SJ Sharks
5
CAL Flames
3
fine
(1-2 : 3-1 : 1-0)
SJ Sharks
5
CAL Flames
3
fine
(1-2 : 3-1 : 1-0)
adesso-e-ora-di-girare-quell-interruttore
Cercando la modalità playoff (Ti-Press)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
7027
2
HC Aspi Capitals
6404
3
Wild Hogs
6378
4
Maxim la biere
6364
5
25 Francs trop cher
6351
6
LHC Bombers
6327
7
Iselis Punktebuebe
6323
8
SPARTAK JACK
6312
9
TrigoAce2
6272
10
BLACKHAWKS-MAF_miguelpiccand
6265
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
9 ore

Un brutto secondo tempo condanna l’Ambrì

La compagine leventinese chiude in vantaggio la prima frazione, ma incassa cinque reti nel periodo centrale e viene superata 6-5 dal Langnau
Hockey
12 ore

L’Ambrì senza Conz per almeno un mese

Il portiere ha subito un infortunio a causa di uno scontro nel corso della partita casalinga disputata sabato scorso contro gli ZSC Lions.
Basket
14 ore

È di nuovo tempo di Olympic-Sam, ma stavolta in Coppa

Domani, per gli ottavi di finale, il Massagno rende visita al Friborgo nella replica del big-match di domenica. Lugano ospite del Morges
Hockey
16 ore

National League e Swiss League impongono il 2G

Per assistere alle partite sarà necessario essere vaccinati o guariti dal Covid–19
Hockey
19 ore

Hcap, 2G per tutte le partite casalinghe

Alla Gottardo Arena potranno accedere solo i tifosi vaccinati o guariti
Hockey
1 gior

‘Occasione ghiotta per tornare a vincere’

Zaccheo Dotti lancia la sfida al Langnau. ‘Le prestazioni ci sono, la differenza la fanno i dettagli’
Hockey
1 gior

Kristian Pospisil al Davos

Il 25enne nazionale slovacco arriva nei Grigioni proveniente dai campioni di Finlandia del Lukko Rauma
Gallery
Nuoto
1 gior

‘Svizzeri’ a squadre, sul podio Lugano e A-Club

Ai Campionati giovanili di Losanna quarto posto per la Turrita. Quinta la Nuoto Sport Locarno, ottavi i ragazzi di A-Club. Al femminile, ottava la Num
Minifootball
1 gior

Due su due per il Trevano e primato in classifica

Battuto anche il Kriens: i luganesi comandano la Prima Lega. Coach Demartini: ‘Ma non rilassiamoci: pensiamo già alla prossima sfida’
Gallery
Taekwondo
1 gior

Campionati svizzeri, bottino pieno per il Summit Lugano

Nel Kiorugi (combattimento olimpico) oro per Luca Tesanovic, campione svizzero juniores -63 kg; bronzo per il fratello Danilo fra gli élite -68 kg
l’angolo delle bocce
1 gior

Battute finali nella Coppa Ticino

Le semifinali vedranno di fronte da un lato Torchio-Agno e Ideal-Sb Lugano, dall’altro Riva San Vitale-San Gottardo e Gerla-Chiodi/Montagna
Gallery
Calcio
1 gior

Young Boys, vincere e sperare. Proprio come il Milan

Per accedere agli ottavi di Champions League i campioni svizzeri devono battere il Manchester United e sperare che il Villarreal superi l’Atalanta
Giornalisti sportivi
1 gior

Dall’Atsg 10’000 franchi a favore di Aiuto Sport Ticino

Premio Giuseppe Albertini a Giotto Morandi del Grasshopper, riconoscimento al Merito sportivo a Enzo Filippini e Boris Angelucci
Tiri liberi
1 gior

La triste coperta corta delle Tigri bianconere

La scialba prova contro il Monthey ha messo una volta di più a nudo i limiti di un Lugano costretto a... fare le nozze coi ‘fichi secchi’
Hockey
 
31.03.2021 - 16:460

‘Adesso è ora di girare quell'interruttore’

Contro il Langnau, il Lugano di Mark Arcobello cerca il ticket per i playoff diretti.‘Ma puntiamo anche al secondo posto’

«La sconfitta con il Losanna? Niente di grave, nel senso che prima o poi era logico che la nostra striscia positiva si interrompesse – tiene a sottolineare Mark Arcobello –. Sono cose che capitano; sarebbe del resto stato utopico sperare di vincere ogni singolo match da qui alla fine della stagione regolare. Prima di quella partita ne avevamo vinte altre otto, e perciò, nel suo assieme, il bilancio delle ultime settimane è sicuramente molto positivo. Non dobbiamo rifarci unicamente all'ultima partita scordandoci quanto avevamo fatto prima di quella, ma considerare l'intero contesto. Certo, sarebbe stata una cosa grandiosa battere i vodesi, ma va bene anche così: non siamo riusciti a centrare quel successo che ci avrebbe garantito il biglietto per i playoff, ma davanti a noi abbiamo altre tre possibilità per farlo; sotto con il prossimo avversario dunque».

Niente campanelli d'allarme insomma per una sconfitta contro un avversario diretto in classifica: «No, affatto. Siamo una buona squadra, e lo abbiamo più volte dimostrato, ma anche il Losanna lo è, e non l'abbiamo scoperto solo martedì. Quella dell'altra sera è stata una partita intensa e tirata dall'inizio alla fine. Alla fine l'hanno spuntata i nostri avversari, ma con un pizzico di fortuna in più avremmo anche potuto festeggiarlo noi il successo. Ma, appunto, è acqua passata: davanti a noi c'è un altro impegno, e adesso è questa sfida quella che più conta per noi».

Avversario che porta il nome di Langnau, battuto tre volte in stagione in altrettante sfide e, soprattutto, ultimo della graduatoria e reduce da nove sconfitte consecutive: sulla carta il pronostico è a senso unico... «Diciamo che è il nostro assist per assicurarci un posto nei playoff, anche se non dobbiamo pensare tanto a chi ci starà di fronte la prossima partita, ma restare concentrati sul nostro gioco, cercando di applicare il nostro sistema, e di farlo nel modo più semplice possibile. Eppoi non dobbiamo guardare alla classifica e credere a facili pronostici: questa stagione ha più che mai insegnato che ogni squadra ha i mezzi per battere le altre, anche l'ultima della classe al cospetto del leader. È comunque vero che partiamo in una posizione ideale, a cominciare dal fatto che giochiamo in casa, dove vantiamo un buon rendimento».

Guardando alle statistiche stagionali, con una media di tre reti incassate a partita, il Lugano occupa il quarto posto assoluto (solo Losanna, Zugo e Ginevra, nell'ordine, hanno una media inferiore a quella dei bianconeri), ma se prendiamo in considerazione le ultime tre partite, le reti subite dai bianconeri sono complessivamente 12: 4 nel derby, 5 a Davos e 3 contro il Losanna. Preoccupato da questa tendenza al rialzo alla voce reti subite? «Non particolarmente, o, almeno, non ritengo sia un dato che stia a indicare che effettivamente ci sia un problema in difesa. Ciò che conta davvero è riuscire a segnare un gol in più dell'avversario: se lui ne fa cinque, beh, allora devi cercare di contabilizzarne almeno sei. È però vero che non puoi sperare di farne così tanti ogni volta, e, comunque, stiamo lavorando per aggiustare un po' le cose in retrovia, sia nel gioco di copertura, sia nel boxplay».

Quindi, pensando ai playoff, c'è ancora da lavorare in casa Lugano? «Ci stiamo avvicinando alla forma ideale per affrontare il post-season; nelle ultime settimane abbiamo fatto importanti passi avanti, ma non ci siamo ancora. Di certo saremo ancora migliori quando avremo recuperato alcuni nostri giocatori chiave tutt'ora infortunati». E tu, ti senti pronto per quanto succederà da qui a una settimana o poco più? «Sto cercando di entrare in modalità playoff, soprattutto a livello mentale. Il fatto che queste ultime partite di stagione regolare siano tutte importanti ai fini della classifica, in questo senso, aiuta a trovare lo spirito giusto per affrontare il post-season. Ma adesso è davvero il momento di 'girare quell'interruttore’». Operazione che in una stagione particolare come questa potrebbe anche risultare più difficile del solito? «Beh, questa è una stagione complicata per un sacco di cose, influenzata da non pochi fattori esterni e distrazioni, ma bene o male siamo tutti sulla stessa barca: solo i playoff diranno chi ha saputo non farsi troppo influenzare da tutti questi eventi».

Al termine della regular season mancano all'appello tre partite. Nell'ordine, Langnau, Rapperswil e Ginevra: obiettivo nove punti? «Più che i punti, puntiamo alla classifica: siamo ancora in corsa per il secondo posto, ed è quello a cui aspiriamo». Un secondo posto che verrà attribuito in base alla media di punti a partita, anziché quelli complessivi, vista l'impossibilità di disputare il medesimo numero di partite: una complicazione in più... «A vederla da fuori può sembrare una banalità, ma questa situazione anomala rischia di favorire leggermente qualcuno e di penalizzare un po' qualcun altro. Vada come vada, nessuno avrebbe voluto che si arrivasse a questo scenario, ma d'altro canto fin dall'inizio tutti sapevamo che questa sarebbe stata una stagione fuori dal normale».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved