LA Kings
4
ANA Ducks
4
rigori
(0-0 : 1-2 : 3-2 : 0-0 : 0-0)
LA Kings
4
ANA Ducks
4
rigori
(0-0 : 1-2 : 3-2 : 0-0 : 0-0)
il-lugano-fa-la-differenza-nel-secondo-tempo
L'autore della rete d'apertura
+8
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
6448
2
LHC Bombers
6055
3
HC Aspi Capitals
6049
4
Maxim la biere
5933
5
25 Francs trop cher
5914
6
Iselis Punktebuebe
5796
7
TrigoAce2
5795
8
Pastelitos de Guayaba
5782
9
Metallurg Bangitonov
5728
10
SPARTAK JACK
5705
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
7 ore

Un Lugano da 3 su 4. ‘Certo che quando si è al completo...’

Grazie a Carr, ma non solo, i bianconeri mettono sotto il Servette. Samuel Guerra: ‘E ora il gioco di transizione è tutta un’altra cosa’
Hockey
7 ore

La gioia di Cereda: ‘La squadra ha accettato di soffrire’

Il coach biancoblù si complimenta con i suoi per la reazione sul ghiaccio di Zugo. ’Non ci siamo fatti prendere dal panico, è stata questa la chiave’
Hockey
9 ore

Ambrì Piotta, la rivincita è servita

I biancoblù espugnano Zugo (4-3) al termine di un’ottima prova. In rete anche Hietanen e D’Agostini
Hockey
9 ore

L’abnegazione, la pazienza e poi la mira di Daniel Carr

Quarantasette minuti senza reti, poi lo show del canadese del Lugano, la cui doppietta spegne definitivamente i sogni di gloria del Ginevra Servette
Gallery
Calcio femminile
11 ore

La Svizzera ne rifila sette alla Lituania

La Svizzera consolida il primo posto in un girone in cui le avversarie più temibili sono le Azzurre, impostesi 5-0 ai danni della Romania
Sci
11 ore

Quarantena per chi vien dal Canada, gare di St. Moritz a rischio

Con le nuove disposizioni dell’Ufficio federale della sanità pubblica i due superG potrebbero saltare. Gli organizzatori sperano in un’eccezione
Rugby a 7
12 ore

I 7 Sirs in dicembre al prestigioso Dubai7s

Un po’ di Svizzera italiana al più importante torneo internazionale di rugby a sette, unitamente all’altrettanto famoso Hong Kong Sevens
Sci di fondo
12 ore

Cologna salta Lillehammer per allenarsi a Davos

Il 35enne grigionese non sarà presente il prossimo weekend per la tappa norvegese di Cdm e si concentrerà sull’appuntamento casalingo dell’11-12 dicembre
Calcio
13 ore

Con l’Yb sfida d’alta quota, ‘ma dobbiamo rimanere umili’

Lugano domani a Berna contro i campioni svizzeri, che non stanno brillando. Il mister bianconero Croci-Torti: ‘Attenti a non peccare di presunzione’
Tiri liberi
15 ore

Dal carro di Carnevale al palazzetto dello sport

Il ‘sì’ uscito dalle urne sancisce la realizzazione di una struttura che sarà all’altezza delle esigenze sportive e al passo con i tempi
Calcio regionale
21 ore

Team Ticino, i risultati del weekend

Vincono l’Under 21 e l’Under 15, pesante sconfitta per l’Under 18 a Ginevra
Calcio
1 gior

Lionel Messi asso pigliatutto: settimo Pallone d’Oro

L’argentino preferito a Robert Lewandowski. Migliore squadra il Chelsea, miglior portiere Gianluigi Donnarumma, migliore giocatrice Alexia Putellas.
Basket
1 gior

Swiss Basketball, una commissione etica dopo il caso Elfic

Il vicepresidente Claudio Franscella illustra i passi della federazione. ‘Decideremo anche quali sanzioni, se del caso, adottare’
Gallery
Pugilato
1 gior

Vincente e con il sorriso: ‘Richi’ Silva il ring lo saluta così

Il professionista ticinese del Boxe Club Riazzino ha impreziosito la ‘Faido Boxing Night’ con un successo ai punti ai danni del georgiano Rati Migriauli
Hockey
1 gior

Raphael Herburger, un ‘aquilotto’ che non si fida delle Aquile

Il Lugano domani ospita alla Cornèr Arena un Ginevra-Servette che precede di soli 4 punti. L’austriaco: ‘Come noi anche loro non sono dove vorrebbero’
L’angolo delle bocce
1 gior

A Claudio Croci Torti e Morris Gualandris il Gp Borgovecchio

La coppia della Centrale di Novazzano ha battuto in finale Ridha Sediri e Rodolfo Peschiera (San Gottardo)
Atletica
1 gior

Al cross capriaschese doppietta per Roberto Delorenzi

Alla terza tappa della Coppa Ticino Ftal fanno festa gli atleti di casa, con sette vittorie e undici podi
Hockey
09.10.2021 - 22:140
Aggiornamento : 10.10.2021 - 00:42

Il Lugano fa la differenza nel secondo tempo

Stavolta la rimonta non riesce all’Ambrì Piotta: sotto di due reti alla seconda sirena, i biancoblù accorciano, ma riescono l’aggancio

C’è più fisico che qualità nei primi venti minuti del 241esimo capitolo della storia dei derby ticinesi. Tant’è che di occasioni limpide non ne vedono moltissime. Non aiutano molto nemmeno le possibilità di giocare con l’uomo in più, due per l’Ambrì Piotta (per le espulsioni di Wolf dopo appena un minuto e dieci secondi di gioco e Tschumi all’11.59“) e una per il Lugano (fuori Kneubuehler al 13’11”). Per Fadani (titolarizzato da McSorley vista la decisione di posticipare l’esordio in bianconero di Irving), e Ciaccio (a cui Cereda si affida nell’abituale turnover dei portieri), di lavoro non ce n’è di conseguenza moltissimo nella prima frazione. Di sbavature, in pista se ne vedono diverse. Come l’errore in uscita dal terzo di Alatalo che al 5’56" permette a Trisconi di andare al tiro, parato però dall’estremo difensore del Lugano. Gli impulsi più grossi dall’altra parte lo porta il solito Fazzini, che in un paio di occasione porta a spasso i difensori biancoblù. E che in occasione della superiorità numerica conseguente alla trattenuta di Kneubuehler va a saggiare le qualità di Ciaccio. Che, comunque risponde presente. Ci prova anche Vedova, in un ultimo minuto della frazione iniziale che il Lugano spende in attacco, ma la conclusione del numero 52 si spegne sulle assi di fondo.

Nel secondo tempo l’allungo bianconero

A ravvivare il derby ci prova anche Grassi, che al 22’03" prova la conclusione da distanza ravvicinata si invito di Zwerger, ma Fadani non si fa sorprendere. E nemmeno quando Traber si fa espellere pr due minuti per eccessiva durezza l’inerzia del derby cambia. La prima occasione vera e propria del secondo tempo (e della partita), capita sul bastone di McMillan che in due tempi da distanza ravvicinatissima prova a battere il portiere bianconero, che compie un piccolo miracolo col bastone. Kneubuehler a metà partita va poi per la seconda volta ad accomodarsi sulla panchina dei penalizzati (per purgare una sanzione di squadra per cambio scorretto), ma il powerplay del Lugano dura solo nove secondi, perché Alatalo si fa a sua volta espellere per ostruzione. L’occasione con l’uomo in più però il Lugano se la procura ugualmente, perché poco dopo Regin raggiunge il numero 11 dei biancoblù. E qui, finalmente, l’equilibrio nel punteggio si spezza. Arcobello imbastisce l’azione offensiva dei bianconeri, col disco che gira da Fazzini a Boedker, e il danese lo scodella al centro per l’accorrente Müller che da due passi infila Ciaccio per l’1-0 che fa ufficialmente decollare il derby. Con Arcobello espulso, a una manciata di secondi dalla pausa, Regin va poi a cogliere il palo. Prima della sirena c’è però ancora spazio pe una rete del Lugano: con l’Ambrì costretto a giocare a 3 contro 5, il Lugano fa 2-0 con Boedker.

In avvio di terzo tempo l’Ambrì si ritrova nuovamente in doppia inferiorità numerica per un minuti. McSorley allora chiama il timeout. Ma i biancoblù resistono, grazie anche a Ciaccio che effettua un paio di interventi provvidenziali su altrettante conclusioni del powerplay del Lugano. Difendendosi anche con i denti, l’Ambrì Piotta riesce dunque a superare la delicatissima situazione senza subire altre reti, restando così in partita. A una dozzina di minuti dalla fine, una conclusione ravvicinata di Grassi fa gridare al gol i tifosi biancoblù, quando il disco non viene trattenuto da Fadani, con Haussener che lo spazza sulla riga di porta: gli arbitri vanno a rivedere l’azione al video ma decretano che effettivamente l’intervento del numero 14 dei bianconeri è avvenuto prima che il puck superasse la riga rossa. Il gol dei leventinesi non tarda tuttavia di molto, perché al 49’07" Pestoni accorcia le distanze con un tiro secco dalla media distanza. E il derby numero 241 si riapre a tutti gli effetti. A quel punto l’Ammbrì Piotta moltiplica gli sforzi per trovare anche il pareggio, ed è allora il turno del Lugano di difendersi serrando i ranghi. Il tempo intanto passa, giocando a favore dei bianconeri. Al 57’41" Cereda chiama il timeout e al 57’56" prova anche a togliere dai pali Ciaccio per mandare in pista un sesto uomo di movimento, e i biancoblù piazzano l’assedio alla porta di Fadani. Mossa che si traduce nel definitivo 3-1. di Traber a meno di dieci secondi dal sessantesimo.

Lugano - Ambrì Piotta (0-0 2-0 1-1) 3-1

Reti: 31’19" Müller (Boedker, Fazzini/esp. Regin, Alatalo) 1-0. 39’39" Boedker (Fazzini/esp. Fora e Kozun) 2-0. 49’07" Pestoni (Zwerger, Grassi) 2-1. 59’50" Traber (Boedker/Ambrì Piotta senza portiere) 3-1.

Lugano: Fadani; Nodari, Müller; Alatalo, Bernd Wolf; Chiesa, Guerra; Ugazzi; Fazzini, Arcobello, Walker; Vedova, Morini, Stoffel; Werder, Thürkauf, Boedker; Traber, Tschumi, Haussener.

Ambrì Piotta: Ciaccio; Fora, Zaccheo Dotti; Hietanen, Fischer; Fohrler, Burren; Hächler, Pezzullo; Trisconi, Kostner, Bianchi; Kozun, Regin, Kneubuehler; Bürgler, Heim, McMillan; Pestoni, Grassi, Zwerger.

Arbitri: Piechaczek, Wiegand; Steenstra, Thomas Wolf.

Note: 6’733 spettatori. Penalità: 6 x 2’ contro entrambe le squadre. Tiri in porta: 25-26 (7-9, 12-5,6-13). Lugano senza Bertaggia, Carr, Josephs, Davos senza Corvi (infortunati), Lugano senza Carr, Josephs, Herburger, Loeffel, Riva e Schlegel (infortunati); Ambrì Piotta privo di Isacco Dotti (infortunato) e D’Agostini (Ticino Rockets). Palo di Regin al 37’56. Timeout: 40’25“ Lugano; 57’41" Ambrì Piotta. Ambrì Piotta senza portiere dal 57’56" al 59’50”. Premiati quali migliori in pista Davide Fadani e e Inti Pestoni.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 12 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved