Venezia
1
Fiorentina
0
2. tempo
(1-0)
Venezia
1
Fiorentina
0
2. tempo
(1-0)
a-lugano-tra-decisioni-rinviate-emozioni-e-altri-due-punti
Boedker tiene a bada Herzog dalle parti di Schlegel (Ti-Press/Gianinazzi)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Iselis Punktebuebe
3381
2
HCB 2416
3165
3
SPARTAK JACK
3154
4
TrigoAce1
3152
5
Metallurg Bangitonov
3133
6
HC Aspi Capitals
3120
7
Chochyeta Berson
3104
8
Cam-s
3074
9
DamianOMacho
3016
10
Maxim la biere
2990
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
36 min

Primo gol in Turchia per Mario Gavranovic

Il ticinese protagonista di una bella prova (ha fornito anche due assist), nonostante la sconfitta 6-3 del suo Kayserispor ad Alanyaspor
Tennis
1 ora

Di male in meglio: la stagione ‘folle’ di Rémy Bertola

Il ticinese di 23 anni racconta il suo anno a più facce: una prima parte ‘tutta storta’, la ripresa, la classifica più alta mai raggiunta, l’infortunio
Tennis
3 ore

Il Master a Melide ha chiuso il sesto Memorial Gandini

Ai dieci tornei in calendario quest’anno per il Circuito ArTT dedicato ai seniores, hanno partecipato in totale 149 tesserati
Hockey
4 ore

‘Ora sì che mi sento nuovamente parte del gruppo’

Un gol e un assist nel weekend del ‘comeback’ in National League dopo un anno di stop. D’Agostini: ‘È stata lunga, ma il peggio è dietro di me’
TIRO
4 ore

A Roberto Facheris e Marco Zimmermann il 23º Trofeo Raiffeisen

Ottimi risultati a Taverne per la gara federativa che ha proposto competizioni nel match olimpionico e nelle 2 posizioni
CALCIO
4 ore

La U21 si fa preferire, ma alla fine è 3-0 per il Winterthur

Ticinesi battuti nonostante la buona prestazione sul piano del gioco. Importanti vittorie per la U18 e per la U15 Academy
AUTOMOBILISMO
5 ore

Secondo posto per Marciello sul circuito di Indianapolis

Trasferta positiva, nonostante qualche problema logistico per il mancato arrivo nei tempi prestabiliti di vettura e materiale
Hockey
6 ore

È Lauri Korpikoski il quinto straniero del Bienne

Il 35enne attaccante finlandese, che nel 2019 aveva vinto il titolo con i Lions, giocherà con i Seeländer fino al termine della stagione
HOCKEY SU PRATO
6 ore

Contro lo Stade Losanna, il Lugano si impone 2-1

Buona prestazione della compagine ticinese nella prima partita della seconda fase di campionato, al cospetto di una squadra proveniente dall’élite elvetica
ROLLER
6 ore

Al Biasca non basta la partenza lampo

La compagine ticinese a segno due volte nei primi due minuti, ma poi il Ginevra torna in partita e si impone 3-2
Corsa d’orientamento
8 ore

Nel Mendrisiotto conferme e sorprese

A Rovio Noemy Cerny batte la nazionale Elena Pezzati, che però si rifà nello sprint. Tobia Pezzati firma invece la doppietta in campo maschile
Bouldering
11 ore

Ha iniziato ad arrampicare per gioco, ora sogna le Olimpiadi

Incontro con Davide Torroni, quattordicenne di Gordola campione svizzero U14 e U16: ‘Prediligo corda e boulder, perché le vie sono sempre diverse’
Hockey
21.09.2021 - 22:130

A Lugano tra decisioni rinviate, emozioni e altri due punti

Acciuffati a sette decimi dalla fine, i bianconeri battono lo Zugo segnando il gol-partita al supplementare, grazie a un’azione personale di Bertaggia

Alla Cornèr Arena, dopo un primo tempo animato contraddistinto da un disco ben difeso da Nodari, che però poi allunga troppo la liberazione costringendo tutti a tornare dalle parti di Schlegel per un ingaggio da cui nascerà il vantaggio di Kovar al 9‘12’ (e in cui, specialmente all’inizio, lo Zugo non incontra troppe difficoltà nel provare ad aggredire lo slot avversario), il secondo è un condensato di energia, emozioni e spettacolo. E per gli uomini di Chris McSorley frutta anche la prima rete, quella del pareggio, firmata da un Boedker che infine si sblocca, segnando il suo primo gol della stagione al termine di una combinazione da manuale con Arcobello e Fazzini in doppio powerplay, al 37‘34’’, quando lo Zugo si trova per 1’10’’ a tre contro cinque per le penalità inflitte a Dario Sidler prima, e al ceco Jan Kovar poi. Un pareggio davvero meritato, per un Lugano più aggressivo, che trova infine il modo di mettere seriamente sotto pressione il ventisettenne ticinese Dario Simion, fresco di rinnovo con i campioni svizzeri fino al 2025, e i suoi compagni di squadra. Pur se l’ultimissima insidia del periodo centrale è firmata da Fabrice Herzog, che a sei secondi dalla sirena numero due si ritrova solo soletto davanti a uno Schlegel intrattabile, che gli chiude la porta in faccia.

Nel terzo tempo c‘è meno spazio, ma le occasioni non mancano. Alcune davvero ghiotte, su tutte quelle capitate a Traber e Morini, presentatisi soli davanti a Genoni, oppure ancora a Fazzini, in mischia, con il portiere ospite disteso sul ghiaccio e ormai fuori causa. Genoni che, tra l‘altro, a sei minuti dal termine se la vede davvero brutta, colpito involontariamente al volonto dal pattino di Stoffel in caduta. Il momento decisivo, però, deve ancora arrivare. Curiosamente, pare essere la penalità inflitta a Wolf per trattenuta del bastone a 1’41’’, siccome un disco malgestito sulla blu dagli zugani in powerplay si trasforma nel più ideale degli assist per Mark Arcobello, che si lancia in contropiede e fa secco Genoni al 59’09’’. Neppure quello, però, è il gol che decide tutto. Con Wolf ancora fuori, Tangnes decide di togliere il portiere, e quando a tre secondi dalla fine Chiesa si fa penalizzare per un fallo d’emergenza, gli ospiti si ritrovano sul ghiaccio a 6 contro 3, e riescono ancora a pervenire al pareggio, a (udite udite) sette decimi dalla sirena, quando Klingberg s’inventa una deviazione letale, su tiro di Hansson, rinviando così il verdetto al prolungamento. Dove il Lugano, naturalmente, per 1’57’’ deve giocare con un uomo in meno. Da quella difficilissima situazione i bianconeri escono illesi, e a meno di due minuti dai rigori Fazzini, in break, si trova sul bastone il puck che potrebbe valere il 3-2. In quel caso non se ne fa nulla, ma alla fine il terzo gol bianconero arriva: lo firma a un minuto dal termine, al termine di un’azione personale che non lascia alcuno scampo a Genoni, facendo balzare in piedi i 4’700 e rotti della Cornèr Arena.

Lugano - Zugo (0-1 1-0 1-1 1-0) d.p. 3-2
Reti: 9’12’’ Kovar (Schlumpf) 0-1. 37’34’’ Boedker (Arcobello, Fazzini/esp. Sidler e Kovar) 1-1. 59’09’’ Arcobello (esp. Wolf!) 2-1. 59’59’’ Klingberg (Hansson/esp. Wolf e Chiesa) 2-2. 64’00’’ Bertaggia (Alatalo) 3-2.
Lugano: Schlegel; Alatalo, Riva; Nodari, Mirco Müller; Chiesa, Wolf; Guerra; Fazzini, Arcobello, Stoffel; Boedker, Herburger, Morini; Bertaggia, Thürkauf, Josephs; Traber, Walker, Tschumi; Vedova.
Zugo: Genoni; Hansson, Stalder; Cadonau, Djoos; Schlumpf, Gross; Wüthrich, Kreis; Sidler, Kovar, Herzog; Suri, Marco Müller, Bachofner; Hofer, Leuenberger, De Nisco.
Arbitri: Stolc (A), Hebeisen; Altmann, Gnemmi.
Note: 4’722 spettatori. Penalità: 6 x 2’ contro il Lugano; 4 x 2’ contro lo Zugo. Tiri: 40-34 (9-8, 12-10, 16-11, 3-4). Lugano privo di Carr, Haussener e Loeffel (tutti infortunati); Zugo senza Zehnder, Martschini e Lander (tutti infortunati). Al 30’33’’ palo colpito da Kreis. Zugo senza portiere dal 59‘13’’ al 60’. Premiati a fine partita, quali migliori in pista, Niklas Schlegel e Leonardo Genoni.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved