BUF Sabres
4
DAL Stars
4
3. tempo
(2-1 : 2-2 : 0-1)
BOS Bruins
3
WAS Capitals
3
3. tempo
(1-1 : 1-1 : 1-1)
PHI Flyers
1
COB Jackets
2
3. tempo
(0-0 : 0-1 : 1-1)
PIT Penguins
5
OTT Senators
4
3. tempo
(3-1 : 2-0 : 0-3)
NAS Predators
3
WIN Jets
1
2. tempo
(3-0 : 0-1)
LA Kings
COL Avalanche
03:30
 
Seattle Kraken
SJ Sharks
04:00
 
VEGAS Knights
MON Canadiens
04:00
 
BUF Sabres
4
DAL Stars
4
3. tempo
(2-1 : 2-2 : 0-1)
BOS Bruins
3
WAS Capitals
3
3. tempo
(1-1 : 1-1 : 1-1)
PHI Flyers
1
COB Jackets
2
3. tempo
(0-0 : 0-1 : 1-1)
PIT Penguins
5
OTT Senators
4
3. tempo
(3-1 : 2-0 : 0-3)
NAS Predators
3
WIN Jets
1
2. tempo
(3-0 : 0-1)
LA Kings
COL Avalanche
03:30
 
Seattle Kraken
SJ Sharks
04:00
 
VEGAS Knights
MON Canadiens
04:00
 
serve-un-cambio-di-rotta-che-ci-dia-piu-continuita
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Maxim la biere
9121
2
TrigoAce1
9029
3
25 Francs trop cher
8535
4
Iselis Punktebuebe
8520
5
Wild Hogs
8335
6
BalaBala
8324
7
Team Gobbi
8263
8
TrigoAce2
8260
9
ADTC
8231
10
Gep Flyers II
8229
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
7 ore

È la fine del Sonderfall Ticino. ‘Siamo stati ascoltati’

Lugano e Ambrì non sono più un’eccezione nel panorama nazionale. Marco Werder: ‘C’è felicità per una decisione che ricrea equilibrio con gli altri club’
Hockey
8 ore

Ad Ambrì senza limitazioni per l’anniversario di Coppa

In una pista di nuovo piena e gli spalti aperti, sabato contro il Davos i biancoblù celebreranno lo storico successo ottenuto nel gennaio 1962 sul Villars
Hockey
9 ore

‘Niente è scontato finché non hai la conferma in tasca’

Dodici anni dopo Sannitz, con Fora (e Simion) il Ticino torna a calcare la ribalta del torneo olimpico maschile di hockey
CALCIO
11 ore

Campana fa le valigie e torna al Wolverhampton

Il giovane ecuadoriano lascia il Grasshopper deluso dal poco tempo di gioco trovato in maglia biancoblù. Per lui, 15 presenze e tre reti
HOCKEY
12 ore

Recuperi: il Lugano in febbraio, l’Ambrì in marzo

Fissate le date di sei incontri. Bianconeri a Rapperswil il 23, biancoblù in casa con il Friborgo l’8 e a Berna il 9
CALCIO
12 ore

Giro di vite della Fifa contro i prestiti di giocatori

A partire dal primo luglio entrerà in vigore un nuovo regolamento che limiterà il numero di calciatori che ogni anno posono essere girati a un altro club
TENNIS
13 ore

La calma olimpica di Daniil Medvedev

Agli Australian Open, il russo riesce a spegnere il fuoco appiccato nel terzo set da Nick Kyrgios. Fuori i britannici Murray e Raducanu
SCI ALPINO
13 ore

Nils Hintermann in evidenza sulla Streif

Lo zurighese ha chiuso la seconda discesa di prova al terzo posto. In campo femminile Lara Gut-Behrami quinta nel primo allenamento a Cortina
Tennis
15 ore

Djokovic, espulsione legittima: rischio emulazione per i no-vax

La Corte federale australiana ha pubblicato le motivazioni della decisione. Per i giudici, con la sua notorietà poteva indurre i fan a non vaccinarsi
Hockey
16 ore

Steve Moses resta ad Ambrì, Cajka va a Rapperswil

Ridiscussi i termini del prestito dell’attaccante americano. Il club segnala l’infortunio al ginocchio a Cédric Hächler
Olimpiadi
22 ore

Boicottaggi e sport ai Giochi e non solo

Olimpiadi e politica, una storia senza fine. A Pechino 22 la ritorsione sarà solo diplomatica
HOCKEY
14.10.2021 - 17:090
Aggiornamento : 17:43

‘Serve un cambio di rotta che ci dia più continuità’

Il difensore bianconero Bernd Wolf alla vigilia del terzo derby stagionale: ‘Non poteva capitarci partita migliore per mettere alle spalle la Champions’

a cura de laRegione

Non c’è tempo per riprendersi dopo la sconfitta patita mercoledì sera alla Cornèr Arena a opera della compagine tedesca degli Eisbären Berlino, con la conseguente eliminazione dalla Champions League. In mattinata i ragazzi di McSorley sono ritornati subito sul ghiaccio per un allenamento, non molto lungo, ma intenso. Nessuna nuova defezione, anche Giovanni Morini puntualmente presente in pista, lui che a causa di un piccolo infortunio non aveva giocato nelle ultime fasi della partita con gli Orsi polari. Gradita sicuramente dal mister canadese anche la presenza dell’attaccante austriaco Raphael Herburger, finalmente a completa disposizione dopo la commozione cerebrale. In caso di un suo rientro, porterebbe toccare a uno tra i due giovani Loic Vedova e Riccardo Werder il poco gradito compito di accomodarsi in tribuna.

Autore mercoledì contro il Berlino del punto del momentaneo 2-2, Bernd Wolf, difensore austriaco con licenza svizzera, fa fatica a capire questi continui alti e bassi della compagine luganese. «In questo preciso momento, è sicuramente la domanda più difficile alla quale rispondere, facciamo il possibile per essere costanti, ma non ci riesce. Non serve a nessuno vincere se poi la partita dopo perdi e fai un passo indietro. Dobbiamo assolutamente cambiare rotta. Anche mercoledì sera, per esempio, abbiamo faticato tantissimo a trovare il giusto ritmo partita, eravamo tutti troppo lenti nell’esecuzione dei passaggi, per quanto il Berlino abbia fatto la sua onesta partita. Nei secondi 20 minuti è andata meglio, abbiamo lottato, siamo rientrati bene in partita, potevamo anche andare in vantaggio. Ma per vincere non bastano 20 minuti giocati bene, bisogna essere costanti per tutta la partita».

Per fortuna, nell’hockey su ghiaccio il tempo per rammaricarsi è brevissimo, il terzo derby stagionale è alle porte: «Per fortuna – commenta ridendo il numero 32 del Lugano –. Non poteva capitarci subito miglior partita. Le prime due le abbiamo vinte, ma sono state sempre battaglie giocate fino all’ultimo secondo, quindi stasera non mi aspetto altro. Da parte mia dovrò dare il mio apporto totale. Dopo il periodo passato con la mia Nazionale per le qualificazioni olimpiche, non sempre sono riuscito a tenere un ritmo costante, questo deve assolutamente migliorare. Sono consapevole che posso dare un contributo continuo. Forse mi sono messo addosso troppa pressione. Adesso devo giocare in modo semplice, la mia forza è nella fase difensiva, ma anche a livello offensivo ci sono margini di miglioramento. Piccoli passi, ma sempre proiettati in avanti, aiutano moltissimo».

Quello di quest’anno, complice la pandemia, è un campionato diverso rispetto al passato? «Sì, sicuramente. Chiaro, il ritorno del pubblico ha portato la giusta normalità, ma sul ghiaccio si sono visti dei cambiamenti, c’è molto più equilibrio. Squadre come Rapperswil e I Tigers sono delle sorprese e anche il Bienne non te lo aspettavi in cima alla graduatoria. Una lega “serrata”. Speriamo di poter presto giocare con a disposizione tutto il nostro roster, anche se i giovani si sono dimostrati molto validi. Senza dimenticare che le numerose assenze danno la possibilità ad altri di mettersi in evidenza».

Dopo la bella prestazione fornita mercoledì sera contro i tedeschi del Berlino, il portiere canadese Leland Irving si candida per una maglia da titolare per il derby contro l’Ambrì. L’allenatore McSorley però non scopre le carte in tavola. «Lui ha giocato molto bene, ma prima di prendere una decisione su chi difenderà la nostra porta, mi dovrò confrontare con lo staff tecnico, mentre per quanto riguarda il rientro di Herburger, in questo casi ci vorrà l’ok da parte dello staff medico. Il lato positivo della partita di stasera è che non devo motivare i giocatori, sono tutti pronti. Ma per battere l’Ambrì, una squadra che ci farà nuovamente soffrire, ci vorrà abnegazione dal primo all’ultimo secondo. Nuovi stranieri? Le aspettative per questa stagione sono altre, quindi si faranno solo acquisti di primo ordine. Hnat sta lavorando bene, ha il mio incondizionato appoggio».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved