Juventus
1
Genoa
0
2. tempo
(1-0)
Juventus
1
Genoa
0
2. tempo
(1-0)
il-tempo-delle-scuse-e-finito-ora-dobbiamo-prendere-quota
Ti-Press
Nel futuro c’è il nuovo stadio in Vallese, ma il presente si chiama Lugano
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
7025
2
HC Aspi Capitals
6404
3
Maxim la biere
6362
4
25 Francs trop cher
6351
5
LHC Bombers
6327
6
Iselis Punktebuebe
6321
7
SPARTAK JACK
6310
8
Wild Hogs
6306
9
TrigoAce2
6270
10
BLACKHAWKS-MAF_miguelpiccand
6263
ULTIME NOTIZIE Sport
SCI ALPINO
30 min

Il forte vento causa l’annullamento della libera di Beaver Creek

Gli organizzatori hanno provato sia ad abbassare il punto di partenza, sia a posticipare per tre volte il via, ma senza risultati
Formula 1
36 min

È una domenica bestiale: il Mondiale torna in parità

Lewis Hamilton vince il penultimo Gran Premio della stagione sull’asfalto di Gedda e pareggia i conti con Verstappen. Si deciderà tutto all’ultima corsa
BASKET
53 min

La Sam Massagno si offre la testa della classifica

La Spinelli batte l’Olympic, mentre il Lugano cede al Monthey e scivola in ultima posizione
Calcio
2 ore

Croci-Torti: ‘I giocatori mi seguono in maniera spettacolare’

Il tecnico del Lugano soddisfatto dopo il 2-0 al Sion, settimo risultato utile consecutivo a Cornaredo. ‘In casa vogliamo solo vincere’
Sci
2 ore

Sofia Goggia è addirittura da tris. Ma stavolta Lara c’è

L’italiana vince anche il superG di Lake Louise, dopo i trionfi nelle due libere, al termine di un testa a testa con la ticinese, battuta per 11 centesimi
CALCIO
2 ore

Il Chiasso chiude il 2021 con una sconfitta

Troppe le occasioni sbagliate dai rossoblù contro lo Young Boys II. Vitali: ‘Soltanto la capolista è al di sopra delle altre’
Calcio
3 ore

Lugano invincibile a Cornaredo, superato anche il Sion

I bianconeri s’impongono 2-0 contro i vallesani grazie alle reti di Bottani e Facchinetti centrando il settimo risultato utile in casa con Croci-Torti.
Gallery
Hockey
3 ore

Due reti in otto minuti e game over per l’Ambrì Piotta

Il Davos segna due gol in avvio di confronto, poi controlla il match e mette le mani sul successo, condannando i leventinesi alla resa
AUTOMOBILISMO
3 ore

La domenica a Gedda si apre con un pauroso incidente

In Formula 2 subito dopo il via la vettura di Fittipaldi travolge quella del francese Pourchaire: coscienti, i due piloti si trovano entrambi all’ospedale
UNIHOCKEY
6 ore

Repubblica Ceca battuta, la Svizzera è medaglia di bronzo

Bella prestazione delle elvetiche ai Mondiali di Uppsala, dopo la pesante sconfitta di sabato in semifinale contro la Svezia (14-1)
VOLLEY
8 ore

Lugano battuto, ma a testa alta

Le ticinesi superate 3-1 dal Pfeffingen, al termine di quella che è stata la migliore prestazione della stagione
Gallery
Hockey
23 ore

Decisivo Loeffel, a Berna il Lugano coglie due punti pesanti

I bianconeri pareggiano il conto all’ultimo minuto a 6-4 per merito del topscorer Luca Fazzini e si impongono ai rigori grazie all’estro del difensore
Gallery
Hockey
23 ore

Un buon Ambrì si arrende solo all’overtime ai Lions

Il ‘ruggito’ di Hollenstein al 63’46" mette fine a una partita particolarmente combattuta. Per i leventinesi a bersaglio Heim e McMillan
Hockey
1 gior

Dominic Zwerger ‘out’ fino a dopo la pausa Nazionale

Il giocatore dell’Ambri Piotta ha subìto una lesione muscolare durante l’allenamento di venerdì mattina
calcio e finanza
1 gior

È ancora Italia-Svizzera, la partita delle plusvalenze

Indagini sull’utilizzo spinto della formula per scambiare calciatori da parte della Juventus e altri club di A: nel mirino gli affari con Lugano e Basilea
Tennis
1 gior

In Davis Djokovic non basta: la Serbia è fuori

Mektic e Pavic dettano legge, e la Croazia è in finale. Se la vedrà con la vincitrice dell’altra sfida tra Germania e Russia, in programma domani
Formula 1
1 gior

A proposito di Arabia e Hinwil

Picci e Vasseur, convivenza turbolenta in casa Sauber. Nelle libere le Mercedes di Hamilton e Bottas precedono GAsly e Verstappen
Sci
1 gior

Sofia Goggia ha i razzi ai piedi, Lara invece è attardata

Nella libera di Lake Louise l’italiana lascia solo le briciole alle avversarie: quasi un secondo e mezzo alla seconda classificata, l’americana Johnson
Sci
2 gior

Odermatt è ancora da podio. Ma alle spalle di Kilde

A Beaver Creek è il norvegese a trionfare nel secondo superG in 24 ore sulle nevi del Colorado, dove il talento nidvaldese è battuto per soli 3 centesimi
Hockey
 
28.10.2021 - 18:000
Aggiornamento : 19:20

‘Il tempo delle scuse è finito. Ora dobbiamo prendere quota’

Alla vigilia del match col Bienne, McSorley sprona i bianconeri. E torna sul progetto di Sierre: ‘Quello riguarda il futuro a lungo termine’

«Il progetto di Sierre? Beh, le sue fondamenta si rifanno a quando il Sierre era il partnerteam del Ginevra Servette – racconta Chris McSorley –. Poi, quando ho lasciato le rive del Lemano per trasferirmi su quelle del Ceresio, in Vallese si è iniziato a parlare concretamente di un nuovo stadio. Non ne ho mai fatto un mistero con i dirigenti del Lugano: con Vicky (Mantegazza, ndr), Marco (Werder) e Hnat (Domenichelli), ne abbiamo parlato fin dalle prime trattative per assumere l’incarico di allenatore dei bianconeri. Ho tenuto a chiarire loro che questo riguardava il mio futuro più a lungo termine. Per la sua realizzazione pratica si parla di cinque-sei anni... A Lugano ho firmato un triennale, e posso comunque garantire che fino alla scadenza del contratto sarò al cento per cento concentrato a svolgere al meglio questo incarico. Quello di Sierre è un progetto sportivo, ma prima ancora un progetto gestionale, che tocca tutta la cittadinanza e coinvolge un gran numero di persone. Le prime a lavorarci saranno le persone incaricate di portare avanti gli aspetti amministrativi, oltre che gli architetti. Io inizierò a occuparmene sicuramente dopo la scadenza del mio mandato a Lugano». Ciò non toglie che quello compiuto mercoledì, per il progetto del nuovo stadio a Sierre sia sicuramente stato un passo importante: «Sì, certo: è stato finalizzato il contratto, mettendo così fine alla prima parte, quella caratterizzata dal lavoro più duro. Ora il... disco passa agli architetti e a chi si occupa del finanziamento dell’opera. Allo stadio attuale, ad ogni buon conto, io non ho alcun ruolo attivo. E così sarà per i prossimi cinque-sei anni almeno».

Chiusa la finestra sul suo futuro, il tecnico dei bianconeri torna a parlare di stretta attualità. Iniziando il discorso dal successo di martedì: «Abbiamo vinto la partita che andava vinta. Dopo il successo con l’Ajoie ho concesso ai miei giocatori una giornata di libero, e all’indomani ci siamo rimboccati le maniche per preparare la prossima sfida. Sfida che si preannuncia particolarmente impegnativa, visto che andremo a rendere visita a quella che ritengo sia la squadra al momento più in forma del nostro campionato». Considerazioni, quelle del 59enne tecnico canadese dei bianconeri, che trovano conferma anche nei numeri, con i Seeländer capaci di incamerare 14 punti nelle ultime sette partite: Davos a parte (sette su sette nelle ultime partite), solo Friborgo e Zugo (per entrambe 15 punti sui 21 disponibili) hanno fatto meglio. «Al di là dei numeri e delle statistiche dell’avversario che ci troveremo di fronte, il morale della mia squadra è alto. Al ritorno al lavoro dopo la giornata libera ho trovato un ambiente sicuramente rasserenato dalla vittoria di martedì, ma al tempo stesso un gruppo concentrato e consapevole ad attenderci c’è un’altra battaglia. Per sperare di battere il Bienne dovremo prestare particolare attenzione alla gestione del disco, mettendo l’avversario in condizione di doversi aprire per cercare di andare a rete. Dovremo inoltre essere estremamente precisi nei check. Non a caso è proprio su questo aspetto che ho insistito nell’allenamento, con tre differenti esercizi. Anche il movimento senza disco deve essere efficace, soprattutto contro il complesso diretto da Törmänen. Ora come ora siamo bravi nel gioco con il possesso del disco, ma quello senza è ancora una sorta di ‘work in progress’. È sempre in evoluzione, e, come un’opera d’arte, la soddisfazione completa non c’è mai. Contro una squadra come il Bienne, che sa fare parecchio male con i contropiedi, dovremo assolutamente fare in modo che simili situazioni non abbiano a verificarsi».

Quali sono le indicazioni positive scaturite dal successo di martedì? «Il possesso del disco. Questo è un aspetto di cui sono stato particolarmente contento nella partita con l’Ajoie: la squadra ha compiuto un bel passo avanti per quel che riguarda il posizionamento sul ghiaccio. Quando attacchi, la posizione della squadra è estremamente importante: troppo vicino al compagno non va bene, troppo distante neppure... Martedì questo esercizio ha funzionato particolarmente bene: la giusta disposizione ha permesso a ognuno di garantire la necessaria protezione e tutto il supporto del caso ai compagni. Quello di confezionare l’abito su misura per la squadra è un processo che richiede parecchio tempo, ma con la prestazione di martedì abbiamo fatto un importante passo avanti: ci siamo quasi. Giocando in questo modo, alla lunga l’avversario avverte un po’ di frustrazione, concedendo tiri, caricandosi di penalità...».

Ma quanto tempo ci vorrà affinché in pista si possa vedere il vero volto del Lugano? «Recuperando diversi degli elementi che ci erano mancati nelle scorse settimane, la squadra ha guadagnato in consistenza. Un mese fa, o giù di lì, per andare a punti era indispensabile che la squadra spendesse ogni goccia di energia, attenendosi alla lettera al gameplan. Era l’unico modo di giocare che avevamo per sperare nel risultato, considerato che il roster era ridotto ai minimi termini. Quando ti mancano cinque, sei o addirittura sette titolari, la mentalità con cui scendi in pista è quella di non permettere all’avversario di batterti, prima che quella di andare sul ghiaccio per inseguire il successo. E nonostante tutto, in attesa del rientro di alcuni dei giocatori assenti, siamo riusciti a fare punti e installarci a centro classifica. L’arrivo di Irving e Hudacek, unito al rientro di alcuni degli infortunati ha ulteriormente ridato tono al nostro lineup. Anche Carr è vicino al ritorno: non sarà a brevissimo, ma Daniel è sulla buona via per il rientro nei ranghi, e lo stesso vale per Loeffel. Stiamo recuperando un po’ tutti i nostri pezzi, e una volta che l’avremo fatto, di scuse per non scendere in pista per andare a caccia dei tre punti non dovranno più essercene». La tempra di McSorley, già nota ai tempi di Ginevra, è comunque quella di un allenatore che pretende parecchio dal suo gruppo. Anche se quest’ultimo è decimato dagli infortuni... «Quello è vero. Come leader, il mio compito è di spronare il gruppo, di far capire ai giocatori che credi in loro, credi nella possibilità di vincere ogni partita, pur sapendo dentro di te che, in tutta onestà, alcune volte per riuscirci servirebbe un’impresa. Ma, appunto, questa fase della stagione ormai ce la siamo lasciata alle spalle: adesso è il momento di far capire ai ragazzi che è tempo di alzare il tiro e prendere quota. Il tempo delle scuse è finito».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved