HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
9985
2
LucHC Lions
9922
3
Sparta Becherovka
9622
4
thibault_gav
9531
5
FHM2223
9504
6
TrigoAce1
9466
7
Team Belozoglu
9431
8
Team7
9385
9
HC Kaski Male
9365
10
Poitu
9248
ULTIME NOTIZIE Sport
IL DOPOPARTITA
6 ore

Sono le situazioni a rendere speciale il ‘Rappi’

Un ottimo Lugano costretto alla resa dal powerplay sangallese. Gianinazzi: ‘Dobbiamo crescere in boxplay e stare alla larga dalla panchina’.
HOCKEY
8 ore

Il powerplay del Rapperswil è micidiale, Lugano battuto

La trasferta sangallese ha interrotto la striscia positiva dei bianconeri, sconfitti per 5-2 dagli uomini allenati da Stefan Hedlund
VOLLEY
9 ore

Sconfitto in campionato, il Lugano si rifà in Coppa

Le bianconere cedono strada all’Aesch Pfeffingen, prima di conquistare il biglietto per le semifinali nell’inedito derby con le ragazze di Bellinzona
BASKET
12 ore

La Coppa della Lega è della Spinelli Massagno

A Montreux si è imposta 73-69 contro il Vevey, grazie a una grande prova di Marko Mladjan, Williams e Galloway. Infortunio per Sefolosha
IL DOPOPARTITA
13 ore

L’Ambrì oltre i tre punti. ‘Abbiamo ritrovato la costanza’

I biancoblù rientrano da Langnau con tre punti d’oro sulla strada verso i preplayoff. ‘Ma restano altre 11 battaglie. Rüfenacht? Fisicamente è messo bene’
Calcio
13 ore

Acb, anno nuovo e problemi vecchi

Prestazione davvero deludente dei granata, sconfitti senza appello in casa dall’Yverdon (0-2)
Tennis
14 ore

Doppio colpo per Novak Djokovic

Il serbo a Melbourne fa suo il primo Slam dell’anno e riconquista la vetta dell’Atp. Fra le donne vince la bielorussa Sabalenka
Bob
15 ore

Bronzo mondiale per Vogt e Michel

A Sankt Moritz, nel bob a due, arriva la prima medaglia iridata per la Svizzera dal 2016
SCI ALPINO
17 ore

Mikaela Shiffrin si ferma a sei centesimi dal record di Stenmark

Nella Repubblica Ceca la statunitense chiude lo slalom alle spalle della tedesca Lena Dürr. Migliore elvetica, Michelle Gisin con il nono posto
Tennis
18 ore

Ventiduesimo Slam per l’insaziabile Djokovic

A Melbourne il serbo piega il greco Stefanos Tsitsipas in soli 3 set: 6-3, 7-6 (7/4), 7-6 (7/5)
Hockey
18 ore

Una giornata a Bristedt per la testata a Kovar

Lo svedese sanzionato dal giudice unico per l’intervento scorretto ai danni del ceco, sabato in Davos-Zugo. Punito anche Tanner per un fallo su Romanenghi
Sci
19 ore

Per Marco Odermatt, a Cortina è... ancora domenica

Il nidvaldese completa un weekend da favola: dopo il trionfo della vigilia, il 25enne concede il bis nel secondo superG
Hockey
1 gior

Tre punti d’oro per un affarone: l’Ambrì espugna Langnau

I biancoblù colgono un importantissimo successo nell’Emmental e fanno 4 su 4 contro i Tigrotti in stagione. Decisivo l’apporto della prima linea
CALCIO
1 gior

Aliseda all’ultimo respiro, il Lugano strappa un punto al Gc

Partita senza grosse emozioni che si chiude con un pareggio tutto sommato giusto e accettabile da entrambe le squadre
Basket
1 gior

Domati i Leoni ginevrini, Sam all’ultimo atto

A Montreux il Massagno di Robbi Gubitosa non stecca e si qualifica per l’ultimo atto di Coppa della Lega
Sci
1 gior

Shiffrin ancora davanti a tutte: 85esima vittoria per lei

La statunitense vince anche fra i paletti stretti di Spindleruv Mlyn e ora tallona Stenmark. Terzo posto per Wendy Holdener.
Tennis
1 gior

È Aryna Sabalenka la regina d’Australia

La bielorussa fa suo il primo Slam dell’anno. Battuta in finale, in tre set, Elena Rybakina al termine di una sfida durata due ore e mezza
Sci
1 gior

Rientro riuscito: Odermatt fa suo il primo superG di Cortina

Il nidvaldese non lascia scampo alla concorrenza. Ad accompagnarlo sul podio il norvegese Kilde (secondo a 35 centesimi) e l’italiano Casse
laR
 
29.04.2021 - 17:05
Aggiornamento: 17:51

‘Non sarò una prima scelta, ma anch'io ho le mie chance’

Agli ordini di Patrick Fischer, in lizza per un posto nella Nazionale che volerà a Riga c'è anche un determinato Inti Pestoni

non-saro-una-prima-scelta-ma-anch-io-ho-le-mie-chance
Con Untersander: compagni di club a Berna e compagni d'avventura a Cham (Keystone)

La convocazione l'ha un po' sorpreso. Ma Inti Pestoni è deciso più che mai a giocare fino in fondo le sue carte per garantirsi un posto per i Mondiali in Lettonia. «A dirla tutta, quando ho ricevuto la chiamata di Fischer, stavo già pensando alle mie vacanze – racconta il 29enne attaccante ticinese, reduce dalla sua seconda stagione con il Berna –. È stata una convocazione del tutto inaspettata, ma che ho accolto con molto piacere. E, soprattutto, con lo spirito giusto: non sto vivendo questo raduno col sentimento che sia un semplice bonus alla stagione, ma come un'occasione concreta di guadagnarmi un posto sul volo per Riga. Io ce la metterò tutta, proverò a fare il possibile per essere tra i selezionati». Se dovesse riuscirci, per lui sarebbe la prima partecipazione ai Mondiali con la Nazionale maggiore, a dieci anni di distanza dalla rassegna iridata giocata con la U20, negli Stati Uniti. «Certo, il Mondiale sarebbe un sogno per me, ma occorre anche essere realisti: qui a Cham, dove martedì è iniziata la prima fase di avvicinamento all'appuntamento iridato, ci sono altri giocatori tecnicamente con le carte in regola e con le medesime ambizioni delle mie. So benissimo di non essere la prima scelta, ragion per cui anche se alla fine non dovessi superare i tagli non sarebbe un dramma. D'altro canto sento di avere anch'io delle carte da giocare, e sono disposto a farlo fino in fondo: se sono qui è perché a questo obiettivo ci credo, non certo per spendere il mio tempo inutilmente». E fisicamente, come va? «Tra la fine della mia stagione a Berna e l'inizio del camp di Cham ho potuto staccare la spina per qualche giorno. È stata una stagione lunga, e logorante anche perché ricca di imprevisti, ma lo è stata un po' per tutti, per cui siamo tutti sulla stessa barca. Fisicamente non siamo ancora al cento per cento, ma le partite di preparazione che affronteremo in questi giorni ci daranno un colpo di mano per entrare nella giusta forma».

Domani il primo test dopo quasi un anno e mezzo

Il primo di questi test è in programma domani pomeriggio (alle 17.45) a Bienne, quando la Svizzera affronterà la Russia nella sua prima amichevole dopo oltre un anno di tregua forzata causa pandemia. «Tornare a respirare l'aria della Nazionale è sempre qualcosa di speciale. E lo è ancora di più ora, visto che per tutti si tratta del primo vero raduno da parecchio tempo. È sempre bello ritrovare vecchi compagni e amici al di fuori del contesto del campionato. Il clima che si respira è diverso...». E Fischer, cosa vi ha detto la prima volta che l'avete incontrato? «È stato subito chiaro con tutto il gruppo, dicendoci che non eravamo lì per partecipare ai Mondiali, ma per dare il massimo. Ed è appunto con questo sentimento che abbiamo iniziato da subito a lavorare a testa bassa. E chiaro, Fischer, lo è stato anche in fatto di obiettivo ultimo: a Riga ci andrà con una squadra costruita per fare più strada possibile, e che pertanto a noi sarebbe spettato il compito di dimostrare di meritarci un posto in questa squadra». Con i campionati oltre Atlantico in pieno svolgimento, i Mondiali in Lettonia rischiano di essere orfani di tutti i giocatori della Nhl, cosa che di fatto aumenta le chance di selezione per il gruppo che da qualche giorno sta lavorando a Cham agli ordini di Fischer: «Sì, e questo è un ulteriore stimolo per tutto il gruppo, come il fatto che proprio a causa della pandemia il contingente massimo di giocatori che ogni nazione potrà portare ai Mondiali sia stato ritoccato verso l'alto (massimo 28 giocatori anziché gli abituali 25): chi fa parte di questo gruppo ha davvero un'opportunità concreta di volare a Riga».

Il fatto che rispetto agli altri anni, l'avvicinamento al Mondiale sia concentrato tutto in un paio di settimane cambia qualcosa? «Sicuramente non è l'ideale, ma d'altro canto è un gruppo che bene o male gioca assieme da diversi anni. Non si tratta di trovare nuovi automatismi, ma di ripassare quelli collaudati negli anni passati. E il fatto che alla transenna ci sia già da diverse stagioni Fischer è un ulteriore vantaggio: ognuno sa qual è il suo modo di lavorare, e il tipo di hockey che predilige, improntato sulla velocità. In questo senso i problemi maggiori rischiano di averli quelle selezioni fresche di cambio alla guida tecnica».

Dopo un Mondiale casalingo cancellato l'anno scorso, si torna dunque a parlare di Mondiale. Anche se quello che andrà in scena dal 21 maggio al 6 giugno sarà un torneo ancora pesantemente segnato dalla lunga coda della pandemia, e non solo da quella, visto che per ragioni politiche la Iihf in extremis aveva deciso di togliere la co-organizzazione alla Bielorussia, dirottando tutte le partite a Riga, in Lettonia. Dove i giocatori vivranno e lavoreranno rigorosamente in un regime di ‘doppia bolla’, dispositivo analogo a quello che sta caratterizzando il post-season del nostro campionato. «Bene o male l'intera stagione è stata condizionata dal coronavirus. Sono mesi che conviviamo col concetto di ‘bolla’, più che mai nel post-season, per cui grossi problemi ad adattarci a questa nuova realtà ormai non dovrebbero più essercene. E non trovo nemmeno che questo svilisca il senso stesso della competizione: praticamente tutti i principali campionati, malgrado tutto, hanno avuto uno svolgimento più o meno regolare, per cui non vedo perché non andare fino in fondo e tentare di fare lo stesso anche con i Mondiali».

Dopo aver glissato sulla domanda concernente il futuro, che non sarà a Berna, Pestoni si sofferma sulla stagione delle squadre ticinesi: «Sul mio futuro non posso che ribadire ciò che ho detto parecchie volte: per ora non mi esprimo. Ora come ora resto concentrato sul presente. Ambrì e Lugano? Beh, l'Ambrì ha lavorato e lottato sodo per tutta la stagione, anche se in termini di risultati non è andata come in molti si sarebbero aspettati. Peccato, perché al tirar delle somme i biancoblù hanno mancato i pre-playoff per una manciata di punti, condizionati forse più di altre squadre dalla pandemia. Penso in particolare all'assenza di pubblico sugli spalti, perché quello dei leventinesi sa dare davvero la carica alla squadra. Il Lugano, invece, ha disputato un'ottima stagione regolare, salvo poi non trovare la stessa velocità di crociera nei playoff e finire prematuramente la sua corsa. Quello dei bianconeri è stato un epilogo di stagione che praticamente nessuno avrebbe pronosticato».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved