WAS Capitals
SJ Sharks
01:00
 
COB Jackets
0
CAL Flames
1
1. tempo
(0-1)
TOR Leafs
0
ANA Ducks
1
1. tempo
(0-1)
Detroit Red Wings
CHI Blackhawks
01:30
 
WAS Capitals
SJ Sharks
01:00
 
COB Jackets
0
CAL Flames
1
1. tempo
(0-1)
TOR Leafs
0
ANA Ducks
1
1. tempo
(0-1)
Detroit Red Wings
CHI Blackhawks
01:30
 
tre-punti-con-la-gran-bretagna-per-puntare-in-alto
Due gol e un assist finora per lui a questi Mondiali (Keystone)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
9823
2
Maxim la biere
9587
3
25 Francs trop cher
9120
4
Iselis Punktebuebe
9000
5
Team Gobbi
8973
6
ADTC
8948
7
BalaBala
8887
8
TrigoAce2
8821
9
HC Iron Pam
8811
10
Wild Hogs
8808
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
3 ore

Lugano Tigers sconfitti nella Svizzera centrale

Migliore al tiro sotto tutti gli aspetti, la compagine ticinese ha avuto un passaggio a vuoto nel secondo periodo che le è costata la vittoria
Hockey
4 ore

La sfida vista da Ambrì. ‘Saranno i duelli, la chiave’

Cereda lancia la sesta sfida con il Lugano, ultimo sforzo prima della pausa. ‘Sarà benefica: le scorie post contagio non si sono del tutto dissipate”
HOCKEY
5 ore

‘Il derby? Sarà una battaglia, come sempre’

Julian Walker: ‘Tutte le sfide con l’Ambrì sono state tiratissime, non vedo favoriti. Dovremo fare bene il lavoro sporco, proprio come lo sanno fare loro’
CALCIO
7 ore

Arthur Cabral sul punto di approdare alla Fiorentina

L’attaccante brasiliano del Basilea attende solo gli sviluppi del caso Valhovic. Quest’anno ha segnato 14 reti in 18 partite di Super League
Hockey
7 ore

Lugano, Schlegel si deve fermare. Fino a marzo

Niente derby per il portiere bianconero: lesione agli adduttori della coscia. McSorley dovrà scegliere se puntare sul canadese Irving o su Fatton
CICLISMO
8 ore

Joel Suter secondo alla Challenge Mallorca

Il Spagna il 23enne elvetico della Uae Emirates è stato preceduto dal compagno di squadra McNulty, giunto al traguardo in solitaria
CALCIO
8 ore

Il Lugano riapre la campagna abbonamenti

Chi non avesse già provveduto a inizio stagione, da domani ha la possibilità di assicurarsi a prezzi scontati le nove partite casalinghe del ritorno
MOTOCICLISMO
8 ore

Via libera medico per Marc Marquez

Il pilota spagnolo ha superato i problemi di diplopia e sarà presente dal 5 al 7 febbraio nei primi test stagionali sul circuito di Sepang
CALCIO
9 ore

Infortunio al piede, Mirko Salvi out due mesi

Colpo duro per l’Yverdon, neo-promosso in Challenge League, costretto a fare a meno del suo estremo difensore
Hockey
9 ore

Le ragazze svizzere ai Giochi senza la loro stella. Per ora

Valori limite per entrare in Cina: Alina Müller e Sinjia Leemann incrociano le dita e vanno in isolamento. Weibel: ‘Fiduciosi della strategia adottata’
Tennis
9 ore

Medvedev firma l’impresa a Melbourne: è semifinale

Sotto di due set contro Aguer-Aliassine, il russo ribalta la partita e stacca il biglietto per il penultimo atto degli Australian Open
Hockey
11 ore

Hedlund e il suo staff non si muovono da Rapperswil

Confermata in blocco la guida tecnica dei sangallesi. Che resterà (almeno) fino al termine della stagione 2023/24
Sci
13 ore

Michelle Gisin dice no a Garmisch-Partenkirchen

Terza defezione di lusso, nel clan rossocrociato, per le ultime gare di Coppa del mondo prima della partenza per Pechino
Calcio
14 ore

L’Fc Lugano ha di nuovo un presidente, sarà Philippe Regazzoni

Classe ‘69, Regazzoni è attinente di Balerna ma residente a Küssnacht e da 25 anni è attivo nell’ambito assicurativo.
Calcio
19 ore

Da Lima a Yaoundé, quante tragedie legate al calcio

Disordini tra tifosi, strutture fatiscenti, sicurezza e forze dell’ordine inadeguate, fatalità: il dramma in Camerun è solo l’ultimo di una lunga lista
Hockey
1 gior

Ambrì sconfitto a Zurigo con onore e ripreso dal Berna

I Lions fanno la differenza nell’ultimo periodo dopo l’1-1 al termine dei primi due tempi. In classifica i leventinesi cedono agli Orsi il decimo posto.
Hockey
1 gior

A Zugo un martedì pazzo, che al Lugano frutta un punto

Serata incredibile alla BossardArena, in cui succede di tutto, decisa da Hansson al supplementare. Con i bianconeri che, però, perdono Schlegel
Sci
1 gior

A Schladming 7 elvetici a punti, ma lontani da Linus Strasser

Il tedesco si impone nello slalom sulla Planai precedendo il norvegese McGrath e l’austriaco Feller. Tanguy Nef (decimo) miglior rossocrociato.
31.05.2021 - 17:120
Aggiornamento : 18:38

‘Tre punti con la Gran Bretagna per puntare in alto’

Romain Loeffel e compagni vogliono chiudere in bellezza la prima fase dei Mondiali, terminandola con il miglior piazzamento possibile

Dodici punti due anni fa in Slovacchia, altrettanti in Danimarca nel 2018. Per ritrovare una Svizzera con un bottino di 15 punti al termine della prima fase di un Mondiale bisogna allora tornare indietro di quattro anni, a quell'edizione organizzata congiuntamente da Germania e Francia e chiusasi, per gli elvetici, allo stadio dei quarti di finale. Contro, guarda un po', la solita Svezia. Ed è appunto per eguagliare quel bottino raccolto nella poule parigina che la Svizzera di Patrick Fischer torna in pista per affrontare la Gran Bretagna nel suo ultimo impegno della prima fase. Contro quella che, a tutti gli effetti, è la selezione meno dotata di questo girone (anche se la classifica la colloca al penultimo posto, comunque appaiata al fanalino di coda Bielorussa). La vittoria in quest'ultima partita permetterebbe infatti agli elvetici di terminare la prima fase a quindici punti, quota che potrebbe pure garantire loro un interessante piazzamento nella classifica finale del girone A, con conseguente avversario teoricamente più abbordabile nei quarti di finale. «Certo, la Gran Bretagna non avrà un roster fatto di grandi nomi, ma sta pur sempre disputando un buon Mondiale, nel corso del quale ha comunque retto bene anche al cospetto delle grandi – premette Romain Loeffel –. Per cui non possiamo certo permetterci di abbassare la guardia, anche perché la posta in palio in questo ultimo confronto per noi è comunque parecchia».

Dopo aver affrontato tutte le squadre del vostro girone, eccezion fatta per la selezione britannica, dove collocheresti la Svizzera? «Siamo ancora in corsa per il primo o il secondo posto e ci batteremo per chiudere in una di queste posizioni. E in fondo trovo che sia una rivendicazione legittima per come stiamo giocando. Anche se non dobbiamo illuderci che sia così semplice nemmeno questo ultimo confronto: l'hockey non è mai facile, specie se non fai le cose giuste al momento giusto; devi veramente lavorare in modo costante per tutti i sessanta minuti, indipendentemente dall'avversario che hai di fronte». E delle sei partite giocate, qual è quella in cui la Svizzera ti è piaciuta di più? «Forse contro la Cechia nella sfida inaugurale, o quella con la Slovacchia. Ma, in generale, tutte le partite che abbiamo vinto le abbiamo ben interpretate. Pure quella contro la Danimarca, sebbene in quell'occasione abbiamo segnato un solo gol: contro i danesi siamo stati brillanti dietro, concedendo loro la miseria di quattro tiri; qualcosa di incredibile!».

L'unico vero neo di questa prima parte di torneo è la partita con la Svezia, completamente mancata da Loeffel e compagni: «Proprio così. Quanto ne prendi sette di gol, non puoi certo dire di aver giocato quella partita come avresti voluto e men che meno dovuto fare. Quel match è stato la dimostrazione pratica che quando non giochiamo il nostro hockey, o non lo facciamo con la giusta convinzione, poi sono guai... È stato un peccato che sia successo a un Mondiale, ma sono comunque cose che succedono. L'importante è che quell'incidente di percorso sia servito a tutti da lezione: abbiamo capito che qualcosa andava cambiato, ed è quello che abbiamo fatto già dalla partita successiva». E la Svizzera ha continuato a farlo anche in quelle che sono seguite alla goleada con la Slovacchia. Pure contro la Russia, sebbene l'esito finale di quella partita non abbia dato ragione a Loeffel e compagni: la lezione, insomma, è decisamente servita. «È vero che sabato abbiamo perso, ma siamo stati sconfitti al termine di una bella partita. Abbiamo pagato quel paio o tre errori che abbiamo commesso in più della Russia, errori che i nostri avversari hanno sfruttato per far pendere l'ago della bilancia in loro favore. Anche quella è stata una lezione per noi: quando concedi due-tre dischi di tropo a un avversario così, puoi star sicuro che qualcosa poi succede... Ora l'abbiamo capito, abbiamo capito di farci trovare subito pronti e con la massima concentrazione ogni volta che tocchiamo il ghiaccio per un cambio. E contro squadre così dobbiamo imperativamente anche concretizzare di più: dobbiamo imparare da loro».

Te la aspettavi una prima parte di torneo così ricca di soddisfazioni per la Svizzera? «Siamo sbarcati qui a Riga con la consapevolezza di avere una buona squadra e con parecchia fiducia nei nostri mezzi. Sapevamo, e sappiamo, che giocando il nostro hockey per tutti i sessanta minuti (o più) del confronto, possiamo veramente compiere qualcosa di grande. Ma lo dobbiamo appunto fare dal primo all'ultimo secondo, con le medesime intensità ed energia. Detto ciò, ad ogni buon conto, non abbiamo fatto ancora niente di concreto: prima di tutto da giocare resta ancora una partita di questa prima fase, e poi vedremo ciò che succederà».

C'è qualche squadra che a tuo modo di vedere ha un po' deluso qui a Riga? «Di risultati sorprendenti ce ne sono stati parecchi, sin dal primo giorno. A colpirmi in negativo sono stati in particolare Canada e Svezia, soprattutto per le difficoltà palesate nelle loro prime partite».

‘Il mio Mondiale? Soddisfatto, ma posso fare meglio’

Che bilancio parziale stili del tuo Mondiale?  «È un torneo strano, veramente strano. Non siamo abituati a viverlo così, impossibilitati a uscire e goderci un po' di quell'atmosfera speciale che solitamente accompagna una simile competizione, e, anzi, siamo costantemente immersi in una 'bolla', che comprende praticamente solo la pista e il nostro albergo. L'unica cosa che puoi fare è allenarti e giocare, per poi tornare al tuo accampamento. Ma al di là di tutto va benissimo anche così: nonostante tutto puoi giocare, ed è quel che più conta. L'hockey è la mia professione ma anche la mia passione, e sono felicissimo che, malgrado i non pochi scompensi dettati dalla pandemia, possa essere qui a Riga a calcare questa ribalta». Una ribalta che sin qui ti ha anche regalato diverse soddisfazioni personali, come le due reti realizzate (entrambe contro la Slovacchia), a cui va aggiunto un assist. «Sì, non posso che essere contento di come stanno andando le cose per me: ogni partita ho l'opportunità di dare una mano concreta alla squadra, sia difensivamente, sia offensivamente. A livello di qualità di gioco sono anche soddisfatto, sebbene ci siano sempre cose che posso migliorare. Per questo dopo ogni partita guardiamo i video per capire quali siano i dettagli che possono essere perfezionati».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved