Portogallo
6
Svizzera
1
fine
(2-0)
GCK Lions
4
Langenthal
3
rigori
(0-1 : 2-2 : 1-0 : 0-0 : 1-0)
Winterthur
1
La Chaux de Fonds
7
3. tempo
(1-4 : 0-2 : 0-1)
Ticino Rockets
3
Visp
9
3. tempo
(1-3 : 0-3 : 2-3)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
6159
2
HC Kaski Male
6125
3
HC Aspi Capitals
6042
4
GregBeaud
5919
5
Team Belozoglu
5907
6
LucHC Lions
5872
7
Chop
5871
8
SV Rokaner
5832
9
ASIA TEAM
5806
10
TrigoAce1
5793
ULTIME NOTIZIE Sport
gallery
Qatar 2022
59 min

Che umiliazione

La Svizzera non è pervenuta e con il Portogallo viene rispedita a casa con un pesantissimo 6-1
QATAR 2022
3 ore

I rigori mandano il Marocco in Paradiso e la Spagna a casa

Gli africani per la prima volta ai quarti di finale dopo una partita difensiva. Gli iberici deludenti e senza idee sbagliano tre volte dal dischetto
QATAR 2022
5 ore

La lunga marcia del calcio asiatico non è ancora finita

Dopo un Mondiale iniziato in maniera molto promettente, Australia, Giappone e Corea del Sud si sono infrante sul muro degli ottavi di finale
QATAR
6 ore

Eto’o colpisce uno youtuber, il video diventa virale

L’uomo, un algerino, lo aveva provocato sull’arbitro dello spareggio Algeria-Camerun che molti ritengono essere stato comperato
Angolo Bocce
6 ore

Alessandro Eichenberger e Aramis Gianinazzi vincono in Austria

La giovane coppia dell’Ideal di Coldrerio si è imposta nel torneo internazionale di Hard, contro i chiassesi Peschiera e Dalle Fratte
QATAR 2022
7 ore

Il Manchester United vorrebbe Yann Sommer già da gennaio

L’accordo tra il portiere rossocrociato e il Borussia Mönchengladbach scadrà a fine stagione, proprio come quello di David de Gea con i Red Devils
Hockey
7 ore

Qualche settimana d’assenza per Kostner e Kneubuehler

Contro il Rapperswil i due hanno subito una contusione alla spalla sinistra, rispettivamente un infortunio muscolare al torace
COSE DELL'ALTRO MONDO
8 ore

Mr. Irrilevant, anche gli ultimi hanno il loro giorno di gloria

Scelto quale 262° giocatore al draft 2022, Brock Purdy è salito agli onori della cronaca con San Francisco. Ma nella Nfl la carriera è molto breve
TIRI LIBERI
8 ore

I progetti del basket svizzero sembrano usciti da un incubo

Dall’assurdità di una fase a orologio basata sulla classifica della scorsa stagione a una Coppa Svizzera che produce palestre vuote
CALCIO
9 ore

Fissata la prima amichevole, sabato il Lugano ospita il Monza

La compagine di Serie A a Cornaredo dalle 14. Oggi l’inizio della prevendita (agibili solo tribuna principale e spalti)
Qatar 2022
1 gior

L’arte del pallone: il Brasile non dà scampo alla Corea

Primo tempo a passo di danza in un lunedì senza storia, con la selezione di Tite che liquida la pratica degli ottavi segnando quattro gol
HOCKEY
1 gior

L’ipocrisia dell’ibrido. Mottis: ‘Che formazione sia’

L’inverno rigido di una Swiss League che attende di conoscere il proprio destino dopo aver sopravvalutato se stessa. ‘Quei 400 mila franchi ora mancano’
Altri sport
1 gior

Riesaminate le provette dei Giochi 2012: 73 casi di doping

Immane lavoro dell’Ita su richiesta del Comitato olimpico internazionale: oltre 2700 campioni analizzati, trentun medaglie ritirate e 46 riassegnate
Qatar 2022
1 gior

Ai rigori vince la Croazia

I giapponesi non reggono la pressione e dal dischetto sbagliano 3 volte su 4
25.10.2021 - 18:02
Aggiornamento: 18:33

‘È la consistenza quella che dobbiamo trovare’

Un solo gol all’attivo nel weekend per l’Ambrì. Ma per Rocco Pezzullo, ‘non è lì che dobbiamo focalizzare i nostri sforzi’

e-la-consistenza-quella-che-dobbiamo-trovare
‘Pronto a lottare ogni giorno per un posto in squadra’ (Keystone)

È ora di voltare pagina. Dopo i due passaggi a vuoto (almeno da profilo dei punti raccolti, perché come prestazione, tanto venerdì contro lo Zurigo, quanto sabato a Friborgo, di cose positive ce ne sono comunque state), quella che si apre domani con la sfida contro il Langnau dovrebbe essere una settimana più abbordabile, completata poi dalla trasferta a Zugo (venerdì) e dal match casalingo contro l’Ajoie. «Questa deve essere la settimana del nostro riscatto – esordisce con convinzione Rocco Pezzullo –. Vogliamo dimostrare il nostro carattere, quello che ci aveva un po’ tradito nel weekend che ci siamo appena lasciati alle spalle. Avremo di fronte squadre che portano in pista tanta intensità, perciò dovremo essere bravi a fare altrettanto. Soprattutto nei duelli: è lì che si decidono gran parte delle partite. In particolare, col Langnau, mi aspetto una partita dove a fare la differenza, più che le abilità personali, saranno le reti sporche».

Sempre facendo riferimento al weekend che ci si è appena lasciati alle spalle, i biancoblù l’hanno chiuso con cinque reti al passivo contro un solo gol all’attivo (quello siglato da Heim sabato a Friborgo): è allora nell’attacco che la vostra squadra può e deve ancora crescere? «Non penso che queste due partite in cui abbiamo raccolto una sola rete stiano a indicare che l’attacco sia il nostro limite. A mio modo di vedere è sulla consistenza, nelle singole partite e tra una partita e l’altra, che dobbiamo insistere con il lavoro. A volte giochiamo da ‘top-level’, mentre altre facciamo decisamente più fatica. Per cui è su questo margine che dobbiamo ancora lavorare. Sono persuaso che una volta trovate intensità e consistenza, i risultati arriveranno per conseguenza».

Il rientro di alcuni infortunati, e non da ultimo quello di D’Agostini, ha comunque permesso a tutta la squadra di tirare un po’ il fiato: «Ci voleva. Matt, in particolare, è tornato in piena forma, e questo era importante per lui ma anche per tutto il gruppo. In queste prime partite da quando è rientrato in squadra ha dimostrato di aver recuperato bene dall’infortunio. Sicuramente, col rientro di diversi infortunati, potremo gestire meglio le energie in partita».

‘Matricola’ ad Ambrì, leader a Biasca

Al gruppo di Cereda, il 20enne difensore dei leventinesi si è aggregato solo alla settima di campionato, a Davos, dopo aver iniziato la stagione con i Rockets. Di cui anche settimana scorsa ha vestito la maglia per due partite. Ma Pezzullo sembra non risentire di questo ‘ping-pong’ tra Ambrì e Biasca: «So benissimo qual è la mia condizione, ossia quella di un giovane che deve lottare ogni giorno per meritarsi un posto in prima squadra. La concorrenza è tanta e la qualità pure. Se una volta o l’altra mi ritrovo escluso dai selezionati, non ne faccio comunque un dramma: essere mandato a giocare a Biasca, in Swiss League, non la vivo come una penitenza. La prendo con filosofia: personalmente la interpreto come l’occasione per dimostrare di poter meritarmi il salto di categoria». È ancora così marcato il divario tra campionato cadetto e massimo campionato? «Le due rive un po’ si stanno avvicinando. Avendo alle spalle una stagione giocata praticamente tutta in National League, quando mi ritrovo a dare man forte ai Rockets, squadra con un’età media piuttosto bassa, noto comunque ancora un sensibile divario. Per questo a Biasca il mio compito è anche quello di portare la mia esperienza, quella maturata in un campionato superiore, mettendola al servizio dei giovani del gruppo agli ordini di Landry, cercando anche di insegnare loro qualche trucchetto in più». Se ad Ambrì sei una sorta di ‘matricola’ al cospetto dei più navigati, a Biasca ti ritrovi nei panni di una sorta di leader: e come ti trovi in questo ruolo? «Già quando ero negli Juniores, mi piaceva fare un po’ il leader del gruppo. Anche con la Nazionale, con la U20, mi ero ritrovato in questi panni, per cui mi ci trovo piuttosto a mio agio. Mi piace aiutare gli altri e reputo di avere le caratteristiche ideali per essere un buon leader. Ad Ambrì, ovviamente, i leader sono altri, per cui mi va anche benissimo il ruolo di matricola, per ora».

Parliamo adesso del prossimo avversario, il Langnau: che squadra è? «Sebbene la prima volta che l’abbiamo affrontato questa stagione non fossi della partita, il complesso di Jason O’leary bene o male lo conosciamo, per averne studiato nel dettaglio lo stile. È una squadra che pratica un gioco duro, con forecheck e backcheck intensi, che ha in ripartenze e contropiedi i suoi punti forti, per cui dovremo stare particolarmente attenti a queste situazioni». Come? «Giocando nel modo più compatto possibile».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved