KHACHANOV K. (RUS)
0
NADAL R. (ESP)
0
1 set
(2-5)
KHACHANOV K. (RUS)
0
NADAL R. (ESP)
0
1 set
(2-5)
l-ambri-ritrova-i-tre-punti-e-la-grinta-che-era-mancata
La famosa grinta... (Ti-Press/Crinari)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Maxim la biere
9121
2
TrigoAce1
9029
3
25 Francs trop cher
8535
4
Iselis Punktebuebe
8520
5
Wild Hogs
8335
6
BalaBala
8324
7
Team Gobbi
8263
8
TrigoAce2
8260
9
ADTC
8231
10
Gep Flyers II
8229
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci freestyle
3 ore

Forse non c’è più, il sogno a testa in giù di Nicole Gasparini

La mancata qualifica per Giochi di Pechino è un brutto colpo per la 24enne di Cadro, troppo spesso colpita dagli infortuni nella sua carriera sulle gobbe.
SCI ALPINO
4 ore

Per Kryenbühl il cerchio si è finalmente chiuso

A un anno esatto dalla terribile caduta sul salto finale, lo svittese è tornato sulla Streif di Kitzbühel. Non senza una buona dose di ansia
Hockey
15 ore

È la fine del Sonderfall Ticino. ‘Siamo stati ascoltati’

Lugano e Ambrì non sono più un’eccezione nel panorama nazionale. Marco Werder: ‘C’è felicità per una decisione che ricrea equilibrio con gli altri club’
Hockey
17 ore

Ad Ambrì senza limitazioni per l’anniversario di Coppa

In una pista di nuovo piena e gli spalti aperti, sabato contro il Davos i biancoblù celebreranno lo storico successo ottenuto nel gennaio 1962 sul Villars
Hockey
17 ore

‘Niente è scontato finché non hai la conferma in tasca’

Dodici anni dopo Sannitz, con Fora (e Simion) il Ticino torna a calcare la ribalta del torneo olimpico maschile di hockey
CALCIO
20 ore

Campana fa le valigie e torna al Wolverhampton

Il giovane ecuadoriano lascia il Grasshopper deluso dal poco tempo di gioco trovato in maglia biancoblù. Per lui, 15 presenze e tre reti
HOCKEY
20 ore

Recuperi: il Lugano in febbraio, l’Ambrì in marzo

Fissate le date di sei incontri. Bianconeri a Rapperswil il 23, biancoblù in casa con il Friborgo l’8 e a Berna il 9
CALCIO
21 ore

Giro di vite della Fifa contro i prestiti di giocatori

A partire dal primo luglio entrerà in vigore un nuovo regolamento che limiterà il numero di calciatori che ogni anno posono essere girati a un altro club
TENNIS
21 ore

La calma olimpica di Daniil Medvedev

Agli Australian Open, il russo riesce a spegnere il fuoco appiccato nel terzo set da Nick Kyrgios. Fuori i britannici Murray e Raducanu
SCI ALPINO
21 ore

Nils Hintermann in evidenza sulla Streif

Lo zurighese ha chiuso la seconda discesa di prova al terzo posto. In campo femminile Lara Gut-Behrami quinta nel primo allenamento a Cortina
Tennis
23 ore

Djokovic, espulsione legittima: rischio emulazione per i no-vax

La Corte federale australiana ha pubblicato le motivazioni della decisione. Per i giudici, con la sua notorietà poteva indurre i fan a non vaccinarsi
Hockey
1 gior

Steve Moses resta ad Ambrì, Cajka va a Rapperswil

Ridiscussi i termini del prestito dell’attaccante americano. Il club segnala l’infortunio al ginocchio a Cédric Hächler
Olimpiadi
1 gior

Boicottaggi e sport ai Giochi e non solo

Olimpiadi e politica, una storia senza fine. A Pechino 22 la ritorsione sarà solo diplomatica
 
27.10.2021 - 00:020
Aggiornamento : 28.10.2021 - 18:56

L’Ambrì ritrova i tre punti. ‘E la grinta che era mancata’

Trascinati da Bürgler, i biancoblù tornano a sorridere a spese del Langnau. ’Quando segni ti festeggiano, ma io sono felice per Johnny e André’

Ambrì – Determinazione, occasioni, reti e punti. In un martedì che in verità non sembra cominciare benissimo per l’Ambrì di Luca Cereda. Che si danna l’anima, e passa gran parte del primo tempo nel terzo di un Langnau a cui, invece, basta un’occasione, la prima, per portare l’infallibile Harri Pesonen ad aprire le marcature, quando il cubo della Gottardo Arena indica che siamo solo al minuto numero 8’53”. Il fatto è che tutta la buona volontà e la pressione del mondo non bastano, quando davanti ti ritrovi un avversario quadrato che sa difendere bene, e che praticamente blinda lo slot, in cui in tutto il primo periodo i biancoblù riescono a cavare si è no un paio di dischi pericolosi. Ciò che in quel momento non è certo la migliore delle premesse, dopo due partite, entrambe perse, in cui i biancoblù erano riusciti a trovare la via del gol in una sola occasione.

Invece, e questa è una di quelle, a volte le apparenze ingannano. Basta un inizio di secondo tempo a tutta, e le certezze bernesi si sgretolano di fronte al moltiplicarsi degli sforzi degli uomini di Cereda. Il quale, costretto stavolta a far senza il canadese McMillan, decide di riproporre sul ghiaccio la prima linea tutta straniera battezzata in corso d’opera una settimana prima, nella vittoriosa uscita contro il Losanna. Tuttavia, invece del blocco di D’Agostini, Regin e Kozun a brillare è soprattutto quello formato da Kneubuehler, Bürgler e Heim. Con il primo e il secondo che mettono a segno un micidiale uno-due tra il 21’52’’ e il 25’08’’, ribaltando la situazione, ma soprattutto traghettando il famoso ‘momentum’ sul versante leventinese. È a quel momento che, per la prima volta, la squadra di Jason O’Leary appare in difficoltà: a differenza del periodo numero uno, infatti, adesso gli ospiti sono costretti a correre di qua e di là per tappare i buchi, mentre sull’altro fronte e da ogni posizione ci provano un po’ tutti, da D’Agostini a Fora, da Kozun a Pestoni, con conclusioni che sono una più pericolosa dell’altra. Neppure la temporanea uscita di scena di Zwerger, colpito apparentemente al volto da un puck (il cui posto nel lineup viene ereditato da Trisconi, con Fischer che si ritrova a dover addirittura esordire in attacco nella quarta linea), frena lo slancio di un Ambrì che capisce di avere in mano le chiavi della partita. Tanto che, anche in un terzo tempo in cui, teoricamente, tutti si aspettano una reazione di Olofsson e dei suoi compagni, le occasioni più nitide sono biancoblù, la più clamorosa delle quali è il clamoroso tocco sul palo di Kozun su tiro dalla linea blu di Fora al minuto numero 49. Una specie di prova generale per il gol numero tre, a firma Daniele Grassi, che arriva al termine di un’insistita azione nel terzo offensivo in pieno ‘money time’. Poi tutti in piedi sui titoli di coda.

‘Sapevamo che il terzo gol sarebbe stato importante, ma avremmo dovuto segnarlo prima’

Torna il sorriso nei corridoi della Gottardo Arena dopo un weekend senza punti. «In questo campionato tutte le partite sono difficili, ma ogni partita comincia sullo 0-0 – spiega il difensore Isacco Dotti –. Sappiamo che con la grinta sotto porta possiamo battere chiunque, ma nel weekend quella cattiveria ci è un po’ mancata. Anche stasera, in fondo: già nel primo tempo sul piano del gioco abbiamo lavorato bene, però mancava la grinta: nel secondo invece c’era, e sono arrivati i gol. Al Langnau abbiamo concesso poco difensivamente, anche in inferiorità numerica, e ‘Benji’ (Conz, ndr) ha fatto la sua parte».

Il grande protagonista del martedì è stato indubbiamente Dario Bürgler. «È stata senz’altro una buona serata – dice l’attaccante svittese –, ma a me più che altro rincuora il fatto che come squadra abbiamo giocato bene e siamo riusciti a vincere, anche dopo un inizio di partita non ideale. Luca negli spogliatoi nella prima pausa ha sicuramente trovato le parole giuste, ma noi sapevamo che avremmo dovuto mettere sul ghiaccio qualcosina in più. Sapevamo che il terzo gol sarebbe stato importante, ma avremmo dovuto segnarlo prima».

Non solo Bürgler, però, si è messo in evidenza stavolta. «Sono soprattutto felice per gli altri due colleghi di linea, Kneubuehler e Heim. Abbiamo sempre lavorato bene, ma non siamo mai stati ripagati dei nostri sforzi. Mentre stasera abbiamo trovati due gol importanti. Il fatto è che quando segni la gente ti festeggia, quando non ci riesci invece no...».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved