HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
LucHC Lions
1892
2
Faerjestad TS
1866
3
Drinkteam
1860
4
EHL Wolves
1838
5
KISS of DEATH
1801
6
HC KWAY
1787
7
AmStars
1786
8
Bidus
1786
9
H C LUPPOLO
1781
10
Rapid Mutzel 2
1780
ULTIME NOTIZIE Sport
HOCKEY
4 ore

Roman Josi grande protagonista a Berna con i suoi Predators

Il difensore elvetico ha firmato due reti e fornito un assist nella vittoria di Nashville nella sfida amichevole
CALCIO
6 ore

Un’indagine rivela abusi sistematici nel calcio femminile Usa

L’inchiesta è stata portata avanti dall’ex procuratrice generale Sally Yates che ha raccolto la testimonianza di oltre 200 giocatrici della Nwsl
CALCIO
7 ore

Gonzalo Higuain annuncia il ritiro

L’attaccante argentino, vicecampione del mondo 2014, chiuderà la carriera al termine della stagione di Mls con l’Inter Miami
CALCIO
10 ore

La settimana della verità per Gerardo Seoane

Il Bayer Leverkusen confrontato con il peggior inizio di stagione da 40 anni a questa parte. Il tecnico lucernese obbligato a vincere con Porto e Schalke
RALLY
11 ore

Quarto successo di Gilardoni nel Rally del Ticino

Dopo la tripletta tra il 2016 e il 2018, si è imposto con la moglie Chiara Giardelli quale copilota. ‘Una vittoria unica e speciale’
BMX
11 ore

Zoé Claessens chiude una stagione di successi

A Bogotá l’elvetica ha colto il terzo posto nella finale di Cdm. Nel 2022 ha conquistato il titolo europeo, l’argento mondiale e due successi in Coppa
CALCIO
11 ore

Anche 32 bambini tra le vittime del massacro di Malang

Delle 125 vittime, la più giovane aveva due o tre anni. Il governo indonesiano formerà una commissione d’inchiesta, molte Ong chiedono sia indipendente
Calcio
12 ore

Scontri allo stadio: quattro arresti e sedici perquisizioni

I fatti risalgono al 23 ottobre 2021 dopo la partita di calcio che opponeva l’Fc Zurigo e il Grasshopper e dove vi fu uno scambio di materiale pirotecnico
TENNIS
17 ore

Stan Wawrinka già eliminato dal Torneo di Astana

Lampo e buio (preciso solo nella prima mezz’ora di gioco) per il tennista elvetico, battuto per 6-1, 2-6, 3-6 da Adrian Mannarino
hockey
1 gior

Con cinismo e solidità l’Ambrì espugna Zugo

Le doppiette di Bürgler e Heim e il gol di Shore alla Bossard Arena, regalano ai biancoblù un weekend da cinque punti che li proietta al quarto posto
HCAP
1 gior

L’Ambrì giganteggia in trasferta: Zugo espugnata

Gli uomini di Luca Cereda hanno prevalso 5-4, doppiette per Spacek e Bürgler.
BMX FREESTYLE
1 gior

A Cadenazzo, Ducarroz e Sideris si confermano campioni

Riuscita la manifestazione organizzata da Swiss Cycling in collaborazione con l’associazione Freestyle Park Ticino
CALCIO
1 gior

Bellinzona tradito dai dettagli, lo Sciaffusa ringrazia

Granata sconfitti al Comunale (e i tifosi contestano la gestione del club). Inutile la rete di Pollero, determinante l’espulsione di Izmirlioglu
Calcio
1 gior

Prima vittoria casalinga stagionale del Lugano

I bianconeri, pur soffrendo, riescono a battere 1-0 il Servette
TENNIS
1 gior

A Sofia, Marc-Andrea Hüsler conquista il suo primo titolo Atp

Lo zurighese ha superato in due set il danese Holger Rune. In settimana sarà impegnato nell’Atp 500 di Astana da 61esimo giocatore del ranking mondiale
FORMULA 1
1 gior

La Red Bull si consola con il trionfo di Sergio Perez

Solo settimo, Max Verstappen non ha potuto festeggiare il suo secondo titolo mondiale. Il messicano davanti a Leclerc e Sainz
BASKET
1 gior

La stagione inizia nel segno della Spinelli

Massagno ha nettamente sconfitto i Lugano Tigers nel primo derby. Gli uomini di Montini hanno retto soltanto nei minuti iniziali
BMX
1 gior

Zoé Classens di nuovo sul podio

In Colombia la vodese chiude per la quarta volta in stagione nei primi 3
laR
 
20.04.2021 - 18:32

‘Dobbiamo ritrovare fiducia, e crederci fino alla fine’

Per il Lugano la situazione è delicata, ma la rimonta è possibile. Morini: ‘Le cose possono ancora cambiare, e farlo velocemente’

dobbiamo-ritrovare-fiducia-e-crederci-fino-alla-fine
'Nei playoff conta la vittoria, indipendentemente dalla prestazione personale' (Keystone)

Sono scure le nubi che si addensano sopra la Cornèr Arena. In un cielo sereno ma sinistramente ingrigitosi dopo la sconfitta di gara 4, che complica, e non di poco, la missione del Lugano, ora costretto a vincere una dopo l'altra le prossime tre partite con il Rapperswil per staccare il biglietto per le semifinali. Senza mettere piedi in fallo, perché al primo passo falso, il sipario stagionale calerà in maniera definitiva. Se già alla viglia della partita di lunedì, il compito per gli uomini di Pelletier era in salita, ora lo è più che mai...

Che la situazione sia complicata non ne fa mistero Giovanni Morini: «A questo punto per noi sono tutte partite a eliminazione diretta: sappiamo qual è la posta in gioco e sappiamo anche che non abbiamo più margine di errore». Guardando al passato, il Lugano non è comunque nuovo a situazioni simili. Tre anni fa, ad esempio, nella semifinale col Bienne i bianconeri si erano ritrovati sotto 0-2 nella serie, e 0-3 nel parziale di gara 3, prima di risorgere e imporsi 4-2. E, prima ancora, impossibile non citare la 'remuntada' nel derby dei quarti di finale dal parziale di 0-3 nella serie al 4-3, nell'anno dell'ultimo titolo vinto dal Lugano (2005/06). «Il fatto di esserci già ritrovati in situazioni analoghe e di aver saputo mantenere i nervi saldi per uscirne vittoriosi ci dà la giusta carica per affrontare questo delicato momento. Ne abbiamo parlato pure nello spogliatoio, anche perché alcuni dei miei attuali compagni (Sannitz e Chiesa, ndr) quell'impresa contro l'Ambrì Piotta la vissero in prima persona. E allora, agli occhi della gente la situazione in cui ci trovavamo era ancora peggio di quella attuale. Per cui sì, siamo sull'orlo del baratro, ma non dobbiamo farci prendere dal panico: sappiamo cosa c'è da fare e sappiamo pure come farlo; tocca a noi eseguirlo sul ghiaccio. Non da ultimo, nell'hockey di esempi di serie ribaltate ce ne sono parecchi». Come quella fra lo Zugo e lo stesso Rapperswil dell'anno successivo, il 2006/07, con gli svizzerocentrali capaci di eliminare i sangallesi dopo che questi ultimi si erano portati sul 3-0 nella serie di quarti di finale... «Stringi stringi, nei playoff è tutta una questione di 'momentum'. Quello che finora ha avuto dalla sua parte il Rapperswil. Bastano però un paio di episodi affinché il vento cambi completamente direzione, e anche piuttosto in fretta. Ora è necessario fare in modo che questi episodi si verifichino».

Dopo averci dormito su una notte, che sensazioni ti ha lasciato gara 4? «Sapevamo tutti dell'importanza di quella partita, ragion per cui abbiamo provato a mettere tanta intensità fin da subito, sia a livello di collettivo, sia con la mia linea. Penso che, al di là di tutto, siamo riusciti anche a farlo bene, creandoci pure qualche occasione.  È stata la dimostrazione che nei playoff è anche questione di attitudine e di mentalità: bisogna iniziare le partite con la giusta intensità, il resto viene di conseguenza». Una rete martedì e una anche sabato: sul piano personale, sebbene sia una magra consolazione, le cose non sono andate male per il numero 23 del Lugano. Ma se Morini quello step per passare in modalità playoff lo ha fatto, altrettanto non si può ancora dire per diversi altri elementi: «Siamo sull'1-3 nella serie, di conseguenza i fatti dicono che no, quello step, come squadra, finora non siamo effettivamente riusciti a farlo. Al di là di questo, i risultati personali nei playoff non contano nulla: se dessi importanza a questi, probabilmente starei nel posto sbagliato e praticando lo sport sbagliato. I playoff sono una questione di squadra, dove l'ego personale non deve avere spazio. Qui l'unica cosa che conta è vincere, indipendentemente dalle prestazioni personali». Comunque sia, appunto, non è ancora troppo tardi per fare quel famoso step... «No, assolutamente. Le cose possono ancora cambiare, e possono farlo in modo repentino. Adesso siamo con le spalle al muro, per cui dobbiamo provarci con tutte le nostre forze in gara 5, oppure mai più...».

Di cosa avete più bisogno in questo momento? «Soprattutto di fiducia. Penso che non ce ne sia a sufficienza ora come ora, soprattutto nel nostro gioco. A volte abbiamo come l'impressione di essere troppo spaventati anche dalla semplice idea di giocare a hockey. Si parla di battaglie, di intensità in partita, ma è pur sempre un gioco, e come tale ha bisogno di divertimento, di un pizzico di incoscienza che ti permetta quella giocata anche non semplice, ma non certo di paura. Per cui da gara 5 sarà imperativo tornare a giocare in maniera solida, lasciando però spazio pure alla creatività».

Hnat Domenichelli

Pelletier resta dov'è: ’Assieme si vince, assieme si perde’

Avanti con Pelletier fino alla fine. Lo dice, senza mezzi termini, Hnat Domenichelli, sgomberando il campo da ogni supposizione dopo che la notizia del suo possibile allontamento alla vigilia di gara 5 era iniziata a circolare. «Alcuni media hanno fatto supposizioni in questo senso, ma non è la verità: andiamo avanti con l'attuale staff tecnico – chiarisce il direttore sportivo del Lugano –. Siamo una squadra, nella vittoria e nella sconfitta. Certo, siamo in una situazione delicata in questa serie, che ci vede sotto 1-3, e di questo ne ho parlato stamattina tanto con i tecnici quanto con i giocatori, ma non siamo ancora spacciati. Andiamo avanti come un gruppo unito, lo stesso che in questi mesi ha lavorato duramente, anche se le ultime tre partite non sono andate bene. Nonostante ciò non siamo appunto ancora morti; ora da ognuno mi aspetto una grande reazione. Io credo nei nostri mezzi, credo che tutti ci proveranno, si sforzeranno di dare il meglio di sé in gara 5. Non è nostra intenzione separarci dall'allenatore nel bel mezzo di una serie: questo gruppo resta unito, nei buoni quanto nei cattivi tempi, e assieme lotteremo fino alla fine. Questo non è il momento per puntare il dito contro qualcuno. Per il quinto atto di questa serie Serge sarà al suo posto come d'abitudine, con Paul (DiPietro) e Rob (Cookson) al suo fianco, impegnato come sempre a far sì che in pista ci vada la miglior squadra possibile. Non so se alla fine riusciremo a raddrizzare la serie, ma so che ci proveremo, che i ragazzi faranno di tutti per onorare l'Hockey Club Lugano».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved