Venezia
1
Fiorentina
0
2. tempo
(1-0)
Venezia
1
Fiorentina
0
2. tempo
(1-0)
fabian-maier-il-leventinese-del-rapperswil
Un legame particolare con il Ticino per il turgoviese (Ti-Press)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Iselis Punktebuebe
3381
2
HCB 2416
3165
3
SPARTAK JACK
3154
4
TrigoAce1
3152
5
Metallurg Bangitonov
3133
6
HC Aspi Capitals
3120
7
Chochyeta Berson
3104
8
Cam-s
3074
9
DamianOMacho
3016
10
Maxim la biere
2990
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
44 min

Primo gol in Turchia per Mario Gavranovic

Il ticinese protagonista di una bella prova (ha fornito anche due assist), nonostante la sconfitta 6-3 del suo Kayserispor ad Alanyaspor
Tennis
1 ora

Di male in meglio: la stagione ‘folle’ di Rémy Bertola

Il ticinese di 23 anni racconta il suo anno a più facce: una prima parte ‘tutta storta’, la ripresa, la classifica più alta mai raggiunta, l’infortunio
Tennis
4 ore

Il Master a Melide ha chiuso il sesto Memorial Gandini

Ai dieci tornei in calendario quest’anno per il Circuito ArTT dedicato ai seniores, hanno partecipato in totale 149 tesserati
Hockey
4 ore

‘Ora sì che mi sento nuovamente parte del gruppo’

Un gol e un assist nel weekend del ‘comeback’ in National League dopo un anno di stop. D’Agostini: ‘È stata lunga, ma il peggio è dietro di me’
TIRO
4 ore

A Roberto Facheris e Marco Zimmermann il 23º Trofeo Raiffeisen

Ottimi risultati a Taverne per la gara federativa che ha proposto competizioni nel match olimpionico e nelle 2 posizioni
CALCIO
4 ore

La U21 si fa preferire, ma alla fine è 3-0 per il Winterthur

Ticinesi battuti nonostante la buona prestazione sul piano del gioco. Importanti vittorie per la U18 e per la U15 Academy
AUTOMOBILISMO
5 ore

Secondo posto per Marciello sul circuito di Indianapolis

Trasferta positiva, nonostante qualche problema logistico per il mancato arrivo nei tempi prestabiliti di vettura e materiale
Hockey
6 ore

È Lauri Korpikoski il quinto straniero del Bienne

Il 35enne attaccante finlandese, che nel 2019 aveva vinto il titolo con i Lions, giocherà con i Seeländer fino al termine della stagione
HOCKEY SU PRATO
6 ore

Contro lo Stade Losanna, il Lugano si impone 2-1

Buona prestazione della compagine ticinese nella prima partita della seconda fase di campionato, al cospetto di una squadra proveniente dall’élite elvetica
ROLLER
6 ore

Al Biasca non basta la partenza lampo

La compagine ticinese a segno due volte nei primi due minuti, ma poi il Ginevra torna in partita e si impone 3-2
Corsa d’orientamento
9 ore

Nel Mendrisiotto conferme e sorprese

A Rovio Noemy Cerny batte la nazionale Elena Pezzati, che però si rifà nello sprint. Tobia Pezzati firma invece la doppietta in campo maschile
Bouldering
11 ore

Ha iniziato ad arrampicare per gioco, ora sogna le Olimpiadi

Incontro con Davide Torroni, quattordicenne di Gordola campione svizzero U14 e U16: ‘Prediligo corda e boulder, perché le vie sono sempre diverse’
Calcio
1 gior

In Olanda cede una tribuna: ‘Sono senza parole’

A Nijmegen crolla parte della struttura mentre i tifosi ospiti festeggiano il successo del Vitesse Arnhem sul Nec. Il sindaco: ‘Subito un’indagine’
Hockey
 
20.09.2021 - 17:440
Aggiornamento : 18:07

Fabian Maier, il leventinese del Rapperswil

Il 29enne difensore dei sangallesi si appresta ad affrontare il suo ‘derby’ contro l’Ambrì Piotta

Fabian Maier fa parte dell’inventario in quel di Rapperswil. Il difensore rappresenta, assieme a Profico e Nyffeler, lo zoccolo duro dei sangallesi. «Sono ormai alla sesta stagione con la maglia dei Lakers, mi sento molto bene qui e abbiamo raggiunto tanti traguardi – racconta il 29enne, che con la sua squadra domani sarà di scena allo Stadio Multifunzionale –. Siamo una grande famiglia, l’ambiente all’interno della squadra e il rapporto con i tifosi sono ottimali. Il mio ruolo in squadra è in sostanza quello di essere un terzino prettamente difensivo e cerco di aiutare il team in questo senso».

A Rapperswil, da anni ha come compagno di squadra un fuoriclasse come Cervenka che, nonostante l’età che avanza, rimane uno dei pezzi da novanta del nostro campionato. «Affrontarlo in allenamento è una vera sfida: è imprevedibile, dotato di grande tecnica e pieno di trucchetti. Visto da fuori, come persona può sembrare freddo e timido, ma vi assicuro che non è così. È molto simpatico e con lui ci si può divertire molto». Il tuo futuro a medio/lungo termine: «Francamente non ho ancora progetti a lunga gittata: a quasi trenta anni sto entrando nell’età migliore per un giocatore di hockey, quindi la mia intenzione è di giocare ancora per qualche anno. In seguito deciderò sul da farsi. Sicuramente mi piacerebbe restare nel mondo del disco sul ghiaccio, ma, appunto, questa è musica del futuro, ho ancora tempo per rifletterci sopra».

L’estate ha portato con sé un grande cambiamento a Rapperswil, alla voce allenatore, con Jeff Tomlinson che al termine della passata stagione ha ceduto il testimone a Stefan Hedlund. «Con Jeff abbiamo vissuto cinque bellissimi anni. Ho imparato molto, ed è grazie a lui se in questi anni sono progredito. Penso però che un reset faccia bene a tutto il club: si possono imparare nuove cose e nuovi sistemi. Da questo punto di vista il cambiamento da una stagione all’altra la vedo come un’interessante opportunità». Anche la retroguardia del Rapperswil ha subìto un sensibile restyling, con l’innesto di diversi giovanissimi rampanti: la pressione, dietro, non manca... «Alla loro età e nella loro situazione, ero contento se i più anziani mi aiutavano. La squadra viene in ogni caso sempre prima del singolo, e sono contento quando giocano bene: il nostro è un ottimo mix tra esperienza e gioventù che spinge da dietro». Il turgoviese firmò all’epoca con i sangallesi, quando suo padre fungeva da direttore sportivo della società. Insomma, non proprio una cosa quotidiana, né evidente da gestire. «La sua figura, volente o nolente, mi ha accompagnato durante tutta la mia carriera. Ed era stato così già quando vestivo la maglia del Turgovia. Ho comunque dovuto continuamente fare la mia parte e fornire prestazioni all’altezza per arrivare fin dove sono adesso. Siamo sempre riusciti a tranciare bene la vita privata da quella lavorativa: sono sempre stato accettato bene dai compagni e se sono ancora qui è perché una mano al club sono riuscito a darla in questi anni».

Fondue con vista... sulla Valascia, nella casa di Altanca

La vera sorpresa riguardante il 29enne, però, è un’altra, ovvero la sua casa di vacanza. In effetti si trova in Leventina, nei pressi di Altanca, non propriamente una destinazione usuale per una casa secondaria. «I miei nonni la costruirono tantissimi anni or sono, quando ancora si poteva edificare in quei dintorni. Già da bambino ci andavo: quando mi sporgevo dalle rocce vedevo giù la vecchia Valascia. Il mio sogno era di poterci giocare dentro con qualche squadra, anche se non pensavo ovviamente alla massima divisione. Continuo a recarmi spesso, adesso con mio figlio: è un luogo ideale per staccare la spina, rilassarsi, godersi il panorama e fare qualche gita. A volte, se giochiamo ad Ambrì al sabato, e la domenica siamo liberi, mi fermo lì e mi gusto una raclette o una fondue». Fabian non ha mai sognato di giocare per i biancoblù? «Io sono sempre stato tifoso del Rapperswil. Sin da piccolo è il mio club e non ho mai avuto contatti o trattative con la società leventinese». Il numero 11 per la prima volta scoprirà domani il nuovo impianto, perlomeno dall’interno. «Dalla casa dei nonni ad Altanca, devo evidentemente sporgermi molto di più per poterlo vedere dall’alto rispetto alla Valascia, dato che è situato maggiormente contro la montagna – precisa con un sorriso Maier –. Scherzi a parte, è sempre bello quando si può giocare in una nuova pista. E francamente era pure ora, anche se probabilmente il fatto di non poter più giocare alla Valascia a qualche tifoso farà male».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved