PHI Flyers
1
NY Islanders
1
1. tempo
(1-1)
BOS Bruins
1
CAR Hurricanes
3
1. tempo
(1-3)
WAS Capitals
1
WIN Jets
2
1. tempo
(1-2)
OTT Senators
0
BUF Sabres
1
1. tempo
(0-1)
NAS Predators
VAN Canucks
02:00
 
DAL Stars
MON Canadiens
02:30
 
PHI Flyers
1
NY Islanders
1
1. tempo
(1-1)
BOS Bruins
1
CAR Hurricanes
3
1. tempo
(1-3)
WAS Capitals
1
WIN Jets
2
1. tempo
(1-2)
OTT Senators
0
BUF Sabres
1
1. tempo
(0-1)
NAS Predators
VAN Canucks
02:00
 
DAL Stars
MON Canadiens
02:30
 
un-doppio-impegno-per-spiccare-il-volo-e-sognare-in-grande
In cerca della prima rete iridata (Keystone)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
8798
2
Maxim la biere
8736
3
25 Francs trop cher
8319
4
Iselis Punktebuebe
8127
5
TrigoAce2
8117
6
BalaBala
8036
7
Wild Hogs
7977
8
BLACKHAWKS-MAF_miguelpiccand
7950
9
ADTC
7880
10
HC Aspi Capitals
7876
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
3 ore

Non è un martedì facile, ma il Lugano torna a sorridere

Traber e Bertaggia spianano la strada, ma poi i bianconeri debbono fare i conti con il ritorno dell’Ajoie, prima di centrare la prima vittoria del 2022
Podismo
8 ore

Lukas Oehen e Giulia Salvadé vincono il cross di Bellinzona

Gab protagonista con cinque vittorie nella quinta prova di Coppa Ticino Ftal Aet che ha lanciato l’annata 2022. In evidenza anche Rcb e Sab.
Bob
8 ore

Follador chiude la stagione tra i migliori d’Europa

Grazie anche alle prestazioni del pilota del Bcsi (con il frenatore Nicola Mariani), la Svizzera ritorna tra le prime quattro nazioni al mondo
L’angolo delle bocce
9 ore

Si riprende a giocare da Cavergno con una gara a coppie

Stagione 2022 al via domenica con una sfida regionale proposta dalle bocciofile Stella di Locarno e Verzaschesi di Gordola
NUOTO
9 ore

Dominio azzurro nel Meeting del Ceresio

Solo 12 delle 78 medaglie in palio sono andate ai ticinesi. Tra gli atleti di casa, in evidenza Tamas Terner ed Emanuele Brivio
Unihockey
9 ore

Weekend da 6 punti, playoff più vicini per il Ticino

La squadra di Tomatis ha battuto Grünenmatt (9-7 in trasferta) e Sarganserland (8-3 all’Arti&Mestieri) ed è quarta in classifica
Hockey
10 ore

Alatalo, Loeffel, Müller, Fora e Simion voleranno a Pechino

Resi noti i 25 ‘eletti’ che Patrick Fischer porterà alle Olimpiadi. Obiettivo dichiarato della Svizzera: le semifinali
Sci nordico
10 ore

Ai Campionati nazionali l’oro va a Fähndrich e Steiner

Nello sprint vittorie di Van der Graaf e Riebli. Progressi per il ticinese Alessandro Vanzetti, dodicesimo e diciannovesimo
Tennis
10 ore

Murray l’inossidabile batte Basilashvili in cinque set

Il britannico è di ritorno a Melbourne a tre anni di distanza da quella che avrebbe dovuto essere l’ultima partita della carriera
Basket
11 ore

Senza alcun senso la formula della Coppa

Il sorteggio libero è anacronistico e sfavorisce troppo le squadre di categoria inferiore. Domani in campionato torna in campo (a Monthey) la Sam Massagno
Tennis
18 ore

Niente impresa per Henri Laaksonen, battuto da Medvedev

Il russo, numero 2 al mondo, mette fine ai sogni di gloria dello sciaffusano agli Australian Open. Eliminate anche Vögele e Golubic
Hockey
18 ore

Storica quintina di Timo Meier sulle piste di Nhl

L’appenzellese degli San José Sharks diventa il primo giocatore svizzero a realizzare cinque gol nella medesima partita di Nhl
Tennis
20 ore

‘Djokovic era sereno, gli australiani un po’ meno’

Tristan Schoolkate, sparring partner di Nole durante il suo breve soggiorno australiano, racconta a laRegione l’incontro con il campione serbo
Gallery
Calcio
1 gior

Petkovic, dall’altare di Bucarest alla polvere della Gironda

Il pesante 6-0 rimediato a Rennes pone l’ex ct della Svizzera a serio rischio esonero. Il suo Bordeaux è penultimo con la peggior differenza reti
CALCIO
1 gior

Per la Fifa, Lewandowski è il giocatore dell’anno

Il polacco del Bayern Monaco premiato con il ‘Best Player’. Ha preceduto Leo Messi e Mohamed Salah. Tra le donne vittoria di Alexia Putellas (Barcellona)
 
28.05.2021 - 18:220
Aggiornamento : 19:23

Un doppio impegno per spiccare il volo e sognare in grande

Per la Svizzera di Simion, questo sarà un weekend determinante ai Mondiali di Riga: ‘In corsa per il primato nel girone. E... per il titolo’

C’è sempre una prima volta. E per Dario Simion, la prima volta a un Campionato mondiale è arrivata quest’anno. Il biglietto per Riga il valmaggese l’ha prenotato con la sua convincente stagione a Zugo, culminata con la conquista del titolo svizzero, per poi validarlo a tutti gli effetti rivelandosi decisivo nelle ultime due amichevoli premondiali contro la Lettonia: per lui una doppietta nella prima e un gol nella replica. Come stai vivendo questa tua prima esperienza a un Mondiale? «È ovviamente un torneo diverso rispetto ai soliti, vista l’assenza di pubblico e la ’bolla’ in cui è immerso, ma è comunque qualcosa di straordinario – spiega Dario Simion –. Disputare un Mondiale è sempre stato uno dei miei obiettivi: sono contento di essere riuscito a persuadere lo staff tecnico a convocarmi». Ora non ti manca che il gol in questo torneo... «Sarebbe la ciliegina sulla torta. È vero che nelle prime quattro partite non sono ancora riuscito a segnare, ma mi sento di poter dire di aver comunque messo i miei compagni di linea (Corvi e Hofmann, ndr) nella condizione di andare in gol. Siamo un bel trio, che assieme sa crearsi un buon numero di opportunità. Al di là di tutto, la cosa più importante è il risultato di squadra; prima o poi arriveranno anche le soddisfazioni personali».

Che sia un Mondiale anomalo lo dicono anche i risultati: a Riga le sorprese sono ormai diventate una costante... «È vero, e di questo ne abbiamo parlato anche in squadra, chiedendoci cosa stesse succedendo. Tutte le squadre presenti qui a Riga hanno dimostrato di poter vincere contro chiunque. Sicuramente un certo influsso l'avrà avuto anche la pandemia, che ha limitato un po' le risorse, sul piano tecnico, di qualche selezionatore. Noi, comunque, cerchiamo di trarre il meglio delle nostre possibilità, impegnandoci a portare ogni volta sul ghiaccio il massimo della nostra potenzialità».

E veniamo alla stretta attualità. La bella vittoria di ieri ha fatto bene al morale, oltre che rilanciato le vostre quotazioni in un girone tutto ancora molto aperto... «Era importante mostrare una bella reazione dopo lo scivolone di due giorni prima; in fondo era ciò tutti si aspettavano da noi. Martedì la Svezia aveva disputato una grande partita, anche perché era alla disperata ricerca di punti, ma la nostra è comunque stata una partitaccia. Alla luce del risultato finale della partita con la Slovacchia penso proprio che siamo riusciti a tenere fede a queste aspettative: ieri abbiamo disputato un'ottima partita, dal primo all'ultimo giocatore. E questo è estremamente importante per l'ambiente dello spogliatoio». Nell'arco di 48 ore, la Svizzera ha insomma mostrato prima il suo volto peggiore e poi uno dei suoi migliori: come ti spieghi una simile metamorfosi in appena due giorni? «Ogni partita ha la sua storia e uno svolgimento specifico. Poi, ovviamente, molto dipende anche dall'atteggiamento con cui la si affronta. Per gli svedesi, come detto, quella di martedì rappresentava la classica sfida da non perdere, ragion per cui ci hanno messo anche l'anima nei duelli. Sono stati più pronti di noi, fin dal primo minuto, e noi abbiamo concesso loro troppo spazio. Quando vai sotto di tre o quattro reti contro una squadra del genere, poi diventa durissima ribaltare la partita. Un po' quanto è successo, a ruoli invertiti, ieri contro la Slovacchia, contro la quale siamo scesi sul ghiaccio subito con la giusta determinazione». Un largo successo come quello di giovedì è il preludio ideale per il tour de force di questo weekend, domani contro la Russia e domenica contro la Bielorussia... «Senza dubbio. Per preparare al meglio questo doppio impegno abbiamo rivisto alcuni spezzoni della partita di ieri. È vero che l'abbiamo sconfitta due volte su due nelle amichevoli di preparazione, ma la Russia rimane pur sempre un'ottima squadra, molto ben dotata sul piano tecnico. Come la si batte? Aumentando ancora di più la nostra intensità: è l'unico modo che hai per affrontare la partita per poter mettere in difficoltà una squadra così e garantirti una possibilità di vincere».

In corsa per il primato. E per il titolo: ‘Non vedo perché non crederci’

La posta in palio nel weekend è di quelle pesanti per voi: considerando che l'ultimo impegno della prima fase sarà contro la squadra teoricamente più abbordabile (la Gran Bretagna, che la Svizzera affronterà martedì), contro Russia e Bielorussia in palio c'è anche il primato nella classifica finale del girone A. Un primato che lancerebbe nel migliore dei modi la volata per il titolo... «Non ci nascondiamo: possiamo effettivamente giocare per il primo posto; le potenzialità ci sono. A Copenaghen, tre anni fa, la nostra Nazionale aveva già dimostrato di poter competere contro tutte le avversarie, e con un po' di fortuna già lì si sarebbe potuta mettere al collo la medaglia d'oro. Non vedo perché quest'anno non possiamo ripeterci o, chissà, magari andare fino in fondo stavolta!».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved