voltiamo-pagina-ora-c-e-la-slovacchia
In duello con Lundkvist (Keystone)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Maxim la biere
9054
2
TrigoAce1
9027
3
25 Francs trop cher
8512
4
Iselis Punktebuebe
8483
5
Wild Hogs
8314
6
BalaBala
8287
7
TrigoAce2
8258
8
Team Gobbi
8224
9
ADTC
8187
10
BLACKHAWKS-MAF_miguelpiccand
8158
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
58 min

Steve Moses resta ad Ambrì, Cajka va a Rapperswill

Ridiscussi i termini del prestito dell’attaccante americano. Il club segnala l’infortunio al ginocchio a Cédric Hächler
Olimpiadi
6 ore

Boicottaggi e sport ai Giochi e non solo

Olimpiadi e politica, una storia senza fine. A Pechino 22 la ritorsione sarà solo diplomatica
Sci
6 ore

La sua Vlhova fa faville, ‘ma la Fis rispetti di più le atlete’

Mauro Pini: ‘Il circuito femminile sembra la ruota di scorta. La coppa di slalom? Contenti, non appagati’. E poi Olimpiadi, pandemia e Marco Odermatt.
Calcio
12 ore

Confermati i nove anni inflitti a Robinho

La Cassazione giudica inammissibile l’istanza avanzata dai legali del calciatore brasiliano. Fu stupro di gruppo
Gallery
Pallanuoto
16 ore

Sharks in vasca con umiltà e grinta

I luganesi ai blocchi di partenza del campionato con alcune novità. Argentiero: ‘Non siamo tra i favoriti, ma vogliamo rendere la vita difficile a tutti’
SCI ALPINO
17 ore

Cambio di programma a Kitzbühel, la libera spostata a domenica

Le forti precipitazioni nevose hanno costretto ad anticipare a sabato lo slalom. Rimane in calendario la prima discesa di venerdì
CALCIO
22 ore

Marchesano tra i candidati della Swiss Football Night

Il ticinese dello Zurigo tra i finalisti per il titolo di miglior giocatore della Super League. Il 27 gennaio la cerimonia di premiazione
SKICROSS
22 ore

Lesione al ginocchio per Fanny Smith

La vodese si è infortunata in Canada nell’ultima tappa di Coppa del mondo. Conta di ristabilirsi prima dell’inizio dei Giochi di Pechino
Hockey
1 gior

Se ne va una bandiera: Vauclair lascia l’Hcl e torna all’Ajoie

È il direttore sportivo del club giurassiano, con cui ha firmato un contratto di cinque anni. ‘Mi sentirò sempre parte della famiglia bianconera’.
Calcio
1 gior

Monzialo e Lungoyi lasciano il Football Club Lugano

L’attaccante francese in prestito fino a giugno alla squadra austriaca Skn St. Pölten; il nazionale U21 girato al San Gallo
Tennis
1 gior

Con Bencic si chiude il sogno svizzero agli Australian Open

È la prima volta dal 1995 che la Svizzera non è rappresentata nel terzo turno del tabellone maschile o femminile a Melbourne
Tennis
1 gior

Jil Teichmann si inchina a Victoria Azarenka

La svizzera ha perso 6–1 6–2 contro la ex numero uno al mondo
Hockey
1 gior

Non è un martedì facile, ma il Lugano torna a sorridere

Traber e Bertaggia spianano la strada, ma poi i bianconeri debbono fare i conti con il ritorno dell’Ajoie, prima di centrare la prima vittoria del 2022
Podismo
1 gior

Lukas Oehen e Giulia Salvadé vincono il cross di Bellinzona

Gab protagonista con cinque vittorie nella quinta prova di Coppa Ticino Ftal Aet che ha lanciato l’annata 2022. In evidenza anche Rcb e Sab.
Bob
1 gior

Follador chiude la stagione tra i migliori d’Europa

Grazie anche alle prestazioni del pilota del Bcsi (con il frenatore Nicola Mariani), la Svizzera ritorna tra le prime quattro nazioni al mondo
Hockey
 
26.05.2021 - 21:230

‘Voltiamo pagina, ora c'è la Slovacchia’

Digerita la batosta con la Svezia, Hofmann guarda avanti: ‘Una lezione da ricordare’

«Quando incassi una sconfitta come quella di ieri, le possibilità che hai sono due: o ti rifugi nella ricerca di qualche alibi e punti il dito contro qualcuno o qualcosa, oppure, ed è quello che fanno le squadre ‘grandi’, cerchi di capire come sia potuto accadere e analizzi il tutto al fine di apportare quei correttivi, anche sul piano mentale, per evitare che simili incidenti di percorso possano ripetersi. Ed è quel che cercheremo di fare noi, al fine di riprendere il filo del discorso bruscamente interrotto contro la Svezia. Dopo una sconfitta simile, una delle poche certezze è che puoi solo fare meglio. È quello che vogliamo dimostrare domani contro la Slovacchia, mostrando un ben altro atteggiamento, sin dall'inizio». La notte ha portato consiglio a Grégory Hofmann, che dopo averci dormito su, cerca di analizzare con mente più lucida il perentorio kappaò rimediato contro la selezione di Johan Garpenlöv.

È in una giornata che dal profilo meteorologico non invoglia certo una passeggiata – peraltro negata in virtù delle rigorose disposizioni sanitarie in materia di prevenzione contro il Covid a cui tutti i giocatori presenti al Mondiale devono rispettare – alla scoperta di Riga che avviene il risveglio dopo il martedì nero di Hofmann e compagni. Con mente più fredda, martedì c'è stata troppa Svezia o troppa poca Svizzera? «Così, di prim'acchito direi troppa poca Svizzera, contro una comunque signora Svezia, presentatasi all'appuntamento col coltello tra i denti dopo aver perso un po' a sorpresa le prime due partite. Per loro quella era una sorta di ultima spiaggia per raddrizzare il loro torneo. Sull'arco di tutti i sessanta minuti abbiamo sicuramente lavorato meno di loro che, giustamente, hanno meritato il successo, sebbene quello 0-7 finale trovo sia troppo severo nei nostri confronti. È pesante, duro da digerire, ma lo dobbiamo fare: il nostro torneo non è finito ieri; davanti a noi ci sono ancora diverse partite da affrontare, e questo passo falso non compromette affatto il nostro cammino qui a Riga. Diciamo allora che questa partita ci è servita come una lezione per il prosieguo del torneo; sta a noi non dimenticarcela. Uno, il più importante degli insegnamenti, è che se giochiamo sul nostro livello, possiamo dare fastidio a chiunque. A patto però di portarlo in pista, questo atteggiamento. Cosa che appunto non è stata il caso martedì. Pensare che ci possano essere serate più tranquille di altre sarebbe un gravo errore, e la dimostrazione pratica l'abbiamo avuta contro la Svezia». C'era forse un po' più di ‘fame’ di vittoria da parte dei vostri avversari? «Questa potrebbe anche essere una chiave di lettura. È comunque difficile spiegare cosa sia successo esattamente in pista. Sicuramente la Svezia si è presentata all'appuntamento più pronta di noi. Nei duelli, nel possesso del disco e in tutte le situazioni... Insomma, i nostri avversari hanno fatto sempre meglio di noi. Una squadra come la nostra a cui piace il gioco veloce e puntare sul possesso del disco, deve sicuramente fare di più nei duelli e nel forechecking, non lasciando spazi agli avversari se vuole avere una chance di vincere».

‘Nessuno accetta un verdetto perentorio come quello di martedì’

Dopo il successo d'entrata con la Repubblica Ceca, e quello del giorno dopo contro la Danimarca, per voi è dunque arrivato il primo stop. In quello che in fin dei conti rappresentava il primo vero test di maturità... «Al di là di tutto, queste prime tre partite ai Mondiali sono state tutte impegnative per un motivo o per l'altro. Iniziare da un avversario comunque tosto come la Cechia non è mai facile perché non hai grandi metri di paragone, soprattutto in una stagione come questa. È vero che il buon rendimento nel gioco a 5 contro 4 ci ha un po' spianato la strada. Anche con la Danimarca non è stata una partita facile, anzi. E il fatto che il giorno prima abbia sconfitto la Svezia è lì a dimostrarlo. I primi risultati lo stanno ribadendo: questo è un torneo in cui tutti possono battere davvero tutti, e dunque la guardia va tenuta sempre ben alta. Adesso dobbiamo lasciarci alle spalle questo passo falso e andare avanti per la nostra strada e, soprattutto, cercare di aumentare il livello del nostro gioco, di andare a segnare qualche gol sporco in più, anziché attendere che ci si presenti l'occasione propizia, magari con l'uomo in più. Conosco il gruppo, e nessuno è disposto ad accettare un verdetto così perentorio come quello di martedì, ed è anche da qui che dovremo trovare la giusta motivazione per affrontare la Slovacchia». Una Slovacchia che si presenta all'appuntamento di domani in scia a tre successi in altrettante partite... «Finora hanno sicuramente fatto un ottimo torneo. E per questo è un avversario che va rispettato, come del resto rispetto lo meritano tutte le squadre presenti qui a Riga. Ma, come dicevo, non dobbiamo guardare tanto al tenore della squadra che ci sta di fronte, quanto concentrarci sul nostro gioco e sforzandoci di portare in pista tutto il nostro potenziale, tenico e mentale».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved