KHACHANOV K. (RUS)
0
NADAL R. (ESP)
0
1 set
(2-4)
KHACHANOV K. (RUS)
0
NADAL R. (ESP)
0
1 set
(2-4)
un-martedi-firmato-inti-quello-e-tra-i-miei-gol-piu-belli
Ti-Press/Crinari
‘Zwerger e Grassi mi rendono la vita abbastanza facile’
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Maxim la biere
9121
2
TrigoAce1
9029
3
25 Francs trop cher
8535
4
Iselis Punktebuebe
8520
5
Wild Hogs
8335
6
BalaBala
8324
7
Team Gobbi
8263
8
TrigoAce2
8260
9
ADTC
8231
10
Gep Flyers II
8229
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci freestyle
3 ore

Forse non c’è più, il sogno a testa in giù di Nicole Gasparini

La mancata qualifica per Giochi di Pechino è un brutto colpo per la 24enne di Cadro, troppo spesso colpita dagli infortuni nella sua carriera sulle gobbe.
SCI ALPINO
4 ore

Per Kryenbühl il cerchio si è finalmente chiuso

A un anno esatto dalla terribile caduta sul salto finale, lo svittese è tornato sulla Streif di Kitzbühel. Non senza una buona dose di ansia
Hockey
15 ore

È la fine del Sonderfall Ticino. ‘Siamo stati ascoltati’

Lugano e Ambrì non sono più un’eccezione nel panorama nazionale. Marco Werder: ‘C’è felicità per una decisione che ricrea equilibrio con gli altri club’
Hockey
17 ore

Ad Ambrì senza limitazioni per l’anniversario di Coppa

In una pista di nuovo piena e gli spalti aperti, sabato contro il Davos i biancoblù celebreranno lo storico successo ottenuto nel gennaio 1962 sul Villars
Hockey
17 ore

‘Niente è scontato finché non hai la conferma in tasca’

Dodici anni dopo Sannitz, con Fora (e Simion) il Ticino torna a calcare la ribalta del torneo olimpico maschile di hockey
CALCIO
19 ore

Campana fa le valigie e torna al Wolverhampton

Il giovane ecuadoriano lascia il Grasshopper deluso dal poco tempo di gioco trovato in maglia biancoblù. Per lui, 15 presenze e tre reti
HOCKEY
20 ore

Recuperi: il Lugano in febbraio, l’Ambrì in marzo

Fissate le date di sei incontri. Bianconeri a Rapperswil il 23, biancoblù in casa con il Friborgo l’8 e a Berna il 9
CALCIO
21 ore

Giro di vite della Fifa contro i prestiti di giocatori

A partire dal primo luglio entrerà in vigore un nuovo regolamento che limiterà il numero di calciatori che ogni anno posono essere girati a un altro club
TENNIS
21 ore

La calma olimpica di Daniil Medvedev

Agli Australian Open, il russo riesce a spegnere il fuoco appiccato nel terzo set da Nick Kyrgios. Fuori i britannici Murray e Raducanu
SCI ALPINO
21 ore

Nils Hintermann in evidenza sulla Streif

Lo zurighese ha chiuso la seconda discesa di prova al terzo posto. In campo femminile Lara Gut-Behrami quinta nel primo allenamento a Cortina
Tennis
23 ore

Djokovic, espulsione legittima: rischio emulazione per i no-vax

La Corte federale australiana ha pubblicato le motivazioni della decisione. Per i giudici, con la sua notorietà poteva indurre i fan a non vaccinarsi
Hockey
1 gior

Steve Moses resta ad Ambrì, Cajka va a Rapperswil

Ridiscussi i termini del prestito dell’attaccante americano. Il club segnala l’infortunio al ginocchio a Cédric Hächler
Olimpiadi
1 gior

Boicottaggi e sport ai Giochi e non solo

Olimpiadi e politica, una storia senza fine. A Pechino 22 la ritorsione sarà solo diplomatica
Sci
1 gior

La sua Vlhova fa faville, ‘ma la Fis rispetti di più le atlete’

Mauro Pini: ‘Il circuito femminile sembra la ruota di scorta. La coppa di slalom? Contenti, non appagati’. E poi Olimpiadi, pandemia e Marco Odermatt.
 
20.10.2021 - 00:150
Aggiornamento : 15:35

Un martedì firmato Inti. ‘Quello è tra i miei gol più belli’

Sotto 2-0 dopo venticinque minuti, l’Ambrì torna in superficie e affossa il Losanna. In una serata in cui c’è curiosità per Frolik, ma la star è Pestoni

Ambrì – Ci mette del suo, Inti Pestoni. Eccome. Con due gol uno più bello (e importante) dell’altro. Nella serata in cui alla Gottardo Arena c’è soprattutto curiosità per il debutto dell’ex stella dei Montreal Canadiens, quel Michael Frolik che il coach del Losanna John Fust butta subito nella mischia visto il perdurare dell’assenza di Cory Emmerton, uno che da queste parti tutti conoscono benissimo. Invece, in pista la vera star è il topscorer biancoblù, che trascina di peso la sua squadra verso la sua vittoria numero cinque delle ultime otto uscite. Sinonimo di sesto posto in classifica.

È l’esito trionfale di una serata che, però, per Luca Cereda e i suoi ragazzi non sembra cominciare esattamente nel migliore dei modi. Non solo per quello 0-2 dopo venticinque minuti, a dimostrazione della superiorità di un Losanna più determinato e aggressivo, e che riesce a colpire già dopo quattro minuti, quando Guillaume Maillard trova un tiro angolatissimo su cui Damiano Ciaccio, con la visuale coperta, non può proprio arrivare. L’Ambrì, invece, eccezion fatta per gli ultimi cinque minuti di quel periodo, fatica ad essere se stesso. Lo si capisce bene al 24’30’’, quando Barberio butta a casaccio un disco in avanti, ma nonostante siano loro in vantaggio sull’accorrente Jäger, i due difensori finiscono col perdere il disco, e lo stesso generosissimo Jäger riesce ancora a trovare il tempo per piazzarsi al centro e deviare imparabilmente un appoggio di Frick dalla blu.

Quello, però, è soltanto un episodio. In una serata che in men che non si dica si trasforma da un martedì qualunque in un martedì trionfale. Con l’Ambrì che cambia pelle, e pure faccia dopo che Luca Cereda opta per uno scambio nel lineup tra il rientrante Peter Regin e Noele Trisconi. La scintilla che accende il motore è un puck caparbiamente recuperato dietro la gabbia di Stephan dal centro danese, che serve a Burren il disco per l’1-2 al 27’20’’. E quando, tre minuti dopo, Inti Pestoni s’inventa un gol d’antologia, piazzando il disco (in backhand, oltretutto) nell’unico posto in cui avrebbe potuto battere il portiere vodese da quella posizione, i cinquemilaseicento e rotti della Gottardo Arena balzano in piedi. Consci che, a quel punto, è tutta un’altra partita.

Che l’Ambrì riesce a vincere grazie all’energia e alla determinazione che mette in pista in un terzo tempo che è una battaglia. Decisa da Inti Pestoni, certo, che segna il suo secondo gol al terzo tiro in porta della serata, ma dopo il lavoro preparatorio di Grassi e Zwerger, che tagliano fuori quattro avversari prima di scaricare il puck al topscorer. Quel gol di vantaggio alla fine basta e avanza. In un finale concitato e difficile, in cui bisogna anche soffrire, proprio come piace a questo Ambrì.

‘Sono anni che studio i video sul web’

Se c’è un gol importante in Ambrì-Losanna è senza dubbio quello di Yannick Burren, che al 27’20’’ riapre improvvisamente la partita con un tiro su cui Tobias Stephan non può arrivare. «Abbiamo iniziato la partita con eccessiva nonchalance: per qualche inspiegabile motivo non eravamo pronti – racconta il difensore arrivato quest’anno da Berna –. Tuttavia, nel secondo tempo abbiamo cominciato a giocare come sappiamo: semplice, duro, con molto pattinaggio. Quando vinci 3-2 tutti i gol sono importanti, ma devo dire che abbiamo lavorato davvero bene in occasione dell’1-2. Al di là delle reti sapevamo che con Ciaccio in porta avevamo un portiere in grado di compiere parate determinanti, mentre agli ingaggi il ruolo di Peter Regin è stato fondamentale».

Così come fondamentale, naturalmente, è stata la doppietta di Inti Pestoni. «Quello del 2-2 è stato senz’altro uno dei gol più belli che ho fatto in carriera – racconta il topscorer ticinese dei biancoblù –. In questi anni ho guardato più volte i gol più belli che girano sul web, e guardando uno di quei video mi sono detto: be’, ci provo anche io».

Al di là della doppietta, sul 3-2 Pestoni ha servito a Zwerger un disco d’oro. «Peccato che gli è saltato sopra la paletta, altrimenti avremmo potuto soffrire meno chiudendo prima la partita. In ogni caso in linea con Zwerger e Grassi mi sento davvero bene: loro due sanno rendermi la vita abbastanza facile».

Fino al vantaggio di Pestoni, ma non solo, il terzo tempo è stato una battaglia. «Abbiamo lottato, nel terzo tempo abbiamo fatto ciò che sappiamo di dover fare: lavorare a fondo su qualsiasi disco – dice il centro Daniele Grassi –. I due gol di Inti? Erano entrambi bellissimi. Quanto invece agli inizi di partita così così, ci stiamo lavorando: dobbiamo migliorare, ma sarà un processo. Di sicuro stavolta il Losanna quand’è entrato in partita era molto più attivo di noi».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved