DAL Stars
2
VEGAS Knights
3
fine
(1-1 : 1-0 : 0-1 : 0-1)
EDM Oilers
3
PHI Flyers
3
2. tempo
(2-3 : 1-0)
DAL Stars
2
VEGAS Knights
3
fine
(1-1 : 1-0 : 0-1 : 0-1)
EDM Oilers
3
PHI Flyers
3
2. tempo
(2-3 : 1-0)
lugano-stavolta-nulla-da-fare-all-hallenstadion
Si lotta per guadagnare centimetri tra Morini e Geering (Keystone)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
4129
2
Iselis Punktebuebe
4037
3
Maxim la biere
4028
4
Pastelitos de Guayaba
3963
5
TrigoAce2
3945
6
SPARTAK JACK
3891
7
BLACKHAWKS-MAF_miguelpiccand
3877
8
HC Aspi Capitals
3867
9
Metallurg Bangitonov
3861
10
Chochyeta Berson
3859
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
6 ore

Kwadwo Duah infrange il sogno del Chiasso

I rossoblù ci credono ma l’exploit di Coppa sfuma al supplementare. La soddisfazione di Vitali: ‘Sono orgoglioso della prestazione offerta dai ragazzi’
Gallery
Calcio
8 ore

Croci-Torti: ‘Emozioni fortissime e un po’ di commozione’

Celar e Amoura firmano il 2-1 ai danni dello Young Boys che vale il passaggio ai quarti di Coppa contro il Thun. Il Crus: ‘Dedicata a Cao’
RUGBY
8 ore

La demenza dopo le botte alla testa. ‘Ora sono spaventato’

Il racconto di Bobbie Goulding e di altri ex campioni vittime dei colpi ricevuti in campo. ‘Trattati come pezzi di carne, non come degli esseri umani’
Hockey
9 ore

È il momento del ritorno di Arno Del Curto. Con l’Austria

L‘ormai sessantacinquenne tecnico grigionese fungerà da assistente a Roger Bader nel quadrangolare di Jesenice. ‘Sono felice che voglia darci una mano’
VELA
10 ore

Vendée Globe, Alan Roura e il mecenate che fabbrica i sogni

Alla sua terza campagna intorno al mondo, il ginevrino sarà al timone di Hugo Boss 7, l’Imoca da 4 milioni ricevuta in dono da un personaggio misterioso
GINNASTICA
13 ore

Hitomi lascia l’ospedale. Sulle proprie gambe

La ventunenne giapponese era caduta mentre si allenava in vista della finale dei Mondiali. ‘Sono dispiaciuta di non aver potuto soddisfare le aspettative’
Hockey
13 ore

Zugo, Dario Simion sotto i ferri

L’attaccante valmaggese è stato operato a una gamba, dopo essersi tagliato martedì con un pattino di un avversario. Dovrà star fuori all’incirca due mesi
Hockey
16 ore

McSorley padrone a Sierre, non in pista ma con la pista

L’allenatore canadese del Lugano guida una cordata che ha firmato due lettere d’intenti con club e città vallesani per la costruzione di un nuovo impianto
Calcio
16 ore

Il difensore del Bayern Monaco Lucas Hernandez evita il carcere

Il Tribunale Provinciale di Madrid ha accolto il ricorso del calciatore, sospendendo l’esecuzione della pena di sei mesi per maltrattamenti
Tennis
17 ore

Tra Djokovic e l’Australian Open c’è Victoria

Lo Stato di cui Melbourne è capitale ha escluso di accordare un permesso speciale ai giocatori non vaccinati, tra i quali ci sarebbe anche il serbo
Gallery
Calcio
23 ore

Spycher assicura: ‘Niente cali di tensione da parte dell’Yb’

Impegnato su tre fronti, lo Young Boys è ospite domani sera del Lugano per la Coppa. Il diesse giallonero: ‘Questo torneo permette di vincere un titolo’
Hockey
1 gior

L’Ambrì ritrova i tre punti. ‘E la grinta che era mancata’

Trascinati da Bürgler, i biancoblù tornano a sorridere a spese del Langnau. ’Quando segni ti festeggiano, ma io sono felice per Johnny e André’
Hockey
24.09.2021 - 22:250

Lugano, stavolta nulla da fare all’Hallenstadion

Forte di ben tre stranieri in più lo Zurigo esce alla distanza e vince per 5 reti 2. Per i ticinesi inutile il gol di apertura firmato Morini.

Il Lugano si presenta a Zurigo con soli due stranieri, contro i ben cinque dei suoi avversari, con Carr ancora assente e senza l’infortunato Josephs. Sempre out anche Loeffel, in porta c’ê Schlegel, mentre lo Zurigo deve fare a meno di Bodenmann e Hollenstein, ma ritrova Malgin e tra i pali schiera Flüeler.

L’inizio di contesa non riserva grandi emozioni. I locali hanno prevalentemente il controllo del disco, ma non sono praticamente mai pericolosi. La prima vera occasione è bianconera al 7’, Boedker ben imbeccato da Herburger fallisce a tu per tu con Flüeler. È il preludio alla rete d’apertura di Morini all’ottavo al termina di una lunga e caparbia azione offensiva. I Lions in powerplay cercano di reagire, ma la difesa luganese regge bene. Al 14’ nuova grossa chance per i bianconeri, ma Arcobello dalla corta distanza non fa centro. La miglior opportunità per i padroni di casa arriva al 16’ con Quennevile, lo straniero dello Zsc però spara fuori. Andrighetto e soci concludono la prima frazione esercitando parecchia pressione, ma Schlegel resta imbattuto.

Il secondo tempo si apre con un brivido, dopo pochi secondi Andrighetto si presenza solo davanti a Schlegel, il portiere con una prodezza salva il risultato. Il gol del pareggio è solo rinviato di poco, al 22’ Weber può esultare. In superiorità è poi Malgin a impegnare severamente Schlegel, mentre dall’altra parte è Boedker e seminare scompiglio. Poco dopo metà partita è Malgin in powerplay a colpire il palo a botta quasi sicura. Al 34’ lo Zurigo si porta avanti, a segnare è Sigrist, ma in verità si tratta di un autorete di Alatalo autore di un intervento un po’ goffo. Sullo slancio Azevedo e soci continuano a premere, i ticinesi sono messi alle strette nel loro terzo difensivo e in superiorità numerica a 8’’ dalla seconda sirena ecco il 3 a 1 di Quenneville (favorito da una deviazione nella propria porta di Müller).

Il terzo periodo vede il Lugano immediatamente con l’uomo in più sul ghiaccio, Alatalo si illustra, ma Flüeler è attento. Al 48’ Arcobello è pericoloso, il suo tiro però non sorprende l’estremo difensore locale. Più scaltro Quenneville al 50’, autore del 4-1. La sfida è decisa, il secondo gol ottenuto da Walker in powerplay al 56’ serve solo ad abbellire il risultato, prima del 5-2 finale nell’ultimo minuto di Malgin.

Zsc Lions - Lugano (0-1 3-0 2-1) 5-2
Reti: 7’56’’ Morini 0-1. 21’33’’ Weber (Krüger, Sigrist) 1-1. 33’15’’ Sigrist 2-1. 39’52’’Quenneville (esp. Thürkauf) 3-1. 49’32’’ Quenneville (Guebey, Malgin) 4-1. 55’42’’Walker (Arcobello, Fazzini/esp. Azevedo) 4-2. 59’15’’ Malgin (Andrighetto, Geering/esp. Stoffel) 5-2.
Zurigo: Flüeler; Noreau, Marti; Trutmann, Geering; Weber, Guebey; Phil Baltisberger; Chris Baltisberger, Roe, Andrighetto; Azevedo, Malgin, Quenneville; Sopa, Krüger, Sigrist; Aeschlimann, Schäppi, Pedretti
Lugano: Schlegel; Alatalo, Riva; Nodari, Müller; Chiesa, Guerra, Wolf; Fazzini, Arcobello, Stoffel; Boedker, Herburger, Morini, Bertaggia, Thürkauf, Walker; Traber, Tschumi, Vedova.
Arbitri: Lemelin (Usa), Urban; Cattaneo; Huguet.
Note: 7‘657 spettatori. Penalità: Zurigo 5 x 2’; Lugano 6 x 2’ + 1 x 10’ (Walker) + 1 x 5’ e penalità disciplinare di partita (Tschumi, al 59’53’’). Tiri: 49-38 (11-7, 28-10, 10-21). Zurigo senza Riedi, Bodenmann, Morant (infortunati), Hollenstein e Diem (malati). Lugano privo di Carr, Haussener, Loeffel, Josephs (infortunato) e Fadani (Ticino Rockets). Al 31’08’’ palo di Malgin. Al 57’17’’ timeout chiesto dal Lugano, che gioca senza portiere dal 57’27’’ al 58’13’’. Premiati come migliori in pista Sigrist e Morini

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved