Corea del Sud
2
Ghana
3
2. tempo
(0-2)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5585
2
HC Aspi Capitals
5490
3
HC Kaski Male
5443
4
HC TUT-TUT
5387
5
AmStars
5236
6
LucHC Lions
5235
7
Artemisia
5199
8
ASIA TEAM
5199
9
Team Belozoglu
5196
10
GregBeaud
5183
ULTIME NOTIZIE Sport
QATAR 2022
28 min

I 90’ più laceranti della storia del calcio iraniano

La sfida con gli Stati Uniti, nemici giurati del regime degli ayatollah, vale l’accesso agli ottavi, sullo sfondo delle proteste che insanguinano Teheran
Calcio
2 ore

Amichevole a Menaggio per il Bellinzona

Incontro fissato per mercoledì 30 novembre alle ore 19
Qatar 2022
2 ore

Folle pareggio fra Camerun e Serbia

Il 3-3 finale tiene lontani entrambi dalla Svizzera nella classifica del gruppo G
Calcio
5 ore

Heiko Vogel direttore sportivo del Basilea

Ritorno sulle rive del Reno per il 47enne ex allenatore
Qatar 2022
17 ore

Un missile di Fullkrug tiene in corsa i tedeschi

Finisce in parità la sfida più attesa tra una Spagna che dovrà stare attenta al Giappone e una Germania che si gioca tutto con il Costarica
Sci
19 ore

Wendy, il gran giorno è arrivato. Ma lo deve condividere

Sulle nevi del Vermont la svittese centra infine un trionfo nello slalom che inseguiva da una vita. A far festa con lei, però, c’è anche Larson
Qatar 2022
19 ore

Senza Neymar l’esame di maturità di Yakin

Il tecnico rossocrociato, che 15 mesi fa allenava ancora in Challenge League, contro il Brasile non disporrà di Okafor
QATAR 2022
20 ore

Camerun e Serbia, una vittoria per uscire dal tunnel

Da tempo immemore sia gli africani, sia i ‘brasiliani d’Europa’ non hanno più voce in capitolo sul palcoscenico dei Mondiali
Qatar 2022
20 ore

Davies illude il Canada, Kramaric lo elimina

La Croazia rimonta grazie soprattutto a una doppietta della punta dell’Hoffenheim
IL DOPOPARTITA
21 ore

Un weekend in bianco: ‘Restiamo positivi, meritavamo di più’

L’Ambrì rende nuovamente la vita dura allo Zurigo, che però trova il modo di spuntarla. ‘La fortuna? Non è stata dalla nostra, ma bisogna anche cercarla’
QATAR 2022
22 ore

Belgio sconfitto, a Bruxelles scoppiano disordini

La polizia è intervenuta con cannoni ad acqua per disperdere i tifosi facinorosi. Le autorità hanno chiesto alla popolazione di non recarsi in centro
16.10.2021 - 21:51
Aggiornamento: 17.10.2021 - 16:39

Il Davos non fa sconti a un Lugano incerottato

Niente da fare alla Cornèr Arena, superati dalla compagine di Wohlwend grazie alla doppietta di Ambühl

il-davos-non-fa-sconti-a-un-lugano-incerottato

Per la partita contro il Davos, McSorley punta su Fadani titolare (con Irving in soprannumero) e, complici le parecchie assenze (oltre agli infortunati, tra gli assenti c’è pure Walker, squalificato), su una quarta linea offensiva assemblata con i giovani: Bedolla, Cortiana e Werder. Il match che va in scena alla Cornèr Arena fatica a decollare, con le due squadre che danno vita a una lunga fase di studio reciproco evitando sbilanciamenti in avanti. Per le prime occasioni davvero tali occorre perciò attendere diversi minuti. Il primo sussulto lo porta Morini al 7’30", deviando un tiro-appoggio da poco dentro la blu di Alatalo. Ma Sandro Aeschlimann non si fa sorprendere. Il Davos sfrutta invece il suo primo vero affondo per aprire le marcature. Lo fa al 14’04" con Schmutz e la complicità di una difesa bianconera che lascia tutto lo spazio necessario al numero 37 dei grigionesi per presentarsi al cospetto di Fadani e batterlo con un polsino a salire Il gol scuote i bianconeri che, ritrovatisi meno di un minuti e mezzo dopo con l’uomo in più, fanno centro con Boedker dopo appena nove secondi di powerplay: il danese corregge un disco scagliato dalla distanza dal topscorer Fazzini. Riva, al 17’00" sfiora poi il gol del vantaggio bianconero, ma la sua bella puntata a rete non va a buon fine. Il primo tempo si chide così sul risultato di parità, tutto sommato equa per quanto visto in pista.

Nei secondi venti minuti è il Lugano a cercare la rete con maggiore insistenza, andandoci vicinissimo quando, al 28’38" una deviazione di Arcobello manda il disco a stamparsi sull’incrocio dei pali, facendo gridare al gol i tifosi bianconeri presenti. L’azione prosegue, poi alla prima interruzione gli arbitri vanno a rivedere il video decretando che il disco non è entrato. Il gol allora lo trova il Davos, con Ambühl che con un polsino trafigge Fadani, nella circostanza coperto da traffico davanti a lui.

Il terzo tempo si apre con il Lugano all’inseguimento dei gialloblù, che però, dopo appena settantun secondi di gioco, allungano ulteriormente. Ancora per mano di Ambühl, dimenticato solo soletto davanti a Fadani con la retroguardia bianconera fuori posizione, azione nata sugli sviluppi di un disco caparbiamente difeso alle assi da Prassl. Sciupate due opportunità quasi consecutive di giocare con l’uomo in più a metà del terzo periodo, per i bianconeri il tempo inizia a stringere. E quando sarebbe il momento di cercare il disperato colpo di reni, Müller rimedia una penalità per bastone alto frustrando ogni ulteriore tentativo di rientro.

Lugano - Davos (1-1 0-1 0-1) 1-3

Reti: 14’04" Schmutz (Hienen, Knak) 0-1. 15’36" Boedker (Fazzini, Alatalo/esp. Simic) 1-1. 35’40" Ambühl (Bromé, Barandun/penalità differita contro il Lugano) 1-2. 41’11" Ambühl (Dominik Egli, Corvi) 1-3.

Lugano: Fadani; Nodari, Müller; Altalo, Riva; Chiesa, Guerra; Bernd Wolf; Vedova, Thürkauf, Stoffel; Fazzini, Arcobello, Morini; Trber, Haussener, Boedker; Werder, Cortiana, Bedolla; Tschumi.

Davos: Aeschlimann; Zgraggen, Jung; Dominik Egli, Wellinger; Nygren, Heinen; Stoop, Barandun; Stransky, Rasmussen, Bromé; Ambühl, Corvi, Prassl; Simic, Nussbaumer, Frehner; Schmutz, Chris Egli, Knak.

Arbitri: Lemelin, Kaukokari; Thomas Wolf, Stalder.

Note: 4’938 spettatori. Penalità: Lugano 2 x 2’; Davos 4 x 2’. Tiri in porta: 26-32 (9-13, 9-6, 8-13). Lugano senza Bertaggia, Carr, Herburger, Josephs, Loeffel, Schlegel (tutti infortunati), Walker (squalificato) e Irving (soprannumero); Davos al completo. Al 28’34" palo colpito da Arcobello. Prima partita in Lega nazionale per il diciannovenne Gregory Bedolla. Premiati a fine partita, quali migliori giocatori in pista, Gregory Bedolla e Andres Ambühl.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved