Corea del Sud
2
Ghana
3
2. tempo
(0-2)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5585
2
HC Aspi Capitals
5490
3
HC Kaski Male
5443
4
HC TUT-TUT
5387
5
AmStars
5236
6
LucHC Lions
5235
7
Artemisia
5199
8
ASIA TEAM
5199
9
Team Belozoglu
5196
10
GregBeaud
5183
ULTIME NOTIZIE Sport
QATAR 2022
18 min

I 90’ più laceranti della storia del calcio iraniano

La sfida con gli Stati Uniti, nemici giurati del regime degli ayatollah, vale l’accesso agli ottavi, sullo sfondo delle proteste che insanguinano Teheran
Calcio
2 ore

Amichevole a Menaggio per il Bellinzona

Incontro fissato per mercoledì 30 novembre alle ore 19
Qatar 2022
2 ore

Folle pareggio fra Camerun e Serbia

Il 3-3 finale tiene lontani entrambi dalla Svizzera nella classifica del gruppo G
Calcio
5 ore

Heiko Vogel direttore sportivo del Basilea

Ritorno sulle rive del Reno per il 47enne ex allenatore
Qatar 2022
17 ore

Un missile di Fullkrug tiene in corsa i tedeschi

Finisce in parità la sfida più attesa tra una Spagna che dovrà stare attenta al Giappone e una Germania che si gioca tutto con il Costarica
Sci
19 ore

Wendy, il gran giorno è arrivato. Ma lo deve condividere

Sulle nevi del Vermont la svittese centra infine un trionfo nello slalom che inseguiva da una vita. A far festa con lei, però, c’è anche Larson
Qatar 2022
19 ore

Senza Neymar l’esame di maturità di Yakin

Il tecnico rossocrociato, che 15 mesi fa allenava ancora in Challenge League, contro il Brasile non disporrà di Okafor
QATAR 2022
20 ore

Camerun e Serbia, una vittoria per uscire dal tunnel

Da tempo immemore sia gli africani, sia i ‘brasiliani d’Europa’ non hanno più voce in capitolo sul palcoscenico dei Mondiali
Qatar 2022
20 ore

Davies illude il Canada, Kramaric lo elimina

La Croazia rimonta grazie soprattutto a una doppietta della punta dell’Hoffenheim
IL DOPOPARTITA
21 ore

Un weekend in bianco: ‘Restiamo positivi, meritavamo di più’

L’Ambrì rende nuovamente la vita dura allo Zurigo, che però trova il modo di spuntarla. ‘La fortuna? Non è stata dalla nostra, ma bisogna anche cercarla’
QATAR 2022
22 ore

Belgio sconfitto, a Bruxelles scoppiano disordini

La polizia è intervenuta con cannoni ad acqua per disperdere i tifosi facinorosi. Le autorità hanno chiesto alla popolazione di non recarsi in centro
Qatar 2022
22 ore

Censura cinese sugli spalti: tagliate le immagini dei tifosi

La forbice della tv statale sui supporter che non indossano la mascherina, dopo le proteste locali per i nuovi lockdown
QATAR 2022
23 ore

‘Battere il Brasile? Non mi stupirebbe’

Nestor Subiat fiducioso sulle qualità della Nazionale svizzera. ‘E per l’Argentina il Mondiale inizia adesso’. Il ricordo del 1994 e di Andres Escobar
Qatar 2022
23 ore

Marocco troppo forte per il Belgio

Dopo il pareggio coi croati vicecampioni del mondo, i magrebini colgono la posta piena coi Diavoli rossi
Qatar 2022
1 gior

Bandiera del Kosovo nello spogliatoio serbo: ‘Fifa ipocrita’

Criticata dal governo della Serbia la decisione di avviare un procedimento disciplinare contro la locale Federcalcio per il vessillo esposto ai Mondiali
Tennis
1 gior

Coppa Davis, nelle qualificazioni Svizzera-Germania

Trasferta impegnativa per i rossocrociati, che sfideranno Zverev e compagni all’inizio di febbraio
CALCIO
1 gior

Il Chiasso va in pausa con una vittoria. E il futuro?

I rossoblù battono il Bulle nell’ultima giornata di Promotion League e ora aspettano novità dalla pretura e dalla società
09.10.2021 - 22:14
Aggiornamento: 10.10.2021 - 00:42

Il Lugano fa la differenza nel secondo tempo

Stavolta la rimonta non riesce all’Ambrì Piotta: sotto di due reti alla seconda sirena, i biancoblù accorciano, ma riescono l’aggancio

il-lugano-fa-la-differenza-nel-secondo-tempo
L'autore della rete d'apertura
+8

C’è più fisico che qualità nei primi venti minuti del 241esimo capitolo della storia dei derby ticinesi. Tant’è che di occasioni limpide non ne vedono moltissime. Non aiutano molto nemmeno le possibilità di giocare con l’uomo in più, due per l’Ambrì Piotta (per le espulsioni di Wolf dopo appena un minuto e dieci secondi di gioco e Tschumi all’11.59“) e una per il Lugano (fuori Kneubuehler al 13’11”). Per Fadani (titolarizzato da McSorley vista la decisione di posticipare l’esordio in bianconero di Irving), e Ciaccio (a cui Cereda si affida nell’abituale turnover dei portieri), di lavoro non ce n’è di conseguenza moltissimo nella prima frazione. Di sbavature, in pista se ne vedono diverse. Come l’errore in uscita dal terzo di Alatalo che al 5’56" permette a Trisconi di andare al tiro, parato però dall’estremo difensore del Lugano. Gli impulsi più grossi dall’altra parte lo porta il solito Fazzini, che in un paio di occasione porta a spasso i difensori biancoblù. E che in occasione della superiorità numerica conseguente alla trattenuta di Kneubuehler va a saggiare le qualità di Ciaccio. Che, comunque risponde presente. Ci prova anche Vedova, in un ultimo minuto della frazione iniziale che il Lugano spende in attacco, ma la conclusione del numero 52 si spegne sulle assi di fondo.

Nel secondo tempo l’allungo bianconero

A ravvivare il derby ci prova anche Grassi, che al 22’03" prova la conclusione da distanza ravvicinata si invito di Zwerger, ma Fadani non si fa sorprendere. E nemmeno quando Traber si fa espellere pr due minuti per eccessiva durezza l’inerzia del derby cambia. La prima occasione vera e propria del secondo tempo (e della partita), capita sul bastone di McMillan che in due tempi da distanza ravvicinatissima prova a battere il portiere bianconero, che compie un piccolo miracolo col bastone. Kneubuehler a metà partita va poi per la seconda volta ad accomodarsi sulla panchina dei penalizzati (per purgare una sanzione di squadra per cambio scorretto), ma il powerplay del Lugano dura solo nove secondi, perché Alatalo si fa a sua volta espellere per ostruzione. L’occasione con l’uomo in più però il Lugano se la procura ugualmente, perché poco dopo Regin raggiunge il numero 11 dei biancoblù. E qui, finalmente, l’equilibrio nel punteggio si spezza. Arcobello imbastisce l’azione offensiva dei bianconeri, col disco che gira da Fazzini a Boedker, e il danese lo scodella al centro per l’accorrente Müller che da due passi infila Ciaccio per l’1-0 che fa ufficialmente decollare il derby. Con Arcobello espulso, a una manciata di secondi dalla pausa, Regin va poi a cogliere il palo. Prima della sirena c’è però ancora spazio pe una rete del Lugano: con l’Ambrì costretto a giocare a 3 contro 5, il Lugano fa 2-0 con Boedker.

In avvio di terzo tempo l’Ambrì si ritrova nuovamente in doppia inferiorità numerica per un minuti. McSorley allora chiama il timeout. Ma i biancoblù resistono, grazie anche a Ciaccio che effettua un paio di interventi provvidenziali su altrettante conclusioni del powerplay del Lugano. Difendendosi anche con i denti, l’Ambrì Piotta riesce dunque a superare la delicatissima situazione senza subire altre reti, restando così in partita. A una dozzina di minuti dalla fine, una conclusione ravvicinata di Grassi fa gridare al gol i tifosi biancoblù, quando il disco non viene trattenuto da Fadani, con Haussener che lo spazza sulla riga di porta: gli arbitri vanno a rivedere l’azione al video ma decretano che effettivamente l’intervento del numero 14 dei bianconeri è avvenuto prima che il puck superasse la riga rossa. Il gol dei leventinesi non tarda tuttavia di molto, perché al 49’07" Pestoni accorcia le distanze con un tiro secco dalla media distanza. E il derby numero 241 si riapre a tutti gli effetti. A quel punto l’Ammbrì Piotta moltiplica gli sforzi per trovare anche il pareggio, ed è allora il turno del Lugano di difendersi serrando i ranghi. Il tempo intanto passa, giocando a favore dei bianconeri. Al 57’41" Cereda chiama il timeout e al 57’56" prova anche a togliere dai pali Ciaccio per mandare in pista un sesto uomo di movimento, e i biancoblù piazzano l’assedio alla porta di Fadani. Mossa che si traduce nel definitivo 3-1. di Traber a meno di dieci secondi dal sessantesimo.

Lugano - Ambrì Piotta (0-0 2-0 1-1) 3-1

Reti: 31’19" Müller (Boedker, Fazzini/esp. Regin, Alatalo) 1-0. 39’39" Boedker (Fazzini/esp. Fora e Kozun) 2-0. 49’07" Pestoni (Zwerger, Grassi) 2-1. 59’50" Traber (Boedker/Ambrì Piotta senza portiere) 3-1.

Lugano: Fadani; Nodari, Müller; Alatalo, Bernd Wolf; Chiesa, Guerra; Ugazzi; Fazzini, Arcobello, Walker; Vedova, Morini, Stoffel; Werder, Thürkauf, Boedker; Traber, Tschumi, Haussener.

Ambrì Piotta: Ciaccio; Fora, Zaccheo Dotti; Hietanen, Fischer; Fohrler, Burren; Hächler, Pezzullo; Trisconi, Kostner, Bianchi; Kozun, Regin, Kneubuehler; Bürgler, Heim, McMillan; Pestoni, Grassi, Zwerger.

Arbitri: Piechaczek, Wiegand; Steenstra, Thomas Wolf.

Note: 6’733 spettatori. Penalità: 6 x 2’ contro entrambe le squadre. Tiri in porta: 25-26 (7-9, 12-5,6-13). Lugano senza Bertaggia, Carr, Josephs, Davos senza Corvi (infortunati), Lugano senza Carr, Josephs, Herburger, Loeffel, Riva e Schlegel (infortunati); Ambrì Piotta privo di Isacco Dotti (infortunato) e D’Agostini (Ticino Rockets). Palo di Regin al 37’56. Timeout: 40’25“ Lugano; 57’41" Ambrì Piotta. Ambrì Piotta senza portiere dal 57’56" al 59’50”. Premiati quali migliori in pista Davide Fadani e e Inti Pestoni.

Leggi anche:

Irving, Domenichelli e le fake news. ‘No, Leland non è rotto’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved