e-la-serata-di-marco-m-ller-e-il-lugano-ne-fa-le-spese
Un solo punto nel weekend e qualche grattacapo per Chris McSorley (Ti-Press/Crinari)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
9490
2
Maxim la biere
9472
3
25 Francs trop cher
8877
4
Iselis Punktebuebe
8868
5
Team Gobbi
8826
6
ADTC
8720
7
Wild Hogs
8704
8
BalaBala
8638
9
TrigoAce2
8630
10
Matterhorn1
8629
ULTIME NOTIZIE Sport
L'ANGOLO DELLE BOCCE
1 ora

Buona la prima per Eichenberger-Gianinazzi

Grande inizio di stagione per la coppia dell’Ideal Coldrerio. A Cavergno ha battuto 12-0 Rossi - Lorenzetti (Torchio)
Gallery
Tennis
1 ora

Australian Open, Nadal-Berrettini in semifinale

Rafa ha sconfitto Shapovalov in cinque set, l’azzurro ha fatto lo stesso contro il francese Monfils. Donne, avanti Ashleigh Barty e Madison Keys
sci alpino
3 ore

Sara Hector vince il gigante a Plan de Corones

Male le elvetiche: la rossocrociata meglio piazzata è Andrea Hellenberger, 19esima
tiri liberi
3 ore

3x3 in rampa di lancio. Quali ripercussioni sulle Nazionali?

Nelle selezioni delle squadre 3x3 tanti giocatori nel giro anche della Nazionale maggiore. A quali competizioni dare la priorità?
Nuoto
3 ore

Mondiali di Fukuoka rinviati al 2023

La rassegna iridata avrebbe dovuto svolgersi lo scorso anno, ma venne posticipata per la vicinanza con i Giochi e per l’emerganza sanitaria
calcio
4 ore

Eray Cömert passa dal Basilea al Valencia

Il difensore centrale dei renani e della Nazionale rossocrociata ha firmato un contratto con gli spagnoli fino al 2026
SCI ALPINO
5 ore

Plan de Corones, prima manche: Vlhova avanti, Gisin 11esima

La slovacca ha dato 34 centesimi di distacco alla leader della classifica di specialità, la svedese Sara Hector, terza l’americana Shiffrin
HOCKEY
20 ore

Daniel Carr alle Olimpiadi con la maglia del Canada

L’attaccante del Lugano convocato da Claude Julien assieme a Desharnais (Friborgo), Winnik (Ginevra) e Noreau (Zsc Lions)
CICLISMO
23 ore

Incidente a Egan Bernal durante un allenamento in Colombia

Il vincitore del TdF 2019 è stato trasportato all’ospedale. La prima diagnosi parla di frattura del femore e della rotula. Intervento chirurgico a ore
Hockey
1 gior

‘Per vincere a Zugo serve uno sforzo collettivo’

Dopo il successo ai rigori sul Berna, il Lugano pensa alla prossima sfida. Schlegel: ‘Ogni passo avanti, anche piccolo, è preziosissimo‘
Hockey
1 gior

Sei turni di squalifica per Marc-Antoine Pouliot

Esemplare sanzione per l’attaccante del Ginevra Servette, reo di aver caricato un arbitro nella partita contro il Friborgo
Gallery
Nuoto
1 gior

Noè Ponti in forma nonostante i carichi di lavoro

Parata di stelle al 55esimo Challenge International di Ginevra. Buoni i tempi del ticinese della Nuoto Sport Locarno e di Benjamin Pfeiffer dell’A-Club
23.10.2021 - 22:040
Aggiornamento : 22:37

È la serata di Marco Müller, e il Lugano ne fa le spese

Una tripletta del centro dello Zugo rovina il sabato ai bianconeri di Chris McSorley, che pagano a caro prezzo gli errori e un brutto secondo periodo

Alla Cornèr Arena si chiude malamente una sfida che, invece, per il Lugano era partita a tutta. Con i ticinesi che segnano subito, nonostante si trovino in inferiorità numerica sul ghiaccio dopo un bastone alto fischiato a Thürkauf, con lo Zugo che si fa curiosamente trovare impreparato dopo un ingaggio sulla destra di Davide Fadani (titolarizzato per la seconda sera di fila), e sulla ripartenza Bertaggia si presenta nel terzo ospite, dove Mirco Müller si fa trovare indisturbato al di là dei difensori, e con serenità esemplare mette il puck alle spalle di Hollenstein (1-0 al 3‘18’’). Il vantaggio bianconero dura però solo una decina di minuti: boedker e nodari vanno in raddoppio su Kreis, e dopo essersi impossessato del puck Dario Simion allarga il gioco su Martschini, il cui missile non lascia scampo al povero Fadani. Il Lugano però non si scompone, e al 15’07’’ torna a condurre le danze: appoggio nel traffico di Bernd Wolf, e il disco carambola addosso al topscorer dello Zugo Niklas Hansson, con Calvin Thürkauf che è il più lesto di tutti e tocca il disco nella porta spalancata.

Una scena ancor più clamorosa, ma nel periodo di mezzo, capita allo Zugo: doppia respinta di Fadani, la seconda dopo un grande intervento col guantone su tiro a fil di palo di Lander, e Dominik Schlumpf trova davanti a sé la gabbia sguarnita: tuttavia, il tentativo di ‘loob‘ del difensore si spegne sopra la traversa. Poi, al 6’, la ghiottissima occasione capita ai bianconeri: gran lancio di Morini per Bertaggia, che prende totalmente alla sprovvista la retroguardia ospite, ma Herburger abbandonato davanti a Hollenstein fallisce a due riprese. Chi invece non fallisce il bersaglio è Marco Müller, a metà partita esatta, nelle fasi iniziali di una penalità inflitta ad Alatalo per ostruzione: tuttavia, nell’occasione Fadani si fa trovare totalmente sorpreso sul tiro del centro numero 86 degli svizzerocentrali. Müller che negli ultimi dieci minuti del secondo periodo diventa assoluto protagonista sul ghiaccio: prima serve a Simion il puck che il ticinese, per nulla attaccato, scarica in porta per il 2-3; poi a meno di trenta secondi dal termine conclude in gol un contropiede lanciato dallo svedese Hannsson, che ruba un po’ troppo facilmente il puck nel terzo offensivo a Troy Josephs, lanciando il break che frutta il 2-4.

Tutte quegli errori, in un secondo tempo in cui lo Zugo tira in porta addirittura 21 volte (!), alla fine il Lugano rischia di pagarli cari. Anche se l’occasionissima in avvio di periodo, con Vedova che colpisce un palo pieno dopo tocco di Stoffel, sembra essere di buon auspicio. Anche perché rispetto al secondo tempo i bianconeri sono decisamente più attivi, e cominciano a premere con sempre maggior insistenza. Non solo però il disco non vuole saperne di entrare (clamorosa la traversa colpito da Thürkauf al 52’), ma al secondo tiro in porta lo Zugo segna ancora, per la quinta volta. Neanche a farlo apposta, ancora con Marco Müller. Prima del definitivo 6-2 di Allenspach, in doppia superiorità numerica.

Lugano - Zugo (2-1 0-3 0-2) 2-6
Reti: 3’18’’ Mirco Müller (Bertaggia, Nodari) 1-0. 12’49’’ Martschini (Simion) 1-1. 15’07’’ Thürkauf (Wolf) 2-1. 30’01’’ Marco Müller (Hansson/esp. Alatalo) 2-2. 34’14’’ Simion (Marco Müller) 2-3. 39’36’’ Marco Müller (Hansson) 2-4. 55’04’’ Marco Müller (Martschini) 2-5. 58’33’’ Allenspach (esp. Mirco Müller e Hudacek) 2-6.
Lugano: Fadani; Alatalo, Wolf; Nodari, Mirco Müller; Näser, Chiesa; Villa; Hudacek, Arcobello, Bodker; Fazzini, Thürkauf, Josephs; Bertaggia, Herburger, Morini; Vedova, Walker, Stoffel; Traber
Zugo: Hollenstein; Djoos, Kreis; Hansson, Gross; Hansson, Stalder; Cadonau; Klingberg, Lander, Bachofner; Simion, Marco Müller, Martschini; Allenspach, Leuenberger, De Nisco; Neumann, Hofer
Arbitri: Lemelin (Usa), Urban; Altmann, Progin
Note: 5’213 spettatori. Penalità: 7 x 2’ contro il Lugano; 3 x 2’ contro lo Zugo. Tiri: 27-35 (10-10, 8-21, 9-4). Lugano privo di Carr, Guerra, Fatton, Schlegel, Loeffel (tutti infortunati). Pali: 32’41’’ Marco Müller, 42’29’’ Vedova, 52’10’’ Thürkauf (traversa). Premiati a fine partita, quali migliori in pista, Calvin Thürkauf e Marco Müller.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved