SJ Sharks
4
WIN Jets
3
fine
(0-1 : 2-1 : 2-1)
EDM Oilers
5
CAL Flames
2
fine
(2-0 : 1-1 : 2-1)
LA Kings
2
MIN Wild
3
fine
(0-0 : 1-3 : 1-0)
SJ Sharks
4
WIN Jets
3
fine
(0-1 : 2-1 : 2-1)
EDM Oilers
5
CAL Flames
2
fine
(2-0 : 1-1 : 2-1)
LA Kings
2
MIN Wild
3
fine
(0-0 : 1-3 : 1-0)
dobbiamo-essere-piu-presenti-davanti-alle-due-porte
‘Continueremo a insistere su questi aspetti finché la tendenza sarà cambiata’ (Keystone)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Iselis Punktebuebe
3177
2
TrigoAce1
3023
3
HC Aspi Capitals
2947
4
Metallurg Bangitonov
2918
5
Chochyeta Berson
2878
6
HCB 2416
2868
7
SPARTAK JACK
2859
8
TeamFloyd
2853
9
Cam-s
2838
10
HC 3114
2824
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
9 ore

Marchesano inventa per Ceesay e lo Zurigo affonda il Lugano

Al Letzigrund nel match d’alta classifica un Lugano privo di Bottani non riesce a tirare in porta una sola volta e viene punito dal suo ex attaccante
Hockey
9 ore

Lugano, ‘con Hudacek più respiro a McSorley’

Domenichelli fa il punto alla situazione degli stranieri: ‘L’eventuale ingaggio di un altro giocatore non sarà per prima di metà novembre’
Hockey
9 ore

Non basta il doppio vantaggio: Ambrì battuto a Berna

I biancoblù disputano un ottimo primo tempo e una buna prestazione, ma pagano le numerose occasioni mancate e le fatiche del derby
Hockey
10 ore

Il Davos non fa sconti a un Lugano incerottato

Niente da fare alla Cornèr Arena, superati dalla compagine di Wohlwend grazie alla doppietta di Ambühl
Hockey
17 ore

Libor Hudacek approda al Lugano

Hnat Domenichelli: ‘Libor è un attaccante di talento che può giocare sia al centro sia all’ala destra’. Lo slovacco resterà fino al termine della stagione
VELA
20 ore

Un martedì a Tenero, dove la vela è donna

Al Centro sportivo nazionale una serata dedicata alle regate al femminile, aperta a chi è in attività o a chi vuol avvicinarsi a quell’affascinante realtà
DOPOPARTITA
1 gior

Il sollievo di Cereda. ‘Ho detto ai ragazzi di non panicare’

Nel terzo derby l‘Ambrì ritrova il successo. ‘Lo dovevamo ai nostri tifosi’. Mentre il Lugano vuol correggere il tiro. ’Dischi profondi e più precisi’
Gallery
Hockey
1 gior

È il guizzo di capitan Fora a risolvere il derby

La terza stagionale tra Ambrì Piotta e Lugano si decide in un finale che dà le maggiori emozioni
Hockey
1 gior

Decide l’insistenza di Fora: il terzo derby è dell’Ambrì

Il derby numero 242 della storia viene deciso a meno di due minuti dalla sirena: Lugano costretto alla resa dal tocco sotto porta del capitano biancoblù
SCI
1 gior

Mikaela Shiffrin tra tecnica e velocità

Dopo due anni difficili per motivi personali, la statunitense è pronta a gareggiare in tutte le competizioni, in particolare alle Olimpiadi di Pechino
CALCIO
1 gior

Semine - Locarno, c’è pure una denuncia penale

L’ha depositata un giocatore bellinzonese, colpito violentemente alla testa durante la rissa e costretto a tre giorni di ospedale
Calcio
1 gior

Servirebbe una macumba, contro Marchesano e lo Zurigo

Domani al Letzigrund il Lugano si gioca il terzo posto con una squadra e un giocatore che mal digerisce (4 sconfitte filate e 6 gol subiti dal ticinese)
FORMULA 1
1 gior

Mondiale 2022, ufficializzati i 23 Gp in programma

Si inizierà in Bahrain il 20 marzo, la conclusione è prevista il 20 novembre ad Abu Dhabi. Dodici gli appuntamenti in Europa, tra cui Imola e Monza
CALCIO
1 gior

Il Chiasso affronta il Brühl per cercare un rilancio

I rossoblù vogliono uscire da un periodo difficile. Il Bellinzona ospita il Cham per proseguire sulla strada imboccata dopo l’arrivo di Aeby
CICLISMO
1 gior

La Qhubeka potrebbe rinunciare al World Tour

Douglas Ryder, responsabile della compagine africana, ha affermato di non poter richiedere la licenza per la stagione 2022
Calcio
1 gior

Maltrattamenti, Lucas Hernandez rischia il carcere in Spagna

Sul difensore del Bayern Monaco pende un’ordinanza di carcerazione per la violazione di una sentenza di espulsione dopo un litigio con la ex moglie
Hockey
 
27.09.2021 - 17:420
Aggiornamento : 18:03

‘Dobbiamo essere più presenti davanti alle due porte’

La sconfitta di Davos insegna: Luca Cereda chiede ai suoi uomini maggiore ‘fame’ davanti allo slot. Bianchi: ‘Poco efficaci lì domenica’

Sbagliando si impara. Non a caso si dice che non ci sia miglior lezione di un insuccesso; basta appunto capire la lezione e farne tesoro. Ed è proprio questo il proposito dell’Ambrì Piotta, che all’indomani della battuta d’arresto sul ghiaccio di Davos si è messo al lavoro per preparare la sfida col Bienne soffermandosi in particolare proprio su quelli che domenica pomeriggio nei Grigioni si erano rivelati i punti deboli dell’impianto biancoblù. E, più precisamente, l’efficacia davanti alle due porte. Talloni d’Achille che del resto Cereda aveva subito evidenziato nell’analisi a caldo del post-partita, e sui quali aveva ribadito la necessità di tornare a lavorare. Detto e fatto, con una seduta, quella del ‘day after’, quasi per intero su metà pista e con parecchio tempo consacrato ai due contro due e quattro contro quattro. «Abbiamo lavorato con intensità sulle cose che non sono funzionate a Davos per preparare nel migliore dei modi la partita col Bienne – sottolinea a fine seduta Elias Bianchi –. Penso ad esempio allo slot, dove a Davos il nostro gioco non è stato sufficientemente efficace. Beninteso, non penso che sia quella la ragione unica della sconfitta di domenica, ma sicuramente ha avuto il suo peso. Non a caso è da quella porzione di ghiaccio che i nostri avversari hanno trovato tre gol. Ed è sempre lì, sul fronte opposto, che noi non siamo invece riusciti a segnarne».

Non saranno arrivate da quelle porzioni di ghiaccio, ma a Davos, comunque, l’Ambrì di reti ne ha segnate tre, con Regin, Bürgler e Isacco Dotti: dopo due partite chiuse con lo zero alla voce gol segnati, finalmente l’Ambrì è tornato a colpire. «Sì, se vogliamo vederla in chiave positiva, segnare tre reti non è male. Poi, va da sé, ogni partita ha la sua storia: a Davos abbiamo segnato anche con un pizzico di fortuna, la stessa che, invece, in altre partite ci era mancata: se guardiamo alla mole di gioco proposto, pure in quelle partite avremmo dovuto raccogliere di più».

Dopo le vittorie contro Zurigo, Friborgo e Langnau sono arrivate le sconfitte contro Zugo, Ajoie, Rapperswil e Davos: quattro battute d’arresto diverse nella loro storia e nel loro sviluppo. «Contro lo Zugo, al di là di tutto, avevamo disputato una buona partita. Con l’Ajoie, invece, determinante è stato il primo tempo, in cui avevamo giocato male: sebbene non siamo riusciti a fare gol, nel secondo e nel terzo tempo ci eravamo ben comportati. E pure contro il Rapperswil avevamo disputato una partita sostanzialmente buona, pur non riuscendo a segnare. A Davos, invece, nel periodo centrale e in quello conclusivo non siamo stati capaci di mantenere quel livello di competitività che dovremmo avere». Quello che aveva appunto permesso ai biancoblù di arrivare alla prima pausa in vantaggio di due reti contro la formazione di Wohlwend. Prima di subirne il ritorno. Sul cosa sia cambiato dopo la prima pausa, il numero 20 dei biancoblù fornisce la sua chiave di lettura: «Il Davos è sicuramente cresciuto: al ritorno in pista è partito subito forte, e noi non siamo stati in grado di contrastare la forza dei giocatori gialloblù». Sul peso che le quattro sconfitte addizionate dai biancoblù possano avere dal profilo mentale, il 32enne attaccante dei leventinesi taglia corto: «Il morale? È buono».

Su come scendere in pista contro il Bienne, il 34enne attaccante biancoblù ha le idee chiare: «Più che a pensare a cosa non dobbiamo fare, dobbiamo concentrarci su cosa dobbiamo fare: essere molto più convinti e determinati nella porzione di ghiaccio compresa tra le due porte e i tre metri antistanti. E anche curare maggiormente la gestione del disco in uscita dal nostro settore difensivo e in zona neutrale. Tutte cose a cui bene o male dobbiamo prestare attenzione a ogni partita. Dobbiamo concentrarci sul nostro tipo di gioco, cercando di portarlo in pista con la giusta intensità; poi, va da sé, in partita sul ghiaccio c’è sempre un avversario con cui devi fare i conti».

Anche coach Luca Cereda torna sulla serie di sconfitte, soffermandosi sul tenore della prestazione dei suoi uomini: «Le sconfitte contro Zugo e Rapperswil sono figlie di episodi anche un po’ casuali; sono cose che fanno parte del gioco e dunque si possono accettare: la prestazione, al di là di tutto, era buona. A rigiocarle altre dieci volte, quelle partite, in sette-otto casi ne usciremmo con tutta probabilità vincenti noi. Quest’ultima invece no, non posso accettarla. L’abbiamo persa meritatamente, per gioco creato: domenica non eravamo lontani dal Davos che, però, ha dimostrato di aver più ‘fame’ di noi sotto le due porte, soprattutto da metà partita in poi. È una cosa che non possiamo accettare da noi stessi: quella di avere più ‘fame’ dell’avversario dev’essere una delle qualità che caratterizzano maggiormente la nostra squadra, non il contrario. Ragion per cui ci siamo rimboccati le maniche per lavorare su questo aspetto; e continueremo a farlo finché le cose non si invertiranno. Da quanto visto in allenamento, mi sembra che il messaggio sia passato, ma la prova del nove l’avremo solo al momento di andare in pista per sfidare il Bienne».

Un Bienne che dal profilo tattico i biancoblù – sempre privi dell’infortunato Dal Pian e dell’ammalato Hächler – potrebbero affrontare con diverse novità: «Oggi non abbiamo provato le linee, ma non escludo che qualche piccolo cambiamento ci possa essere. Ad ogni buon conto il cambiamento più grande non lo devo fare io, ma la squadra tutt’assieme».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved