werder-il-titolo-in-massimo-tre-cinque-anni
Il General Manager Hnat Domenichelli (Ti-Press)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
9490
2
Maxim la biere
9472
3
25 Francs trop cher
8877
4
Iselis Punktebuebe
8868
5
Team Gobbi
8826
6
ADTC
8720
7
Wild Hogs
8704
8
BalaBala
8638
9
TrigoAce2
8630
10
Matterhorn1
8629
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
3 ore

Da Lima a Yaoundé, quante tragedie legate al calcio

Disordini tra tifosi, strutture fatiscenti, sicurezza e forze dell’ordine inadeguate, fatalità: il dramma in Camerun è solo l’ultimo di una lunga lista
Hockey
10 ore

Ambrì sconfitto a Zurigo con onore e ripreso dal Berna

I Lions fanno la differenza nell’ultimo periodo dopo l’1-1 al termine dei primi due tempi. In classifica i leventinesi cedono agli Orsi il decimo posto.
Hockey
10 ore

A Zugo un martedì pazzo, che al Lugano frutta un punto

Serata incredibile alla BossardArena, in cui succede di tutto, decisa da Hansson al supplementare. Con i bianconeri che, però, perdono Schlegel
Sci
10 ore

A Schladming 7 elvetici a punti, ma lontani da Linus Strasser

Il tedesco si impone nello slalom sulla Planai precedendo il norvegese McGrath e l’austriaco Feller. Tanguy Nef (decimo) miglior rossocrociato.
Calcio
11 ore

Roy Hodgson ci ripensa: dovrà salvare il Watford

A 74 anni e 188 giorni l’ex selezionatore della Svizzera prende il posto dell’esonerato Claudio Raineri e diventa il più anziano allenatore della Premier.
L'ANGOLO DELLE BOCCE
16 ore

Buona la prima per Eichenberger-Gianinazzi

Grande inizio di stagione per la coppia dell’Ideal Coldrerio. A Cavergno ha battuto 12-0 Rossi - Lorenzetti (Torchio)
Gallery
Tennis
16 ore

Australian Open, Nadal-Berrettini in semifinale

Rafa ha sconfitto Shapovalov in cinque set, l’azzurro ha fatto lo stesso contro il francese Monfils. Donne, avanti Ashleigh Barty e Madison Keys
sci alpino
18 ore

Sara Hector vince il gigante a Plan de Corones

Male le elvetiche: la rossocrociata meglio piazzata è Andrea Hellenberger, 19esima
tiri liberi
18 ore

3x3 in rampa di lancio. Quali ripercussioni sulle Nazionali?

Nelle selezioni delle squadre 3x3 tanti giocatori nel giro anche della Nazionale maggiore. A quali competizioni dare la priorità?
Nuoto
19 ore

Mondiali di Fukuoka rinviati al 2023

La rassegna iridata avrebbe dovuto svolgersi lo scorso anno, ma venne posticipata per la vicinanza con i Giochi e per l’emerganza sanitaria
calcio
19 ore

Eray Cömert passa dal Basilea al Valencia

Il difensore centrale dei renani e della Nazionale rossocrociata ha firmato un contratto con gli spagnoli fino al 2026
SCI ALPINO
20 ore

Plan de Corones, prima manche: Vlhova avanti, Gisin 11esima

La slovacca ha dato 34 centesimi di distacco alla leader della classifica di specialità, la svedese Sara Hector, terza l’americana Shiffrin
HOCKEY
1 gior

Daniel Carr alle Olimpiadi con la maglia del Canada

L’attaccante del Lugano convocato da Claude Julien assieme a Desharnais (Friborgo), Winnik (Ginevra) e Noreau (Zsc Lions)
CICLISMO
1 gior

Incidente a Egan Bernal durante un allenamento in Colombia

Il vincitore del TdF 2019 è stato trasportato all’ospedale. La prima diagnosi parla di frattura del femore e della rotula. Intervento chirurgico a ore
Hockey
1 gior

‘Per vincere a Zugo serve uno sforzo collettivo’

Dopo il successo ai rigori sul Berna, il Lugano pensa alla prossima sfida. Schlegel: ‘Ogni passo avanti, anche piccolo, è preziosissimo‘
Hockey
1 gior

Sei turni di squalifica per Marc-Antoine Pouliot

Esemplare sanzione per l’attaccante del Ginevra Servette, reo di aver caricato un arbitro nella partita contro il Friborgo
Gallery
Nuoto
1 gior

Noè Ponti in forma nonostante i carichi di lavoro

Parata di stelle al 55esimo Challenge International di Ginevra. Buoni i tempi del ticinese della Nuoto Sport Locarno e di Benjamin Pfeiffer dell’A-Club
FOOTBALL
1 gior

Playoff infuocati, sfida da favola tra Mahomes e Allen

Weekend elettrizzante nella Nfl. Eliminati i grandi vecchi Tom Brady e Aaron Rodgers. Tre partite decise all’ultimo secondo, una all’overtime
Sci
1 gior

Lara Gut-Behrami si prende una pausa per rigenerarsi

La ticinese ha ammesso di sentirsi affaticata ‘sia mentalmente sia fisicamente’ e ha deciso di non partecipare alle ultime prove di Cdm prima dei Giochi
tennis
1 gior

Melbourne, nei quarti Tsitsipas contro Sinner

Il greco ha domato non senza fatica e in cinque set l’americano Taylor Fritz. L’italiano ha battuto De Minaur in tre set
Pechino 2022
1 gior

168 atleti per ripetere Pyeongchang: obiettivo 15 medaglie

Il capomissione elvetico Ralph Stöckli, già arrivato a Pechino, fissa il traguardo auspicato da Swiss Olympic
Unihockey
1 gior

Verbano e Ticino agguantano i playoff

Il Vuh si è imposto 6-3 in rimonta sul campo del Grünenmatt, il Tiuh ha piegato 4-3 il Basilea secondo in classifica
tennis
1 gior

Daniil Medvedev passa ma qualcosa concede

Il russo ha sconfitto in quattro set lo specialista del “serve and volley” franco-americano Maxime Cressy. Cornet per la prima volta ai quarti a 32 anni
Sci alpino
1 gior

Ticinesi in evidenza sulle nevi grigionesi e italiane

Massimiliano Gusmini ha vinto il bronzo ai Campionati svizzeri junior a Davos, Ginevra Ostini ha firmato un doppio successo nelle prove Fis a Courmayeur
Hockey
31.08.2021 - 12:350
Aggiornamento : 20:15

Werder: ‘Il titolo in massimo tre-cinque anni’

È un Lugano che guarda al futuro con ambizione quello che si presenta al grande pubblico. E Domenichelli blinda Fazzini per cinque anni

«Vogliamo vincere un titolo di campione svizzero; e lo vogliamo fare nei prossimi tre-cinque anni al massimo. In passato abbiamo covato questa ambizione, ma l'abbiamo fatto senza manifestarlo apertamente, celandoci dietro un dito. Ebbene adesso non sarà più così». Sono queste le parole con cui Marco Werder introduce – al Casinò Admiral di Mendrisio – la presentazione del Lugano versione 2021/22. Non fa grandi giri di parole il Ceo dei bianconeri nel parlare della prossima stagione e del futuro a medio termine della società. Per una stagione, quella ormai alle porte, che affonda le sue radici in quella «veramente difficilissima che ci siamo appena lasciati alle spalle. Premesso che il consuntivo lo tireremo in occasione dell'assemblea di ottobre, se non avessimo potuto contare sull'aiuto di tutti i nostri dipendenti, giocatori compresi, dei tifosi e dei nostri sostenitori, oltre che sugli aiuti della Confederazione, il saldo finale sarebbe stato ancora più drammatico. La Confederazione, come dicevo, ci ha garantito un importante sostegno sotto forma di prestiti, ma, appunto, questi andranno restituiti nei prossimi anni, per cui gli strascichi della pandemia avranno inevitabilmente un seguito nelle prossime gestioni. Ragion per cui, pur nella consapevolezza che la tendenza sia positiva in fatto dell'evoluzione della pandemia, anche nell'allestire il budget per la stagione entrante abbiamo dovuto prendere in considerazione il fattore incertezza e abbiamo dunque dovuto agire con prudenza. In termini assoluti, per comporre la rosa 2021/22, Hnat Domenichelli ha avuto a disposizione una cifra del 10 per cento inferiore rispetto alla passata stagione. Ad ogni buon conto la prospettiva di poter nuovamente contare sulla massima capienza della Cornèr Arena (ovviamente con green pass) lascia appunto ben sperare».

Il ‘Financial Fairplay’ tra gli obiettivi a medio termine

Poi, appunto, Werder entra nel dettaglio di quelli che sono gli obiettivi societari a corto-medio termine: «Vogliamo essere un'organizzazione sportiva che mira a crescere, diventando ancora più attrattiva in ogni settore. In fondo la nostra indole è quella di un club ambizioso: non vogliamo sottrarci a questo ruolo, anche perché siamo una società che alle sue spalle ha un grande passato e che ha obiettivi chiari. Vogliamo crescere; ce lo chiedono i tifosi, gli sponsor, ma anche la quotidianità. Vogliamo rendere i nostri tifosi orgogliosi della loro squadra e della loro società. E, soprattutto, vogliamo riportare in pista passione ed emozioni, che in fondo devono essere la benzina nel nostro motore. Per il futuro ci impegneremo a rafforzare quello che definisco il 'Dna' bianconero, già oggi ben presente grazie a circa un terzo tra giocatori, collaboratrici e collaboratori della società formati all'interno della nostra organizzazione. Nel medio termine, come società porteremo pure avanti il progetto di introdurre il concetto di 'Financial Fairplay', importante tanto per il nostro club quanto per tutto il campionato. E, non da ultimo, e lo dico non senza emozione, vogliamo vincere il titolo svizzero».

Domenichelli: ‘La pressione? È anche un privilegio’

Un pensiero, quello di Werder citato in apertura, che sposa pure Hnat Domenichelli. «Il titolo? Idealmente lo vogliamo conquistare entro i prossimi tre anni – sottolinea il General Manager del Lugano –. Ci proveremo già quest'anno: se dovesse arrivare tanto meglio, altrimenti ci ritenteremo. E continueremo a lavorare per arrivare fino in cima: la nostra filosofia non è cambiata; l'Hc Lugano è un club che punta sempre un alto. Non ci possiamo né vogliamo più nascondere. Ci sarà pressione, certo, ma avere sulle proprie spalle della pressione è anche un privilegio. Tutti, volenti o nolenti, abbiamo fatto i condi con il Covid. Ha cambiato la nostra e non da ultimo anche le regole dell'hockey. Ma non ha mutato la storia e gli obiettivi del Lugano, una società che punta in alto». Oltre al campionato, la stagione 2021/22 del Lugano fa però anche rima con Champions League: «Dove contiamo di fare più strada possibile. Per riuscirci non faremo investimenti pensati sul corto termine incidendo sul budget, ma daremo e faremo il massimo per restare in corsa per quanto possibile. Anche perché quella europea resta pur sempre una ribalta di prestigio, che permette a tutti, giovani compresi, di acquisire esperienza a livello internazionale».

Il General Manager bianconero si sofferma poi sulla rosa 2021/22: «Per comporre la squadra abbiamo seguito due fattori fondamentali. Da una parte abbiamo voluto porre l'accento sui giovani prodotti del nostro settore giovanile, e mi sento di poter dire che con ben tredici giocatori inseriti nel roster siamo riusciti nel nostro intento, mettendo così a frutto i grandi sforzi fatti in questo senso negli anni passati. Avremo dunque la possibilità di vedere i frutti concreti di un lavoro che spesso viene fatto nell'ombra. E finalmente vedremo questi giovani salire sulla ribalta della prima squadra. Un altro fattore che abbiamo tenuto presente nel comporre i ranghi della prima squadra è quello legato alla repentina evoluzione della National League, che quest'anno conterà tredici squadre e che con tutta probabilità l'anno prossimo diventeranno addirittura quattordici. E cambierà, verosimilmente, pure il numero di stranieri schierabili... Ci sono poi i pre-playoff, che rimescolano un po' tutte le carte, rendendo ancora più aleatorio il piazzamento al termine della stagione regolare in funzione della volata per il titolo. Insomma, di fattori da tenere in attenda considerazione nell'allestire il puzze della squadra ce ne sono parecchi, e ognuno di loro è appunto stato oggetto di profonda riflessione».

Nonostante il budget ridotto del dieci per cento, Domenicheli in sede di campagna-acquisti i suoi bei colpi li ha comunque messi a segno. Come quelli, fra gli altri, di Mirko Müller, Santeri Aalatalo, Samuel Guerra, Daniel Carr, Troy Josephs, Yves Stoffel e Calivn Thürkauf, senza ovviamente dimenticare coach Chris McSorley. E un ulteriore colpo lo annuncia in sede di presentazione: «Sono particolarmente felice di poter annunciare il rinnovo, per le prossime cinque stagioni, del contratto di Luca Fazzini». Ancora al capitolo roster, da segnalare che Villa, Ugazzi, Näser e Werder salteranno i prossimi impegni in Champions League e inizieranno la loro stagione in forza ai Rockets.

Vicky Mantegazza: ‘Lottando assieme possiamo raggiungere i nostri obiettivi

«È bello ritrovarci finalmente tutti insieme, senza troppe restrizioni – si compiace dal canto suo la presidente bianconera Vicky Mantegazza –. E, soprattutto, è bello ritrovare e rivivere le emozioni allo stadio; sul ghiaccio e sulle tribune. Il 22 giugno ho festeggiato i miei primi dieci anni da presidente dell'Hc Lugano, e oggi come dieci anni fa a darmi la carica per portare avanti questa mia mansione è una grande passione. È dal 1978 che la mia famiglia ha a cuore questa società; non sono però in questa posizione perché sono figlia di mio padre, ma perché credo in questa squadra e credo nei valori della nostra società. Siamo ambiziosi, certo, ma sono anche consapevole che se lottiamo tutti assieme, possiamo raggiungere gli obiettivi che ci siamo posti. Ogni mattina, quando mi alzo, ad animarmi è la voglia di fare il massimo per i colori del club».

Campagna abbbonamenti: 4'120 le tessere vendute

Marco Mantegazza, Head of Marketing, fa infine il punto alla situazione sul fronte della campagna abbonamenti: «Una campagna particolare, ovviamente ancora segnata dalla pandemia. A oggi abbiamo venduto 4'120 tessere stagionali, cifra più contenuta se paragonata alle stagioni pre-covid. Contiamo comunque di incrementare il numero di abbonamenti venduti nei prossimi giorni, visto che tradizionalmente per le tessere spalti i giorni più caldi sono quelli a ridosso della stagione. Qualora il numero complessivo di tessere vendute dovesse restare inferiore alle stagioni precedenti, cercheremo di incrementare la vendita di biglietti per le singole partite. Siamo sicuri che dal ghiaccio arriveranno fortissime emozioni, e in serbo abbiamo anche diverse iniziative volte a portare il maggior numero di persone alla Cornèr Arena». Marco Mantegazza, in chiusura snocciola un'ultima cifra: quella relativa alla nuova capienza dello stadio del Lugano: «Che, dopo tutti i lavori di miglioria, è stata aggiornata a 6'733 posti».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved