l-ora-dell-ultimo-giro-di-pista-e-arrivata
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
Maxim la biere
9121
2
TrigoAce1
9029
3
25 Francs trop cher
8535
4
Iselis Punktebuebe
8520
5
Wild Hogs
8335
6
BalaBala
8324
7
Team Gobbi
8263
8
TrigoAce2
8260
9
ADTC
8231
10
Gep Flyers II
8229
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
4 ore

È la fine del Sonderfall Ticino. ‘Siamo stati ascoltati’

Lugano e Ambrì non sono più un’eccezione nel panorama nazionale. Marco Werder: ‘C’è felicità per una decisione che ricrea equilibrio con gli altri club’
Hockey
5 ore

Ad Ambrì senza limitazioni per l’anniversario di Coppa

In una pista di nuovo piena e gli spalti aperti, sabato contro il Davos i biancoblù celebreranno lo storico successo ottenuto nel gennaio 1962 sul Villars
Hockey
5 ore

‘Niente è scontato finché non hai la conferma in tasca’

Dodici anni dopo Sannitz, con Fora (e Simion) il Ticino torna a calcare la ribalta del torneo olimpico maschile di hockey
CALCIO
8 ore

Campana fa le valigie e torna al Wolverhampton

Il giovane ecuadoriano lascia il Grasshopper deluso dal poco tempo di gioco trovato in maglia biancoblù. Per lui, 15 presenze e tre reti
HOCKEY
8 ore

Recuperi: il Lugano in febbraio, l’Ambrì in marzo

Fissate le date di sei incontri. Bianconeri a Rapperswil il 23, biancoblù in casa con il Friborgo l’8 e a Berna il 9
CALCIO
9 ore

Giro di vite della Fifa contro i prestiti di giocatori

A partire dal primo luglio entrerà in vigore un nuovo regolamento che limiterà il numero di calciatori che ogni anno posono essere girati a un altro club
TENNIS
9 ore

La calma olimpica di Daniil Medvedev

Agli Australian Open, il russo riesce a spegnere il fuoco appiccato nel terzo set da Nick Kyrgios. Fuori i britannici Murray e Raducanu
SCI ALPINO
9 ore

Nils Hintermann in evidenza sulla Streif

Lo zurighese ha chiuso la seconda discesa di prova al terzo posto. In campo femminile Lara Gut-Behrami quinta nel primo allenamento a Cortina
Tennis
11 ore

Djokovic, espulsione legittima: rischio emulazione per i no-vax

La Corte federale australiana ha pubblicato le motivazioni della decisione. Per i giudici, con la sua notorietà poteva indurre i fan a non vaccinarsi
Hockey
13 ore

Steve Moses resta ad Ambrì, Cajka va a Rapperswil

Ridiscussi i termini del prestito dell’attaccante americano. Il club segnala l’infortunio al ginocchio a Cédric Hächler
Olimpiadi
18 ore

Boicottaggi e sport ai Giochi e non solo

Olimpiadi e politica, una storia senza fine. A Pechino 22 la ritorsione sarà solo diplomatica
Sci
18 ore

La sua Vlhova fa faville, ‘ma la Fis rispetti di più le atlete’

Mauro Pini: ‘Il circuito femminile sembra la ruota di scorta. La coppa di slalom? Contenti, non appagati’. E poi Olimpiadi, pandemia e Marco Odermatt.
Calcio
1 gior

Confermati i nove anni inflitti a Robinho

La Cassazione giudica inammissibile l’istanza avanzata dai legali del calciatore brasiliano. Fu stupro di gruppo
Gallery
Pallanuoto
1 gior

Sharks in vasca con umiltà e grinta

I luganesi ai blocchi di partenza del campionato con alcune novità. Argentiero: ‘Non siamo tra i favoriti, ma vogliamo rendere la vita difficile a tutti’
SCI ALPINO
1 gior

Cambio di programma a Kitzbühel, la libera spostata a domenica

Le forti precipitazioni nevose hanno costretto ad anticipare a sabato lo slalom. Rimane in calendario la prima discesa di venerdì
CALCIO
1 gior

Marchesano tra i candidati della Swiss Football Night

Il ticinese dello Zurigo tra i finalisti per il titolo di miglior giocatore della Super League. Il 27 gennaio la cerimonia di premiazione
Hockey
 
03.04.2021 - 05:200
Aggiornamento : 05.04.2021 - 17:17

L’ora dell’ultimo giro di pista è arrivata

Oggi il Davos, lunedì il Friborgo. Dopodiché la Valascia chiuderà per sempre i battenti.

a cura de laRegione

Meno due. No, non è la temperatura stimata dai meteorologi per il weekend ad Ambrì, ma quanto indica il conto alla rovescia della Valascia. Arrivata appunto agli ultimi capitoli della sua gloriosa storia: le ultime due partite. All'appello mancano quella di questa sera contro il Davos e quella di lunedì pomeriggio contro il Friborgo, dopodiché calerà il sipario sulla stagione 2020/21 dell'Ambrì Piotta. E pure quello, definitivo, su quella che per oltre ottant'anni è stata la casa dei biancoblù. 

Un commiato lungo un weekend che gli uomini di Luca Cereda, ormai tagliati fuori dai giochi per un posto nei pre-playoff, sperano di dare nel migliore dei modi, rinnovando l'appuntamento con un successo che manca loro da quattro partite, ossia dalla vittoriosa trasferta di Zugo. Svuotato di significato ai fini della classifica, il doppio appuntamento alla Valascia a cavallo di Pasqua sarà comunque carico di significati ed emozioni. Emozioni che lo stesso tecnico cerca di mettere in parole: «Ci siamo, il momento del commiato, quello di chiudere definitivamente le porte della Valascia alle nostre spalle è arrivato. Ma non è che il pensiero che sarei stato io l'allenatore a cui sarebbe spettata questa incombenza, che mi ha accompagnato per tutta la durata della stagione, mi abbia gravato di particolari pressioni, di certo non più di quelle date dalla consapevolezza di avere nelle mani, unitamente a quelle del direttore sportivo Paolo Duca, il destino di una società che si porta dietro oltre ottant'anni di storia e tradizione. È però vero che in cuor nostro c'era la volontà, oltre che la speranza, di onorare al meglio l'ultima stagione della Valascia, volontà in parte mitigata dal fatto che il pubblico per gran parte di essa è dovuto restarsene fuori a causa dell'emergenza sanitaria. Questo ha reso ancora più triste il lungo, e peraltro annunciato, commiato. Comunque fosse andata a finire sul piano prettamente sportivo, in presenza del pubblico, questo weekend alla Valascia si sarebbe vissuta tutta un'altra atmosfera, perché lo stadio, per come lo vedo e lo vivo io, è prima di tutto un luogo dove condividere le emozioni. E questo weekend di emozioni, al di là dell'esito puramente sportivo di queste ultime due partite o dell'intera stagione, ce ne sarebbero sicuramente state tante. Se mi metto nei panni del tifoso, il fatto di non poter salutare un'ultima volta la Valascia guardando l'hockey, magari intonando La Montanara dagli spalti, è un po' come lasciare indietro qualcosa di incompiuto. Questo, in fondo, è il mio rammarico più grande legato a questa complicata stagione».

Il primo gol non si scorda mai

E tu, che rapporto hai avuto in questi anni con la Valascia? «È stata un po' come la mia seconda casa, è la cosa che mi viene più naturale da dire pensando a questa pista, visto tutto il tempo che ci ho trascorso, e per il fatto di averci vissuto tante esperienze. Ci ho messo piede per la prima volta da bambino, nei panni di un giovanissimo tifoso, accompagnato da papà e mamma. Poi, da adolescente, l'ho frequentata come giocatore del vivaio biancoblù, e in seguito come giocatore della prima squadra. Poi, finita la carriera di giocatore, ci sono tornato prima nei panni di allenatore del settore giovanile e infine di quello della prima squadra...». Come te la ricordi la pista ai tempi in cui vestivi i panni del giocatore? «Beh, già a quei tempi la Valascia mostrava tutti i suoi limiti strutturali. Negli anni si è comunque cercato di correre ai ripari mettendo qualche cerotto a destra e sinistra, ma sicuramente già a quei tempi c'erano tante cose che erano limitanti. Non tanto nel lavoro, perché quello anche oggi, bene o male, si può portare avanti, quanto per gli spazi e il confort».

Il ricordo più bello legato alla Valascia l'hai avuto da giocatore, da allenatore o da tifoso? «Da giocatore, ed è il mio primo gol su questa pista: lo segnai in un derby, poi finito 1-1 (era il 29 settembre 1998: per Cereda, alla sua quarta partita in biancoblù, gol segnato su assist di Demuth, come riportano le statistiche di Brenno Canevascini, ndr). Questo è indubbiamente il ricordo più forte che mi lega alla Valascia, ma poi ci sono tanti altri momenti che mi tornano alla mente, dentro e fuori dal ghiaccio, come le prime volte in curva da adolescente con i compagni... Il bello delle emozioni è che possono sopravvivere a tutto: l'anno prossimo la Valascia non ci sarà più, ma i ricordi non ce li toglie nessuno».

L'ultimo weekend - Goi torna a disposizione, Ngoy in dubbio

Sebbene svuotate del loro significato ai fini della classifica, le ultime due partite della stagione per l'Ambrì Piotta saranno cariche di altri significati. «Ed è per questo che chiedo a tutti il solito massimo impegno, restando concentrati sul presente. Cerchiamo di chiudere il campionato, e la storia dell'Ambrì Piotta, nel miglior modo possibile, ossia cercando di rendere onore a chi è passato prima di noi su questa pista, nei panni di giocatore, di membro dello staff o di tifoso. E anche quale segno di rispetto per chi, causa forza maggiore, non potrà esserci a questo ultimo saluto alla Valascia. Per noi, quello di essere chiamati a scrivere l'ultima pagina del libro della gloriosa Valascia è un privilegio, che merita di essere ripagato con una prestazione all'altezza, ed è quanto appunto chiedo ai ragazzi. Non tanto in fatto di risultati, o non forzatamente, ma per attitudine».

Per l'ultimo weekend stagionale Cereda potrà nuovamente contare su Goi, mentre da valutare sono le condizioni di Ngoy, ieri ammalato.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved