HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Bidus
1512
2
KISS of DEATH
1505
3
Futti
1497
4
AmStars
1495
5
Sparta Becherovka
1492
6
LucHC Lions
1471
7
Furrioso
1447
8
Topshelfers
1445
9
HC Frauenkirch
1415
10
Whity Selection
1414
ULTIME NOTIZIE Sport
hockey
3 ore

A Lugano tornano le luci spente. ‘Cambiamo registro’

Cornèr Arena espugnata (per la terza volta) anche dal neopromosso Kloten. Herburger: ‘Dopo il derby pensavamo di aver intrapreso la strada giusta’.
HCL
5 ore

A Lugano si chiude tra i fischi. Con la vittoria del Kloten

Dopo le buone impressioni nel derby, i bianconeri cadono di fronte agli Aviatori, che alla Cornèr Arena centrano il loro primo successo stagionale
BOXE
6 ore

Colombia, morire sul ring a venticinque anni

Luis Quiñones non ce l’ha fatta: aveva combattuto sabato per il titolo nazionale dei pesi superleggeri, è morto a causa di un trauma cranico encefalico
Tennis
7 ore

Sofia, Hüsler non si ferma: sfiderà Musetti in semifinale

Numero uno elvetico dopo il ritiro di Federer, il ventiseienne mancino zurighese elimina il polacco Majchrzak dopo aver saputo cancellare due matchpoint
CALCIO
9 ore

Cornaredo, un fortino da tornare a difendere

Il Lugano riprende il cammino in Super League ospitando il Servette, rivelazione di inizio stagione. Assenti, tra gli altri, Bottani e Celar
FORMULA 1
9 ore

La Red Bull sfora il budget cap, a Singapore scoppia la bomba

In regola, invece, Ferrari e Mercedes. Occorrono regole più chiare e semplici. Intanto, Verstappen potrebbe diventare campione del mondo già domenica
RALLY
10 ore

Balerna, con la prova spettacolo s’accendono i fari sul rally

Stasera s’inaugura l’edizione 2022 della Ronde ticinese, che vivrà il momento ‘clou’ domani a Isone. Meno iscritti del solito? ‘È anche colpa dell’euro’
Tennis
10 ore

Belinda è in semifinale a Tallinn: sfiderà Krejcikova

La sangallese in Estonia per la quarta volta in stagione arriva alla fase decisiva di un torneo Wta, sconfiggendo in due set la croata Vekic
MOTOCICLISMO
15 ore

A partire dal 2023 la MotoGp sbarcherà in India

Lo ha annunciato la Dorna che nei giorni scorsi aveva ufficializzato una tappa anche in Kazakistan
BASKET
16 ore

Molti volti nuovi per il derby tra Tigers e Spinelli

Le due ticinesi in campo domani all’Elvetico nella prima giornata di un campionato che vede l’Olympic Friborgo quale grande favorito
Calcio
22 ore

Rabbia Mihajlovic, gioia Pollero

Sentimenti contrastanti a Bellinzona, con l’uruguagio che diventerà papà di una bimba e il ticinese che vorrebbe disporre di strutture migliori
IPPICA
1 gior

Svizzera in finale a Barcellona: sfiderà il Belgio per i Giochi

In attesa di Steve Guerdat, Schmitz, Schwizer, Rutschi e Fuchs centrano l’atto conclusivo al Premio delle nazioni, dove si giocano il posto a Parigi 2024
Hockey
1 gior

Hischier è costretto a fermarsi: avvio di stagione a rischio

Un problema alla coscia obbliga alla pausa forzata il ventitreenne capitano dei New Jersey Devils, a due settimane dall’inizio del campionato Nhl
laR
 
27.10.2021 - 00:02
Aggiornamento: 28.10.2021 - 18:56

L’Ambrì ritrova i tre punti. ‘E la grinta che era mancata’

Trascinati da Bürgler, i biancoblù tornano a sorridere a spese del Langnau. ’Quando segni ti festeggiano, ma io sono felice per Johnny e André’

l-ambri-ritrova-i-tre-punti-e-la-grinta-che-era-mancata
La famosa grinta... (Ti-Press/Crinari)

Ambrì – Determinazione, occasioni, reti e punti. In un martedì che in verità non sembra cominciare benissimo per l’Ambrì di Luca Cereda. Che si danna l’anima, e passa gran parte del primo tempo nel terzo di un Langnau a cui, invece, basta un’occasione, la prima, per portare l’infallibile Harri Pesonen ad aprire le marcature, quando il cubo della Gottardo Arena indica che siamo solo al minuto numero 8’53”. Il fatto è che tutta la buona volontà e la pressione del mondo non bastano, quando davanti ti ritrovi un avversario quadrato che sa difendere bene, e che praticamente blinda lo slot, in cui in tutto il primo periodo i biancoblù riescono a cavare si è no un paio di dischi pericolosi. Ciò che in quel momento non è certo la migliore delle premesse, dopo due partite, entrambe perse, in cui i biancoblù erano riusciti a trovare la via del gol in una sola occasione.

Invece, e questa è una di quelle, a volte le apparenze ingannano. Basta un inizio di secondo tempo a tutta, e le certezze bernesi si sgretolano di fronte al moltiplicarsi degli sforzi degli uomini di Cereda. Il quale, costretto stavolta a far senza il canadese McMillan, decide di riproporre sul ghiaccio la prima linea tutta straniera battezzata in corso d’opera una settimana prima, nella vittoriosa uscita contro il Losanna. Tuttavia, invece del blocco di D’Agostini, Regin e Kozun a brillare è soprattutto quello formato da Kneubuehler, Bürgler e Heim. Con il primo e il secondo che mettono a segno un micidiale uno-due tra il 21’52’’ e il 25’08’’, ribaltando la situazione, ma soprattutto traghettando il famoso ‘momentum’ sul versante leventinese. È a quel momento che, per la prima volta, la squadra di Jason O’Leary appare in difficoltà: a differenza del periodo numero uno, infatti, adesso gli ospiti sono costretti a correre di qua e di là per tappare i buchi, mentre sull’altro fronte e da ogni posizione ci provano un po’ tutti, da D’Agostini a Fora, da Kozun a Pestoni, con conclusioni che sono una più pericolosa dell’altra. Neppure la temporanea uscita di scena di Zwerger, colpito apparentemente al volto da un puck (il cui posto nel lineup viene ereditato da Trisconi, con Fischer che si ritrova a dover addirittura esordire in attacco nella quarta linea), frena lo slancio di un Ambrì che capisce di avere in mano le chiavi della partita. Tanto che, anche in un terzo tempo in cui, teoricamente, tutti si aspettano una reazione di Olofsson e dei suoi compagni, le occasioni più nitide sono biancoblù, la più clamorosa delle quali è il clamoroso tocco sul palo di Kozun su tiro dalla linea blu di Fora al minuto numero 49. Una specie di prova generale per il gol numero tre, a firma Daniele Grassi, che arriva al termine di un’insistita azione nel terzo offensivo in pieno ‘money time’. Poi tutti in piedi sui titoli di coda.

‘Sapevamo che il terzo gol sarebbe stato importante, ma avremmo dovuto segnarlo prima’

Torna il sorriso nei corridoi della Gottardo Arena dopo un weekend senza punti. «In questo campionato tutte le partite sono difficili, ma ogni partita comincia sullo 0-0 – spiega il difensore Isacco Dotti –. Sappiamo che con la grinta sotto porta possiamo battere chiunque, ma nel weekend quella cattiveria ci è un po’ mancata. Anche stasera, in fondo: già nel primo tempo sul piano del gioco abbiamo lavorato bene, però mancava la grinta: nel secondo invece c’era, e sono arrivati i gol. Al Langnau abbiamo concesso poco difensivamente, anche in inferiorità numerica, e ‘Benji’ (Conz, ndr) ha fatto la sua parte».

Il grande protagonista del martedì è stato indubbiamente Dario Bürgler. «È stata senz’altro una buona serata – dice l’attaccante svittese –, ma a me più che altro rincuora il fatto che come squadra abbiamo giocato bene e siamo riusciti a vincere, anche dopo un inizio di partita non ideale. Luca negli spogliatoi nella prima pausa ha sicuramente trovato le parole giuste, ma noi sapevamo che avremmo dovuto mettere sul ghiaccio qualcosina in più. Sapevamo che il terzo gol sarebbe stato importante, ma avremmo dovuto segnarlo prima».

Non solo Bürgler, però, si è messo in evidenza stavolta. «Sono soprattutto felice per gli altri due colleghi di linea, Kneubuehler e Heim. Abbiamo sempre lavorato bene, ma non siamo mai stati ripagati dei nostri sforzi. Mentre stasera abbiamo trovati due gol importanti. Il fatto è che quando segni la gente ti festeggia, quando non ci riesci invece no...».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved