Venezia
1
Fiorentina
0
fine
(1-0)
Venezia
1
Fiorentina
0
fine
(1-0)
la-fine-dell-era-fasel-non-ho-mai-pensato-di-mollare
Ventisette anni dopo la sua elezione, l'uscita di scena. 'Lasciai subito Venezia, l'aria s'era fatta irrespirabile...' (Keystone)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Iselis Punktebuebe
3381
2
HCB 2416
3165
3
SPARTAK JACK
3154
4
TrigoAce1
3152
5
Metallurg Bangitonov
3133
6
HC Aspi Capitals
3120
7
Chochyeta Berson
3104
8
Cam-s
3074
9
DamianOMacho
3016
10
Maxim la biere
2990
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
1 ora

Primo gol in Turchia per Mario Gavranovic

Il ticinese protagonista di una bella prova (ha fornito anche due assist), nonostante la sconfitta 6-3 del suo Kayserispor ad Alanyaspor
Tennis
2 ore

Di male in meglio: la stagione ‘folle’ di Rémy Bertola

Il ticinese di 23 anni racconta il suo anno a più facce: una prima parte ‘tutta storta’, la ripresa, la classifica più alta mai raggiunta, l’infortunio
Tennis
4 ore

Il Master a Melide ha chiuso il sesto Memorial Gandini

Ai dieci tornei in calendario quest’anno per il Circuito ArTT dedicato ai seniores, hanno partecipato in totale 149 tesserati
Hockey
5 ore

‘Ora sì che mi sento nuovamente parte del gruppo’

Un gol e un assist nel weekend del ‘comeback’ in National League dopo un anno di stop. D’Agostini: ‘È stata lunga, ma il peggio è dietro di me’
TIRO
5 ore

A Roberto Facheris e Marco Zimmermann il 23º Trofeo Raiffeisen

Ottimi risultati a Taverne per la gara federativa che ha proposto competizioni nel match olimpionico e nelle 2 posizioni
CALCIO
5 ore

La U21 si fa preferire, ma alla fine è 3-0 per il Winterthur

Ticinesi battuti nonostante la buona prestazione sul piano del gioco. Importanti vittorie per la U18 e per la U15 Academy
AUTOMOBILISMO
5 ore

Secondo posto per Marciello sul circuito di Indianapolis

Trasferta positiva, nonostante qualche problema logistico per il mancato arrivo nei tempi prestabiliti di vettura e materiale
Hockey
6 ore

È Lauri Korpikoski il quinto straniero del Bienne

Il 35enne attaccante finlandese, che nel 2019 aveva vinto il titolo con i Lions, giocherà con i Seeländer fino al termine della stagione
HOCKEY SU PRATO
7 ore

Contro lo Stade Losanna, il Lugano si impone 2-1

Buona prestazione della compagine ticinese nella prima partita della seconda fase di campionato, al cospetto di una squadra proveniente dall’élite elvetica
ROLLER
7 ore

Al Biasca non basta la partenza lampo

La compagine ticinese a segno due volte nei primi due minuti, ma poi il Ginevra torna in partita e si impone 3-2
Corsa d’orientamento
9 ore

Nel Mendrisiotto conferme e sorprese

A Rovio Noemy Cerny batte la nazionale Elena Pezzati, che però si rifà nello sprint. Tobia Pezzati firma invece la doppietta in campo maschile
Bouldering
12 ore

Ha iniziato ad arrampicare per gioco, ora sogna le Olimpiadi

Incontro con Davide Torroni, quattordicenne di Gordola campione svizzero U14 e U16: ‘Prediligo corda e boulder, perché le vie sono sempre diverse’
Calcio
1 gior

In Olanda cede una tribuna: ‘Sono senza parole’

A Nijmegen crolla parte della struttura mentre i tifosi ospiti festeggiano il successo del Vitesse Arnhem sul Nec. Il sindaco: ‘Subito un’indagine’
CICLISMO
1 gior

In Italia esce il film su Pantani. ‘La gente capirà chi era’

Parla Tonina, la madre del ciclista trovato morto 17 anni fa in un residence di Rimini. ‘Rabbia? Le promesse non mantenute. Promesse, solo promesse’
VOLLEY
1 gior

Il Lugano ci prova, ma a far festa è lo Cheseaux

Se prive della forte attaccante argentina Camila Hiruela, le ragazze di Salomoni sfiorano il successo dopo un’entrata in materia difficoltosa
MOTOCICLISMO
1 gior

Supersport, il nuovo campione è Dominique Aegerter

Con due gare d’anticipo, in Argentina il bernese mette le mani sul titolo. È il secondo pilota elvetico a riuscirci, dopo Randy Krummenacher nel 2019
Calcio
1 gior

Al Letzigrund il Lugano non ha tenuto Botta

Contro lo Zurigo ai bianconeri privi del loro numero 10 sono mancate le idee e forse anche un po’ di coraggio. A Croci-Torti di trovare soluzioni...
Basket
1 gior

Per la Sam un ultimo quarto quasi perfetto, Tigers mansueti

La Spinelli Massagno sbanca Ginevra mentre il Lugano è stato annientato da un Nyon per nulla eccelso
Altri sport
1 gior

Mondiale di calcio ogni due anni, l’idea preoccupa il Cio

Il comitato olimpico internazionale vi vede il rischio che si attenti allo sviluppo di altre non meno importanti discipline sportive
Altri sport
1 gior

Olimpia, l’accensione della torcia a porte chiuse

Cerimonia senza pubblico per le restrizioni causate dalla pandemia di coronavirus. Modificata la staffetta, solo due i tedofori
Hockey
22.09.2021 - 17:190
Aggiornamento : 18:48

La fine dell’era Fasel: ‘Non ho mai pensato di mollare’

Ultime ore alla presidenza dell’Iihf per l’ex dentista friborghese, che lascia dopo 27 anni. ‘Canadesi e nordeuropei non avevano vissuto bene la mia elezione’

È la fine di un’era: a San Pietroburgo, René Fasel si congeda dopo 27 anni come presidente della Federazione internazionale di hockey, che in occasione del suo congresso annuale iniziato quest’oggi, nel weekend eleggerà quale suo successore uno tra Petr Briza (Repubblica Ceca), Sergej Gontcharov (Bielorussia), Franz Reindl (Germania), Luc Tardif (Francia) e Henrik Bach Nielsen (Danimarca).

Oggi settantunenne ex dentista friborghese, tredicesimo presidente nella storia dell’Iihf, prima di ritrovarsi al vertice dell’hockey mondiale René Fasel aveva presieduto la Federazione svizzera per nove anni, tra il 1985 e il 1994, e nessuno più di lui è riuscito ad avere un impatto sulla Federhockey internazionale. Basti dire che, grazie a un nuovo contratto di commercializzazione firmato fino al 2033 con la società Infront, nei prossimi 12 anni l’Iihf potrà contare su entrate di quasi mezzo miliardo di franchi.

René Fasel, la sua presidenza termina nel weekend 27 anni dopo che era iniziata. Quali sono, adesso, le sue sensazioni? «Non ho avuto molto tempo per pensarci – racconta Fasel –. C’era troppo da fare: la preparazione del Congresso di San Pietroburgo, le trattative con la National Hockey League per un suo ritorno ai Giochi di Pechino, le riunioni con il Consiglio, gli affari quotidiani a Zurigo. Ma quando arriverà il mio ultimo giorno di lavoro, sabato, potrò fare un respiro profondo e guardare indietro alla mia carriera; almeno per un po’ (ride, ndr)».

La battaglia per la sua successione potrebbe dar vita a qualche attrito? «È nella natura delle cose. Se su cinque candidati, tre hanno una reale possibilità di essere eletti, sicuramente il terreno è fertile per potenziali conflitti. E visto che dei cinque candidati quattro resteranno delusi dal voto, v’è da chiedersi fino a che punto questa delusione possa ostacolare la collaborazione futura. Tuttavia, da sportivo devi accettare quando qualcun altro è migliore di te e vince, e continuare a lavorare col resto della squadra».

‘Tra i candidati c’è chi si sopravvaluta’

È notevole che ci siano ben cinque candidati alla sua successione. «Sul piano democratico direi che ciò è molto buono. In quella cerchia, però, ci sono anche persone che si sopravvalutano, che si candidano più per motivi politici, puntando per esempio al posto di vicepresidente. Direi che ci sono candidati di cui sono personalmente convinto, e altri che invece non sanno quali sono le sfide e le esigenze che richiede quella posizione».

Quando ripensa alla sua di elezione, nel lontano 1994, come si sente? «Mi sembra come se fosse ieri. Il congresso si era tenuto nel mese di giugno, a Venezia. Io ero presidente della Federazione svizzera e mi trovavo di fronte il canadese Gordon Renwick, il finlandese Kai Hietarinta, l’italiano Paul Seeber e il ceco Miroslav Subrt, tutti avversari seri. Alla fine, sono stato eletto al quarto turno con 46 voti contro i 32 di Hietarinta. Canadesi e nordeuropei all’inizio non hanno vissuto bene la mia elezione, ed erano molto delusi. Ero arrivato a Venezia in auto, con mia moglie e i miei due figli, e subito dopo l’elezione abbiamo fatto rientro in Svizzera, perché a Venezia l’atmosfera si era fatta insopportabile».

‘Quel pezzo sul giornale il giorno della finale mi fece male’

Qual è stato il punto più alto della sua presidenza? «La prima apparizione dei giocatori della Nhl alle Olimpiadi, quelle di Nagano del 1998. Sul ghiaccio c’erano i migliori, come Gretzky, Jagr o Yashin. A differenza di ciò che era successo nel basket ai Giochi di Barcellona del 1992, dove c’erano il dream team delle stelle statunitensi, noi a Nagano di dream team ne avevamo sei. Fu una cosa grandiosa, e la magia dei Giochi resse fino alla fine, visto che a trionfare furono i cechi che neppure erano i favoriti».

Il punto più basso, invece? «Sono una persona dall’attitudine positiva e ottimista, quindi per me il bicchiere è sempre mezzo pieno: non voglio sfinirmi davanti agli episodi negativi. Non c’è mai stato un momento in cui ho pensato di gettare la spugna. Del resto, non bisogna mai smettere di battersi. Ma se proprio devo citare un momento difficile, direi che forse è quell’articolo apparso su un quotidiano svizzero la mattina della finale dei Mondiali 2009 a Berna, in cui venivo accusato di essermi arricchito a titolo personale. Erano accuse irrilevanti, ma il metodo e la maniera utilizzati per screditarmi mi hanno fatto molto male. Soprattutto ne hanno sofferto mia moglie e i miei figli, che a scuola sono stati vittime di mobbing. Sono stati loro a soffrire di più per quell’articolo».

La sua ultima grande sfida è stata quella di riportare i giocatori della Nhl a Pechino. Il risultato? «In linea di principio, la questione è risolta. Almeno per tutto ciò che ha a che fare con le questioni assicurative, i trasporti e la programmazione. La Nhl infatti a febbraio interromperà il campionato per essere a Pechino. Tuttavia, il Covid rende tutto più difficile: fra sei mesi potremo giocare con gli spettatori? E tutte le nazioni potranno volare in Cina senza restrizioni?».

‘Nessun sostegno a Lukashenko

Quest’anno, la sua visita al controverso presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha sollevato un mare di critiche. Lo sport d’élite è sempre più sottoposto all’influenza della politica: lei ha cercato di impedirlo? «Il nostri piani erano ben diversi. Dopo le turbolente elezioni presidenziali in Bielorussia dell’estate 2020, abbiamo creduto che grazie al Mondiale di hockey avessimo la possibilità che l’evento potesse portare alla riconciliazione. Non è mai stata nostra intenzione andare a Minsk per sostenere Lukashenko: per noi, la relazione attraverso lo sport con il presidente bielorusso è stata un’opportunità di dialogo per riunire il Paese. Alla fine, però, tutti i nostri sforzi sono stati oscurati da un gesto che non può in alcun modo essere interpretato come una fraternizzazione: quell’abbraccio è stato un gesto tra due uomini che si conoscono da vent’anni e sono legati dall’amore per l’hockey. E nella cultura russa l’abbraccio è l’equivalente della nostra stretta di mano».

Ora che ha settantuno anni, quali sono i suoi piani per il futuro? «Sul tavolo ci sono alcune offerte, ma niente è deciso. Sicuramente mi piacerebbe andare in Russia, perché vorrei imparare finalmente il russo come si deve. È una lingua che capisco già molto bene, ma voglio essere in grado di padroneggiarla perfettamente. C’è una possibilità di cooperazione con l’Università olimpica russa di Sochi, ma ci sono pure altri progetti con un’accademia dell’hockey, con la Khl e con la Federazione russa. Sarebbe bello se potessi aiutare in qualche modo».

Un ritorno alle radici, invece, nel Consiglio di amministrazione del Friborgo? «Il Gottéron rimarrà per sempre il mio grande amore. E posso solo dire che un giorno saremo campioni: semplicemente non dovremo mai arrenderci. Anche se, forse, un titolo non sarebbe poi tutta questa gran cosa: infatti, cosa potremmo sognare dopo, una volta raggiunto il grande traguardo?».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved