HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Furrioso
1321
2
KISS of DEATH
1318
3
LucHC Lions
1289
4
heida75
1273
5
AmStars
1262
6
check squadron
1258
7
Herr Hans Mueller
1250
8
Whity Selection
1238
9
Ambri due
1238
10
Heed shoots Heed scores
1233
ULTIME NOTIZIE Sport
hockey
1 ora

‘Possiamo vincere, ma aiutandoci a vicenda’

Michael Spacek, al suo primo derby ticinese, punta sul complesso, forte anche delle tante bocche da fuoco: ‘Poco importa chi segna ed è il top scorer’
CICLISMO
1 ora

L’ultima pedalata di Alejandro Valverde sarà al Lombardia

Lo spagnolo ha annunciato, a 42 anni, il ritiro dalle competizioni. È stato campione del mondo nel 2018 e ha vinto 4 volte la Liegi e 5 la Freccia
ATLETICA
2 ore

Argento e primato ticinese U20 per Tiziana Rosamilia

A Ginevra si sono svolte le finali nazionali del MilLe Gruyère. La ragazza dell’Usa Ascona ha abbassato il limite ottenuto nel 1993 da Marta Odun
TENNIS
2 ore

A Tallin, Belinda Bencic come un rullo compressore

Nel torneo estone la sangallese ha superato di slancio il primo turno, infliggendo un chiaro 6-0 6-2 alla padrona di casa Malygina
hockey
2 ore

‘Anche il mio rendimento deve migliorare’

Markus Granlund, nonostante le due reti segnate, non è soddisfatto del suo inizio a Lugano. Ma è tutta la squadra che nel derby deve riscattarsi.
CALCIO
2 ore

Nations League, chiudere i conti con la salvezza

La Svizzera ospita a San Gallo la Repubblica Ceca. Un pari basterebbe per mantenere il posto in Lega A. Partita numero 100 per Ricardo Rodriguez
hockey
4 ore

Tre giornate a Salomäki

L’attaccante del Losanna punito per il colpo alla testa di Oliwer Kaski
CICLISMO
7 ore

Van der Poel colpevole, ma può lasciare l’Australia

Il ciclista olandese accusato di violenza contro due adolescenti nella notte precedente il Mondiale di Wollongong
Hockey
9 ore

Ambrì senza Heed per tre o quattro settimane

Colpa di un infortunio al costato rimediato venerdì a Porrentruy
NATIONS LEAGUE
10 ore

Vittoria storica, carenze croniche

La selezione guidata da Murat Yakin torna dalla Spagna con qualche certezza in più, ma pure con la consapevolezza di essere sguarnita in certi ruoli
TENNIS
15 ore

L’ultimo sipario sulla fabbrica delle emozioni

‘Non mi piace perdere’, dice King Roger. Ma alla Laver Cup di Londra è così che va a finire, con la sua Europa costretta alla resa dal resto del mondo
BOCCE
23 ore

Ai Mondiali di Roma la giovane Svizzera non delude

I giovani rossocrociati tornano dalla competizione juniores con un argento e un bronzo, conquistati dai ticinesi Ryan Regazzoni e Giorgia Cavadini
23.10.2021 - 22:04
Aggiornamento: 22:37

È la serata di Marco Müller, e il Lugano ne fa le spese

Una tripletta del centro dello Zugo rovina il sabato ai bianconeri di Chris McSorley, che pagano a caro prezzo gli errori e un brutto secondo periodo

e-la-serata-di-marco-m-ller-e-il-lugano-ne-fa-le-spese
Un solo punto nel weekend e qualche grattacapo per Chris McSorley (Ti-Press/Crinari)

Alla Cornèr Arena si chiude malamente una sfida che, invece, per il Lugano era partita a tutta. Con i ticinesi che segnano subito, nonostante si trovino in inferiorità numerica sul ghiaccio dopo un bastone alto fischiato a Thürkauf, con lo Zugo che si fa curiosamente trovare impreparato dopo un ingaggio sulla destra di Davide Fadani (titolarizzato per la seconda sera di fila), e sulla ripartenza Bertaggia si presenta nel terzo ospite, dove Mirco Müller si fa trovare indisturbato al di là dei difensori, e con serenità esemplare mette il puck alle spalle di Hollenstein (1-0 al 3‘18’’). Il vantaggio bianconero dura però solo una decina di minuti: boedker e nodari vanno in raddoppio su Kreis, e dopo essersi impossessato del puck Dario Simion allarga il gioco su Martschini, il cui missile non lascia scampo al povero Fadani. Il Lugano però non si scompone, e al 15’07’’ torna a condurre le danze: appoggio nel traffico di Bernd Wolf, e il disco carambola addosso al topscorer dello Zugo Niklas Hansson, con Calvin Thürkauf che è il più lesto di tutti e tocca il disco nella porta spalancata.

Una scena ancor più clamorosa, ma nel periodo di mezzo, capita allo Zugo: doppia respinta di Fadani, la seconda dopo un grande intervento col guantone su tiro a fil di palo di Lander, e Dominik Schlumpf trova davanti a sé la gabbia sguarnita: tuttavia, il tentativo di ‘loob‘ del difensore si spegne sopra la traversa. Poi, al 6’, la ghiottissima occasione capita ai bianconeri: gran lancio di Morini per Bertaggia, che prende totalmente alla sprovvista la retroguardia ospite, ma Herburger abbandonato davanti a Hollenstein fallisce a due riprese. Chi invece non fallisce il bersaglio è Marco Müller, a metà partita esatta, nelle fasi iniziali di una penalità inflitta ad Alatalo per ostruzione: tuttavia, nell’occasione Fadani si fa trovare totalmente sorpreso sul tiro del centro numero 86 degli svizzerocentrali. Müller che negli ultimi dieci minuti del secondo periodo diventa assoluto protagonista sul ghiaccio: prima serve a Simion il puck che il ticinese, per nulla attaccato, scarica in porta per il 2-3; poi a meno di trenta secondi dal termine conclude in gol un contropiede lanciato dallo svedese Hannsson, che ruba un po’ troppo facilmente il puck nel terzo offensivo a Troy Josephs, lanciando il break che frutta il 2-4.

Tutte quegli errori, in un secondo tempo in cui lo Zugo tira in porta addirittura 21 volte (!), alla fine il Lugano rischia di pagarli cari. Anche se l’occasionissima in avvio di periodo, con Vedova che colpisce un palo pieno dopo tocco di Stoffel, sembra essere di buon auspicio. Anche perché rispetto al secondo tempo i bianconeri sono decisamente più attivi, e cominciano a premere con sempre maggior insistenza. Non solo però il disco non vuole saperne di entrare (clamorosa la traversa colpito da Thürkauf al 52’), ma al secondo tiro in porta lo Zugo segna ancora, per la quinta volta. Neanche a farlo apposta, ancora con Marco Müller. Prima del definitivo 6-2 di Allenspach, in doppia superiorità numerica.

Lugano - Zugo (2-1 0-3 0-2) 2-6
Reti: 3’18’’ Mirco Müller (Bertaggia, Nodari) 1-0. 12’49’’ Martschini (Simion) 1-1. 15’07’’ Thürkauf (Wolf) 2-1. 30’01’’ Marco Müller (Hansson/esp. Alatalo) 2-2. 34’14’’ Simion (Marco Müller) 2-3. 39’36’’ Marco Müller (Hansson) 2-4. 55’04’’ Marco Müller (Martschini) 2-5. 58’33’’ Allenspach (esp. Mirco Müller e Hudacek) 2-6.
Lugano: Fadani; Alatalo, Wolf; Nodari, Mirco Müller; Näser, Chiesa; Villa; Hudacek, Arcobello, Bodker; Fazzini, Thürkauf, Josephs; Bertaggia, Herburger, Morini; Vedova, Walker, Stoffel; Traber
Zugo: Hollenstein; Djoos, Kreis; Hansson, Gross; Hansson, Stalder; Cadonau; Klingberg, Lander, Bachofner; Simion, Marco Müller, Martschini; Allenspach, Leuenberger, De Nisco; Neumann, Hofer
Arbitri: Lemelin (Usa), Urban; Altmann, Progin
Note: 5’213 spettatori. Penalità: 7 x 2’ contro il Lugano; 3 x 2’ contro lo Zugo. Tiri: 27-35 (10-10, 8-21, 9-4). Lugano privo di Carr, Guerra, Fatton, Schlegel, Loeffel (tutti infortunati). Pali: 32’41’’ Marco Müller, 42’29’’ Vedova, 52’10’’ Thürkauf (traversa). Premiati a fine partita, quali migliori in pista, Calvin Thürkauf e Marco Müller.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved