Yverdon-sport Fc
2
Sciaffusa
1
fine
(1-0)
FC Stade Ls Ouchy
0
Xamax
0
fine
(0-0)
Aarau
2
Winterthur
0
fine
(2-0)
MEKTIC N./PAVIC M.
2
DJOKOVIC N./KRAJINOVIC F.
0
fine
Zurigo
5
Bienne
2
fine
(2-0 : 0-1 : 3-1)
Friborgo
4
Berna
3
fine
(1-2 : 1-0 : 1-1 : 1-0)
Ginevra
2
Lakers
0
fine
(1-0 : 0-0 : 1-0)
Losanna
2
Davos
3
fine
(1-0 : 1-1 : 0-1 : 0-0 : 0-1)
La Chaux de Fonds
2
Turgovia
3
fine
(2-0 : 0-1 : 0-1 : 0-0 : 0-1)
Olten
3
Langenthal
2
3. tempo
(2-1 : 1-1 : 0-0)
Sierre
0
Visp
4
fine
(0-2 : 0-1 : 0-1)
Ticino Rockets
4
GCK Lions
3
3. tempo
(1-1 : 0-1 : 3-1)
Winterthur
1
Zugo Academy
3
3. tempo
(0-0 : 0-1 : 1-2)
Yverdon-sport Fc
2
Sciaffusa
1
fine
(1-0)
FC Stade Ls Ouchy
0
Xamax
0
fine
(0-0)
Aarau
2
Winterthur
0
fine
(2-0)
MEKTIC N./PAVIC M.
2
DJOKOVIC N./KRAJINOVIC F.
0
fine
Zurigo
5
Bienne
2
fine
(2-0 : 0-1 : 3-1)
Friborgo
4
Berna
3
fine
(1-2 : 1-0 : 1-1 : 1-0)
Ginevra
2
Lakers
0
fine
(1-0 : 0-0 : 1-0)
Losanna
2
Davos
3
fine
(1-0 : 1-1 : 0-1 : 0-0 : 0-1)
La Chaux de Fonds
2
Turgovia
3
fine
(2-0 : 0-1 : 0-1 : 0-0 : 0-1)
Olten
3
Langenthal
2
3. tempo
(2-1 : 1-1 : 0-0)
Sierre
0
Visp
4
fine
(0-2 : 0-1 : 0-1)
Ticino Rockets
4
GCK Lions
3
3. tempo
(1-1 : 0-1 : 3-1)
Winterthur
1
Zugo Academy
3
3. tempo
(0-0 : 0-1 : 1-2)
una-nuova-alba-per-le-ladies-bianconere
Ti-Press
Con tanta voglia di riconfermarsi
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
6581
2
HC Aspi Capitals
6184
3
LHC Bombers
6083
4
Metallurg Bangitonov
6064
5
Maxim la biere
6032
6
25 Francs trop cher
5981
7
Iselis Punktebuebe
5961
8
praratoud 2
5956
9
SPARTAK JACK
5923
10
Wild Hogs
5902
ULTIME NOTIZIE Sport
Formula 1
14 min

A proposito di Arabia e Hinwil

Picci e Vasseur, convivenza turbolenta in casa Sauber. Nelle libere le Mercedes di Hamilton e Bottas precedono GAsly e Verstappen
Sci
46 min

Sofia Goggia ha i razzi ai piedi, Lara invece è attardata

Nella libera di Lake Louise l’italiana lascia solo le briciole alle avversarie: quasi un secondo e mezzo alla seconda classificata, l’americana Johnson
Sci
2 ore

Odermatt è ancora da podio. Ma alle spalle di Kilde

A Beaver Creek è il norvegese a trionfare nel secondo superG in 24 ore sulle nevi del Colorado, dove il talento nidvaldese è battuto per soli 3 centesimi
Hockey
4 ore

La pandemia posticipa la festa dell’Ambrì Piotta

Slitta a data da definirsi la festa (prevista sabato 18 dicembre) per l’inaugurazione del nuovo stadio biancoblù
Hockey
4 ore

‘Spiace che la notizia sia già uscita, ma va bene pure così’

Ultima stagione di Fora con l’Ambrì. Che poi, per quattro anni, giocherà a Davos. ‘Il ricordo più bello? Speriamo debba ancora arrivare’
Gallery
Basket
5 ore

Per Sam e Tigers conta vincere, seppur per motivi diversi

Domenica Massagno ospita l’Olympic, domani il Lugano di scena all’Elvetico contro la cenerentola Monthey
Gallery
Calcio
6 ore

Croci-Torti: ‘Con pazienza possiamo venire a capo del Sion’

Domenica contro i vallesani dell’ex mister bianconero Tramezzani mancheranno Celar e il portiere Saipi. Il tecnico del Lugano: ‘Baumann è pronto’
Hockey
6 ore

Il Ginevra mette le mani su Bertaggia. ‘È una nuova sfida’

Il Servette ufficializza un contratto quinquennale alle Vernets per il 28enne attaccante bianconero. Il ds Marc Gautschi: ‘Porterà emozioni alle Vernets’
Tennis
8 ore

Australian Open, perdite per 70 milioni di franchi

Per organizzare l’edizione 2022 in gennaio la federazione attinge alle riserve (56 milioni) e ricorre a un credito di 30 milioni
Calcio
8 ore

Incidenti prima della finale di Wembley ‘uno smacco collettivo’

Centinaia di tifosi inglesi sprovvisti di biglietto avevano fatto irruzione nello stadio. ‘Avrebbero potuto esserci dei morti’, rivela un rapporto
Gallery
Calcio
8 ore

Promotion League, obiettivo tre punti per chiudere in bellezza

Domenica l’ultimo turno del 2021: il Bellinzona sarà di scena a Bienne; al Riva IV il Chiasso ospiterà lo Young Boys II
Freestyle
17 ore

I moschiettieri rossoblù delle gobbe

Marco Tadé e Nicole Gasparini, ma anche i giovani Martino Conedera ed Enea Buzzi: saranno ben quattro i ticinesi al via domani a Ruka in Coppa del mondo!
Sci
1 gior

In Colorado il padrone di casa è sempre Marco Odermatt

Il ventiquattrenne nidvaldese domina il primo superG della stagione, sulle nevi su cui aveva già trionfato due anni fa. Sul podio con lui Mayer e Thompson
Judo
1 gior

Ticinesi con onore agli assoluti di Bienne

A impreziosire il bilancio rossoblù sono state le medaglie di Loris Perosa, Christian Edouard e Martin Motta
Sci
1 gior

Prima il vento, ora il caldo. Mentre Lara incrocia le dita

Di nuovo niente allenamenti in vista del debutto della stagione femminile della velocità, domani in Canada. Dove la ticinese farà i conti con la ‘grippe’
Hockey
1 gior

Zanetti e Canonica nella rosa allargata per i Mondiali U20

I due ex bianconeri convocati da Marco Bayer per l’ultima fase di avvicinamento alla rassegna iridata che si giocherà in Canada
Sci
1 gior

Semaforo verde per le prove di St. Moritz

Le gare dell’11 e 12 dicembre si terranno regolarmente: le sciatrici potranno beneficiare di un allentamento delle disposizioni di quarantena
Tennis
1 gior

Peng Shuai nuovamente sentita dal Comitato olimpico

Il Cio si è intrattenuto per un’altra mezzora (via video) con la tennista cinese. E a gennaio pianifica un incontro di persona
Bob
1 gior

Ad Altenberg, Follador tiene il passo dei migliori

Un settimo e un sesto posto per il rappresentante del Bcsi, che si conferma ai vertici delle classifiche di Coppa Europa
Hockey
1 gior

L’Olten vede la National League un po’ più vicina

Luce verde ai solettesi: in caso di titolo nel campionato cadetto saranno autorizzati al salto di categoria
Hockey
09.09.2021 - 17:450
Aggiornamento : 19:08

Una ‘nuova alba’ per le Ladies bianconere

Piaget: ‘Sono parecchie le novità con cui ci presentiamo al via della stagione entrante’

C’è un titolo da vincere. Anzi, da rivincere, dopo la brillante cavalcata della scorsa stagione. E le Ladies bianconere sono ben decise a ripetere l’impresa, fermo restando che ancora una volta dovranno fare i conti con un’agguerrita concorrenza, a cominciare da uno Zurigo che dopo lo smacco dello scorso inverno si presenterà ancora più smanioso di andare fino in fondo. Nel campionato che si apre sabato, la corsa andrà dunque fatta ancora una volta proprio sulle ‘Leonesse’. Con che aspettative si presentano ai nastri di partenza del torneo le Ladies? «L’obiettivo primario è quello di raggiungere la finale, tanto in Coppa Svizzera quanto in campionato – sottolinea il presidente Sidney Piaget –. Poi, a quel punto, tutto può accadere. Come è appunto stato il caso lo scorso campionato…». Non sarà però facile, perché la stagione presenta diverse incognite: «Come tutti i campionati che si giocano a cavallo di un anno olimpico, anche quello entrante sarà un po’ particolare. Per una giocatrice di hockey, l’Olimpiade rappresenta l’aspirazione maggiore, sportivamente parlando. Ognuna cerca di mettersi in mostra come meglio può per garantirsi un posto nella selezione, e di visibilità, logicamente, ne hai di più se resti a giocare nel tuo Paese. Per questo non è facile assicurarsi qualche straniera in un anno olimpico. Ma, salutata la finlandese Michelle Karvinen (che avremmo tenuto volentieri, ma che ha ricevuto un’offerta irrinunciabile dalla Cina…) siamo riusciti a fare un ottimo lavoro portando a Lugano ben altre due straniere, entrambe prelevate dalle svedesi dell’Hv71 e che dunque sbarcano alla Cornèr Arena forti di un affiatamento già rodato la passata stagione: la statunitense Sidney Morin (eletta due volte consecutive miglior difensore del campionato svedese) e la svedese Ronja Mogren. Purtroppo rispetto alla passata stagione abbiamo perso anche le nostre due punte di diamante svizzere, ovvero Noemi Ryhner, partita per il club faro del campionato svedese (il Lulea, ndr) malgrado un contratto ancora valido con le Ladies, e Keely Moy, americana dalla doppia cittadinanza, statunitense e svizzera».
Tra le più esperte del gruppo con cui le Ladies si presentano al via c’è invece ancora una volta Nicole Bullo, che cercherà di sfruttare la stagione come rampa di lancio verso quella che per lei sarebbe la sesta partecipazione a un’Olimpiade, «un primato che, a mia memoria, solo due giocatrici canadesi possono dire di aver raggiunto prima di lei… Complessivamente avremo a disposizione diciannove ragazze (con un’età compresa tra i sedici anni della più giovane ai trentadue della più navigata), contro le ventitré della passata stagione: la panchina sarà dunque un po’ più corta. Non è comunque escluso che cammin facendo, finanze permettendo, al gruppo si aggiunga qualche tessera al puzzle sfruttando la finestra di mercato tra novembre e dicembre. Anche se, come dicevo poc’anzi, in un anno olimpico è difficile importare giocatrici di un certo peso».

Alla transenna ci sarà Rogger

Da una novità all’altra, perché anche alla transenna le Ladies si presentano al via del nuovo campionato con un volto nuovo: «Quello di Benjamin Rogger, che subentra a Vasco Soldini, il cui mandato era giunto in scadenza al termine della passata stagione e non è più stato rinnovato, nella funzione di head coach. Rogger, figlio d’arte e con una solida esperienza quale tecnico, ma al suo 'battesimo' con l’hockey femminile. Ma avrà al suo fianco il finlandese Pasi Koppinen, già assistente allenatore la passata stagione. La scelta di Benjamin non è casuale: già in passato l’avrei voluto come guida della squadra, ma non ero riuscito a strappargli il 'sì'. Il tempo, però, porta consiglio, e ora abbiamo finalmente trovato l’intesa. Sono contento di poter contare su una persona come lui per un ruolo chiave come quello dell’allenatore: ha le qualità, sportive e umane, per dare i giusti stimoli tanto alle giovani, quanto alle giocatrici più mature».

Regular season a ritmo di ‘doppelspiel’

Nuova, infine, è pure la formula di un massimo campionato femminile ancora alla ricerca di una certa stabilità nel suo svolgimento: niente più turno intermedio, il cosiddetto Masterround, ma una stagione regolare dilatata a cinque turni anziché gli abituali quattro: cinque partite supplementari per tutti per allinearsi alla tendenza in auge nei principali campionati europei. Cambia anche il criterio di promozioni e retrocessioni al fine di portare il massimo campionato a sette squadre (che poi a medio termine diventeranno otto): l’ultima classificata al termine della stagione regolare farà lo spareggio con la seconda del campionato cadetto, mentre la prima di quest’ultimo torneo sarà promossa direttamente. Invariato, per contro, il post-season, con semifinali e finale di playoff al meglio dei cinque confronti. «Complici Universiadi e Olimpiadi, quest’anno il calendario sarà decisamente particolare: praticamente per tutta la stagione giocheremo con la formula del 'doppelspiel' in ventiquattro ore. Con tre partite casalinghe in trasferta (due ad Ambrì e una a Faido)».

A livello di forze in gioco, il campionato che si inizia nel weekend ha ancora una volta nello Zurigo, forte di ben otto giocatrici reduci dai Mondiali di Calgary (contro una sola delle Ladies), lo squadrone da battere. «Ma noi abbiamo la passione, l’energia e la motivazione che altre società non hanno. Quelle stesse qualità che appunto l’anno scorso ci avevano permesso di domare le ‘Leonesse’ sovvertendo il pronostico per conquistare il titolo». 

Detto degli obiettivi sportivi, parliamo di quelli societari: «Idealmente puntiamo ad avere un migliaio di persone alle partite – illustra Matteo Taheri, direttore marketing delle Ladies –. È una cifra ambiziosa per un torneo ancora troppo poco sotto le luci dei riflettori, ma che con l’impegno di tutti si può gradualmente raggiungere». Lo stesso Taheri, unitamente alla Ceo Flavia Petrimpol, è il tassello chiave della 'mini-riforma' organizzativa e amministrativa che stanno portando avanti le Ladies: «Ancora oggi l’hockey è uno sport che viene troppo spesso coniugato esclusivamente al maschile – racconta Flavia Petrimpol –. Ma anche quello femminile ha un potenziale, enorme aggiungerei pure. Ed è appunto questo potenziale che vogliamo sviluppare. La nostra missione dietro la scrivania è quella di rendere più professionale il nostro club e, di riflesso, in concerto con la Federazione, il mondo dell’hockey femminile tutto. Del resto, la pandemia ha messo ancora più a nudo la realtà dei fatti: se si vuole ottimizzare il prodotto 'hockey femminile', rendendolo attrattivo anche per gli sponsor, è necessario abbandonare progressivamente il concetto di semi-professionismo per passare a un’impostazione professionistica a tutti gli effetti».


Piaget, Petrimpol e Taheri (Ti-Press)

HOCKEY: Risultati e classifiche

Ti-Press
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved