BOS Bruins
4
WAS Capitals
3
fine
(1-1 : 1-1 : 2-1)
PHI Flyers
1
COB Jackets
2
fine
(0-0 : 0-1 : 1-1)
BUF Sabres
4
DAL Stars
5
3. tempo
(2-1 : 2-2 : 0-2)
PIT Penguins
6
OTT Senators
4
3. tempo
(3-1 : 2-0 : 1-3)
NAS Predators
4
WIN Jets
1
2. tempo
(3-0 : 1-1)
LA Kings
COL Avalanche
03:30
 
Seattle Kraken
SJ Sharks
04:00
 
VEGAS Knights
MON Canadiens
04:00
 
BOS Bruins
4
WAS Capitals
3
fine
(1-1 : 1-1 : 2-1)
PHI Flyers
1
COB Jackets
2
fine
(0-0 : 0-1 : 1-1)
BUF Sabres
4
DAL Stars
5
3. tempo
(2-1 : 2-2 : 0-2)
PIT Penguins
6
OTT Senators
4
3. tempo
(3-1 : 2-0 : 1-3)
NAS Predators
4
WIN Jets
1
2. tempo
(3-0 : 1-1)
LA Kings
COL Avalanche
03:30
 
Seattle Kraken
SJ Sharks
04:00
 
VEGAS Knights
MON Canadiens
04:00
 
piu-tempo-resto-sul-ghiaccio-piu-sono-contento
Con la testa già la terzo capitolo della sfida con il Lugano (Keystone)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Maxim la biere
9121
2
TrigoAce1
9029
3
25 Francs trop cher
8535
4
Iselis Punktebuebe
8520
5
Wild Hogs
8335
6
BalaBala
8324
7
Team Gobbi
8263
8
TrigoAce2
8260
9
ADTC
8231
10
Gep Flyers II
8229
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
7 ore

È la fine del Sonderfall Ticino. ‘Siamo stati ascoltati’

Lugano e Ambrì non sono più un’eccezione nel panorama nazionale. Marco Werder: ‘C’è felicità per una decisione che ricrea equilibrio con gli altri club’
Hockey
9 ore

Ad Ambrì senza limitazioni per l’anniversario di Coppa

In una pista di nuovo piena e gli spalti aperti, sabato contro il Davos i biancoblù celebreranno lo storico successo ottenuto nel gennaio 1962 sul Villars
Hockey
9 ore

‘Niente è scontato finché non hai la conferma in tasca’

Dodici anni dopo Sannitz, con Fora (e Simion) il Ticino torna a calcare la ribalta del torneo olimpico maschile di hockey
CALCIO
12 ore

Campana fa le valigie e torna al Wolverhampton

Il giovane ecuadoriano lascia il Grasshopper deluso dal poco tempo di gioco trovato in maglia biancoblù. Per lui, 15 presenze e tre reti
HOCKEY
12 ore

Recuperi: il Lugano in febbraio, l’Ambrì in marzo

Fissate le date di sei incontri. Bianconeri a Rapperswil il 23, biancoblù in casa con il Friborgo l’8 e a Berna il 9
CALCIO
13 ore

Giro di vite della Fifa contro i prestiti di giocatori

A partire dal primo luglio entrerà in vigore un nuovo regolamento che limiterà il numero di calciatori che ogni anno posono essere girati a un altro club
TENNIS
13 ore

La calma olimpica di Daniil Medvedev

Agli Australian Open, il russo riesce a spegnere il fuoco appiccato nel terzo set da Nick Kyrgios. Fuori i britannici Murray e Raducanu
SCI ALPINO
13 ore

Nils Hintermann in evidenza sulla Streif

Lo zurighese ha chiuso la seconda discesa di prova al terzo posto. In campo femminile Lara Gut-Behrami quinta nel primo allenamento a Cortina
Tennis
15 ore

Djokovic, espulsione legittima: rischio emulazione per i no-vax

La Corte federale australiana ha pubblicato le motivazioni della decisione. Per i giudici, con la sua notorietà poteva indurre i fan a non vaccinarsi
Hockey
17 ore

Steve Moses resta ad Ambrì, Cajka va a Rapperswil

Ridiscussi i termini del prestito dell’attaccante americano. Il club segnala l’infortunio al ginocchio a Cédric Hächler
Olimpiadi
22 ore

Boicottaggi e sport ai Giochi e non solo

Olimpiadi e politica, una storia senza fine. A Pechino 22 la ritorsione sarà solo diplomatica
Sci
22 ore

La sua Vlhova fa faville, ‘ma la Fis rispetti di più le atlete’

Mauro Pini: ‘Il circuito femminile sembra la ruota di scorta. La coppa di slalom? Contenti, non appagati’. E poi Olimpiadi, pandemia e Marco Odermatt.
Calcio
1 gior

Confermati i nove anni inflitti a Robinho

La Cassazione giudica inammissibile l’istanza avanzata dai legali del calciatore brasiliano. Fu stupro di gruppo
Gallery
Pallanuoto
1 gior

Sharks in vasca con umiltà e grinta

I luganesi ai blocchi di partenza del campionato con alcune novità. Argentiero: ‘Non siamo tra i favoriti, ma vogliamo rendere la vita difficile a tutti’
SCI ALPINO
1 gior

Cambio di programma a Kitzbühel, la libera spostata a domenica

Le forti precipitazioni nevose hanno costretto ad anticipare a sabato lo slalom. Rimane in calendario la prima discesa di venerdì
CALCIO
1 gior

Marchesano tra i candidati della Swiss Football Night

Il ticinese dello Zurigo tra i finalisti per il titolo di miglior giocatore della Super League. Il 27 gennaio la cerimonia di premiazione
SKICROSS
1 gior

Lesione al ginocchio per Fanny Smith

La vodese si è infortunata in Canada nell’ultima tappa di Coppa del mondo. Conta di ristabilirsi prima dell’inizio dei Giochi di Pechino
14.10.2021 - 17:310
Aggiornamento : 19:10

‘Più tempo resto sul ghiaccio, più sono contento’

Con una media di 21 minuti e 6 secondi a partita, Juuso Hietanen è il giocatore più impiegato da Liuca Cereda

Statistiche alla mano, Juuso Hietanen è il giocatore sin qui più utilizzato da Luca Cereda. Il 36enne difensore di Hämeenlinna, nelle dodici partite disputate dall’Ambrì Piotta, ha accumulato un totale di 253 minuti e 16 secondi di ghiaccio, per una media di ventun minuti e sei secondi a incontro. Più di mezzo minuto in più del secondo biancoblù di questa speciale classifica, Michael Fora (20’33“ per il capitano dei leventinesi, solo altro giocatore oltre la soglia dei venti minuti). Complessivamente, fra i giocatori di movimento dell’intero campionato, il finlandese occupa il ventesimo posto di una graduatoria comandata dal ‘ginevrino’ Tömmernes con 27’39”. Restando in casa Ambrì Piotta, Hietanen è però anche il giocatore di Cereda ad aver effettuato più tiri in porta della sua squadra (49 in totale). E in questo senso il numero dieci dei biancoblù sale di alcune posizioni nella graduatoria globale del massimo campionato: sesto posto assoluto – il primo è l’attaccante del Langnau Jesper Olofsson con 64 conclusioni – e secondo tra i difensori (solo il ‘solito’ Tömmernes ha scagliato più dischi di lui sul portiere avversario di turno: 51). «Francamente non sapevo di essere così in alto in queste classifiche, anche se non sono stupito più di tanto – sottolinea il finlandese –. Quando vieni impiegato tanto nelle situazioni di superiorità numerica e pure in quelle di inferiorità numerica, esercizi che in queste prime partite siamo stati più volte confrontati, è abbastanza normale che le cifre aumentino. Francamente sono contento di giocare parecchio: sono un tipo di giocatore che ama l’azione e dunque il fatto che sia il più presente in pista non può che farmi piacere. E, comunque, quando è il tuo turno di andare in pista non pensi a quanto ci resterai, ma cerchi di concentrarti a dare il meglio di te, foss’anche sull’unico disco che tocchi in quel cambio. In fase offensiva, il mio compito è quello di buttare il disco verso la porta, poi chissà, magari con un po’ di traffico davanti al portiere, qualcosa può succedere». Cinque finora le volte in cui il finlandese è andato a punti (una rete e quattro assist); e ogni volta che l’ha fatto, l’Ambrì ha chiuso vittoriosamente la partita.

Sulla ribalta del campionato svizzero, Juuso Hietanen ci è approdato dopo qualcosa come oltre mezzo migliaio (541) di gettoni di presenza in Khl, collezionati sull’arco di dieci stagioni: che differenza hai trovato tra le due realtà? «Beh, di differenze ce ne sono parecchie. Come i viaggi: in Khl capitava di restare lontani dalla propria città per diversi giorni, fin anche una settimana intera. E si volava parecchio; in Svizzera, invece, le trasferte sono decisamente più brevi e, salvo rare eccezioni, dopo la partita torni a casa. Anche nel tipo di gioco c’è qualche lieve differenza, anche se sostanzialmente l’hockey resta hockey». Ma non sono stati i viaggi a spingerlo a guardarsi in giro cercando un’altra sistemazione fuori dalla Khl: «È innegabile che le lunghe trasferte siano logoranti, ma non è quello (o non solo) che mi ha spinto a cambiare aria. Sostanzialmente sentivo che era arrivato il tempo per raccogliere una nuova sfida. Del resto a 36 anni sai che di tempo per provare qualcosa di nuovo non te ne resta ancora moltissimo».

Domani è già tempo del terzo derby: come sarà il terzo capitolo della serie? «Sarà un’altra partita tosta, sulla falsariga di come lo erano state le prime due contro il Lugano. Dopo le due sconfitte nelle sfide dirette, di cui la seconda nel nostro ultimo impegno, c’è voglia di riscatto: faremo di tutto per restituire lo sgarbo ai nostri avversari. Comunque sia, quando andremo in pista dovremo scordarci i precedenti, e pensare unicamente a quella partita. Il passato è passato, e non si può cambiare, né deve influenzarci; ciò che possiamo (e dobbiamo) fare è cercare di far tesoro di quelle esperienze per capire come e dove migliorare. Il fatto di poter giocare questo terzo derby davanti al nostro pubblico, poi, dovrebbe darci quel vantaggio in più per affrontare nel migliore dei modi la contesa». Ripensando alle precedenti sfide, del resto, il derby andato in scena sul ghiaccio amico è quello in cui siete andati più vicini al successo... «A livello di punteggio sì, visto che in quell’occasione eravamo stati battuti solo ai rigori, ma anche in quello di sabato scorso il punteggio è rimasto in bilico praticamente fino alla terza sirena. Ma, appunto, ciò che è stato è stato: ora guardiamo avanti e cerchiamo di farci trovare pronti sin dall’ingaggio di apertura di questo terzo atto tra Ambrì Piotta e Lugano». Qual è la chiave per affrontare una partita del genere: mettere più l’accento sulla difesa oppure cercare con maggiore insistenza la via del gol? «Entrambe le cose: se vuoi vincere partite così devi essere bravo in tutti i reparti. E, soprattutto, esserlo dal primo all’ultimo secondo. Per vincere devi giocare con costanza e intensità per tutti i sessanta minuti, cosa che, appunto, non eravamo riusciti a fare né nel primo né nel secondo derby. Poi, ovviamente, riesci a essere più disciplinato, concedendo meno penalità, non devi spendere inutili energie nel difenderti in boxplay...».

Dagli spogliatoi

Le tante incognite del capitolo stranieri

Sono parecchie le incognite che caratterizzano la vigilia del derby numero 3 della stagione in casa Ambrì. Mentre in pista si rivede Isacco Dotti, Peter Regin si è allenato a mezzo regime. «Il loro impiego nel derby lo decideremo solo domani mattina, in accordo con lo staff medico». In forse pure la presenza di Kozun, che oggi non si è allenato poiché malato. Confrontato con tanti punti interrogativi, il coach dei leventinesi si dice possibilista sull’eventualità di rivedere in pista con la maglia biancoblù (dopo due presenze con i Rockets) già domani Matt D’Agostini: «È un’opzione, sì, ma, appunto, valuteremo tutte le possibilità quando sapremo chi è arruolabile e chi no».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved