CORIC B. (CRO)
NADAL R. (ESP)
01:00
 
a-lugano-tra-decisioni-rinviate-emozioni-e-altri-due-punti
Boedker tiene a bada Herzog dalle parti di Schlegel (Ti-Press/Gianinazzi)
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
atletica
2 ore

Ricky Petrucciani ‘vola’ all’argento

Splendido secondo posto sui 400 m dell’onsernonese agli Europei di Monaco di Baviera, con l’ottimo tempo di 45”03
Calcio
5 ore

Il Bellinzona si impone di misura in amichevole

Una doppietta di Pollero nella ripresa ribalta il risultato della partita
nuoto
5 ore

Antonio Djakovic si regala l’argento nei 400 stile libero

Seconda medaglia individuale per lo zurighese, mentre Mityukov e Desplanches devono accontentarsi del quarto posto nei 100 dorso e nei 200 misti
Altri sport
5 ore

La Baviera è degli Stefan: festa svizzera a cronometro

Bissegger precede Küng in una gara memorabile
Hockey
7 ore

Hockey, lo spareggio sarà con quattro stranieri

Lo ha deciso l’assemblea svoltasi a Ittigen
beachvolley
7 ore

Altro successo per Anouk Vergé-Dépre e Bentele

La coppia elvetica ha facilmente la meglio sulle austriache Schützenhofer e Plesiutschnig e si qualificano per la fase finale
ciclismo
8 ore

Nairo Quintana squalificato a posteriori dal Tour

Il colombiano si vede togliere il sesto posto conquistato a luglio sulle strade francesi a causa di un irregolarità nell’utilizzo del tramadolo
ciclismo
8 ore

Marlen Reusser ripete il titolo continentale a cronometro

L’elvetica bissa a Monaco il successo dell’anno scorso di Trento, precedendo l’olandese Van Dijk
Hockey
9 ore

Goran Bezina si ritira a 42 anni

Il difensore vallesano dice basta dopo oltre mille partite giocate
Calcio
11 ore

Team Ticino, pareggia l’U18 e vince l’U16

Cominciato il campionato per i migliori talenti del calcio cantonale
INLINE HOCKEY
11 ore

Swiss Awards, ticinesi agli onori

Diversi premi individuali e di squadra sono finiti a sud delle Alpi
Calcio
12 ore

Uli Forte cacciato dall’Arminia Bielefeld

Già finita la prima esperienza all’estero del tecnico zurighese
21.09.2021 - 22:13

A Lugano tra decisioni rinviate, emozioni e altri due punti

Acciuffati a sette decimi dalla fine, i bianconeri battono lo Zugo segnando il gol-partita al supplementare, grazie a un’azione personale di Bertaggia

Alla Cornèr Arena, dopo un primo tempo animato contraddistinto da un disco ben difeso da Nodari, che però poi allunga troppo la liberazione costringendo tutti a tornare dalle parti di Schlegel per un ingaggio da cui nascerà il vantaggio di Kovar al 9‘12’ (e in cui, specialmente all’inizio, lo Zugo non incontra troppe difficoltà nel provare ad aggredire lo slot avversario), il secondo è un condensato di energia, emozioni e spettacolo. E per gli uomini di Chris McSorley frutta anche la prima rete, quella del pareggio, firmata da un Boedker che infine si sblocca, segnando il suo primo gol della stagione al termine di una combinazione da manuale con Arcobello e Fazzini in doppio powerplay, al 37‘34’’, quando lo Zugo si trova per 1’10’’ a tre contro cinque per le penalità inflitte a Dario Sidler prima, e al ceco Jan Kovar poi. Un pareggio davvero meritato, per un Lugano più aggressivo, che trova infine il modo di mettere seriamente sotto pressione il ventisettenne ticinese Dario Simion, fresco di rinnovo con i campioni svizzeri fino al 2025, e i suoi compagni di squadra. Pur se l’ultimissima insidia del periodo centrale è firmata da Fabrice Herzog, che a sei secondi dalla sirena numero due si ritrova solo soletto davanti a uno Schlegel intrattabile, che gli chiude la porta in faccia.

Nel terzo tempo c‘è meno spazio, ma le occasioni non mancano. Alcune davvero ghiotte, su tutte quelle capitate a Traber e Morini, presentatisi soli davanti a Genoni, oppure ancora a Fazzini, in mischia, con il portiere ospite disteso sul ghiaccio e ormai fuori causa. Genoni che, tra l‘altro, a sei minuti dal termine se la vede davvero brutta, colpito involontariamente al volonto dal pattino di Stoffel in caduta. Il momento decisivo, però, deve ancora arrivare. Curiosamente, pare essere la penalità inflitta a Wolf per trattenuta del bastone a 1’41’’, siccome un disco malgestito sulla blu dagli zugani in powerplay si trasforma nel più ideale degli assist per Mark Arcobello, che si lancia in contropiede e fa secco Genoni al 59’09’’. Neppure quello, però, è il gol che decide tutto. Con Wolf ancora fuori, Tangnes decide di togliere il portiere, e quando a tre secondi dalla fine Chiesa si fa penalizzare per un fallo d’emergenza, gli ospiti si ritrovano sul ghiaccio a 6 contro 3, e riescono ancora a pervenire al pareggio, a (udite udite) sette decimi dalla sirena, quando Klingberg s’inventa una deviazione letale, su tiro di Hansson, rinviando così il verdetto al prolungamento. Dove il Lugano, naturalmente, per 1’57’’ deve giocare con un uomo in meno. Da quella difficilissima situazione i bianconeri escono illesi, e a meno di due minuti dai rigori Fazzini, in break, si trova sul bastone il puck che potrebbe valere il 3-2. In quel caso non se ne fa nulla, ma alla fine il terzo gol bianconero arriva: lo firma a un minuto dal termine, al termine di un’azione personale che non lascia alcuno scampo a Genoni, facendo balzare in piedi i 4’700 e rotti della Cornèr Arena.

Lugano - Zugo (0-1 1-0 1-1 1-0) d.p. 3-2
Reti: 9’12’’ Kovar (Schlumpf) 0-1. 37’34’’ Boedker (Arcobello, Fazzini/esp. Sidler e Kovar) 1-1. 59’09’’ Arcobello (esp. Wolf!) 2-1. 59’59’’ Klingberg (Hansson/esp. Wolf e Chiesa) 2-2. 64’00’’ Bertaggia (Alatalo) 3-2.
Lugano: Schlegel; Alatalo, Riva; Nodari, Mirco Müller; Chiesa, Wolf; Guerra; Fazzini, Arcobello, Stoffel; Boedker, Herburger, Morini; Bertaggia, Thürkauf, Josephs; Traber, Walker, Tschumi; Vedova.
Zugo: Genoni; Hansson, Stalder; Cadonau, Djoos; Schlumpf, Gross; Wüthrich, Kreis; Sidler, Kovar, Herzog; Suri, Marco Müller, Bachofner; Hofer, Leuenberger, De Nisco.
Arbitri: Stolc (A), Hebeisen; Altmann, Gnemmi.
Note: 4’722 spettatori. Penalità: 6 x 2’ contro il Lugano; 4 x 2’ contro lo Zugo. Tiri: 40-34 (9-8, 12-10, 16-11, 3-4). Lugano privo di Carr, Haussener e Loeffel (tutti infortunati); Zugo senza Zehnder, Martschini e Lander (tutti infortunati). Al 30’33’’ palo colpito da Kreis. Zugo senza portiere dal 59‘13’’ al 60’. Premiati a fine partita, quali migliori in pista, Niklas Schlegel e Leonardo Genoni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved