Zugo Academy
GCK Lions
19:00
 
Zugo Academy
GCK Lions
19:00
 
abbiamo-capito-come-affrontare-l-ambri
Il numero 22 bianconero cerca di uscire dalla marcatura di Grassi (Ti-Press/Golay)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
TrigoAce1
9490
2
Maxim la biere
9472
3
25 Francs trop cher
8877
4
Iselis Punktebuebe
8868
5
Team Gobbi
8826
6
ADTC
8720
7
Wild Hogs
8704
8
BalaBala
8638
9
TrigoAce2
8630
10
Matterhorn1
8629
ULTIME NOTIZIE Sport
L'ANGOLO DELLE BOCCE
2 ore

Buona la prima per Eichenberger-Gianinazzi

Grande inizio di stagione per la coppia dell’Ideal Coldrerio. A Cavergno ha battuto 12-0 Rossi - Lorenzetti (Torchio)
Gallery
Tennis
2 ore

Australian Open, Nadal-Berrettini in semifinale

Rafa ha sconfitto Shapovalov in cinque set, l’azzurro ha fatto lo stesso contro il francese Monfils. Donne, avanti Ashleigh Barty e Madison Keys
sci alpino
4 ore

Sara Hector vince il gigante a Plan de Corones

Male le elvetiche: la rossocrociata meglio piazzata è Andrea Hellenberger, 19esima
tiri liberi
4 ore

3x3 in rampa di lancio. Quali ripercussioni sulle Nazionali?

Nelle selezioni delle squadre 3x3 tanti giocatori nel giro anche della Nazionale maggiore. A quali competizioni dare la priorità?
Nuoto
5 ore

Mondiali di Fukuoka rinviati al 2023

La rassegna iridata avrebbe dovuto svolgersi lo scorso anno, ma venne posticipata per la vicinanza con i Giochi e per l’emerganza sanitaria
calcio
5 ore

Eray Cömert passa dal Basilea al Valencia

Il difensore centrale dei renani e della Nazionale rossocrociata ha firmato un contratto con gli spagnoli fino al 2026
SCI ALPINO
6 ore

Plan de Corones, prima manche: Vlhova avanti, Gisin 11esima

La slovacca ha dato 34 centesimi di distacco alla leader della classifica di specialità, la svedese Sara Hector, terza l’americana Shiffrin
HOCKEY
21 ore

Daniel Carr alle Olimpiadi con la maglia del Canada

L’attaccante del Lugano convocato da Claude Julien assieme a Desharnais (Friborgo), Winnik (Ginevra) e Noreau (Zsc Lions)
CICLISMO
1 gior

Incidente a Egan Bernal durante un allenamento in Colombia

Il vincitore del TdF 2019 è stato trasportato all’ospedale. La prima diagnosi parla di frattura del femore e della rotula. Intervento chirurgico a ore
Hockey
1 gior

‘Per vincere a Zugo serve uno sforzo collettivo’

Dopo il successo ai rigori sul Berna, il Lugano pensa alla prossima sfida. Schlegel: ‘Ogni passo avanti, anche piccolo, è preziosissimo‘
HOCKEY
 
11.03.2021 - 20:500

‘Abbiamo capito come affrontare l'Ambrì’

Matteo Nodari lancia il penultimo derby di regular season. 'Bisogna mettere i biancoblù sotto pressione il più possibile. E pattinare, anche molto'

È noto a tutti, ogni derby ha la sua particolare storia. Quello di domani, però, arrischia di avere anche una storia a sé, siccome la quinta (e penultima) sfida della regular season tra Lugano e Ambrì potrebbe anche essere l'ultimo della storia giocato alla Valascia. Giusto usare il condizionale, siccome le due squadre nella 'postseason' potrebbero ancora incontrarsi. Di sicuro, però, giocatori e staff tecnici non amano parlare di ciò che sarà, perché la loro concentrazione è rivolta soltanto alla prossima partita, quella di domani in Leventina. «Ma non saprei dire se possa essere una motivazione in più per l'Ambrì, sapere che questo potrebbe essere il loro ultimo derby nel vecchio stadio – è il pensiero di Serge Pelletier –. Di questi tempi le motivazioni sono dirette più agli obiettivi da realizzare che alle singole partite. Vale per loro come per noi. Il focus è fisso su un punto ben preciso, e ogni squadra ha il proprio davanti agli occhi».

Spulciando gli archivi di Brenno Canevascini, ci si accorge che dei 238 derby della storia, in 117 occasioni le sfide si sono giocate alla Valascia, con un bilancio di 57 vittorie in favore dell'Ambrì e 53 del Lugano, più sette pareggi (quando ancora si poteva). In questa stagione, invece, tutti i quattro derby di campionato sono andati tutti ai bianconeri: segno che il Lugano abbia trovato la formula magica?  «Diciamo che dopo aver ben studiato il loro gioco abbiamo capito come affrontarli, e nelle varie situazioni che emergono sappiamo gestire meglio il disco – spiega il trentaquattrenne difensore Matteo Nodari –. Domenica scorsa, nel duello che avevamo vinto per 3-1, è vero, le statistiche dei tiri in porta erano favorevoli ai leventinesi, ma non sempre questi numeri sono determinanti: quello che conta è il risultato. Il possesso del disco è stato buono, salvo all'inizio del secondo tempo dove abbiamo fatto un po' fatica, però alla fine l’abbiamo portata a casa. Bisogna cercare di metterli sotto pressione il più possibile, e andare diretti sulla porta, pattinando anche molto. Poi con la tecnica che hanno i nostri attaccanti, li possiamo mettere in difficoltà».

Nelle ultime settimane il Lugano ha collezionato molte vittorie ma anche qualche battuta d’arresto. «Le ultime due partite contro Berna e Ambrì le abbiamo vinte, dobbiamo quindi assolutamente restare su questa scia positiva. Quando si ha successo, però, è fondamentale non abbassare attenzione e intensità, pensando di poter continuare a vincere facile: questo è un atteggiamento che non porta assolutamente a niente».

Dopo le sue prime 41 partite alla Cornèr Arena di ritorno da Losanna, Nodari analizza così la sua prima parte di stagione. «Inizialmente posso dire di aver avuto un buon periodo, poi non tutto è filato liscio, con prestazioni direi prestazioni altalenanti. Tuttavia cerco di lavorare ogni giorno per raggiungere livelli buoni, a cui devo arrivare. Perché sono sincero con me stesso: non sono soddisfatto al 100% delle mie prestazioni, ho ancora tanto da dare».

Il numero 22, però, non dà la colpa alla pandemia. «Non penso, perché il Covid alla fine ha disturbato tutti, e quando sei confrontato con diverse quarantene mantenere il ritmo non è facile per nessuno. Quindi sarebbe un alibi che potrebbero avere tutti: questo non sarà un campionato normale, ma non bisogna cercare scuse».

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved