HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
9985
2
LucHC Lions
9922
3
Sparta Becherovka
9622
4
thibault_gav
9531
5
FHM2223
9504
6
TrigoAce1
9466
7
Team Belozoglu
9431
8
Team7
9385
9
HC Kaski Male
9365
10
Poitu
9248
ULTIME NOTIZIE Sport
IL DOPOPARTITA
2 ore

Sono le situazioni a rendere speciale il ‘Rappi’

Un ottimo Lugano costretto alla resa dal powerplay sangallese. Gianinazzi: ‘Dobbiamo crescere in boxplay e stare alla larga dalla panchina’.
HOCKEY
3 ore

Il powerplay del Rapperswil è micidiale, Lugano battuto

La trasferta sangallese ha interrotto la striscia positiva dei bianconeri, sconfitti per 5-2 dagli uomini allenati da Stefan Hedlund
VOLLEY
4 ore

Sconfitto in campionato, il Lugano si rifà in Coppa

Le bianconere cedono strada all’Aesch Pfeffingen, prima di conquistare il biglietto per le semifinali nell’inedito derby con le ragazze di Bellinzona
BASKET
7 ore

La Coppa della Lega è della Spinelli Massagno

A Montreux si è imposta 73-69 contro il Vevey, grazie a una grande prova di Marko Mladjan, Williams e Galloway. Infortunio per Sefolosha
IL DOPOPARTITA
8 ore

L’Ambrì oltre i tre punti. ‘Abbiamo ritrovato la costanza’

I biancoblù rientrano da Langnau con tre punti d’oro sulla strada verso i preplayoff. ‘Ma restano altre 11 battaglie. Rüfenacht? Fisicamente è messo bene’
Calcio
9 ore

Acb, anno nuovo e problemi vecchi

Prestazione davvero deludente dei granata, sconfitti senza appello in casa dall’Yverdon (0-2)
Tennis
9 ore

Doppio colpo per Novak Djokovic

Il serbo a Melbourne fa suo il primo Slam dell’anno e riconquista la vetta dell’Atp. Fra le donne vince la bielorussa Sabalenka
Bob
10 ore

Bronzo mondiale per Vogt e Michel

A Sankt Moritz, nel bob a due, arriva la prima medaglia iridata per la Svizzera dal 2016
SCI ALPINO
12 ore

Mikaela Shiffrin si ferma a sei centesimi dal record di Stenmark

Nella Repubblica Ceca la statunitense chiude lo slalom alle spalle della tedesca Lena Dürr. Migliore elvetica, Michelle Gisin con il nono posto
Tennis
13 ore

Ventiduesimo Slam per l’insaziabile Djokovic

A Melbourne il serbo piega il greco Stefanos Tsitsipas in soli 3 set: 6-3, 7-6 (7/4), 7-6 (7/5)
Hockey
13 ore

Una giornata a Bristedt per la testata a Kovar

Lo svedese sanzionato dal giudice unico per l’intervento scorretto ai danni del ceco, sabato in Davos-Zugo. Punito anche Tanner per un fallo su Romanenghi
Sci
14 ore

Per Marco Odermatt, a Cortina è... ancora domenica

Il nidvaldese completa un weekend da favola: dopo il trionfo della vigilia, il 25enne concede il bis nel secondo superG
Hockey
1 gior

Tre punti d’oro per un affarone: l’Ambrì espugna Langnau

I biancoblù colgono un importantissimo successo nell’Emmental e fanno 4 su 4 contro i Tigrotti in stagione. Decisivo l’apporto della prima linea
CALCIO
1 gior

Aliseda all’ultimo respiro, il Lugano strappa un punto al Gc

Partita senza grosse emozioni che si chiude con un pareggio tutto sommato giusto e accettabile da entrambe le squadre
Hockey
laR
 
23.10.2021 - 00:01

‘Ci è mancata un po’ di cattiveria sotto porta’

I biancoblù Daniele Grassi e Isacco Dotti analizzano la sconfitta contro gli Zsc Lions. ‘In partite come questa è importante segnare per primi’

ci-e-mancata-un-po-di-cattiveria-sotto-porta
Heim ci prova (Ti-Press)

Ambrì – Niente da fare. Quando una serata nasce storta, non c’è niente che si possa fare per raddrizzarla. Nemmeno tutto l’impegno di questo mondo – e in questo senso i giocatori dell’Ambrì Piotta non giocano certo al risparmio per tutti i sessanta minuti dell’intensa sfida con lo Zurigo – basta per eludere quel crudele destino che fa sì che alla terza sirena a lasciare il ghiaccio a capo chino e mani vuote siano i biancoblù, la squadra che detta il ritmo per lunghi tratti della contesa. E, di riflesso, ai biancoblù non basta nemmeno tutta la cocciutaggine con cui tentano di battere Waeber dal primo all’ultimo minuto per riuscire nell’esercizio. Ci provano in parecchi, ma inutilmente. A cominciare da Heim e Fora già nel primissimo minuto della serata, con un elenco che fino al sessantesimo si dilaterà a dismisura, aggiungendovi i nomi di molti altri. Ancora nel primo tempo in particolare quelli di Kozun (con un backhand con la squadra in inferiorità numerica) e Pestoni (tiro in giravolta), ma entrambe le conclusioni vengono neutralizzate dal portiere ospite.

A pesare come un macigno sul bilancio complessivo della partita è un solo errore, quello di posizionamento della retroguardia biancoblù in occasione del gol che permette a Hollenstein di aprire le marcature a metà partita inoltrata. Per il resto, gli uomini di Cereda disputano appunto una prova limpida, senza particolari sbavature. E crea di più, decisamente di più di quanto faccia la compagine di Grönborg, la quale ha però il merito di attendere con pazienza quell’unico momento per piazzare la stoccata decisiva.

Ritrovatisi sotto di una rete, e per giunta proprio al termine di una fase in cui i leventinesi stavano cercando di stringere i tempi nel tentativo di trovare la chiave per scardinare la porta di Waeber, Fora e compagni si rimettono alla ricerca del gol con ancora maggiore insistenza. Pestoni prova il numero, lo stesso che tre giorni prima gli aveva permesso di siglare il momentaneo 2-2 contro il Losanna, ma stavolta il suo backhand, da posizione quasi identica a quella da cui aveva freddato Stephan martedì, si chiude col puck che sfiora sì l’incrocio dei pali, ma stavolta dalla parte sbagliata. Al 43’15” Heim, in mischia, dà agli oltre seimila presenti allo Stadio Multifunzionale l’illusione del gol. Gli arbitri accordano il punto ma poi, dopo aver rivisto l’azione al video, tornano sulla decisione, decretando che quel disco alle spalle di Waeber ci sia finito al termine di un’azione viziata da un’ostruzione sullo stesso portiere. Nemmeno questo basta però a tarpare le ali di un Ambrì che le prova davvero tutte per cercare di raddrizzare la partita. Dopo un altro paio di buone occasioni (da citare quella in due tempi del duo Zaccheo Dotti-Zwerger) arriva però il colpo che spegne definitivamente ogni illusione, assestato da Pedretti con la porta dell’Ambrì lasciata incustodita per fare posto a un sesto giocatore di movimento.

Persa una battaglia, ce n’è però già un’altra che attende di essere combattuta: stasera i biancoblù saranno infatti ospiti della capolista, quel Friborgo che fu il primo ospite della nuova ‘casa’ dei leventinesi, lasciandola a mani vuote (finì 6-2).

«Quando gli avversari riescono a sfruttare una delle loro uniche opportunità mentre a noi non ne bastano molte di più per battere il loro portiere, il risultato finale non può che essere questo – si rammarica a fine partita Daniele Grassi –. In partite come questa, è importante riuscire a passare per primo, sfruttando le occasioni che ti capitano. Ce ne siamo create diverse nel primo tempo, ma il gol lo ha appunto trovato lo Zurigo. Anche dopo quella rete ci siamo creati nuove opportunità, senza però riuscire a capitalizzarle. È stata una buona partita per entrambe le squadre, ma i Lions sono riusciti a trovare quel qualcosa in più per deciderla in loro favore». Il numero 12 dei leventinesi parla poi della rete annullata: «Sul ghiaccio era difficile da capire se ci sia stata o no l’ostruzione. Al di là di quello, anche dopo abbiamo avuto qualche buona opportunità, ma non siamo riusciti a capitalizzarla». Adesso sotto col Friborgo... «Sarà un’altra battaglia: se vogliamo avere chance di vincerla, dovremo portare in pista la nostra identità di squadra combattiva. In un campionato così serrato è il solo modo di affrontare le partite se si vuole sperare di vincerle».

«Tutto si è deciso nel secondo tempo – analizza Isacco Dotti –. Quando abbiamo subìto il gol, abbiamo a nostra volta moltiplicato gli sforzi, creandoci diverse buone occasioni. Stasera i piatti della bilancia erano quasi in equilibrio: a far pendere l’ago dalla parte dello Zurigo è in fondo stato un solo episodio. Forse ci è mancata un po’ di cattiveria al momento giusto, quella voglia di buttare dentro il disco quando potevamo farlo».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved