Genoa
0
Milan
3
fine
(0-2)
Sassuolo
2
Napoli
2
fine
(0-0)
CACIC N./DJOKOVIC N.
2
GOLUBEV A./NEDOVYESOV A.
1
fine
(6-2 : 2-6 : 6-3)
Langenthal
3
Visp
2
fine
(1-0 : 0-2 : 2-0)
Genoa
0
Milan
3
fine
(0-2)
Sassuolo
2
Napoli
2
fine
(0-0)
CACIC N./DJOKOVIC N.
2
GOLUBEV A./NEDOVYESOV A.
1
fine
(6-2 : 2-6 : 6-3)
Langenthal
3
Visp
2
fine
(1-0 : 0-2 : 2-0)
lugano-ai-playoff-in-rimonta
Fazzini cerca di farsi largo (Ti-Press)
+4
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
6581
2
HC Aspi Capitals
6184
3
LHC Bombers
6083
4
Metallurg Bangitonov
6064
5
Maxim la biere
6032
6
25 Francs trop cher
5981
7
Iselis Punktebuebe
5961
8
praratoud 2
5956
9
SPARTAK JACK
5923
10
Wild Hogs
5902
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
1 ora

Si ferma a Berna con l’Yb la serie positiva del Lugano

Bianconeri avanti alla pausa grazie alla punizione di Lovric, ma poi ripresi e superati da un rigore fiscale e dalla doppietta di Kanga.
Hockey
1 ora

Nummelin e il ritorno a Lugano. ‘Ma non per battere Ton’

L’indimenticato ‘folletto’ in visita alla Cornèr Arena. Quattro chiacchiere con colui che in dieci anni divenne un idolo della Nord
Tennis
2 ore

Peng Shuai, la Wta non ci sta e ferma i suoi tornei in Cina

Il presidente dell’associazione che gestisce il circuito mondiale femminile ha comunicato la decisione presa per ribadire il suo supporto alla tennista.
Sci
3 ore

TiSki a capofitto e senza paura nella nuova stagione

La Federazione ticinese ha presentato le novità in vista di un inverno che sarà ancora condizionato dalla pandemia: ‘Ma noi siamo pronti ad adattarci’
Hockey
7 ore

Hc Lugano, Elia Riva bianconero fino al 2024

Domenichelli: ‘Siamo molto felici di poter contare su Elia anche nel futuro Lugano che stiamo costruendo insieme al nostro staff tecnico’
Pugilato
8 ore

La boxe torna ad Ascona con dieci incontri ‘olimpici’

Sabato sul ring del Bca una squadra formata da cinque pugili del Boxe Club Ascona rinforzata da cinque colleghi del Bc Riazzino
La conferenza
8 ore

L’importanza di un piano B

Serata tematica venerdì 10 dicembre sull’importanza di conciliare lo studio con lo sport professionistico
Calcio
10 ore

Lo Young Boys può recarsi a Manchester

Il club giallonero ha ricevuto un’autorizzazione speciale dalle autorità cantonali bernesi per evitare la quarantena di rientro dall’Inghilterra
Hockey
10 ore

Torneo di Visp, la Norvegia sostituisce la Russia

Il Quattro Nazioni vallesano di metà dicembre accoglie quindi la Norvegia che affiancherà Svizzera, Slovacchia e Lettonia
hockey
12 ore

Yakovenko e Lööv prolungano a Bienne

I due difensori stranieri hanno protratto il contratto per tre rispettivamente due stagioni
volley
13 ore

Caixeta e Hiruela lasciano il Lugano

Rescissione contrattuale tra le due giocatrici e la società alle prese con una grave crisi di risultati
Vela
13 ore

Alinghi torna in Coppa America nel 2024

Lo riferiscono i media neozelandesi. Il team svizzero ha pagato la tassa d’iscrizione per competere nella 37esima edizione della gara nel 2024
Hockey
01.04.2021 - 22:020
Aggiornamento : 23:07

Lugano ai playoff in rimonta

Dopo un avvio imballato, i bianconeri escono alla distanza e nel terzo tempo travolgono il Langnau: alla Cornèr Arena finisce 7-3

Ci fosse stato il pubblico, alla prima pausa, con tutta probabilità, il Lugano avrebbe riguadagnato gli spogliatoi sotto una salva di fischi. Perché contro l'ultima della classe, reduce per giunta da nove sconfitte consecutive, gli uomini di Pelletier si fanno letteralmente sorprendere e sopraffare nel punteggio. Che cambia la sua forma già al primo affondo dei bernesi, in rete con Sturny dopo nemmeno un minuto di gioco. Mentre il Lugano denota poco mordente, la formazione di Franzén (orfana di stranieri!) fa quasi tutto ciò che vuole. E dopo un palo colpito da Neukom con Schlegel battuto, arriva anche il raddoppio ospite, stavolta a firma di Flavio Schmutz. Nel finale di un primo tempo da incubo per il Lugano la formazione ospite sfiora pure la clamorosa terza rete: negato solo dal provvidenziale salvataggio di Loeffel, che spazza via il disco scagliato da Andersons e non trattenuto dall'estremo difensore prima che oltrepassi la linea rossa. Sul fronte opposto l'unico vero sussulto se lo procura Arcobello ancora sullo 0-1, ma Zaetta si rivela più bravo del topscorer bianconero, sventando la minaccia col gambale.

 Nella pausa, Serge Pelletier deve aver fatto tremare i muri dello spogliatoio, perché al rientro, il Lugano mostra segni di risveglio. Ma due penalità quasi consecutive non consentono ai bianconeri di trovare subito la giusta carburazione. Poi, poco dopo metà partita, arriva finalmente la prima rete dei padroni di casa, a firma di Walker. Subito dopo però Sturny, con i suoi in inferiorità numerica stacca tutti e punta dritto a rete, costringendo Herburger al fallo d'ermegenza: rigore, che Blaser però manca. Al 36'50" Sannitz ha sul bastone l'occasione dell'agognato pareggio, ma il numero 38 dei bianconeri conclude sopra la traversa. Sulla ripartenza Schlegel compie un doppio miracolo s tu per tu con Julian Schmutz. Alla seconda pausa si va dunque sul risultato di 1-2.

La lunga rincorsa finisce al 43'32"

Le lunghezze di vantaggio del Langnau tornano a essere due dopo 36 secondi dal rientro sul ghiaccio dopo la pausa: stavolta a fare centro per gli ospiti, con un preciso tiro che s'infila nell'angolino alto, è Huguenin. Ma appena 25 secondi più tardi Herbureger riporta suotto i suoi 2-3. E quando Andersons si fa mandare fuori per due minuti, Fazzini infila alle spalle di Zaetta il disco dell'agognato pareggio: la lunga rincorsa, iniziata al 48esimo secondo finisce lì, al 43'32". Ma non la partita, che da lì al termine vede il Lugano salire in cattedra e trovare al 48'20" il primo vantaggio della serata con Loeffel (in superiorità numerica) e subito dopo anche il 5-3 con Vedova. Leeger commette poi una leggerezza di troppo nel suo settore difensivo, facendosi soffiare il disco da Morini, che lo manda sul bastone di Fazzini per il 6-3. E ancora il numero 17 del Lugano, in doppia superiorità numerica firma poi la tripletta personale, dando al punteggio la sua forma definitiva: 7-3.

Lugano - Langnau (0-2 1-0 6-1) 7-3

Reti: 0'48" Sturny (Julian Schmutz) 0-1. 13'53" Flavio Schmutz (Sturny/esp. Lardi!) 0-2. 30'18" Walker (Nodari) 1-2. 40'36" Huguenin 1-3. 41'01" Herburger (Josephs) 2-3. 43'32" Fazzini (Loeffel, Herburger/esp. Andersons) 3-3. 48'20" Loeffel (Morini/esp. Flavio Schmutz) 4-3. 50'10" Vedova 5-3. 54'42" Fazzini (Morini/esp. Julian Schmutz) 6-3. 57'41" Fazzini (Arcobello, Heed/esp. Blaser e Lardi) 7-3.

Lugano: Schlegel; Heed, Wellinger; Loeffel, Chiesa; Nodari, Wolf; Riva; Bürgler, Arcobello, Fazzini, Morini, Suri; Lammer, Herburger, Josephs; Walker, Sannitz, Zangger; Vedova.

Langnau: Zaetta; Blaser, Leeger; Erni, Huguenin; Bircher, Lardi; Grossniklaus; Berger, Weibel, Neukom; Julian Schmutz, Flavio Schmutz, Sturny; Dostoinov, Melnalksins, Andersons; Petrini, In-Albon, Wenger.

Arbitri: Wiegand, Dipietro; Dominik Schlegel, Wolf.

Note: partita a porte chiuse. Penalità: 4 x 2' contro il Lugano; 9 x 2' contro il Langnau. Tiri: 47-22 (6-9, 18-8, 23-5). Lugano privo di Lajunen, Bertaggia, Traber (infortunati), Brennan (straniero in soprannumero), Haussener, Romanenghi e Antonietti (in soprannumero); Langnau senza Earl, Nilsson, Rüegsegger, Salzgeber, Kuonen, Schilt, Diem (tutti infortunati), Maxwell, Punnenovs e Glauser (ammalati). Al11'47" palo di Neukom. Al 31'54" Blaser sbaglia un rigore. Premiati a fine partita, quali migliori in pista, Luca Fazzini e Jules Sturny.

HOCKEY: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved