Genoa
Bologna
17:15
 
Canada
3
Svizzera
4
2. tempo
(3-3 : 0-1)
Austria
0
Finlandia
2
3. tempo
(0-1 : 0-1 : 0-0)
rockets-l-ottimismo-di-mike-ci-credo-a-visp-per-vincere
A Biasca ci si crede. 'Questo non è solo un bonus: la nostra stagione non è finita' (Ti-Press/Golay)
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
hockey
6 ore

Thomas Bäumle, una vita tra guantoni, gambali, piste e video

L’ex portiere dell’Ambrì si occupa dei nostri estremi difensori ai Mondiali. ‘L’avvento di portieri stranieri in Svizzera? Non è ottimale, ma…’
gallery
Hockey
11 ore

Dai pascoli di Heidi al record mondiale: questo è Ambühl

L’attaccante 38enne si appresta a superare oggi il record assoluto di partite a un Mondiale. Al quale prese parte per la prima volta nel 2004
tennis
17 ore

A Wimbledon nessun punto per tennisti e tenniste

Atp e Wta hanno preso questa decisione in seguito alla scelta degli organizzatori di escludere i giocatori e le giocatrici russi e bielorussi
CICLISMO
18 ore

Démare piazza il tris a Cuneo

Il francese si è imposto in volata nella 13esima tappa. In rosa resta Juan Pedro Lopez.
Hockey
18 ore

La Slovacchia si impone di misura, la Lettonia ai rigori

Battuti rispettivamente Kazakistan e Austria per 4-3. I baltici sono ormai salvi
Formula 1
19 ore

Barcellona, dove si capisce il mondiale

Le Red Bull si presentano sul circuito spagnolo alleggerite di altri 4 kg. Per aiutare Verstappen a raggiungere Leclerc in vetta al Mondiale.
hockey
19 ore

Jonas Siegenthaler, il tailandese dell’hockey

Il 25enne difensore ci parla della sua origine e della sua avventura nordamericana. ‘Ho ingoiato tanta emme, ma alla fine ci sono riuscito’.
Calcio
21 ore

Gilardi e l’Acb ‘volano’ in Challenge League

La società granata è l’unico club di Promotion League ad aver ricevuto la licenza per la lega cadetta, che ritrova dopo 9 anni
CALCIO
21 ore

Forse non è l’uovo di Colombo, ma vale la pena provare

La Swiss Football League ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff, novità suscettibili di rendere più interessante il torneo
Calcio
22 ore

L’Acb è in Challenge League: licenza concessa in seconda istanza

L’accoglimento del ricorso, unito alla rinuncia del Breitenrain, vale di fatto la promozione a prescindere dai risultati sul campo
Calcio
22 ore

Per Michele Campana ‘più drammaticità e meno partite morte’

Il direttore operativo dell’Fc Lugano e membro di comitato della Sfl commenta la riforma della Super League, passata a larga maggioranza
Hockey
22 ore

Timo Meier: ‘La fondue appenzellese? Mi dà energia per segnare’

Incontro con la star di Nhl. La delusione per la finale di Coppa persa dal San Gallo di un ragazzo profondamente attaccato alle sue radici
Hockey
23 ore

Nette vittorie per Germania e Finlandia

I tedeschi sconfiggono l’Italia 9-4, la Finlandia (con Hietanen in gol) batte la Gran Bretagna con un tennistico 6-0
Calcio
23 ore

‘Arrivare decimi e potersi giocare l’Europa non ha senso’

L’ex allenatore di, tra le altre, Lugano e Acb Davide Morandi saluta favorevolmente l’allargamento della Super League ma ne contesta la formula
laR
 
09.03.2021 - 19:15
Aggiornamento : 20:39

Rockets, l'ottimismo di Mike: ‘Ci credo: a Visp per vincere’

Domani è il grande giorno per i Razzi di Biasca, all'imbocco della loro prima 'postseason' sotto la guida di Landry e McNamara. 'Ci abbiamo sempre creduto'

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Se gli chiedete cosa ne pensa, con il sorriso in faccia Mike Namara vi risponde così. «Sì, certo, andiamo a Visp per vincere». Lui che, a quasi settanta due anni (li compirà il 28 marzo), in vita sua ne ha viste di cose. E ha una fiducia cieca nei suoi ragazzi ma pure nel suo ‘capo’, quell’Eric Landry di cui è l’assistente sulla panchina di Biasca su cui siedono i Ticino Rockets. «Non chiedetemi se vinceremo gara uno (domani, alla LonzaArena, ndr), oppure gara e due e tre, ma sono convinto che alla fine ce la faremo. Oggi abbiamo avuto un meeting, con una lunga sessione video e poi una pizza con tutta la squadra: andiamo in Vallese per fare il nostro gioco, e ci andremo senza complessi, dopo aver sempre creduto nella possibilità di poterci qualificare per i playoff».

Sempre sempre? «Diciamo che il compito principale di me ed Eric era sviluppare questi giovani, quindi non è che passavamo il tempo a guardare la classifica. Però, un mesetto fa, quando abbiamo perso quelle quattro partite di fila ammetto di essermi detto: “mamma mia, la squadra gioca meglio, abbiamo fatto tutto ciò che dovevamo fare e com'è possibile che abbiamo perso di nuovo all’ultimo?”».

Invece, eccovi qui. A sfidare il Visp, il settimo della classe del campionato cadetto, in una miniserie al meglio di tre partite per un posto nei playoff, quelli veri. Dove, se ci arrivaste, affrontereste nientemeno che il secondo della graduatoria, quell’Ajoie imbattuto contro di voi in stagione. «Infatti è l’unica squadra che non siamo mai riusciti a sconfiggere: è questo il motivo per cui dobbiamo assolutamente uscire vincitori dal pre-playoff con il Visp, per avere un’ultima chance di sfidare i giurassiani e mostrare loro che non siamo più la squadra di prima».

Del resto, il fatto che abbiate vinto tutte e tre le ultime partite della regular season, dimostra che siate in crescita. «Sì, la squadra è chiaramente in crescita. Dopo che Lugano e Ambrì hanno recuperato i propri giocatori hanno potuto darci dei rinforzi. Abbiamo una buona squadra, un buon portiere: quindì sì, sono convinto che ce la faremo. Ma di sicuro questa serie con il Visp non è una specie di bonus: la stagione per noi non è finita».

Si ha quasi l'impressione che sarai tu a fare lo ‘speech’, il discorso nello spogliatoio che precede la partita di domani... «Ah, no! Il capo è Eric. Con ciò non voglio dire che non ci metterò parola, ma vedete... Se penso a tutti gli anni trascorsi qui in Europa, sono stato più spesso assistente allenatore che head coach, e quando parlo di sostegno tra il coach e il suo vice, so bene quanto ciò sia importante: non ci deve mai essere il dubbio su chi comanda. Non importa se io ho alle spalle una carriera di quarant’anni e lui invece molti di meno: sono stato anche io head coach, e quando il tuo vice non e al 100% dietro di te e alle tue scelte, vi garantisco che lo si sente...».

Le gerarchie, insomma, devono essere ben definite. «È Eric che decide, la squadra è la sua. E credetemi, a quasi 72 anni sono ben contento di non avere sulle spalle la pressione che si ritrova un allenatore capo. Il mio ruolo è chiaro: esattamente come i ragazzi, devo prima capire cosa Eric abbia in mente, poi dovrò insegnare ai giocatori ciò che vuole lui. Eventualmente se le nostre idee divergono ne discutiamo, io darò il mio consiglio, ma la questione su chi sia il coach non si deve mai porre. Poi non solo credo nelle sue capacità di Landry di dirigere e motivare questa squadra, ma ho pure grande fiducia nel suo sistema: abbiamo lavorato molto, e ho l’impressione che siamo veramente preparati. E da quello che ho capito, credo che io ed Eric torneremo entrambi l’anno prossimo per continuare il lavoro con questi ragazzi».

Prima parlavi di preparazione: ma come si fa a sapere di essere pronti sul serio? «Dal modo in cui lavorano i giocatori. Tu sulla lavagna puoi disegnare tutti gli schemi del mondo, ma alla fine sono i dettagli che fanno la differenza. All’inizio i ragazzi cominciano a capire davvero cosa devono fare, ma il risultato di questo lavoro lo vedi mesi e mesi dopo. Pur se, in verità, non basta capire: quello che fa davvero la differenza non è la comprensione, bensì l’abitudine. L’abitudine nel fare le cose giuste. Io magari ho capito benissimo ciò che devo fare, ma non è mica detto che poi lo farò in partita. Per questo continuiamo a insistere su certe cose: vogliamo che i ragazzi quando hanno il disco non pensino più a cosa devono fare, ma che lo facciano e basta. È questo il motivo per cui siamo molto esigenti negli allenamenti, e credo (ride, ndr) che ora i ragazzi siano anche un po’ stufi di sentirsi ripetere queste cose ininterrottamente, da quasi un anno. Tuttavia, ora ho la netta impressione che i giocatori abbiano abitudini migliori rispetto a qualche mese fa, e se vinceremo questa serie con il Visp non sarà perché abbiamo una squadra più forte, ma piuttosto, io spero, perché faremo le cose meglio di loro».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ambrì landry lugano mcnamara pre-playoff swiss league ticino rockets visp

HOCKEY: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved