Genoa
0
Bologna
0
1. tempo
(0-0)
Canada
3
Svizzera
5
3. tempo
(3-3 : 0-1 : 0-1)
Austria
0
Finlandia
3
3. tempo
(0-1 : 0-1 : 0-1)
la-sfida-piu-grande-chiudere-l-anno-con-solo-ammaccature
Il presidente (Ti-Press)
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
hockey
7 ore

Thomas Bäumle, una vita tra guantoni, gambali, piste e video

L’ex portiere dell’Ambrì si occupa dei nostri estremi difensori ai Mondiali. ‘L’avvento di portieri stranieri in Svizzera? Non è ottimale, ma…’
gallery
Hockey
12 ore

Dai pascoli di Heidi al record mondiale: questo è Ambühl

L’attaccante 38enne si appresta a superare oggi il record assoluto di partite a un Mondiale. Al quale prese parte per la prima volta nel 2004
tennis
18 ore

A Wimbledon nessun punto per tennisti e tenniste

Atp e Wta hanno preso questa decisione in seguito alla scelta degli organizzatori di escludere i giocatori e le giocatrici russi e bielorussi
CICLISMO
18 ore

Démare piazza il tris a Cuneo

Il francese si è imposto in volata nella 13esima tappa. In rosa resta Juan Pedro Lopez.
Hockey
19 ore

La Slovacchia si impone di misura, la Lettonia ai rigori

Battuti rispettivamente Kazakistan e Austria per 4-3. I baltici sono ormai salvi
Formula 1
20 ore

Barcellona, dove si capisce il mondiale

Le Red Bull si presentano sul circuito spagnolo alleggerite di altri 4 kg. Per aiutare Verstappen a raggiungere Leclerc in vetta al Mondiale.
hockey
20 ore

Jonas Siegenthaler, il tailandese dell’hockey

Il 25enne difensore ci parla della sua origine e della sua avventura nordamericana. ‘Ho ingoiato tanta emme, ma alla fine ci sono riuscito’.
Calcio
21 ore

Gilardi e l’Acb ‘volano’ in Challenge League

La società granata è l’unico club di Promotion League ad aver ricevuto la licenza per la lega cadetta, che ritrova dopo 9 anni
CALCIO
22 ore

Forse non è l’uovo di Colombo, ma vale la pena provare

La Swiss Football League ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff, novità suscettibili di rendere più interessante il torneo
Calcio
23 ore

L’Acb è in Challenge League: licenza concessa in seconda istanza

L’accoglimento del ricorso, unito alla rinuncia del Breitenrain, vale di fatto la promozione a prescindere dai risultati sul campo
Calcio
23 ore

Per Michele Campana ‘più drammaticità e meno partite morte’

Il direttore operativo dell’Fc Lugano e membro di comitato della Sfl commenta la riforma della Super League, passata a larga maggioranza
Hockey
23 ore

Timo Meier: ‘La fondue appenzellese? Mi dà energia per segnare’

Incontro con la star di Nhl. La delusione per la finale di Coppa persa dal San Gallo di un ragazzo profondamente attaccato alle sue radici
Hockey
23 ore

Nette vittorie per Germania e Finlandia

I tedeschi sconfiggono l’Italia 9-4, la Finlandia (con Hietanen in gol) batte la Gran Bretagna con un tennistico 6-0
laR
 
15.03.2021 - 21:42

‘La sfida più grande? Chiudere l'anno con solo ammaccature’

Lettera aperta di Filippo Lombardi ai tifosi dell'Ambrì: ‘Capisco il malcontento, ma vanno fatte alcune premesse e contestualizzazioni’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Il rischio di mancare l’accesso ai pre-playoff è concreto. Soprattutto dopo l’ultimo weekend, che ha visto l’Ambrì Piotta uscire sconfitto dalla delicata sfida diretta di Rapperswil, e in virtù anche del concomitante sorpasso del Berna, che ha fatto scendere i leventinesi sotto la fatidica riga che separa le ultime due della classe dalle altre. E com’è logico che sia, tutto ciò ha creato un po’ di malumore tra i tifosi biancoblù. «Capisco che i risultati di questo ultimo scorcio di stagione possano aver portato a un po’ di delusione tra i nostri sostenitori; risultati per i quali, ad ogni buon conto, lo staff tecnico non cerca scuse – chiarisce il presidente del club Filippo Lombardi –. Pur sapendo che, ovviamente, nessuno, io compreso, sfugge alla soggettività umana, mi preme ricordare il contesto in cui ci troviamo, con dati il più possibile oggettivi». Dati oggettivi che Lombardi ha messo nero su bianco attraverso una lettera aperta indirizzata ai tifosi. E toccano prima di tutto l’attuale situazione sportiva: «Sì, questa è una stagione piuttosto avara di soddisfazioni per quel che concerne i risultati, ma nemmeno la peggiore. Nelle mie prime tre stagioni da presidente abbiamo racimolato rispettivamente 33, 44 e 47 punti in tutta la regular season, finendo regolarmente ultimi. Abbiamo giocato ben tre volte in cinque anni lo spareggio per la relegazione, festeggiando ogni volta la salvezza come una Coppa del mondo. Il tutto con budget, roster e staff che oggi farebbero rabbrividire». Proprio al capitolo roster, Lombardi precisa: «Non va nemmeno dimenticato che, ovviamente per necessità, avevamo deciso di iniziare la stagione con tre soli stranieri, visto che Novotny si era deciso di destinarlo ai Rockets. È solo in seconda battuta che il ceco è stato nuovamente richiamato in Leventina. Ma anche così, per gran parte della regular season siamo stati costretti a giocare unicamente con tre stranieri, e talvolta anche due, visti i diversi infortuni subiti da Nättinen e quello che ha costretto D’Agostini a porre fine con largo anticipo alla sua stagione. L’arrivo di Perlini ci ha almeno permesso di puntellare per quanto possibile il roster per gli ultimi due mesi di stagione regolare, eppure anche così il poker di stranieri impiegati nella medesima partita è stato quasi sempre un miraggio. Di più, però, non potevamo fare...».

Capitolo a sé lo merita poi il Covid, una delle fonti principali dei grattacapi di praticamente tutte le squadre del massimo campionato, che in Leventina, vista la già delicata situazione (finanziaria in primis) sono stati amplificati: «Covid che non ci ha certo aiutato, nemmeno dal profilo dei risultati. La pandemia ha fatto visita al nostro spogliatoio solo due volte, ma la seconda ha interessato quasi tutta la rosa: sono davvero poche le squadre che sono state così largamente toccate dal coronavirus. Ciò ha da una parte stravolto la nostra tabella di marcia, e dall’altra lasciato qualche tossina nei giocatori, con inevitabili conseguenze in termini di risultati».

Non bene, ma nemmeno peggio di altre stagioni

A chi si aspettava comunque qualcosa di più in termini di risultati dai biancoblù, il presidente replica così: «Certo, sul piano sportivo non sono risultati che invitano a festeggiare, ma d’altro canto, in un contesto così, il lato sportivo non rappresenta la priorità numero uno, a maggior ragione per un club come il nostro. Quando sono stato eletto presidente, ho ereditato un Ambrì sull’orlo del fallimento, spettro che è tornato a gravitare sul club un paio di volte ancora nel corso degli anni seguenti; il meticoloso lavoro fatto in questi anni ci ha permesso di migliorare sensibilmente sotto questo punto di vista, da un lato consolidando la situazione finanziaria e dall’altro creando le premesse per la costruzione del nuovo stadio. Ma, confrontati non da ultimo con i problemi derivanti dalla pandemia, quella di restare a galla è giocoforza diventata la nostra vera priorità: se non abbiamo attinto al mercato per portare alla Valascia un altro paio di stranieri oltre a Perlini, almeno per garantircene i quattro schierabili a partita, non è certo per mancanza di volontà da parte dello staff tecnico, ma per il chiaro veto deciso dal Consiglio d’amministrazione».

In un contesto così, come valuterebbe il presidente l’eventuale non qualificazione ai pre-playoff? «Già arrivare a chiudere la stagione, possibilmente non da ultimi della classe, con qualche inevitabile ammaccatura sul piano finanziario, ma niente di insormontabile, e aver potuto nel frattempo potuto continuare i lavori per la costruzione del nuovo stadio sarebbe indubbiamente da salutare come una vittoria».

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ambrì filippo lombardi lettera aperta

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved