VAN Canucks
1
PIT Penguins
4
3. tempo
(0-0 : 1-3 : 0-1)
VAN Canucks
1
PIT Penguins
4
3. tempo
(0-0 : 1-3 : 0-1)
contro-l-ajoie-i-bianconeri-calano-il-poker
Fazzini prova a contenere Pouilly (Ti-Press)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
6734
2
HC Aspi Capitals
6331
3
LHC Bombers
6225
4
25 Francs trop cher
6216
5
Maxim la biere
6192
6
Iselis Punktebuebe
6185
7
Wild Hogs
6156
8
praratoud 2
6127
9
SPARTAK JACK
6110
10
Metallurg Bangitonov
6102
ULTIME NOTIZIE Sport
Gallery
Hockey
8 ore

Decisivo Loeffel, a Berna il Lugano coglie due punti pesanti

I bianconeri pareggiano il conto all’ultimo minuto con il topscorer Luca Fazzini e si impongono ai rigori
Gallery
Hockey
8 ore

Un buon Ambrì si arrende solo all’overtime ai Lions

Il ‘ruggito’ di Hollenstein al 63’46" mette fine a una partita particolarmente combattuta. Per i leventinesi a bersaglio Heim e McMillan
Hockey
12 ore

Dominic Zwerger ‘out’ fino a dopo la pausa Nazionale

Il giocatore dell’Ambri Piotta ha subìto una lesione muscolare durante l’allenamento di venerdì mattina
calcio e finanza
1 gior

È ancora Italia-Svizzera, la partita delle plusvalenze

Indagini sull’utilizzo spinto della formula per scambiare calciatori da parte della Juventus e altri club di A: nel mirino gli affari con Lugano e Basilea
Tennis
1 gior

In Davis Djokovic non basta: la Serbia è fuori

Mektic e Pavic dettano legge, e la Croazia è in finale. Se la vedrà con la vincitrice dell’altra sfida tra Germania e Russia, in programma domani
Formula 1
1 gior

A proposito di Arabia e Hinwil

Picci e Vasseur, convivenza turbolenta in casa Sauber. Nelle libere le Mercedes di Hamilton e Bottas precedono GAsly e Verstappen
Sci
1 gior

Sofia Goggia ha i razzi ai piedi, Lara invece è attardata

Nella libera di Lake Louise l’italiana lascia solo le briciole alle avversarie: quasi un secondo e mezzo alla seconda classificata, l’americana Johnson
Sci
1 gior

Odermatt è ancora da podio. Ma alle spalle di Kilde

A Beaver Creek è il norvegese a trionfare nel secondo superG in 24 ore sulle nevi del Colorado, dove il talento nidvaldese è battuto per soli 3 centesimi
Hockey
1 gior

La pandemia posticipa la festa dell’Ambrì Piotta

Slitta a data da definirsi la festa (prevista sabato 18 dicembre) per l’inaugurazione del nuovo stadio biancoblù
Hockey
1 gior

‘Spiace che la notizia sia già uscita, ma va bene pure così’

Ultima stagione di Fora con l’Ambrì. Che poi, per quattro anni, giocherà a Davos. ‘Il ricordo più bello? Speriamo debba ancora arrivare’
Gallery
Basket
1 gior

Per Sam e Tigers conta vincere, seppur per motivi diversi

Domenica Massagno ospita l’Olympic, domani il Lugano di scena all’Elvetico contro la cenerentola Monthey
Hockey
26.10.2021 - 22:000
Aggiornamento : 22:43

Contro l’Ajoie, i bianconeri calano il poker

Senza strafare, il Lugano mette sotto i giurassiani: alla Cornèr Arena finisce 4-1

Bastano tre minuti e spiccioli al Lugano per indirizzare la partita sui binari giusti. Perché è appunto già al secondo numero centonovantasette che i bianconeri, in pista con Irving tra i pali (lo straniero in soprannumero è Boedker) e una prima linea giocoforza ridisegnata (alle ali di Arcobello stavolta ci sono Bertaggia e Fazzini) aprono le danze contro l’Ajoie. Per riuscirci, gli uomini di McSorley sfruttano la prima opportunità di giocare con l’uomo in più, nata da una trattenuta dell’ex bianconero Romanenghi. Il gol lo sigla Josephs, al termine di un bell’uno-due con Morini.

I giurassiani faticano a tenere il passo dei padroni di casa, che quando spingono, macinano occasioni su occasioni. Dopo il powerplay, a colpire è anche il boxplay bianconero, che per la sesta volta in stagione va a bersaglio. Dopo un’occasione sventata da Irving, in contropiede i bianconeri si riversano dalle parti di Östlund, con Bertaggia che da dietro la sua porta mette sul bastone di Herburger il disco del 2-0, permettendo così al Lugano di andare alla prima pausa sul comodo doppio vantaggio.

Le speranze dell’Ajoie di rientrare in carreggiata, comunque già drammaticamente ridotte dopo i venti minuti iniziali, di azzerano quando Birbaum dopo cinque minuti e rotti di gioco nel periodo centrare, si fa spedire sulla panchina dei penalizzati per un’ingenuità. Al Lugano bastano nove secondi di quel powerplay per andare sul triplo vantaggio. Firmato da Luca Fazzini, che ritrova così la via del gol, che gli mancava dal derby del primo ottobre (quando segnò una doppietta). Forte del vantaggio acquisito, il Lugano smette di spingere, limitandosi a giochicchiare: il più, a quel punto, ormai è fatto per gli uomini di McSorley. Gli ospiti approfittano del rilassamento dei padroni di casa per crearsi qualche buona opportunità, senza tuttavia trovare il modo di scardinare la porta difesa da Irving.

Il poker bianconero lo confeziona Hudaceck, che da distanza ravvicinata al 42’53" insacca da distanza ravvicinata un disco scodellato al centro da Alatalo. Devos a metà dell’ultimo periodo si toglie poi lo sfizio segnando la rete della bandiera le per la sua squadra, rovinando la festa a Irving: il portiere dei bianconeri respinge il primo disco scagliato da Fortier, ma sul rebound il numero 8 dei giurassiani non perdona: 4-1. Ma quello è l’ultimo sussulto di una partita che in pratica il suo destino l’aveva già bell’e scritto al termine del primo tempo. Anche perché la rete di Fazzini, a porta vuota, arriva quando la terza sirena è già squillata.

Lugano - Ajoie (2-0 1-0 1-1) 4-1

Reti: Josephs (Morini/esp. Romanenghi) 1-0. 13’21" Herburger (Bertaggia, Nodari/esp. Traber!) 2-0. 25’34" Fazzini (Alatalo, Arcobello/esp. Birbaum) 3-0. 42’53" Hudacek (Alatalo, Josephs) 4-0. 50’08" Devos (Fortier, Frossard/esp. Müller) 4-1.

Lugano: Irving; Altalo, Riva; Nodari, Müller; Chiesa, Bernd Wolf; Villa, Haussener; Fazzini, Arcobello, Bertaggia; Hudacek, Thürkauf, Josephs; Vedova, Herburger, Motini; Traber, Walker, Stoffel.

Ajoie: Östlund; Hauert, Pouilly; Birbaum, Joggi; Hänggi, Eigenmann; Schnegg, Helfer; Wannström, Devos, Fortier; Rohrbach, Frossard, Romanenghi; Bogdanoff, Ness, Schmutz; Frei, Macquat, Huber.

Arbitri: Hebeisen, Mollard; Cattaneo, Duarte.

Note: 4’756 spettatori. Penalità: 5 x 2’ contro il Lugano; 4 x 2’ contro l’Ajoie. Tiri in porta: 43-29 (13-7, 10-11, 17-11). Lugano privo di Carr, Fatton, Guerra, Schlegel (infortunati), Boedker e Tschumi (soprannumero); Ajoie senza Asselin, Gauthier-Leduc, Hazen (infortunati) e Rouiller (ammalato). Al 58’43 timeout Ajoie, poi senza portiere dal 58’53" e fino al termine. Premiati quali migliori in pista Troy Josephs e Matteo Romanenghi.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved