e-una-signora-svizzera-e-il-mondiale-parte-benissimo
Il sangue freddo di Scherwey, autore in break del punto del 3-1 (Keystone)
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
atletica
2 ore

Petrucciani, Spitz, Joseph e Gaio al Galà dei Castelli

Con loro molte star internazionali come Van Niekerk, James, Martinot-Lagarde, Czykier e Vallortigara
atletica
3 ore

Debacle staffetta: nono tempo e finale mancata

Svizzera eliminata nella 4 x 100 degli Europei a causa del cambio mancato tra Salomé Kora e Melissa Gutschmidt
Hockey
3 ore

L’esempio di Dominik Kubalik. ‘Chissà cosa potrà capitare’

La stella di Filip Chlapik brilla sul ghiaccio della Gottardo Arena. Paolo Duca: ’Se riuscirà a sfondare anche da noi? Di sicuro ci vorrà del tempo’
la storia
5 ore

La campionessa di nuoto senza piscina

Lana Pudar, 16 anni, prima bosniaca oro agli Europei. È nata e cresciuta a Mostar, città divisa tra croati e musulmani, che non si accordano sui lavori
NUOTO
8 ore

L’entusiasmo di Noè. ‘E Parigi è sempre più vicina’

Quello romano è un bilancio straordinario per una Svizzera entrata nella top ten europea. ‘Prima di partire nessuno se lo sarebbe immaginato’
ATLETICA
15 ore

Anche Kälin è da podio: quarta medaglia agli Europei

La grigionese sale sul podio nell’epathlon e regala una nuova soddisfazione alla Svizzera, che sembra partita per battere il proprio record di medaglie
MOUNTAIN BIKE
15 ore

Positivo allo Zeranolo: niente Europeo per Flückiger

Il bernese sospeso a titolo provvisorio dopo essere stato trovato positivo alla sostanza anabolizzante in occasione di un test ai Nazionali di Leysin
GINNASTCA
16 ore

Noè Seifert è quinto, e la Svizzera va in finale

Il ventenne argoviese brilla agli Europei, dove stacca anche il biglietto per la finale alla sbarra. Sabato, invece, sarà in lizza nella gara a squadre
ATLETICA
17 ore

La staffetta torna in pista, ma Mujinga non c’è

Come ai Mondiali il tecnico Adrien Rothenbühler decide di correre le eliminatorie senza la sua numero uno. Sarà il gran giorno di Melissa Gutschmidt
MOUNTAIN BIKE
19 ore

Europei di Monaco, Filippo Colombo ambizioso

Venerdì si assegnano le medaglie nel cross-country e il ticinese, reduce da ottime prove in Nordamerica, si sente pronto
Calcio
20 ore

L’addio all’Acb di Sesa: ‘Bentancur scorretto con me’

La società: non accettiamo le sue dimissioni
Calcio
20 ore

Tatjana Hänni lascerà a fine 2022

La direttrice del calcio svizzero femminile andrà negli USA
CICLISMO
23 ore

Scatta la Vuelta, Roglic cerca il poker

Venerdì a Utrecht (Olanda) prende il via l’edizione numero 77 del Giro di Spagna
Calcio
1 gior

Giovanni Simeone firma col Napoli

Dopo le indiscrezioni, ecco l’ufficialità: il Cholito lascia il Verona
CICLISMO
1 gior

Per Vingegaard momenti difficili dopo il Tour

Lo rivela il direttore sportivo della Jumbo-Visma
22.05.2021 - 21:32
Aggiornamento: 23.05.2021 - 08:40

È una signora Svizzera. E il Mondiale parte benissimo

La Nazionale di Fischer mette sotto la Repubblica Ceca nella sua partita d'esordio a Riga, grazie alle doppiette di Meier e Hofmann e al gol di Scherwey

Il vantaggio di Chytil al 14'46'' in powerplay, quando in panchina c'è Fabrice Herzog, fuori per sgambetto, non basta a far venire i dubbi a un'ottima Svizzera. Nonostante nel primo tempo la squadra di Fischer a volte debba anche stringere i denti, in quella che è la sua partita d'esordio al Mondiale contro la Repubblica Ceca di Dominik Kubalik, questa Nazionale ha sufficiente esperienza e maturità per conoscere tutti i suoi pregi. E uno di questo è senz'altro il peso offensivo di alcuni tra i suoi elementi, a cominciare da quel Grégory Hofmann che trova più o meno subito il modo di pareggiare i conti, con un tiro in mezzo al traffico al 17'09'', pure in quel caso in superiorità numerica. Oppure ancora quel Timo Meier che nella prima parte del periodo centrale, anche in quel caso durante un powerplay, pur se a conclusione di un'azione atipica, ruba il tempo al portiere Hrubec con un violento, ma soprattutto rapidissimo tiro al volo su illuminante assist di un altra stella della Nhl, Nico Hischier, che lo serve senza guardare.

Quello è un gol che fa male ai cechi, costretti a subire anche in seguito le iniziative dei rossocrociati, più pericolosi sul fronte offensivo rispetto ai loro avversari. Finché, al 38'19'', al termine di un contropiede perfettamente lanciato da Praplan e brillantemente concluso da un Tristan Scherwey che resiste al rientro di un avversario, e poi beffa Hrubec con un tocco dal basso all'alto. Vista la situazione, all'inizio nel terzo tempo il giovane tecnico dei cechi Filip Pesan prova a cambiare la musica togliendo Hrubec dalla porta per fare spazio al portiere di riserva Will, stravolgendo pure il lineup per provare a dare una svolta alla partita. Invece a segnare sono nuovamente i rossocrociati, ancora grazie agli special team che nell'occasione fanno davvero una gran differenza: anche il 4-1 porta la firma di Timo Meier, ventiquattrenne talento dei San José Sharks che trova ancora una volta un tiro fulmineo sotto la traversa su illuminante servizio di Enzo Corvi. Il 4-2 ceco di Smejkal, al 54'59'', non avrà alcun influsso sul risultato finale. Anche perché al 57'08'' di nuovo Hofmann, e di nuovo in situazione di superiorità numerica per un'ostruzione fischiata a Kovar, chiude definitivamente i conti segnando il 5-2.

'Il powerplay? Gli automatismi c'erano già in allenamento' 

«I primi dieci minuti loro sono arrivati subito forte, quindi all'inizio non è stato subito facile. Però poi abbiamo giocato in maniera più sciolta, e abbiamo sfruttato i powerplay dando prova di solidità difensiva – sono le prime parole di Grégory Hofmann, a caldo, ai microfoni di Rsi –. L'ottimo rendimento del powerplay (addirittura 4 gol in 7 opportunità, ndr)? L'abbiamo allenato molto nell'ultima settimana e mezza, e gli automatismi li avevamo trovati già in allenamento. Stasera abbiamo trovato la giusta grinta e. Possiamo però ancora migliorare: dobbiamo perdere meno dischi quando ci troviamo sotto pressione, poi serve più supporto tra di noi, specialmente sul primo passaggio, mentre in attacco dovremo tenere ancora di più il disco e mettere traffico davanti alla porta». 

Come a dire che migliorare si può sempre. Tuttavia la prima impressione è comunque davvero buona, per una Svizzera che inizia il Mondiale come meglio non potrebbe, ma che domani sera (ancora alla 19.15) sarà ovviamente chiamata subito confermarsi contro una sorprendente Danimarca, che al suo debutto in Lettonia ha messo sotto nientemeno che la Svezia. 

Repubblica Ceca - Svizzera (1-1 0-2 1-2) 2-5

Reti: 14'46'' Chytil (Kovar, Vrana/esp. Herzog) 1-0. 17'09'' Hofmann (Ambühl, Simion/esp. Lenc) 1-1. 24'12'' Meier (Hischier/esp. Lenc) 1-2. 38'19'' Scherwey (Praplan, Bertschy) 1-3. 50'27'' Meier (Corvi, Kurashev/esp. Chytil) 1-4. 54'59'' Smejkal (Chytil, Sklenicka) 2-4. 57'08'' Hofmann (Simion, Ambühl/esp. Kovar) 2-5

Repubblica Ceca: Hrubec (dal 40'00'' Will); Hronek, David Musil; Hajek, Klok; Sklenicka, Sulak; Sustr; Flek, Adam Musil, Smejkal; Vrana, Kovar, Kubalik; Zadina, Zohorna, Chytil; Lenc, Spacek, Stransky; Blümel.

Svizzera: Genoni; Müller, Alatalo; Untersander, Moser; Diaz, Geisser; Loeffel, Siegenthaler; Scherwey, Bertschy, Praplan; Meier, Hischier, Andrighetto; Simion, Corvi, Hofmann; Herzog, Kurashev, Ambühl.

Arbitri: Ansons (Lat), Vikman (Fin); Nikulainen (Fin), Sormunen (Fin).

Note: partita a porte chiuse. Penalità: 7 x 2' contro la Repubblica Ceca; 3 x 2' contro la Svizzera. Tiri: 26-28 (9-7, 10-9, 7-12). Svizzera senza Berra, Frick, Heldner, Mottet, Vermin (in soprannumero) e Rod (acciaccato). Repubblica Ceca senza portiere dal 55'28'' al 55'38''.

Risultati e classifiche

Girone A: Danimarca - Svezia 4-3, Gran Bretagna - Russia 1-7, Repubblica Ceca - Svizzera 2-5.
Classifica: 1. Russia 2/6. 2. Svizzera, Slovacchia e Danimarca 1/3. 5. Svezia, Bielorussia e Gran Bretagna 1/0. 8. Repubblica Ceca 2/0.

Girone B: Norvegia - Germania 1-5, Finlandia - Stati Uniti 2-1, Lettonia - Kazakistan d.r. 2-3.
Classifica: 1. Germania 2/6. 2. Lettonia 2/4. 3. Finlandia 1/3. 4. Kazakistan 1/2. 5. Stati Uniti, Canada, Norvegia e Italia 1/0.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved