VAN DE ZANDSCHULP B. (NED)
0
DJOKOVIC N. (SRB)
2
fine
(3-6 : 1-6)
BENCIC B. (SUI)
KREJCIKOVA B. (CZE)
16:00
 
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
LucHC Lions
1892
2
Faerjestad TS
1866
3
Drinkteam
1860
4
EHL Wolves
1838
5
KISS of DEATH
1801
6
HC KWAY
1787
7
AmStars
1786
8
Bidus
1786
9
H C LUPPOLO
1781
10
Rapid Mutzel 2
1780
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
31 min

Il Chiasso perde la causa e non riceverà mezzo milione di euro

Lo ha deciso il Tas di Losanna nel contenzioso che opponeva la società rossoblù al Frosinone, per il trasferimento dell’olandese Rai Vloet
TENNIS
1 ora

Forfait di Belinda Bencic a Ostrava

La sangallese non disputerà l’ottavo di finale contro la ceca Krejcikova. Alla base della rinuncia, un infortunio al piede sinistro
CICLISMO
1 ora

Van Vleuten stella del primo Tour de Romandie femminile

Il meglio del parterre mondiale al via domani da Losanna per una corsa che si concluderà domenica a Ginevra
CORSA D'ORIENTAMENTO
3 ore

Il Ticino cerca la conferma nel Trofeo Arge Alp

Sabato e domenica in alta Val Carvina gareggeranno ben 600 atleti. La selezione rossoblù dovrà difendersi da Baviera, San Gallo, Trentino e Grigioni
Hockey
17 ore

In Champions vincono Zugo, Rapperswil e Friborgo

Serata da incorniciare per le squadre svizzere sul palcoscenico d’Europa: Zugo e Friborgo agli ottavi da primi della classe, sangallesi fuori con onore
Calcio
17 ore

Con due gol di Rabiot la Juventus stende il Maccabi

Nel mercoledì di Champions League nulla da fare invece per il Milan, sconfitto 3-0 dal Chelsea allo Stamford Bridge di Londra
Formula 1
18 ore

La Fia rinvia il verdetto sul budget cap. Verso sanzioni lievi?

Da Parigi nessuna novità: la conclusione dell’analisi il 10 ottobre. Intanto, però, Sky lancia l’indiscrezione: il tetto sarebbe stato sforato, ma di poco
Calcio
20 ore

Seoane silurato, arriva Xabi Alonso

Il Bayer Leverkusen licenzia il tecnico elvetico, sostituito dall’ex centrocampista spagnolo
Calcio
20 ore

Si è spento Jürgen Sundermann

82enne, aveva giocato e allenato in molti Paesi, fra cui Germania e Svizzera
Calcio
21 ore

Europa, lo Zurigo cerca punti per il morale

Il Basilea vuole invece ipotecare il passaggio del turno
ginnastica artistica
23 ore

‘Vogliamo offrire una serata di grande ginnastica’

Il nuovo presidente del comitato organizzatore Alberto Mogliazzi, si sta preparando per il 39esimo Memorial Gander, in programma a Chiasso il 23 novembre
calcio
1 gior

Ucraina con Spagna e Portogallo per i Mondiali 2030

Lo hanno annunciato i presidenti delle tre federazioni nazionali
inline hockey
1 gior

Hockey inline, Sayaluca e Malcantone, buona la prima

Le ticinesi si impongono in gara 1 dei quarti di finale in Lna
CALCIO
1 gior

Quel gol divorato al Maracanà, pesante come un macigno

Higuain sarà per sempre ricordato soprattutto per l’errore nella finale mondiale del 2014 fra Argentina e Germania
l'angolo delle bocce
1 gior

Agli italiani Paone-Andreani il Gp della Vendemmia 2022

Battuti a zero in finale Roberto Antonini e Paolo Brambilla
Tennis
1 gior

Astana, Hüsler fuori al primo turno

Lo zurighese nettamente battuto dal numero 53 Ruusuvuori
Calcio
1 gior

‘Il sindacato calciatori ci ha messo in difficoltà’

Il capitano del Chiasso esclude il boicottaggio delle partite
Hockey
1 gior

Rockets di nuovo battuti

Il Basilea a Biasca si impone 7-2
Hockey
1 gior

Champions, 4 svizzere agli ottavi di finale

Il Davos, vincitore contro l’Ocelari, e lo Zurigo, pur se sconfitto in Svezia, raggiungono agli ottavi di finale Zugo e Friborgo
Calcio
1 gior

Champions, vincono Napoli e Inter

Ad Amsterdam dilagano i partenopei, l’Inter soffrendo batte il Barça
Calcio
1 gior

Insulti razzisti, Atalanta multata

12mila euro di ammenda per le ingiurie contro il presidente della Fiorentina
laR
 
11.10.2021 - 21:44
Aggiornamento: 23:55

Tira aria di Francia nella Swiss League. ‘Ma prima valutiamo’

Mulhouse (e Grenoble?) puntano a fare le valigie per accasarsi in B con i Ticino Rockets. Davide Mottis: ‘Vediamo se ci sono dei piani, poi ne parleremo’

tira-aria-di-francia-nella-swiss-league-ma-prima-valutiamo
Sabato, intanto erano in più di trecento alla Raiffeisen BiascArena. ‘Ma credo sia l’effetto D’Agostini’ (Ti-Press/Gianinazzi)

A volte ritornano. Vale non solo per le persone, pure per l’idee. Così, una ventina d’anni dopo le ambizioni degli austriaci del Feldkirch e le loro mire di annessione all’Elvezia dell’hockey, oggi tocca ai francesi del Mulhouse (ma a quanto sembra vale lo stesso per il blasonato Grenoble) sognare lo sconfinamento in Svizzera. Stavolta, però, nella seconda serie nazionale, quella Swiss League in cui giocano i Ticino Rockets e che ancora un po’ tutti impropriamente chiamano Lega nazionale B.

Questo, almeno, e ciò anticipa la Neue Zürcher Zeitung, voce che supporta le indiscrezioni in circolazione da qualche giorno in Romandia, indirettamente confermate tra l’altro da un giornalista di France Télévisions. «Onestamente – esordisce Davide Mottis, il presidente dei Rockets – non saprei dire né se è vero, né quanto questa cosa sia fondata. Tutto ciò che so è che Séba (Reuille, il diesse rossoblù, ndr) mi ha girato un tweet che circolava sul web. Però sì, confermo che effettivamente era un tema quello dell’apertura a squadre straniere già nell’ambito delle discussioni famose avute la stagione scorsa a livello di Lega, con l’obiettivo di creare un campionato ambizioso che potesse commercializzare al meglio il proprio prodotto: una delle strategie della nuova Swiss League è anche quella di aprirsi a formazioni in arrivo dall’estero, distribuendone poi le immagini e catturare così l’interesse di sponsor e quant’altro».

Di sicuro, in attesa di sapere effettivamente quante saranno le formazioni in B l’anno prossimo (anche quest’anno, infatti, a patto di averne presentato esplicita richiesta, la vincitrice del campionato cadetto verrà promossa automaticamente nell’élite nazionale, esattamente com’era capitato in primavera all’Ajoie), c’è che dall’anno prossimo i ‘farm team’ del campionato cadetto saranno solo due, cioè voi e il Grasshopper. Ma quello, per così dire, è frutto di una scelta politica. «Sì, diciamo che l’Evz alla fine ha ritirato l’Academy perché non era disposto a lottare, a rivendicare la sua posizione come invece abbiamo fatto noi. Sicuramente, però, l’entrata in vigore dall’anno prossimo della nuova categoria U20 con i famosi tre ‘overage’ (in sostanza, gli élite si apriranno anche a giocatori U22, ndr) avrà fatto sì che a Zugo scegliessero di lavorare piuttosto su quel fronte».

Intanto, nella MySportsLeague, il terzo gradino dell’hockey nazionale, Basilea, Martigny e Arosa premono per tornare in Lega nazionale. Certo che, però, se il campionato estendesse i propri confini fino in Francia... «Già, ma stiamo pur sempre parlando di ipotesi: onestamente una posizione chiara nostra nei confronti di un’apertura non c’è. Dovremo valutare tutti i pro e tutti i contro, ma è evidente che se una soluzione del genere presentasse maggiori costi e difficoltà organizzative non so fino a che punto potrebbe interessare».

Anche perché, restando ai nomi fatti prima, Mulhouse è un conto, Grenoble un altro... «Senz’altro cambierebbe molto a livello organizzativo ma probabilmente soprattutto economico, perché se davvero dovessimo andare fino a Grenoble bisognerebbe prevedere trasferte ben più lunghe e con l’obbligo di dormire fuori. Naturalmente, se a fronte di questo sforzo, arrivassero alcune centinaia di migliaia di franchi in più grazie ai diritti televisivi, cosa di cui dubito, be’ allora... Ma se la strategia della Lega è avere più entrate dai diritti e sponsorizzazione senz’altro se ne può discutere: del resto, se quattro partite a Grenoble ci costassero 50 mila franchi e in cambio ne ricaveremmo duecentomila, purtroppo – e ripeto: purtroppo – la cosa potrebbe anche essere digeribile. Tuttavia, bisognerebbe anche vedere se al nostro hockey quest’apertura potrebbe far bene. Anche pensando che ci sono tutti gli aspetti regolamentare da definire: è evidente che tutti i loro giocatori sarebbero stranieri, essendo francesi, ma per quelli in arrivo da altre nazioni come ci dovremmo comportare?».

Al di là dei dettagli, quest’apertura avrebbe un senso? «Penso che il ragionamento alla base possa essere assimilabile. Tuttavia mi dico anche che è tutto da valutare, perché ci sono aspetti economici, sportivi e regolamentari da definire. Prima andrebbe presentato un progetto concreto e dettagliato, che al momento non mi risulta ci sia, di conseguenza è difficile esprimersi. Senza voler essere chiusi, ma cercando sempre di fare il bene dell’hockey e dei nostri giovani. Per i quali potrebbe in fondo anche essere un’opportunità, confrontarsi con altre realtà. A condizione, però, che siano realtà che possano portare qualcosa in più rispetto a squadre come l’Arosa, o qualsiasi altra formazione che punta alla Swiss League».

In cerca di una nuova era. ’Nessun cambiamento, almeno per ora’

A proposito di Swiss League: la nuova stagione è iniziata da un mesetto, e dopo le ben note discussioni della scorsa primavera si comincia a intravvedere che nel vostro campionato una nuova era sta per cominciare? «No, devo essere onesto: non abbiamo notato alcun cambiamento rispetto all‘anno scorso, nonostante a noi come Rockets fosse stata fatta parecchia pressione, affinché ponessimo più l’accento sulla questione dello straniero, che effettivamente abbiamo preso (il venticinquenne canadese François Beauchemin, ndr), ma soprattutto sulla diffusione in ‘live streaming’ delle partite casalinghe, essenzialmente allo scopo di permettere ai tifosi delle squadre avversarie di poterle seguire. Alla fine abbiamo messo in piedi un servizio che siamo praticamente gli unici ad aver avviato. Anzi, c’è persino chi un sistema simile già ce l’aveva, e quest’anno non ce l’ha più. Un po’ con il sorriso, posso quindi dire che a noi chiedevano di emanciparci, mentre le altre società hanno camminato sul posto, se non addirittura fatto qualche passettino indietro, pensando alla questione delle dirette streaming. Va comunque detto che il concetto di nuova Swiss League entrerà in vigore solo nella prossima stagione, quindi stanno lavorando e magari nelle prossime settimane arriverà qualcosa che segnerà un cambiamento. Intanto, però, noi ci siamo già mossi. A dimostrazione che siamo seri e manteniamo gli impegni presi, e che abbiamo un’organizzazione che funziona, e funziona bene».

E pur se è innegabile che i risultati stentino ad arrivare, in quest’inizio di campionato. Mentre sul fronte del pubblico, almeno a giudicare dall’ultima partita, sabato contro il Winterthur, a cui hanno assistito oltre trecento spettatori, un leggero incremento sembra esserci. «Sì, è vero, sabato c’èra più gente, ma penso che a trainare sia stata anche la presenza in pista di Matt D’Agostini. Ed è per questo che è importante che arrivino dei giocatori della prima squadra da Ambrì (penso allo stesso D’Agostini, o a Pezzullo e Incir) come da Lugano, i quali oltre a dare un supporto alla squadra nel senso sportivo, portano magari qualche spettatore in più. Pur se parlando di Lugano sappiamo benissimo delle difficoltà con cui la squadra è confrontata, tanto che non ha nemmeno potuto mettere a disposizione i quattro elementi che abitualmente giocano da noi».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved