non-pensiamo-solo-al-derby-c-e-l-obiettivo-playoff
Sorridono, Tim Heed e Niklas Schlegel. E hanno più di una ragione per farlo (Keystone)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
9490
2
Maxim la biere
9472
3
25 Francs trop cher
8877
4
Iselis Punktebuebe
8868
5
Team Gobbi
8826
6
ADTC
8720
7
Wild Hogs
8704
8
BalaBala
8638
9
TrigoAce2
8630
10
Matterhorn1
8629
ULTIME NOTIZIE Sport
L'ANGOLO DELLE BOCCE
1 ora

Buona la prima per Eichenberger-Gianinazzi

Grande inizio di stagione per la coppia dell’Ideal Coldrerio. A Cavergno ha battuto 12-0 Rossi - Lorenzetti (Torchio)
Gallery
Tennis
1 ora

Australian Open, Nadal-Berrettini in semifinale

Rafa ha sconfitto Shapovalov in cinque set, l’azzurro ha fatto lo stesso contro il francese Monfils. Donne, avanti Ashleigh Barty e Madison Keys
sci alpino
3 ore

Sara Hector vince il gigante a Plan de Corones

Male le elvetiche: la rossocrociata meglio piazzata è Andrea Hellenberger, 19esima
tiri liberi
3 ore

3x3 in rampa di lancio. Quali ripercussioni sulle Nazionali?

Nelle selezioni delle squadre 3x3 tanti giocatori nel giro anche della Nazionale maggiore. A quali competizioni dare la priorità?
Nuoto
4 ore

Mondiali di Fukuoka rinviati al 2023

La rassegna iridata avrebbe dovuto svolgersi lo scorso anno, ma venne posticipata per la vicinanza con i Giochi e per l’emerganza sanitaria
calcio
4 ore

Eray Cömert passa dal Basilea al Valencia

Il difensore centrale dei renani e della Nazionale rossocrociata ha firmato un contratto con gli spagnoli fino al 2026
SCI ALPINO
5 ore

Plan de Corones, prima manche: Vlhova avanti, Gisin 11esima

La slovacca ha dato 34 centesimi di distacco alla leader della classifica di specialità, la svedese Sara Hector, terza l’americana Shiffrin
HOCKEY
20 ore

Daniel Carr alle Olimpiadi con la maglia del Canada

L’attaccante del Lugano convocato da Claude Julien assieme a Desharnais (Friborgo), Winnik (Ginevra) e Noreau (Zsc Lions)
CICLISMO
23 ore

Incidente a Egan Bernal durante un allenamento in Colombia

Il vincitore del TdF 2019 è stato trasportato all’ospedale. La prima diagnosi parla di frattura del femore e della rotula. Intervento chirurgico a ore
Hockey
1 gior

‘Per vincere a Zugo serve uno sforzo collettivo’

Dopo il successo ai rigori sul Berna, il Lugano pensa alla prossima sfida. Schlegel: ‘Ogni passo avanti, anche piccolo, è preziosissimo‘
Hockey
1 gior

Sei turni di squalifica per Marc-Antoine Pouliot

Esemplare sanzione per l’attaccante del Ginevra Servette, reo di aver caricato un arbitro nella partita contro il Friborgo
HOCKEY
25.03.2021 - 19:190

‘Non pensiamo solo al derby: c'è l'obiettivo playoff’

Serge Pelletier lancia il finale di regular season alla vigilia della sesta sfida con l'Ambrì. 'La velocità d'esecuzione non solo è bella, ma porta punti‘

Non c'è tempo per dormire sugli allori. Neppure dopo la brillante vittoria di mercoledì sul ghiaccio dello Zurigo. Domani per la compagine di Serge Pelletier è di nuovo tempo di derby: è il sesto e ultimo della regular-season, dopo che i primi cinque erano già andati ai bianconeri. «Dobbiamo mantenere il nostro focus sul nostro obiettivo, che sono i playoff – esordisce il cinquantacinquenne coach bianconero –. E sappiamo che nulla dev'essere dato per scontato e anche questa partita deve essere preparata e affrontata con gli stessi criteri. Senza contare, poi, che i derby hanno una loro tradizione e storia, sono partite difficili e speciali. Mi aspetto un Ambrì molto motivato, anche perché potrebbe essere l’ultimo derby della stagione e tutte e due le squadre vogliono fare bene. Non ci saranno grandi novità, perché le due squadre si conoscono molto bene».

Niente pretattica, insomma. «Noi dobbiamo semplicemente continuare a giocare esattamente come abbiamo fatto l'altroieri sera a Zurigo. Devo fare un grosso complimento ai miei ragazzi, hanno giocato davvero un'ottima partita, e non è mai facile all’Hallenstadion: la solidità difensiva, la nostra pazienza e l'aver saputo segnare nei momenti giusti della gara sono stati fattori determinanti. In questo momento, poi, giochiamo con una bella velocità d’esecuzione; ciò che non solo è bello da vedere ma porta soprattutto a punti da mettere nel carniere. A noi mancano ancora sei partite, e vogliamo raggiungere il nostro obiettivo il più presto possibile». 

Con l'innegabile vantaggio di poter partire da un invidiabile terzo posto in classifica. «Già, oggi siamo terzi, ma l'altro giorno eravamo quinti. Ogni turno di campionato le posizioni possono variare, perché siamo sette squadre in un fazzoletto. Noi dobbiamo preoccuparci di tenere questa velocità di crociera e finire la regular season nella miglior posizione possibile. Io dico sempre che se le amichevoli servono a preparare il campionato, la regular season serve per arrivare pronti per ai playoff. E vogliamo arrivarci nella miglior condizione».

Nel weekend c'è da attendersi qualche novità? Riva potrà ritrovare il suo posto nel lineup? «Domattina ci sarà ancora un allenamento, dopodiché valuteremo come procedere – spiega Pelletier –. Ho due giocatori con qualche acciacco e non voglio sbilanciarmi. Soprattutto per quanto concerne il rientro di Riva, è il giocatore che dovrà sentirsi pronto al 100% per fare il suo ritorno sul ghiaccio».  Poi ci sono Matteo Romanenghi e Loic Vedova: ora che la stagione dei Rockets è finita, anche loro sono a disposizione.

Di sicuro, in difesa puoi contare su un elemento che sta viaggiando molto bene e non solo a livello di punti, quel Tim Heed che inizialmente ha avuto qualche problema, di ritorno dalla Nhl, ma ora è diventato uno dei leader di questo Lugano. «Non dimentichiamoci che all’inizio della stagione, quando è arrivato, era reduce da un’operazione al ginocchio. Abbiamo discusso insieme come programmare l'annata, quindi la sua preparazione è stata graduale, e nelle amichevoli precampionato lo abbiamo spesso risparmiato: mai aveva giocato due partite di fila. Tutto ciò naturalmente ha preso del tempo e ci è voluta pazienza, ma dal momento che ha preso il ritmo Tim è diventato una pedina fondamentale, e in questo momento sta giocando alla grande».

Un po' come Niklas Schlegel tra i pali. Sarà ancora lui il titolare domani, dopo l'ottima prestazione contro i Lions? «Abbiamo un bel programma da qui alla fine della stagione regolare, con sei partite nel giro di una decina di giorni – conclude Pelletier –. Quindi vedremo sicuramente ancora entrambi i portieri in azione».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved