Fiorentina
6
Genoa
0
fine
(3-0)
Lakers
5
Langnau
3
fine
(1-1 : 1-2 : 3-0)
COL Avalanche
2
MIN Wild
1
2. tempo
(2-0 : 0-1)
SJ Sharks
5
LA Kings
1
2. tempo
(4-1 : 1-0)
ARI Coyotes
3
MON Canadiens
1
2. tempo
(2-1 : 1-0)
Seattle Kraken
CHI Blackhawks
23:00
 
Fiorentina
6
Genoa
0
fine
(3-0)
Lakers
5
Langnau
3
fine
(1-1 : 1-2 : 3-0)
COL Avalanche
2
MIN Wild
1
2. tempo
(2-0 : 0-1)
SJ Sharks
5
LA Kings
1
2. tempo
(4-1 : 1-0)
ARI Coyotes
3
MON Canadiens
1
2. tempo
(2-1 : 1-0)
Seattle Kraken
CHI Blackhawks
23:00
 
a-lugano-tra-decisioni-rinviate-emozioni-e-altri-due-punti
Boedker tiene a bada Herzog dalle parti di Schlegel (Ti-Press/Gianinazzi)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
8754
2
Maxim la biere
8724
3
25 Francs trop cher
8249
4
Iselis Punktebuebe
8133
5
TrigoAce2
8088
6
BalaBala
7994
7
BLACKHAWKS-MAF_miguelpiccand
7948
8
Wild Hogs
7925
9
ADTC
7838
10
HC Aspi Capitals
7829
ULTIME NOTIZIE Sport
Gallery
Calcio
2 ore

Petkovic, dall’altare di Bucarest alla polvere della Gironda

Il pesante 6-0 rimediato a Rennes pone l’ex ct della Svizzera a serio rischio esonero. Il suo Bordeaux è penultimo con la peggior differenza reti
CALCIO
2 ore

Per la Fifa, Lewandowski è il giocatore dell’anno

Il polacco del Bayern Monaco premiato con il ‘Best Player’. Ha preceduto Leo Messi e Mohamed Salah. Tra le donne vittoria di Alexia Putellas (Barcellona)
Sci
4 ore

Beat Feuz di nuovo papà: è nata Luisa

Con un tempismo perfetto, la secondogenita dello sciatore rossocrociato è venuta al mondo dopo le gare di Wengen e prima di quelle di Kitzbühel
FREESTYLE
4 ore

Dopo Deer Valley per Marco Tadè ci sono le Olimpiadi

Il ticinese è pronto a volare a Pechino, mentre Nicole Gasparini negli Stati Uniti non è riuscita a staccare il biglietto per i Giochi
CALCIO
5 ore

Inghilterra e Kosovo per le amichevoli di marzo

Reso noto il programma 2022 della Nazionale svizzera. Nel mese di giugno quattro partite di Nations League in dieci giorni. E in novembre i Mondiali
HOCKEY
6 ore

‘Playoff lontani, ma provarci rimane un dovere’

Santeri Alatalo e il difficile momento del Lugano: ‘Le ultime sconfitte ci sono costate molto sul piano emotivo, ma abbiamo i mezzi per riprenderci’
Automobilismo
7 ore

Quarto posto per Marciello nella prima gara del 2022

Nella 24 ore di Dubai il podio sfuma a pochi minuti dal termine per il pilota ticinese, che ha gareggiato con l’Haupt Racing Team
Altri sport
7 ore

Pechino 2022, il comitato annulla la vendita dei biglietti

Alle Olimpiadi invernali solo gli invitati potranno seguire le gare e le prove. La misura come parte della stretta sui controlli contro il Covid e Omicron
Tennis
8 ore

A Melbourne Bencic parte bene e assicura: ‘Sto sempre meglio’

La 24enne sangallese, colpita dal coronavirus prima di Natale, nel primo turno ha superato in due set la francese Mladenovic. Avanti anche Jil Teichmann.
Tennis
9 ore

Djokovic, atto finale: è arrivato a Belgrado

Dopo lo scalo nella notte, il tennista serbo è rientrato nella capitale serba accolto da numerosi sostenitori
Tennis
9 ore

Anche al Roland Garros solo tennisti vaccinati

Si complica la posizione di Novak Djokovic. La Francia richiede il pass a tutti gli atleti che giungono dall’estero per competizioni di vario genere
Tennis
14 ore

Djokovic sull’aereo diretto a Belgrado

Dopo il transito a Dubai, il tennista n.1 al mondo è diretto in Serbia
21.09.2021 - 22:130

A Lugano tra decisioni rinviate, emozioni e altri due punti

Acciuffati a sette decimi dalla fine, i bianconeri battono lo Zugo segnando il gol-partita al supplementare, grazie a un’azione personale di Bertaggia

Alla Cornèr Arena, dopo un primo tempo animato contraddistinto da un disco ben difeso da Nodari, che però poi allunga troppo la liberazione costringendo tutti a tornare dalle parti di Schlegel per un ingaggio da cui nascerà il vantaggio di Kovar al 9‘12’ (e in cui, specialmente all’inizio, lo Zugo non incontra troppe difficoltà nel provare ad aggredire lo slot avversario), il secondo è un condensato di energia, emozioni e spettacolo. E per gli uomini di Chris McSorley frutta anche la prima rete, quella del pareggio, firmata da un Boedker che infine si sblocca, segnando il suo primo gol della stagione al termine di una combinazione da manuale con Arcobello e Fazzini in doppio powerplay, al 37‘34’’, quando lo Zugo si trova per 1’10’’ a tre contro cinque per le penalità inflitte a Dario Sidler prima, e al ceco Jan Kovar poi. Un pareggio davvero meritato, per un Lugano più aggressivo, che trova infine il modo di mettere seriamente sotto pressione il ventisettenne ticinese Dario Simion, fresco di rinnovo con i campioni svizzeri fino al 2025, e i suoi compagni di squadra. Pur se l’ultimissima insidia del periodo centrale è firmata da Fabrice Herzog, che a sei secondi dalla sirena numero due si ritrova solo soletto davanti a uno Schlegel intrattabile, che gli chiude la porta in faccia.

Nel terzo tempo c‘è meno spazio, ma le occasioni non mancano. Alcune davvero ghiotte, su tutte quelle capitate a Traber e Morini, presentatisi soli davanti a Genoni, oppure ancora a Fazzini, in mischia, con il portiere ospite disteso sul ghiaccio e ormai fuori causa. Genoni che, tra l‘altro, a sei minuti dal termine se la vede davvero brutta, colpito involontariamente al volonto dal pattino di Stoffel in caduta. Il momento decisivo, però, deve ancora arrivare. Curiosamente, pare essere la penalità inflitta a Wolf per trattenuta del bastone a 1’41’’, siccome un disco malgestito sulla blu dagli zugani in powerplay si trasforma nel più ideale degli assist per Mark Arcobello, che si lancia in contropiede e fa secco Genoni al 59’09’’. Neppure quello, però, è il gol che decide tutto. Con Wolf ancora fuori, Tangnes decide di togliere il portiere, e quando a tre secondi dalla fine Chiesa si fa penalizzare per un fallo d’emergenza, gli ospiti si ritrovano sul ghiaccio a 6 contro 3, e riescono ancora a pervenire al pareggio, a (udite udite) sette decimi dalla sirena, quando Klingberg s’inventa una deviazione letale, su tiro di Hansson, rinviando così il verdetto al prolungamento. Dove il Lugano, naturalmente, per 1’57’’ deve giocare con un uomo in meno. Da quella difficilissima situazione i bianconeri escono illesi, e a meno di due minuti dai rigori Fazzini, in break, si trova sul bastone il puck che potrebbe valere il 3-2. In quel caso non se ne fa nulla, ma alla fine il terzo gol bianconero arriva: lo firma a un minuto dal termine, al termine di un’azione personale che non lascia alcuno scampo a Genoni, facendo balzare in piedi i 4’700 e rotti della Cornèr Arena.

Lugano - Zugo (0-1 1-0 1-1 1-0) d.p. 3-2
Reti: 9’12’’ Kovar (Schlumpf) 0-1. 37’34’’ Boedker (Arcobello, Fazzini/esp. Sidler e Kovar) 1-1. 59’09’’ Arcobello (esp. Wolf!) 2-1. 59’59’’ Klingberg (Hansson/esp. Wolf e Chiesa) 2-2. 64’00’’ Bertaggia (Alatalo) 3-2.
Lugano: Schlegel; Alatalo, Riva; Nodari, Mirco Müller; Chiesa, Wolf; Guerra; Fazzini, Arcobello, Stoffel; Boedker, Herburger, Morini; Bertaggia, Thürkauf, Josephs; Traber, Walker, Tschumi; Vedova.
Zugo: Genoni; Hansson, Stalder; Cadonau, Djoos; Schlumpf, Gross; Wüthrich, Kreis; Sidler, Kovar, Herzog; Suri, Marco Müller, Bachofner; Hofer, Leuenberger, De Nisco.
Arbitri: Stolc (A), Hebeisen; Altmann, Gnemmi.
Note: 4’722 spettatori. Penalità: 6 x 2’ contro il Lugano; 4 x 2’ contro lo Zugo. Tiri: 40-34 (9-8, 12-10, 16-11, 3-4). Lugano privo di Carr, Haussener e Loeffel (tutti infortunati); Zugo senza Zehnder, Martschini e Lander (tutti infortunati). Al 30’33’’ palo colpito da Kreis. Zugo senza portiere dal 59‘13’’ al 60’. Premiati a fine partita, quali migliori in pista, Niklas Schlegel e Leonardo Genoni.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved