Ticino Rockets
1
Turgovia
4
2. tempo
(1-2 : 0-2)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Bidus
1512
2
KISS of DEATH
1505
3
Futti
1497
4
AmStars
1495
5
Sparta Becherovka
1492
6
LucHC Lions
1471
7
Furrioso
1447
8
Topshelfers
1445
9
HC Frauenkirch
1415
10
Whity Selection
1414
ULTIME NOTIZIE Sport
Formula 1
3 ore

Il digiuno non spaventa Lewis. ‘Se non vinco non casca il mondo’

Domenica si torna in pista a Singapore e il sei volte campione del mondo spera di non restare per la prima volta a secco. ‘Ho sei occasioni per provarci’
CALCIO
5 ore

Urs Fischer prolunga il contratto con l’Union Berlin

Il tecnico zurighese era giunto nella capitale tedesca nel 2018 e l’anno successivo aveva festeggiato la promozione nella Prima Bundesliga
TENNIS
6 ore

Bencic nei quarti di finale, Golubic eliminata

A Tallin la sangallese ha superato con qualche difficoltà la britannica Boulter, mentre la zurighese è stata sconfitta dalla ceca Muchova
CALCIO
7 ore

A due mesi dai Mondiali c’è chi sogna e chi ha gli incubi

Brasile e Argentina sembrano le selezioni più pronte. In Europa bene Spagna e Olanda, mentre per Francia e Inghilterra sono più i dubbi delle certezze
BMX FREESTYLE
9 ore

Il Park di Cadenazzo ospita i Campionati svizzeri

Sabato 1° ottobre (o domenica in caso di brutto tempo) al via una cinquantina di atleti, tra i quali la medaglia olimpica Nikita Ducarroz
Calcio
13 ore

Svizzera - Cechia: le pagelle

Sommer migliore in campo. Bene anche Widmer e Sow. Troppe imprecisioni e prestazione non perfetta per Elvedi
HOCKEY
21 ore

Il primo derby fa bello il Lugano. Bürgler: ‘Troppo impazienti’

I biancoblù iniziano bene, i bianconeri proseguono meglio. McSorley: ‘Col nostro gioco li abbiamo messi in difficoltà. Meritiamo di stare più in alto’
Calcio
22 ore

La Spagna espugna Braga e va alle Final-four

Nations League, il Portogallo è stato sconfitto in casa dagli iberici 1-0
CALCIO
23 ore

Una Svizzera poco brillante batte la Cechia e si salva

Nations League, i rossocrociati faticano ma alla fine si impongono con le reti di Freuler ed Embolo. Decisivo Sommer che para un rigore
hockey
23 ore

Il primo derby è tutto del Lugano

I bianconeri si impongono con autorità alla Gottardo Arena, grazie alla doppietta di Thürkauf e alle reti di Granlund e Andersson
COSE DELL'ALTRO MONDO
1 gior

Non basta fare bene i compiti, Las Vegas ne sa qualcosa

Un’accurata programmazione può portare dall’altare alla polvere, ma i Raiders, nonostante Adams e Jones, rimangono la sola squadra senza vittorie
TIRI LIBERI
1 gior

L’estate del basket, dagli Europei alle dimissioni arbitrali

Il prossimo weekend riparte il campionato svizzero per voli che si spera non siano pindarici. Facciamoci sorprendere
ADAC GT MASTERS
1 gior

Pole position e due secondi posti per Marciello

Grande ormai il vantaggio accumulato in classifica dal ticinese dopo le gare al Sachsenring
GINNASTICA ARTISTICA
1 gior

Prestigioso bronzo maschile per il Ticino

Si sono svolti a Bülach lo scorso weekend i Campionati svizzeri a squadre
INLINE HOCKEY
1 gior

Malcantone e Sayaluca sconfitti in chiusura di regular-season

Due sconfitte che però non cambiano nulla sulla soglia dei playoff. Schuler: ‘Adesso la classifica non conta più nulla‘
Hockey
1 gior

L’Ambrì perde anche Isacco Dotti

Dopo l’infortunio di Heed, si fa male un altro difensore
Storie mondiali
1 gior

Usa 94, gloria per la Svizzera e requiem per Escobar

Durante il Mondiale 1994, dove i rossocrociati tornavano dopo quasi trent’anni, un calciatore colombiano venne ucciso a causa di un’autorete
14.10.2021 - 17:31
Aggiornamento: 19:10

‘Più tempo resto sul ghiaccio, più sono contento’

Con una media di 21 minuti e 6 secondi a partita, Juuso Hietanen è il giocatore più impiegato da Liuca Cereda

piu-tempo-resto-sul-ghiaccio-piu-sono-contento
Con la testa già la terzo capitolo della sfida con il Lugano (Keystone)

Statistiche alla mano, Juuso Hietanen è il giocatore sin qui più utilizzato da Luca Cereda. Il 36enne difensore di Hämeenlinna, nelle dodici partite disputate dall’Ambrì Piotta, ha accumulato un totale di 253 minuti e 16 secondi di ghiaccio, per una media di ventun minuti e sei secondi a incontro. Più di mezzo minuto in più del secondo biancoblù di questa speciale classifica, Michael Fora (20’33“ per il capitano dei leventinesi, solo altro giocatore oltre la soglia dei venti minuti). Complessivamente, fra i giocatori di movimento dell’intero campionato, il finlandese occupa il ventesimo posto di una graduatoria comandata dal ‘ginevrino’ Tömmernes con 27’39”. Restando in casa Ambrì Piotta, Hietanen è però anche il giocatore di Cereda ad aver effettuato più tiri in porta della sua squadra (49 in totale). E in questo senso il numero dieci dei biancoblù sale di alcune posizioni nella graduatoria globale del massimo campionato: sesto posto assoluto – il primo è l’attaccante del Langnau Jesper Olofsson con 64 conclusioni – e secondo tra i difensori (solo il ‘solito’ Tömmernes ha scagliato più dischi di lui sul portiere avversario di turno: 51). «Francamente non sapevo di essere così in alto in queste classifiche, anche se non sono stupito più di tanto – sottolinea il finlandese –. Quando vieni impiegato tanto nelle situazioni di superiorità numerica e pure in quelle di inferiorità numerica, esercizi che in queste prime partite siamo stati più volte confrontati, è abbastanza normale che le cifre aumentino. Francamente sono contento di giocare parecchio: sono un tipo di giocatore che ama l’azione e dunque il fatto che sia il più presente in pista non può che farmi piacere. E, comunque, quando è il tuo turno di andare in pista non pensi a quanto ci resterai, ma cerchi di concentrarti a dare il meglio di te, foss’anche sull’unico disco che tocchi in quel cambio. In fase offensiva, il mio compito è quello di buttare il disco verso la porta, poi chissà, magari con un po’ di traffico davanti al portiere, qualcosa può succedere». Cinque finora le volte in cui il finlandese è andato a punti (una rete e quattro assist); e ogni volta che l’ha fatto, l’Ambrì ha chiuso vittoriosamente la partita.

Sulla ribalta del campionato svizzero, Juuso Hietanen ci è approdato dopo qualcosa come oltre mezzo migliaio (541) di gettoni di presenza in Khl, collezionati sull’arco di dieci stagioni: che differenza hai trovato tra le due realtà? «Beh, di differenze ce ne sono parecchie. Come i viaggi: in Khl capitava di restare lontani dalla propria città per diversi giorni, fin anche una settimana intera. E si volava parecchio; in Svizzera, invece, le trasferte sono decisamente più brevi e, salvo rare eccezioni, dopo la partita torni a casa. Anche nel tipo di gioco c’è qualche lieve differenza, anche se sostanzialmente l’hockey resta hockey». Ma non sono stati i viaggi a spingerlo a guardarsi in giro cercando un’altra sistemazione fuori dalla Khl: «È innegabile che le lunghe trasferte siano logoranti, ma non è quello (o non solo) che mi ha spinto a cambiare aria. Sostanzialmente sentivo che era arrivato il tempo per raccogliere una nuova sfida. Del resto a 36 anni sai che di tempo per provare qualcosa di nuovo non te ne resta ancora moltissimo».

Domani è già tempo del terzo derby: come sarà il terzo capitolo della serie? «Sarà un’altra partita tosta, sulla falsariga di come lo erano state le prime due contro il Lugano. Dopo le due sconfitte nelle sfide dirette, di cui la seconda nel nostro ultimo impegno, c’è voglia di riscatto: faremo di tutto per restituire lo sgarbo ai nostri avversari. Comunque sia, quando andremo in pista dovremo scordarci i precedenti, e pensare unicamente a quella partita. Il passato è passato, e non si può cambiare, né deve influenzarci; ciò che possiamo (e dobbiamo) fare è cercare di far tesoro di quelle esperienze per capire come e dove migliorare. Il fatto di poter giocare questo terzo derby davanti al nostro pubblico, poi, dovrebbe darci quel vantaggio in più per affrontare nel migliore dei modi la contesa». Ripensando alle precedenti sfide, del resto, il derby andato in scena sul ghiaccio amico è quello in cui siete andati più vicini al successo... «A livello di punteggio sì, visto che in quell’occasione eravamo stati battuti solo ai rigori, ma anche in quello di sabato scorso il punteggio è rimasto in bilico praticamente fino alla terza sirena. Ma, appunto, ciò che è stato è stato: ora guardiamo avanti e cerchiamo di farci trovare pronti sin dall’ingaggio di apertura di questo terzo atto tra Ambrì Piotta e Lugano». Qual è la chiave per affrontare una partita del genere: mettere più l’accento sulla difesa oppure cercare con maggiore insistenza la via del gol? «Entrambe le cose: se vuoi vincere partite così devi essere bravo in tutti i reparti. E, soprattutto, esserlo dal primo all’ultimo secondo. Per vincere devi giocare con costanza e intensità per tutti i sessanta minuti, cosa che, appunto, non eravamo riusciti a fare né nel primo né nel secondo derby. Poi, ovviamente, riesci a essere più disciplinato, concedendo meno penalità, non devi spendere inutili energie nel difenderti in boxplay...».

Dagli spogliatoi

Le tante incognite del capitolo stranieri

Sono parecchie le incognite che caratterizzano la vigilia del derby numero 3 della stagione in casa Ambrì. Mentre in pista si rivede Isacco Dotti, Peter Regin si è allenato a mezzo regime. «Il loro impiego nel derby lo decideremo solo domani mattina, in accordo con lo staff medico». In forse pure la presenza di Kozun, che oggi non si è allenato poiché malato. Confrontato con tanti punti interrogativi, il coach dei leventinesi si dice possibilista sull’eventualità di rivedere in pista con la maglia biancoblù (dopo due presenze con i Rockets) già domani Matt D’Agostini: «È un’opzione, sì, ma, appunto, valuteremo tutte le possibilità quando sapremo chi è arruolabile e chi no».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved