerplay, al 23’33”, Bürgler non si attarda col disco, aprendo il gioco sulla blu per Yanik Burren, la cui sventola di prima intenzione non lascia scampo alcuno al pur solido Viktor Östlund (a ennesima dimostrazione di quanto successo possa avere concludere al volo dalla distanza...).

Quei due gol in quattro minuti a cavallo della prima pausa sembrano levare definitivamente il fiato a un Ajoie che vorrebbe, ma invece non può. Semplicemente perché non riesce praticamente a crearsi grosse occasioni nitide davanti a Damiano Ciaccio, indubbiamente anche a causa della propria imperizia, ma soprattutto perché l’Ambrì salvo rarissime eccezioni sostanzialmente non gli concede un metro. E forse non c’è miglior ammissione d’impotenza della scelta di Gary Sheehan nell’epilogo di partita, quando il tecnico canadese nonostante due sole reti di scarto esita a lungo prima di richiamare Östlund in panchina per poter schierare un sesto giocatore, e quando si decide mancano quindici miseri secondi alla sirena...

DOPOPARTITA

‘Ma in futuro servirà più efficienza offensiva’

C’è felicità nel corridoio che porta allo spogliatoio dell’Ambrì dopo il ritorno dei tre punti. «Sicuramente è stata una vittoria frutto del lavoro che abbiamo fatto – dice il ventiquattrenne difensore arrivato da Berna –. Durante la pausa per la Nazionale abbiamo beneficiato di qualche giorno libero e questo naturalmente ha finito col pesare sul piano del ritmo. Ma sapevamo che contro l’Ajoie avremmo dovuto lavorare sodo. Grazie a una buona prestazione di Ciaccio ci sono bastate due reti per portare a casa questa vittoria. Tuttavia, questo è sicuro, in futuro dovremo diventare più efficienti davanti alla porta. Ma in inferiorità numerica abbiamo pure fatto un buon lavoro, ed è grazie a ciò che hanno fatto i nostri attaccanti in boxplay che stasera non abbiamo incassato».

Anche Johnny Kneubuehler ha fatto la sua parte ieri sera. «Contro l’Ajoie non è mai facile, l’avevamo già visto nelle prime due partite – dice l’attaccante numero 11, eletto migliore in pista dei suoi –. Siamo contenti di aver segnato per primi, era importante. In generale possiamo dirci contenti, anche perché dopo una pausa è sempre difficile ritrovare subito il ritmo. Di sicuro, personalmente mi trovo molto bene con Heim e Bürgler: siamo veloci e sul ghiaccio mettiamo molta intensità».

Anche Luca Cereda si dice contento di come sono andate le cose. «È stata una vittoria solida, la nostra – spiega il tecnico di Sementina –. Non abbiamo concesso tanto all’avversario. Gli special team hanno funzionato meglio, ma nel powerplay, e non solo nel boxplay, la chiave è l’intensità: in futuro dovremmo metterne di più, perché la voglia di fare c’è. Quindi non piangiamoci addosso se non segniamo, ma piuttosto rimbocchiamoci le maniche. Poi, naturalmente, ci sono gli alti e bassi, e dobbiamo accettarli. Vale anche per i nostri stranieri, che danno il massimo». K.W.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved